Salta il contenuto

L'epilessia quanto è comune tra le persone autistiche?

Salve a tutti,
vorrei tanto sapere quanto sia comune l'epilessia nelle persone autistiche, se c'è una associazione tra le due questioni e se una possa peggiorare l'altra.
Nel senso all'aumentare delle crisi epilettiche ci sia un aumentare delle difficoltà dettate dall'autismo o meno.

Commenti

  • malcom3Dmalcom3D Post: 94
    Ciao @Sazopy,

    la comorbidità epilettica nell'autismo ha un incidenza di circa il 30-40% dei casi.
    Se ci si limita ai casi più severi, quelli con ritardo intellettivo, la percentuale cresce.
    StarMumFloramarSSmimbi

  • Ciao Sazopy,
    quanto detto da malcoml3D è assolutamente corretto. Una curiosità è che le persone affette da ritardo mentale, sia NT che ND, hanno maggiori probabilità di sviluppare epilessia.

    Sembra inoltre esserci un'associazione tra le due, infatti in linea generale molti recenti studi sembrano indicare che buona parte delle condizioni che attualmente vengono fatte ricadere nello spettro della neurodiversità (di cui fanno parte anche autismo ed epilessia) siano accomunate da una stessa incapacità di mantenere una situazione di bilanciamento nel nostro cervello, in particolare tra la risposta eccitatoria e inibitoria. Questo potrebbe spiegare l'alta comorbidità (sebbene per alcuni la neurodiversità sia da considerare come un grande calderone, e poi a seconda della zona più colpita, le persone vengono catalogate con diverse "etichette").

    Per quanto riguarda invece se all'aumentare delle crisi possano diventare più manifesti gli atteggiamenti autistici, questa è una domanda a cui non penso ci sia una risposta univoca. Credo che forse se il focus  epilettogeno o i foci epilettogeni (ovvero i punti in cui si originano le crisi epilettiche) siano in aree che coinvolgono la modulazione dei comportamenti tipici delle persone autistiche, allora potrebbe essere che questi possano essere sempre meno modulati a causa delle crisi, che si potrebbe manifestare in un aumento di quelle che tu definisci difficoltà dettate dall'autismo. Però, questa è solo la mia teoria, non credo attualmente ci sia la possibilità di dimostrare scientificamente la cosa.

    Spero che la mia risposta possa esserti utile e di essere stata sufficientemente chiara, se così non fosse e volessi chiarimenti, non esitare a chiederli.
    Sazopymalcom3D
  • SazopySazopy Post: 10
    FloramarSS ha detto:
    Ciao Sazopy,
    quanto detto da malcoml3D è assolutamente corretto. Una curiosità è che le persone affette da ritardo mentale, sia NT che ND, hanno maggiori probabilità di sviluppare epilessia.

    Sembra inoltre esserci un'associazione tra le due, infatti in linea generale molti recenti studi sembrano indicare che buona parte delle condizioni che attualmente vengono fatte ricadere nello spettro della neurodiversità (di cui fanno parte anche autismo ed epilessia) siano accomunate da una stessa incapacità di mantenere una situazione di bilanciamento nel nostro cervello, in particolare tra la risposta eccitatoria e inibitoria. Questo potrebbe spiegare l'alta comorbidità (sebbene per alcuni la neurodiversità sia da considerare come un grande calderone, e poi a seconda della zona più colpita, le persone vengono catalogate con diverse "etichette").

    Per quanto riguarda invece se all'aumentare delle crisi possano diventare più manifesti gli atteggiamenti autistici, questa è una domanda a cui non penso ci sia una risposta univoca. Credo che forse se il focus  epilettogeno o i foci epilettogeni (ovvero i punti in cui si originano le crisi epilettiche) siano in aree che coinvolgono la modulazione dei comportamenti tipici delle persone autistiche, allora potrebbe essere che questi possano essere sempre meno modulati a causa delle crisi, che si potrebbe manifestare in un aumento di quelle che tu definisci difficoltà dettate dall'autismo. Però, questa è solo la mia teoria, non credo attualmente ci sia la possibilità di dimostrare scientificamente la cosa.

    Spero che la mia risposta possa esserti utile e di essere stata sufficientemente chiara, se così non fosse e volessi chiarimenti, non esitare a chiederli.
    Utilissimo! 
    Io sto avviando finalmente il percorso per capire se sono ND, domani prenoterò la visita neuropsichiatrica, anche perché all'inizio quando mi sono avvicinata a dare delle spiegazioni al mio mondo ho sempre pensato che una catalogazione non potesse aiutarmi, nel senso sono così e basta, non sentivo l'esigenza di mettermi dentro un gruppo, solo che ultimamente invece ho avuto questa necessità. E avendo anche l'epilessia, ma senza ritardo mentale, non ho neanche grosse capacità come alcuni, ho letto che alcuni hanno una grossa memoria, anzi io ho difficoltà serie con la matematica e l'inglese, non riesco proprio, sono stata accusata di essere pigra e di non impegnarmi abbastanza ,quando io mentalmente so di non arrivarci, Nel senso se mi spiegano qualcosa la comprendo ma poi subito dopo la dimentico anche esercitandomi parecchio. 
    Tu che sai bene questa percentuale dell'epilessia, sai per caso se anche può essere tipico la difficoltà di imparare il ragionamento logico  della matematica o una nuova lingua?
    Cioè alcuni Asperger sono dei geni in matematica.

    È possibile invece il contrario? Oltre ai problemi sensoriali e di sovraccarico,ci può essere un deficit in queste aree?
    FloramarSS
  • malcom3Dmalcom3D Post: 94
    modificato 4 gennaio
    Ciao Sazopy,
    in linea di massima non c'è nessuna correlazione fra le capacità intellettive e la neurodiversità. Qui sul forum puoi trovare esempi di persone ND estremamente portate e capaci sia nel ragionamento logico che in quello matematico, così come artisti di successo.

    La genialità, intesa come fenomeno di insight o colpo di genio, non ha nulla a che vedere con le capacità intellettive: è un processo neurologico pressochè occasionale, non stimolabile volontariamente, che può avvenire anche in individui non particolarmente dotati intellettivamente. Le neuroscienze sono ancora in alto mare sull'argomento.

    Le caratteristiche che classificano una persona come ND riguardano anche le alterazioni sensoriali in termini di iper o ipo sensibilità. Altre caratteristiche riguardano l'interazione sociale, interessi e comportamenti ripetitivi, capacità ed interpretazione del linguaggio verbale e non. Ma ognuno è diverso. Per questo serve l'analisi di una persona qualificata come neuropsichiatra.

    Molte delle tue domande possono trovare risposta e venir spogliate di alcuni fronzoli, da diverse pubblicazioni divulgative sullo spettro autistico. Una la puoi trovare qui, sul sito di spazioasperger, al seguente indirizzo: Lo spettro autistico risposte semplici.
    Non voglio castrare la tua curiosità. Il mio invito spero possa, in parte, saziare la tua fame di conoscenza.
    Le tue domande restano in ogni caso più che lecite. Non smettere di porle.
    SazopyFloramarSS

  • Come ha già detto malcolm3D, non vi sono correlazioni. In generale, così come nello spettro neurotipico, anche nell'ambito neurodiverso, abbiamo diverse capacità intellettive, anche perché l'"intelligenza" sembra dipendere da fattori genetici, almeno quella che viene misurata dal QI. 

    Sottoscrivo anche che il QI che in molti centri viene misurato per arrivare alla diagnosi, serve solo per capire se le difficoltà nella comunicazione possano derivare da un problema intellettivo.

    Da un punto di vista neurobiologico, il motivo per cui molte persone appartenenti allo spettro autistico dimostrano di avere capacità eccezionali in aree speciali è dovuta al fatto che le connessioni neuronali del "cervello autistico" sono ipersviluppate in alcune aree e iposviluppate in altre, quindi diciamo che se il QI non è intaccato, le aree ad alto funzionamento spiccano nella massa. Ovviamente questo non significa che se non hai un qualche talento speciale, allora non puoi essere autistico.

    Se hai altre domande, chiedi pure, cercherò di rispondere al meglio delle mie capacità (anche se ci sono persone ben più competenti di me in questo forum).
    malcom3DSazopy
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!

Libro Gratuito "Lo Spettro Autistico risposte semplici" Scarica il libro: Lo Spettro Autistico, Risposte Semplici