Salta il contenuto
Massa, 18 febbraio 2023, evento gratuito

da un mese ha smesso di parlare normalmente

buonasera spazio, (chissà se qualcuno si ricorda che ogni tanto facevo domande, è giunto il momento di farvene un'altra sperando abbiate qualche suggerimento per me)

adolescente 13enne, asperger, da circa un mese smette di parlare con un tono normale di voce, si limita a bisbigliare o a scrivere su un blocchetto; due o tre volte con un amico online e una volta dalla nonna si è sforzato e ha parlato per non sembrare strano, così mi ha detto, dice che parlare lo stanca, si isola ancora di più, che cosa posso fare, vi è mai capitato?
un saluto a tutti, vi auguro un buon anno
MononokeHime

Commenti

  • claluiclalui Post: 903
    It ciao. Sono entrata per caso oggi dopo mesi che non facevo l’acceso e ti ritrovo. 
    Non ho esperienza diretta, mio figlio è un po’ più piccolo del tuo e non mi ha (ancora) fatto uno scherzo del genere. Ma l’educatrice di mio figlio segue un altro ragazzo ormai ventenne. Questo ragazzo non è aspie ma nemmeno un livello tre…in ogni caso ha smesso di parlare normalmente intorno ai 15 anni, al perché rispondeva(ora non parla più per niente) che si era accorto di sembrare strano e ha deciso di smettere di parlare.
    forse Traslando potrebbe essere qualcosa di simile: tuo figlio più avanti di questo ragazzo in qualche esperienza o momento si è sentito rifiutato o preso in giro…gli adolescenti sono tremendi e cattivi…magari qualche risata inopportuna dei pari, un piccolo scherzo…possibile anche non rivolto a lui ma a cui lui ha assistito e si è sentito coinvolto.
    io noto in mio figlio che parlare lo stanca, come dice il tuo, e per un cervello perennemente in sovraccarico potrebbe anche essere che si stia selezionando dove impegnate le energie: con gli ormoni e le nuove emozioni in circolo può anche darsi che impegnarsi nel linguaggio sia troppo perché ha altro da dover fisiologicamente da gestire.
    le mie sono ipotesi aspetto risposte da altri…sono molto interessata anche io
    intanto ti mando un grosso saluto..
    riotitMononokeHimeluli12367
  • riotriot Post: 6,855
    Bentornata it!
    Quello che sembra da quanto scrivi, come ipotesi, e dando ragione a @clalui rispetto alla fase preadolescenziale, è la disregolazione emotiva.
    Nello sviluppo neuroatipico come l'Asperger, può insorgere una sregolazione emotiva, cioè il ragazzo a fronte di difficoltà emotive, sviluppa strategie che gli permettono di regolare questo carico emotivo. Ma, spesso e proprio con le persone Asperger, tali strategie sono afunzionali (per non dire sbagliate), come ad esempio la selettività verbale, incidendo quindi sulle attività quotidiane quali la comunicazione.
    Dunque, prima di tutto si deve capire - mettiamo sempre che sia questo il caso - sull'origine di questo sovraccarico emotivo che può essere sia interno che esterno.
    Per interno si intende il cambiamento cognitivo proprio della sua età: c'è da tenere presente che a partire dai 12 anni, il ragazzo è ancora in una fase incerta tra fanciullezza e adolescenza (cioè atraversa grandi cambiamenti cognitivi ed emotivi verso l'età adulta), che si manifestano con momenti d'irrascibilità, aggressività e, talvolta, auto-aggressività come abusi di sostanze e autolesionismo.
    Per origine esterna, si devono analizzare le sue relazioni coi pari e con gli insegnanti, nonché le sue aspettative rispetto alla scuola.
    Una terapia che permette di analizzare e aiutare chi si trova in questo stato di disregolazione emotiva collegato all'Autismo è la "Rivalutazione Cognitiva", che deve essere effettuata solo da specialisti ben affermati nel campo.
    itMononokeHimeluli12367
  • itit Post: 645
    vi ringrazio tanto, mi state aiutando:)
    riotluli12367
  • luli12367luli12367 Post: 727
    modificato 22 gennaio
    it ha detto:
    buonasera spazio, (chissà se qualcuno si ricorda che ogni tanto facevo domande, è giunto il momento di farvene un'altra sperando abbiate qualche suggerimento per me)

    adolescente 13enne, asperger, da circa un mese smette di parlare con un tono normale di voce, si limita a bisbigliare o a scrivere su un blocchetto; due o tre volte con un amico online e una volta dalla nonna si è sforzato e ha parlato per non sembrare strano, così mi ha detto, dice che parlare lo stanca, si isola ancora di più, che cosa posso fare, vi è mai capitato?
    un saluto a tutti, vi auguro un buon anno
    Sì è vero a me è capitato ora e ho 40 anni addirittura ci sono dei momenti in cui se leggo a voce alta mi sento come strana è come se rimbomba tutto e mi dà anche delle sensazioni brutte strane al corpo non so spiegarti, invece chiudendomi e passando dei periodi in cui non parlo e' come se mi ricarico sicuramente quello che ti posso consigliare è di non sforzarlo rispettare i suoi momenti di stop, piuttosto potresti prendere l'appuntamento con una psicologa che si occupa anche di Asperger e fare a lei la domanda e chiederle come comportarti in questi momenti giusto da avere anche una risposta più professionale e clinica in modo che anche tu stai tranquilla nel cuor tuo Che stai facendo la cosa giusta e questa è una cosa molto importante per non incappare in sensi di colpa che non occorrono 👍👍
    Il mio canale su YouTube: canale YouTube Asperger 
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!

Libro Gratuito "Lo Spettro Autistico risposte semplici" Scarica il libro: Lo Spettro Autistico, Risposte Semplici