Salta il contenuto

I vostri sintomi dell'ansia?

Ci pensavo oggi. La mia ansia ha spesso sintomi diversi. Dipende da quanta ansia ho. In generale se ho il mio livello normale di ansia sento solo un po' di pressione al petto e un senso di agitazione generale, battito lievemente accelerato.

Quando l'ansia è tanta mi sudano le mani, sento una forte pressione al petto, mal di stomaco, mal di pancia, mal di testa, battito notevolmente accelerato, forte agitazione. Mi succede così spesso che ho imparato nonostante i sintomi a mostrarmi 'tranquilla'. 

Voi come gestite la cosa?
Ero solita pensare di essere la persona più strana del mondo ma poi ho pensato, ci sono così tante persone nel mondo, ci dev'essere qualcuna proprio come me, che si sente bizzarra e difettosa nello stesso modo in cui mi sento io. Vorrei immaginarla, e immaginare che lei debba essere là fuori e che anche lei stia pensando a me. Beh, spero che, se tu sei lì fuori e dovessi leggere ciò, tu sappia che sì, è vero, sono qui e sono strana proprio come te.

Frida
chandraKolymaWBorgAmeliefriedenwhatsername84
Taggata:
«1

Commenti

  • I miei sintomi sono simili ai tuoi: che faccio e facevo?
    In passato lexotan ora meditazione e musica più il risperidone per dormire.
  • Lacrime, tremore, espressione spaventata.
    Per gestirla sfogo le lacrime e prendo qualcosa di rilassante, camomilla o gocce che sia.
    Oh, how I wish for soothing rain all I wish is to dream again
  • DomitillaDomitilla Post: 3,101
    Ultimamente trattengo il respiro in uscita dal naso fino a scoppiare e normalizzo sempre col naso.
    Se necessario, ripeto.
  • amigdalaamigdala Post: 6,362
    Quando è un periodo più stressante del solito sono tachicardica, ogni tanto ho extrasistoli, emicrania più frequente, difficoltà a digerire e reflusso acido/gastriti.
    A volte mi manca l'aria, sento un nodo in gola, ma non ho mai avuto un vero e proprio attacco di panico.
    Tendo a mostrarmi tranquilla, al massimo "sbrocco" in casa.
    Io purtroppo mi limito a curare i sintomi.
    fattore_a
  • GecoGeco Post: 1,585
    Battito accellerato, pressione alta (penso), sensazione di stomaco chiuso, sensazione di straniamento, spesso mi sento anche in trappola ed ho voglia di piangere, ma non mi riesce.
    Insonnia totale oppure mi addormento solo quando sono sfinita, ma poi dormo di sasso.

    Gestione: zero, aspetto che passi, perché per mia fortuna so sempre qual è l'evento incriminato e so che in un modo o nell'altro finirà. Per mia fortuna i picchi sono sempre questione di uno o due giorni.
    Ciao.
    fattore_aaspirina
  • riotriot Post: 6,425
    sensazione di straniamento e respiro più intenso, ruoto impercettibilmente l'anello che porto alla mano destra, oppure afferro un oggetto che può ruotare e ci gioco, il tutto per evitare reazioni più forti.

    in genere, è la stessa consapevolezza dello stato di ansia che mi aiuta ad abbassarla.
    fattore_a
  • PhoebePhoebe Post: 2,066
    @riot anche io ruoto l'anello che porto alla mano destra! Lo porto al pollice, aiuta a calmarmi.
    riot
    Ero solita pensare di essere la persona più strana del mondo ma poi ho pensato, ci sono così tante persone nel mondo, ci dev'essere qualcuna proprio come me, che si sente bizzarra e difettosa nello stesso modo in cui mi sento io. Vorrei immaginarla, e immaginare che lei debba essere là fuori e che anche lei stia pensando a me. Beh, spero che, se tu sei lì fuori e dovessi leggere ciò, tu sappia che sì, è vero, sono qui e sono strana proprio come te.

    Frida
  • AmelieAmelie Post: 5,373
    Nausea, gola annodata, mal di pancia, tachicardia, brividi e sudori freddi, a volte giramenti di testa e percezione fastidiosa/alterata della luce. Senso di angoscia e agitazione.

    Provo a concentrarmi sulla respirazione; quando l'ansia è particolarmente forte mi chiudo in bagno e mi siedo per terra abbracciandomi le gambe, a volte ascoltare il rumore continuo dell'acqua che scorre o della stufetta elettrica è calmante.
    amigdalariotIcaro89Sole
  • amigdalaamigdala Post: 6,362
    Adesso che mi ci fate pensare anch'io ho tre anellini al dito medio della mano destra che ruoto quando non sono a casa. Ho visto che mi permette di mangiarmi meno le unghie e le pellicine.
    riot
  • giovannagiovanna Post: 3,905
    Strizza allo stomaco e irrigidimento muscolare, freddo.
    Ho avuto anche l' attacco dei matti, le mani bloccate con le dita bloccate e il vomito, da pronto soccorso, con dolori alle articolazioni.
    Ma piu' che ansia era un attacco nevrotico.

    Per calmarmi? Mi devo tenere occupata, la devo scaricare.
    riot
    Sono quella che ha creduto sempre che fosse la chioma di un albero al tramonto e invece era un orso
  • riotriot Post: 6,425
    l'uso di oggetti tipo anelli, monete e quant'altro possa ruotare o comunque tenere occupate le mani e provocare suono lo associo sempre al tamburello di Oskar in "Extremely Loud and Incredibly Close". Mi sembra sia l'unico esempio cinematografico di questa dinamica in un Asperger.
    amigdalarondinella61
  • I sintomi descritti dagli utenti prima, specie attacchi di mal di pancia acuto. Per sentire un livello gestibile di ansia ho sviluppato il DOC (tricotillomania e dermatillomania) quando ero piccola. Ogni cosa che gravita intorno alla mania del controllo mi aiuta con l'ansia.
    La maniera che mi piace di più è recitare poesie a memoria (conosco un sacco di poesie) o cantare canzoni dal ritmo cadenzato. Anche fumare (tabacco normale di sigaretta, anche se ultimamente sto ossessionando con il kiseru, la pipa giapponese e sto pensando di comprarmela).
    giovannaCorocottas

  • giovannagiovanna Post: 3,905
    Per esempio, ora sto vivendo un gravissimo momento di ansia, sto vendendo la mia vecchia casa, e dominare l' ansia e' difficile.
    Sento tutto il peso dei ricordi, e anche se razionalmente dovrebbe essere un momento positivo, il distacco mi da' tutti i sintomi elencati prima.

    Escluso l' attacco grave, quello spero di evitarlo rendendomi conto del motivo, c' e' una pressione emotiva.

    L' attaccamento ai ricordi mio e' impressionante.

    Solerondinella61
    Sono quella che ha creduto sempre che fosse la chioma di un albero al tramonto e invece era un orso
  • fattore_afattore_a Post: 2,337
    Notavo anche oggi: tremori, soprattutto alle braccia e alle mani. Che voglia di mollare tutto.
  • Come molti sento un accellerazione dei battiti , sudore alle mani e rispondo cercando di tenermi occupato ad esempio leggendo o rilassandomi col cellulare.Se poi l' attacco é particolarmente forte preferisco sbollire camminando un po'.
  • La pressione sul petto e una sensazione di disgusto generale.
    Se mi prende brutto sto male con stomaco e intestino anche per due giorni, tremo tantissimo e ho un freddo cane anche con 40 gradi, come accadde questa estate.
    Se mi prende ancora peggio piango come una disperata e mi si addormenta il labbro superiore, una cosa stranissima, non riesco più a respirare bene e ho i conati di vomito.

    L'unica cosa che mi calma è la musica, la mia ossessione. 
    Proprio un quarto d'ora fa ho avuto una piccola crisi d'ansia legata alla crisi quotidiana che vivo col mio ragazzo, e mi sono ripresa solo una volta accesa la musica.
    Se poi riesco a mettermi a scrivere con la musica sottofondo, è il top. Solo che ora ho un po' di nausea.
    Uff.

    Anch'io ho imparato a dominare le emozioni, ma poi sto malissimo perché escono tutte insieme come un fiume in piena. Preferisco farle uscire gradualmente piangendo.
    I want out--to live my life alone
    I want out--leave me be 
    I want out--to do things on my own 
    I want out--to live my life and to be free
  • CyranoCyrano Post: 1,041
    Da quanto ho sperimentato sino ad ora, sono di due tipi. Una di basso livello, nella quale ho difficoltà respiratorie, l'altra di livello più alto, nella quale tengo le mani occupate con gli auricolari che ho sempre addosso, i muscoli rigidi, un respiro accelerato e irregolare, e il cervello bloccato dall'eccessivo numero di input generati internamente. Unica soluzione, al momento, il Lexotan, 30 gocce per far tacere tutti i neuroni che fanno tutto quel baccano.
    I portoni del mio isolamento cingono parchi di infinito… (Pessoa)
  • Io pensavo di celare bene i miei sentimenti; di recente mi è stato detto che in verità un poco si vede.
    Tendenzialmente ho gli stessi sintomi di voi tutti: battito accelerato, male allo sterno, alle volte mi gira anche un poco la testa. Quando la crisi si fa intensa perdo il senso della coordinazione motoria - dire che divento impacciata è un eufemismo -, mi si chiude a doppia mandata lo stomaco e mi vengono nausea e crampi. Più che dolore allo sterno respiro male, malissimo; l'ho sempre celato parlando con un tono di voce più alto, ridendo forte, cercando di stare zitta il meno possibile per evitare che i muscoli si contraggano troppo. 
    Il più delle volte mi viene da piangere ma, da anni, non riesco a farlo spontaneamente. Mi devo sforzare per fare uscire le lacrime.
    ❤️
    but the Earth refused to die
  • friedenfrieden Post: 1,387
    Riporto su per i nuovi arrivati: mia figlia ha gli stessi sinotmi sopradescritti. Tachicardia, giramenti di testa, mal di stomaco.Usa la musica per sopravvivere; si mette le cuffiette. Oggi siamo andate a trovare il nonno in ospedale e lei non ha detto una parola. L'unica cosa che ha fatto è stata accendere la musica mentre io chiedevo al nonno come stesse...è stato difficilissmo vedere il suo nonnino stare così male. Non la porto più
    OssitocinaSoleneonero
  • SophiaSophia Post: 5,904
    In genere non ho ansia, ma mi capita il contrario. Riesco ad avere un autocontrollo serrato da sempre, tranne che in casi eccezionali tipo durante gli esami in cui ruotavo anche io l'anello o la penna. In situazioni che altri vivono come ansiose io mi freddo. Divento di ghiaccio. Non sento nulla. Lucida. Implacabile. Quando ero piccola ricordo che in situazioni particolari mia madre mi diceva sempre "te e tuo padre non sentite niente, siete glaciali". Una volta sul lavoro mi dissero che per questa mia caratteristica avrei dovuto fare il chirurgo.
    Ossitocinawhatsername84RemiNoreneonero
    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
  • Antonius_BlockAntonius_Block Post: 3,524
    modificato agosto 2016
    Quando imparerò cos'è e come riconoscerla ti saprò dire.
    Al momento per me è una parola vuota e senza un corrispettivo come può esserlo supercalifragilistichespiralidoso.
    BlindRemiNore
  • NewtonNewton Post: 5,326
    Sensazione di formicolio che parte dalla nuca e sale. Leggera depersonalizzazione. Oppressione allo sterno e stomaco contratto. Aumento delle percezioni sensoriali, aumento della salivazione.

    Poi andando verso l'attacco di panico:

    Alternanza di sensazione estrema di freddo e di caldo (con sudorazione corrispondente), tremore, denti che battono, tachicardia, nausea fortissima. 

    In attacco di panico:

    Tuffo al cuore molto forte, che può finire nella perdita dei sensi, sensazione di impazzire/morire.
    OssitocinafriedenCorocottas
  • eresetereset Post: 345
    Sento un calore interno, come se avessi la febbre, come se irrompesse una forza. In passato l'ansia mi possedeva. Non sapevo che fosse ansia. E diventava agitazione avevo comportamenti fuori controllo.
    Ora riesco a canalizzarla, come se avessi coatruito una diga, l'ansia trattenuta viene convigliata.
    La mia forza aumenta, e così la mia risposta emotiva, è come se la mente ed i flussi di pensiero girassero più veloci.
    Come se un ghepardo avesse puntato la sua preda, e l'adrenalina lo spingesse all'attacco.
    Ecco, le persone non sono prede, e cerco di controllare il respiro, faccio pause mentali. Un ghepardo all'attacco potrebbe cadere nelle trappole. Ed attivo una modalità di drago. Sento la forza, ma non agisco nell'immeditato.
    La respiro la forza, mi riempio bene i polmoni, e cerco di prendere delle pause.
    In quei momenti mi sento un guerriero, che lentamente raduna le sue armi. E che valuta quali usare. Se è il caso indietreggio.
    Con il tempo ho compreso che ho una forza maggiore degli altri. Quello che a me appariva una sfuriata ansiosa, uno sbuffo di drago, agli altri appariva devastante.
    Ho avuto in passato ansia ed attacchi di panico che mi bloccavano.
    Attualmente lo stato ansioso si sta ripresentando, a causa del lavoro.
    È difficile controllarsi. Bisogna tenere sempre a mente, che le.persone sono crudeli. E provocano, per fare le vittime.
    Se si razionalizza questo, almeno si evita di compromettere irrimediabilmente le relazioni.
    Ma non è semplice. Le persone mediocri, sono come i piragna e stuzzicano in gruppo.
    Con un comportamento insolito, li si può destabilizzare.
    E ritornare alla razionalità.
    OssitocinaNewtonfriedenEowynneonero
  • CorocottasCorocottas Post: 1,322
    A me succede qualcosa di molto simile a @Newton : depersonalizzazione (neanche tanto leggera), dolore retrosternale, senso di soffocamento e ''fame d'aria'' che può addirittura far pensare a una crisi d'asma, vampate di calore e brividi di freddo unitamente a un malessere diffuso che ricorda le prime fasi di una malattia influenzale. Tachicardia, stomaco chiuso, annullamento di qualsiasi sensazione che potevo stare provando fino a poco prima (fame, sete, desiderio sessuale eccetera). Difficoltà a masticare e a mandare giù il cibo, che non è proprio nausea, è come ''sentir la gola troppo stretta''. Mi viene voglia di fumare ma appena finita una sigaretta ho voglia di un'altra, e se sono in un contesto in cui si beve alcool tendo a bere di più ma questo non mi aiuta perché la mia mente resta sempre lucida, anzi iper-lucida e fissata sui deliri del momento (quelli che hanno scatenato l'ansia), finché la botta alcolica mi sale tutt'assieme e sto peggio.

    Per gestirla, come @Valeymkup , avevo sviluppato il disturbo ossessivo compulsivo, ma ora me ne sono liberato. Ora direi che tendo ad essere semplicemente iperattivo, a scaricare l'energia facendo qualcosa in cui m'immergo totalmente (in questo il mio lavoro mi aiuta molto perché mi consente di ''fare il matto'' facendolo passare per parte dell'esibizione), oppure se mi trovo con persone che sanno come sono e non si ''spaventano'' faccio cose come ripetere certe frasi senza senso oppure correre e saltellare in maniera particolare.
    NewtonOssitocinaSoleValeymkup
  • NewtonNewton Post: 5,326
    modificato agosto 2016
    @Corocottas confermo la sensazione di gola stretta.

    Comunque io ho fatto psicoterapia e ora sono anni che non ho più attacchi di panico, e l'ansia è molto più lieve e sporadica, perché ho trovato un modo per disinnescarla.

    Edit: @Corocottas anche tu provi quel formicolio alla testa?
    Preciso una cosa: insieme all'aumento delle percezioni sensoriali si può presentare anche un'alterazione, come vedere le cose molto nitide ma anche un po' distorte, forse a causa di paranoia.
  • CorocottasCorocottas Post: 1,322
    @Newton sì, provo una sorta di formicolio dappertutto, che tra l'altro mi rende difficile pensare razionalmente e concentrarmi. Capisco anche la cosa di vedere le cose distorte e credo faccia parte della depersonalizzazione; più che distorte direi che le vedo come se fossero un film, come se mi scorressero davanti su un nastro e io fossi uno spettatore esterno.

    Mi piacerebbe anche sapere il tuo modo per disinnescarla, l'ansia.
    OssitocinaNewtonneonero
  • NewtonNewton Post: 5,326
    Per me é stato fondamentale comprendere che la mia ansia era legata alla claustrofobia.
    La claustrofobia non è, come spesso si semplifica, la paura degli spazi chiusi, ma la paura di rimanere intrappolati nelle situazioni che ci appaiono come trappole senza via d'uscita. Dunque io ho dovuto per prima cosa lavorare su questo mio lato. In secondo luogo, ho dovuto imparare a separare le sensazioni fisiche da quelle emotive, perché a me bastava anche sentire caldo per innescare un meccanismo di ansia. Questo perché associavo per esempio caldo/luogo chiuso in cui si fa fatica a respirare (es: autobus) alle sensazioni fisiche dell'ansia. Imparando a sentire meglio il mio corpo, ho tratto giovamento. In più, in psicoterapia, ho imparato a trovare uno spazio interiore dove rifugiarmi quando sento arrivare l'ansia. Mi basta trovare un angolo tranquillo, chiudere gli occhi, respirare profondamente e visualizzare quel luogo. Imparare tecniche di rilassamento aiuta a trovare in fretta quel luogo.
    La psicoterapia per me é stata la svolta, anche se di base rimarrò sempre un soggetto ansioso, ma oggi in modo gestibile.
    OssitocinaEowynfriedenCorocottasRemiNoreneonero
  • SirAlphaexaSirAlphaexa Post: 3,410
    modificato agosto 2016
    In modo molto semplice: respiro corto, nodo alla gola, disturbi gastrointestinali di vario tipo, il piu comune é la dispesia che ci convivo da un bel pò e che probabilmente dovrò trattarla con farmaci...

    Per rimuoverlo dovrei risolvere il problema, ma se non succede, aspetto, almeno fino a quando non mi calmo abbastanza. 
    frieden

  • EowynEowyn Post: 284
    Devo dire la verità, non ho ancora focalizzato bene quali sono le sensazioni che provo quotidianamente o quasi quando mi prende l'ansia. Sicuramente mal di pancia, durante gli esami universitari e purtroppo qualche incontro galante in passato mi è presa anche la nausea. Ultimamente temo invece di essere più vicina agli attacchi di panico, mi manca l'aria e mi sembra di impazzire, mentre tutte le sensazioni sono aumentate. A volte reagisco bene e, facendo una cosa alla volta, porto a termine tutto, altre mi estranio, perdo la concentrazione e l'unica via di uscita è casa. In entrambi i casi ne esco prosciugata di energie ed emozioni.
    frieden
  • Phoebe ha detto:

    Ci pensavo oggi. La mia ansia ha spesso sintomi diversi. Dipende da quanta ansia ho. In generale se ho il mio livello normale di ansia sento solo un po' di pressione al petto e un senso di agitazione generale, battito lievemente accelerato.


    Quando l'ansia è tanta mi sudano le mani, sento una forte pressione al petto, mal di stomaco, mal di pancia, mal di testa, battito notevolmente accelerato, forte agitazione. Mi succede così spesso che ho imparato nonostante i sintomi a mostrarmi 'tranquilla'. 

    Voi come gestite la cosa?
    Ho gli stessi sintomi, a volte sono in ansia perchè non sono in ansia, giusto per farti capire il mio livello :-D

    La gestisco in maniera divera: scrivo molto, ascolto musica, qualunque cosa che mi distragga, altrimenti continuo a pensare alla ragione dell'ansia in un loop infinito. Poi passa il momento e la cosa che mi rendeva ansiosa, non mi fa più né caldo né freddo.
    Sophia
    "Siamo tutti in un fosso, ma alcuni di noi guardano le stelle" - Oscar Wilde -
Accedi oppure Registrati per commentare.


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!