Salta il contenuto

Vi capita mai di pensare a voi stessi come a persone dell'altro sesso?

AleenaAleena Post: 1,050
A me capita quando immagino delle cose nella mia testa, quando fantastico di varie situazioni di pensare me stessa come  un maschio, o al più come a un essere senza sesso, per cui ad un certo punto del pensiero devo dirmi... "bella idea, ma ricordati che tu sei una donna, quindi le cose sarebbero un po' diverse"... 

vi capita mai?
I exist as I am, that is enough, If no other in the world be aware I sit content,
And if each and all be aware I sit content.
---Walt Whitman
Post edited by yugen on
PulpetzamigdalaMariAlberi
«1

Commenti

  • Andato_87Andato_87 Post: 3,049
    Sì, spesso mi trovo a pensare cosa avrei potuto fare se fossi stato donna.
  • il mio atteggiamento, il mio modo di pensare è spesso poco femminile...talvota se sono al lavoro o un'argomento mi appassiona mi accorgo di assumere pose maschili...non è che sono sgraziata, anzi da fuori ho un'aria decisamente femminile e non ho dubbi sul mio orientamento mi sono sempre sentita bene in un corpo di donna...spesso è una questione di limiti e stereotipi legati al genere che mi fanno sentire legata soprattutto perchè da una donna ci si aspetta che sia sempre mielosa e "sottomessa" però è così...penso sempre che se fossi stata un uomo ora avrei un lavoro di responsabilità e verrei presa sul serio quando parlo..
  • A me è capitato, quando devo dare affetto a una persona, di immedesimarmi in una donna perche mi riesce meglio dare affetto. So che è contorto ma accadeva spontaneamente. Come se volessi proiettare l'amore che voglio ricevere in amore da dare
    KrigerinnewolfgangWhoami
    Siamo un rimasuglio di una vecchia razza, o l'inizio di una nuova? Sinceramente non me ne frega niente. Ma di sicuro non diventero' mai NT
  • A me piace la poesia medievale in cui l'io poetico è posto al femminile (ma scritta da uomini).
    Poteva accadere per i motivi più diversi: chierici che si immedesimavano nella chiesa come sposa di Dio, funzionari mozarabes che celebravano i loro amori omosessuali senza poterli dichiarare apertamente, nobili che mimavano la canzone popolare, cavalieri che facevano autoironia sui due di picche ricevuti da contadinelle giovani ma non ingenue...
    KrigerinneAmelie
  • LokiLoki Post: 514
    Io ho disforia di genere da quando ho coscienza di me stessa, perciò tutto nella mia vita si svolge in funzione del punto di vista di un ragazzo. Purtroppo la società è tremendamente binarista, e non concepisce le vie di mezzo. E non solamente in questo campo...
    wolfgang
    Roberta.
  • ValentaValenta Post: 10,759
    Come Loki, ho un' identità di genere un poco problematica..a volte mi percepisco come uomo, e delle volte è una sofferenza. Altre volte non ci penso.
    Vale (egli\lui\gli)- feedback e reactions sempre graditi
  • LokiLoki Post: 514
    Credo che la questione rimanga sempre aperta a livello inconscio, Valenta... È necessario prendersi a due mani ed esaminarsi per bene se si vuole vivere quello che si è, spero che un giorno un evento particolare possa offrirti ispirazione.
    Roberta.
  • wolfgangwolfgang Post: 10,787
    Si mi capita, ma non è disforico per me, sono felice di avere un'identità sessuale non definita :)
    ValentaCyranoEstherDonnelly
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • vanessavanessa Post: 1,163
    Non mi sono mai pensata maschio, a volte di genere indefinito
  • Spesso dico che mi sento più uomo che donna. Mi comporto anche come tale molte volte, tant'è che gli amici maschi che ho ne sono molto contenti.
  • Lycium_bLycium_b Post: 1,868
    Io mi sono sempre sentita "maschio" fin da piccola. Il mio modo di fare è molto mascolino e io stessa mi percepisco uomo quando non mi guardo allo specchio.
    Come donna non mi piaccio, nel senso che non sono soddisfatta del mio aspetto fisico, ma questa è una questione diversa, nata in seguito dopo la pubertà.
    Non sono transgender, piuttosto direi che anche se sono etero, la mia identità sessuale è piuttosto mascolina. Probabilmente perché il mio cervello è "maschile" a causa della AS.
  • KrigerinneKrigerinne Post: 3,163
    Mi ricordavo un topic del genere e voglio farlo notare a @Swift

    Io sento una sensazione strana. Sono convinta nella mia testa di essere un ragazzo "biologico". Poi ho dei gusti femminili tipo ora indosso un braccialetto rosa, ma solo nei gusti. Mi sembra di processare le informazioni in modo maschile ma contemporaneamente il linguaggio del mio corpo è femminile. Non a caso mi identifico puntualmente con uomini piuttosto femminili. E' tutto sottosopra... non riconosco il mio corpo ma se fossi uomo magari andrei in giro truccato. Cerco di non pensarci perché ho l'impressione che se ci pensassi troppo potrei iniziarne a soffrire seriamente. No... meglio non rimuginarci...
    wolfgang
    Backend developer ~ Asperger ~ ex tutor ABA
    You split the sea so I could walk right through it
  • ValentaValenta Post: 10,759
    modificato marzo 2015
    Penso che siano fantasticherie comuni,
    quelle di pensarsi dell altro sesso, la disforia di genere è un altra cosa.

    Le persone Trans, hanno addirittura una mente più simile a quella del genere di cui si sentono.

    Un po come per l autismo, da problema psicologico lo si sta pensando come biologico.
    Vale (egli\lui\gli)- feedback e reactions sempre graditi
  • cameliacamelia Post: 3,517
    Direi di no. Amo essere una donna. Solo nei sogni erotici, a volte sono un uomo
    ValeymkupAntonius_Block
  • ValentaValenta Post: 10,759
    Invito chi vuole a leggere la bussola d'oro. forumfree.
    Ci sono diversi articoli sul fenomeno Trans.
    Vale (egli\lui\gli)- feedback e reactions sempre graditi
  • KrigerinneKrigerinne Post: 3,163
    Le fantasticherie sono un estremo, la disforia di genere l'altro.
    Nel mezzo c'è tanta roba. Se io dico di sentirmi un ragazzo non è né per fantasticheria né per disforia di genere.
    Se mi testassero a scatola chiusa non mi sorprenderebbe se uscisse fuori che ho un funzionamento più maschile che femminile, anzi, mi stupirei del contrario. Ma per diagnosticare la disforia di genere c'è bisogno che l'incongruenza causi un profondo stato di malessere che io fortunatamente non avverto.
    Valentawolfgang
    Backend developer ~ Asperger ~ ex tutor ABA
    You split the sea so I could walk right through it
  • ValentaValenta Post: 10,759
    Parlavo di quello detto da Aleena, si ci sono tante sfumature nel mezzo :)
    Krigerinne
    Vale (egli\lui\gli)- feedback e reactions sempre graditi
  • GrizliGrizli Post: 288
    modificato marzo 2015
    Da ragazza dicevo sempre che se chiudevo gli occhi mi sentivo un maschio. Ora non mi sento niente di specifico, forse un po' più maschio che femmina. Non lo vivo come un problema (mio marito sì, quando ne parlo si sconvolge un po'...)
    wolfgang
  • KrigerinneKrigerinne Post: 3,163
    Per chiarezza :)
    Backend developer ~ Asperger ~ ex tutor ABA
    You split the sea so I could walk right through it
  • Andato47Andato47 Post: 603
    Premettendo che io mi trovo assolutamente bene nel mio corpo, in tutti i miei "sogni ad occhi aperti" io sono un uomo. Non mi sono mai immaginata in vesti femminili... a parte qualche sogno "sessualmente" diretto alla persona che mi interessava in quello momento, per cui essendo un sognare realistico, quindi un desiderio che volevo attuare e non una semplice fantasticheria, in questi casi mi sono immaginata uguale a come sono. In tutti gli altri casi no, il mio genere quando fantastico, da sempre, cioè da quando ero piccola, è maschile. 
    Aleena
    A.A.D. (Asperger Auto Diagnosticata) Tutto ciò che vuoi sta al di là della tua paura...
  • DoorDoor Post: 648
    C'è stato un periodo in cui ho pensato che essere un uomo sarebbe stato più coerente con la mia personalità.
    Poi ho capito che anche cambiando sesso sentirei comunque il mio corpo come qualcosa di estraneo da me, "semplicemente" perché tutta me stessa è un'estranea, e cambiare involucro non servirebbe.
    wolfgang
    Il mio sistema limbico è crashato.
  • greekpigreekpi Post: 890
    Ehm... No, mai

    Chiunque è un genio, ma se tu giudichi un pesce per la sua abilità di salire su un albero vivrà eternamente con la sensazione di essere uno stupido. – Albert Einstein

  • PulpetzPulpetz Post: 806
    Come dire.... avrei potuto scriverlo io! Mi capita da sempre... io mi sono sempre identificata nei personaggi maschili di storie, film ecc.... raramente quelli femminili, tranne nei casi in cui fossero particolarmente forti, intraprendenti ecc... (es: Idgie di Pomodori Verdi Fritti, infatti ho chiamato così la mia micia!)
    "Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella realtà. Non c'è altra via. Questa non è Filosofia, questa è Fisica". Albert Einstein "Il cavaliere coraggioso è quello senza armatura" Pulpetz "Solo il viandante, che ha peregrinato nel suo infinito mondo interiore, potrà accostarsi all’Anima, scoprendo che per anni altro non ha fatto che cercare Lei, poiché Lei è dietro e dentro ogni cosa. I viaggi, si fanno per cercare Anima e le persone si amano in quanto simboli di Anima." Carl Gustav Jung
  • Andato47Andato47 Post: 603
    Pulpetz ha detto:

    Come dire.... avrei potuto scriverlo io! Mi capita da sempre... io mi sono sempre identificata nei personaggi maschili di storie, film ecc.... raramente quelli femminili, tranne nei casi in cui fossero particolarmente forti, intraprendenti ecc... (es: Idgie di Pomodori Verdi Fritti, infatti ho chiamato così la mia micia!)



    Adoro quel film! Ho il dvd ed ogni tanto lo riguardo :) io ho sempre avuto una sorta di ammirazione e, sicuramente questo ha portato ad uno spirito imitativo di certi personaggi femminili molto forti, anticonformisti, intraprendenti.. ad esempio Sigourney Weaver in Alien e molte altre, ma non mi sono mai immedesimata in loro nei miei "film mentali".


    Valenta
    A.A.D. (Asperger Auto Diagnosticata) Tutto ciò che vuoi sta al di là della tua paura...
  • GecoGeco Post: 1,585
    Mi penso sempre uomo nelle mie storie immaginarie e mi identifico sempre con i personaggi maschili rappresentati in libri o film: rispecchiano meglio il modo di vedere e di fare (non a caso in ufficio mi dicono spesso, tra il serio ed il faceto, che sono più uomo io di loro).
    Ciao.
    Aleenaamigdala
  • KaleenKaleen Post: 386
    modificato marzo 2015
    Più o meno continuamente a secondi alterni.
    Negli altri secondi invece non mi si pone la questione. :)
  • Mi capitava, tanto tempo fa.
    Re-motivate me, I'm all there is to be - An omnipotent being so complete in my diversity
  • Andato_52Andato_52 Post: 969
    Sì, a volte. Non che ciò significhi che io voglia fare un percorso di transizione per diventare una ragazza mtf. Perché non è così.

    Il fatto è che le femmine hanno dei privilegi che io, essendo maschio, non potrò mai permettermi di avere. Almeno non qui in Italia.
    Per esempio, io amo essere corteggiato...e se fossi nato donna sarebbe stato tutto molto più semplice per uno come me. Per carità...c'è una marea di gente che mi viene dietro (talmente tanti che secondo me c'è qualcosa che non va..perché non mi trovo brutto ma ce ne sono tanti di più belli), ma sono tutti ragazzi...e la cosa nella pratica non mi va a genio, sebbene apprezzi le loro parole.
    wolfgang
  • IndecisoIndeciso Post: 2,754
    Quando ci penso mi vine in mente questa scena  @-)


    ct87Antonius_Block
  • torukhtorukh Post: 1,767
    Io spesso devo ricorrere volontariamente all'immedesimazione nell'altro sesso per riuscire a fare una sola cosa... e questo risulta assolutamente inconciliabile col fatto che quella cosa posso farla solo da maschio vista la "dotazione hardware di nascita".

    wolfgang
Accedi oppure Registrati per commentare.


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!