Salta il contenuto

che vita avrà?

lelelele Post: 4
modificato giugno 2012 in Discussioni tra genitori
Ciao a tutti, ho un figlio di 7 anni e gli hanno diagnosticato lievi tratti autistici! a scuola và volentieri, i cuginetti li cerca per giocare ( a  modo suo)........e tanti comportamenti che all'apparenza lo fanno sembrare "normale". Vorrei avere da voi delle testimonianze simili e a ciò che dovro andare in contro ...........nella speranza di sapere se mio figlio avra una vita che comunque sia sara " normale"! 
Post edited by wolfgang on

Commenti

  • TsukimiTsukimi Post: 3,827
    Tratti autistici vuol dire tutto o niente, ma se sono lievi e da come descrivi la cosa mi sembra più una buona indicazione per aiutarlo che una ragione per disperarsi. Detto questo, testimonianze ad hoc non so cosa potrebbero essere, ti conviene leggere le varie discussioni del forum e troverai nostre storie di vita in abbondanza.
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • andato2andato2 Post: 478
    modificato giugno 2012
    Secondo me ti basta essere vigile, affinché ti possa accorgere subito di eventuali problemi. Ai colloqui con le insegnanti chiedi come si comporta con gli altri bambini, se ha difficoltà relazionali, se in lettura, scrittura e matematica va abbastanza bene e se ha difficoltà a restare attento a lezione o "disturba", "si alza spesso dalla sedia", ecc.
    Prova anche a fare attenzione se ha qualche talento particolare.
    Disse il topo alla noce: "dammi tempo, che riuscirò ad aprirti". Onesto é colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla veritá disonesto é colui che cambia la veritá per accordarla al proprio pensiero. (proverbio arabo)
  • wolfgangwolfgang Post: 10,799
    @lele

    benvenuta! Mi sa che devi andare un po' più nello specifico però se vuoi avere informazioni precise.
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • KrigerinneKrigerinne Post: 3,163
    Ti posso solo consigliare di non farlo sentire più diverso di quanto già non si senta. Ricordo che a quell'età mi sentivo già diversa di mio, e ci pensavano anche i compagni di scuola a farmici sentire. Proprio non mi serviva qualcuno che mi dicesse "tu sei diversa, sei asperger!".
    E' qualcosa di molto elementare, ma molti genitori non prestano la dovuta attenzione a questa cosa, che per me è fondamentale.
    Ti scrivo da 19enne aspie, non da professionista.
    Ciao e benvenuta!
    Backend developer ~ Asperger ~ ex tutor ABA
    You split the sea so I could walk right through it
  • lelelele Post: 4

    ciao krigerinne, ti ringrazio ! credimi, x me sono questi i veri consigli! in generale a nostro figlio lo trattiamo come se nulla fosse, la mamma sembra piu tranquilla.....sono io che mi faccio prendere dall'ansia! mi puoi spiegare in due parole la differenza tra Aspie e "lievi tratti autistici" (anche se ho capito che non è una diagnosi vera e propria)! come posso accorgermi se forse è anche lui aspie o autistico!

    ciao........le tue parole sono state di un grosso incoraggiamento.

     

  • KrigerinneKrigerinne Post: 3,163
    Intanto voglio tranquillizzarti perché se cresciuto nel giusto ambiente un bambino aspie può dare tanto quanto gli altri, e i lati deficitari ristretti al minimo, compensati con un'istruzione adeguata.
    Io a 7 anni ero fuori come un balcone, non è che avevo "qualche tratto"... molto di più! E sono cresciuta senza diagnosi in modo tranquillo. Sono stata molto fortunata soprattutto perché ho avuto genitori che credono in me, che mi hanno sempre detto che sono intelligente e che posso arrivare a tutti gli obiettivi che voglio raggiungere. Questo non mi ha salvato dalle prese in giro dei bambini, né dall'isolamento, né dal sentirmi diversa. Ma mi ha aiutato a sviluppare un'autostima media, equilibrata. Fondamentale per me è avere un'autostima salda. Sono stati genitori molto severi e poco affettuosi, infatti il campo in cui riscontro più difficoltà è proprio quello emozionale. Se posso dire cosa mi è mancato direi proprio questo, qualcuno che mi dicesse che cosa significa provare affetto, come si fa ad abbracciare qualcuno, cosa significano i sentimenti, ecc... A 19 anni ancora ho moltissime difficoltà in quest'ambito!
    Ogni programma però va' modellato sul bambino. Tuo figlio ad esempio può essere super empatico, super esperto di emozioni, in quel caso la mia esperienza non avrebbe significato per lui.

    Per quanto riguarda "alcuni tratti" autistici posso dirti che alcune volte le caratteristiche autistiche non sono così marcate da essere diagnosticate come autismo vero e proprio. Però sono presenti, e non si possono ignorare, o rischiano di degenerare. 
    Questa cosa te la spiegheranno meglio altri. Per quanto riguarda terapie e diagnosi non sono molto ferrata.
    Backend developer ~ Asperger ~ ex tutor ABA
    You split the sea so I could walk right through it
  • MeiMei Post: 548
    Ciao Lele e benvenuto! Prendi la 'diagnosi' (fatta su che basi?) come ti diceva Tsukimi, più come un'indicazione per aiutarlo che non come una condanna a vita.

    Io sto vivendo giorno per giorno, certo mio figlio è più piccolo del tuo e siamo in ballo da 1 anno e mezzo. Posso dirti che ho passato momenti davvero brutti, ma non tanto per lui, che io adoro e ho sempre adorato, diagnosi o non diagnosi, quanto perché ho la consapevolezza che viviamo in un mondo che le differenze spesso non riesce ad apprezzarle ma tende piuttosto a limarle, eliminarle o marginalizzarle. Il mio bimbo ha prevalentemente difficoltà nell'interazione sociale, e in questo devo dire lo sto aiutando (spero, mi auguro almeno), rendendogli più semplice capire cosa si aspettano gli altri da lui incoraggiando (e mai forzando) la manifestazione di atteggiamenti pro-sociali (per dire lui a inizio anno a scuola tendeva a prendersi i giochi degli altri bimbi con la forza, e quindi è stato facilmente etichettato come quello che 'picchia'. Ora lo fa molto meno, perché abbiamo lavorato sulla prevenzione di determinati atti e perché lo abbiamo aiutato a trovare strumenti verbali per fare richieste agli altri bimbi. Adesso le sue compagne fanno a gara per chiedergli bacini, che lui dispensa a destra e manca (con noi è sempre stato un bimbo affettuoso e non ha mai lesinato in coccole).
    Ma ogni bimbo è a sè, non esiste la ricetta perfetta.

    Spero di esserti stata d'aiuto
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!

Libro Gratuito "Lo Spettro Autistico risposte semplici" Scarica il libro: Lo Spettro Autistico, Risposte Semplici