Salta il contenuto

Ho fatto il colloquio, e...

Semir78Semir78 Post: 1,101
modificato ottobre 2015 in Diagnosi, criteri e strumenti
Due giorni fa ho fatto il colloquio con @davidemoscone e... si, sono risultato "aspie" ed è venuto fuori dell'altro.
Vorrei dirvi che sarò breve, ma penso che non ci riuscirò, quindi beccatevi un lunnngoooo post! :-)
Da dove comincio, vediamo... 
Allora, intanto dopo la diagnosi non sono uno di quelli che si sentono "sollevati", perché sono quasi 5 anni che avevo scoperto la Sindrome di Asperger e quindi per me è stata solo una conferma ai miei forti sospetti. Però mi sento più tranquillo, questo si. Sono più tranquillo perché adesso posso dire di aver concluso la ricerca di me stesso che avevo cominciato da oltre 15 anni; infatti la prima volta che mi rivolsi a una professionista per i miei problemi relazionali fu proprio nel settembre del 2000, ma già da un paio di anni cercavo informazioni su depressione, fobia sociale, sul disturbo ossessivo compulsivo, ecc... Insomma, avevo capito che c'era qualcosa che non andava dentro di me e che dovevo fare qualcosa (ma cosa?).

Questa diagnosi è un punto di arrivo di una lunga ricerca, ma anche un punto di partenza per un miglioramento generale. Diciamo che è la tappa più importante della mia vita. 

Andando più nel dettaglio, posso dire che il test RAAD-S fatto da soli è abbastanza valido come strumento di screening, ma fatto con un professionista è decisamente meglio. C'era già stata una discussione su come questo test, se fatto con un'altra persona potesse cambiare il risultato, e infatti da un punteggio di 169 fatto da solo sono arrivato a 192. Perché? Perché di alcune domande non avevo compreso le sfumature, nonostante mi ci fossi impegnato con tutte le mie forze. Ho avuto bisogno di un aiuto.
Per quanto riguarda l'EQ test adesso posso dire che quando l'avevo fatto da solo non ci avevo capito una mazza! Il mio risultato era 31, ciò delle persone tipiche, ma alle domande avevo risposto in maniera "artificiale". Per esempio, adesso capisco quando qualcuno si annoia mentre parlo dei miei interessi speciali, ma solo perché ho letto le "istruzioni" sui libri di John Elder Robison. Quando incontro una persona, stringo la mano, saluto, sorrido, domando "Come stai?", ma non sono azioni che faccio in maniera naturale. Di questo non ne avevo tenuto conto. Poi alcune domande le avevo capite in maniera letterale, ma soprattutto due me le sono dovute fatte spiegare più volte perché avevo capito fischi per fiaschi. 
Detto questo penso che l'EQ test vada fatto assolutamente con un professionista, perché è il test in cui una mente autistica può più facilmente sbagliare. 

Le altro "cosine" che sono venute fuori sono dislessia e alessitimia. 
Sulla dislessia mi vennero dei dubbi già quando frequentavo il liceo. Non era possibile che dopo aver letto una pagina, non mi ricordassi niente; però esclusi la dislessia perché alcuni libri, anche di 500 pagine li divoravo in soli due giorni. Quindi pensavo: "Se fossi dislessico non saprei leggere neanche un libro di storia dell'aeronautica in soli due giorni". Il fatto è che quando si tratta degli interessi speciali, la mente entra in "modalità super". Rimane il fatto che se, per esempio, leggo un documento di una pagina dell'estratto conto della mia carta di credito, non mi rimane in mente niente: vuoto totale. Questo è un punto su cui dovrò lavorarci molto. A proposito, impiego molto a scrivere i miei post perché faccio errori tipo scrivere "votuo totele" anziché "vuoto totale".

Alessitimia. 
Leggendo l'intervista su "la Repubblica" di @wolfgang, mi era venuto il dubbio che anche io avessi difficoltà a provare a descrivere e soprattutto a comprendere alcune mie emozioni, ma avevo pensato: "Siamo sicuri che questa alessitimia esista davvero? Dai... non può essere!". Infatti, pur avendolo letto, mi astenni dal dal commentare l'articolo sul forum. E invece, quando ho parlato di una mia "ossessione", quella che ho descritto in questo post, "I giorni che fuggono",  non riuscivo a spiegare a parole perché ogni tanto andassi a vedere alcuni luoghi del passato. Dopo aver balbetto per un minuto buono "Non so perché... forse.., credo che.... ecco io....penso che", alla fine ho risposto "Perché mi fa sentire bene." Davide mi ha spiegato, intanto che non è un'ossessione (quelle si presentano in maniera differente) e che si tratta dell'incapacità a riconoscere le proprie emozioni. Alessitiminia, appunto. A volte sto bene, sono sereno, ma non me ne accorgo oppure credo che si tratti altro. Anche questo è un punto su cui dovrò lavoraci molto, ma davvero molto!
Ora capisco perché chi mi sta accanto spesso mi chiede "Che hai oggi? Ti vedo strano." e io rispondo con sincerità "Nulla, perché?" mentre invece, per esempio, mi è successo una stupidata a lavoro e non so neanche dare un nome a cosa io stia provando.

La discussione è andata vanti parlando anche della mia situazione sociale e famigliare, ma questo è un argomento personale. Personale nel senso non che non ne voglia parlare (ne ho già scritto altre volte), ma perché ognuno di noi ha avuto percorsi di vita differenti. In altre parole "i mie problemi sono solo miei" e solo io posso risolverli, magari con un terapeuta. Chi è stato diagnostico in tarda età, è arrivato a 30 o 40 anni con esperienze di vita diverse da tutti gli altri. Le diverse esperienze che ci ha riservato la vita ci ha resi unici e nessuno può paragonare i propri problemi incontrati nella vita con quelli degli altri. Per esempio, io non ho mai subìto il bullismo alle scuole superiori, anzi mi trovai in una classe eccezionale e ho lo stesso lavoro da 13 anni mentre altri sono sono ancora disoccupati. Ma si è trattato solo di fortuna. I problemi causati nell'essere nello spettro autistico sono diversi da persona a persona. Che poi, diciamolo: "sono problemi causati non dalla sindrome di Asperger, ma per come gli altri considerano la sindrome di Asperger." T. Attwood

Negli ultimi 15 minuti abbiamo parlato di altre argomenti molto interessanti, ma meritano una discussione a parte. 

Beh, finisco qui che è già un'ora che scrivo. :-O

Grazie @davidemoscone e grazie a tutti del forum :-)



Anche se sembra un addio non lo è, anzi.... ora mi sentirete più spesso! :-)








 55°34'30.44"N 12°49'38.68"E
Post edited by Semir78 on
mandragola77AmelieMikiRobKWandaAJDaisyAndato46MalinalliriotEstherDonnellye 16 altri.
Taggata:

Commenti

  • Andato46Andato46 Post: 5,160
    Grazie @Semir78 per il tuo resoconto. È interessante che siano venute fuori cose che non avevi considerato. È forse per quello che piacerebbe pure a me fare la diagnosi ufficiale, per vedere se effettivamente ci sono altre cose. Anche se sull'alessitimia sono quasi sicura.
    riot
  • GiusiGiusi Post: 85
    Anche io sto pensando di fare i test sicuramente mi aiuterà avere una diagnosi, bellissima la tua relazione grazie
  • WandaWanda Post: 374
    Ciao Semir, grazie per aver condiviso la tua esperienza.
    Posso chiederti come ha fatto a venire fuori la questione della dislessia? :) Non capisco se sei stato tu ad avere espresso il dubbio o se ve ne siete accorti mediante un esame apposito.
  • Semir78Semir78 Post: 1,101
    modificato ottobre 2015
    Il discorso sulla dislessia è venuto fuori solo durante il colloquio. Per quel problema esistono altri test.
    Parlando dei miei problemi a scuola è venuto fuori che faticavo molto a ricordarmi ciò che leggevo e Davide Moscone mi ha spiegato che un 20%-30% di chi è nello spettro ha problemi come dislessia, disgrafia e discalculia (DSA). Non c'è stato nessun test sulla dislessia con certezza assoluta, ma è molto più di un semplice sospetto. Infatti ho sempre avuto difficoltà a ricordarmi ciò che leggevo, tanto che mi sembrava di leggere delle pagine vuote. 

    Il colloquio con Davide Moscone si è basato solo ed esclusivamente per capire se rientrassi nello spettro: per gli altri problemi emersi (come l'ansia) sono necessari altri "interventi". Piano, piano affronterò anche quelli. 

    Post edited by Semir78 on
    WandaiMood
     55°34'30.44"N 12°49'38.68"E
  • Grazie, mi ha fatto piacere leggerti!
    Semir78
  • WandaWanda Post: 374
    Ho capito, grazie per la risposta :)
  • grazie per il racconto
  • ZenzeroZenzero Post: 645
    Grazie per aver condiviso :-)
  • diegodiego Post: 1,136
    Mi fai venire voglia di fare un colloquio anch'io. :)
  • Andato46Andato46 Post: 5,160
    diego ha detto:

    Mi fai venire voglia di fare un colloquio anch'io. :)

    Io penso che possa essere un modo per scoprire ancora più se stessi.
    AmelieSemir78Giusi
Accedi oppure Registrati per commentare.


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!