Salta il contenuto

Dopo un anno.. Ancora tanta incertezza sulla diagnosi

gioiagioia Post: 649
modificato agosto 2018 in Discussioni tra genitori
Buongiorno a tutti. Riasumo brevemente.. Mio figlio oggi ha due anni e mezzo. Ho iniziato a sospettare un anno fa, esattamente ai 18 mesi che qualcosa non andasse e lo portai dal Npi. Npi ospedaliero che mi disse no.. Il bimbo non è autistico. Ma indaghiamo meglio. Fa ilntest Griffiths, dal quale risulta un ritardo psicomotorio importante.. Prescrive psicomotricità e ci invia lui stesso al centro pubblico territoriale della cittadina in cui viviamo. Qui viene preso in carico da un altra Npi e una terapista della neuro e psicomotricità le quali da subito affermano.. Trattasi di una situazione sui generis... Ne dentro ne fuori insomma. Facciamo questi sei mesi di terapia neuro psicomotoria in cui riscontriamo enormi miglioramenti. Riduzione dei comportamenti problema, miglioramento nettissimo della reazione alla frustrazione, inizio della comunicazione a gesti. Il bimbo ha per sua natura una forte tendenza al contatto oculare e alla condivisione.. Cosa che lo rende appunto non definibile facilmente come autistico. Per contro è un bambino che ancora non dice più che tre quattro paroline, che ha delle fisse anche se in riduzione, e' costantemente in movimento ( anche se quando gli viene richiesto sta a tavolino anche per mezzora senza problemi) , e soprattutto ha grandi, grandissime difficoltà a livello di organizzazione motoria, tanto da far propendere la neuropsichiatra del centro per una disprassia. Al controllo dei sei mesi previsto con il primo Npi lei stende una relazione in cui si parla di forti doti relazionali e comunicazione ancora fragile ma emergente e di grandi difficoltà all livello prassico. Il Npi leggendo tale relazione e guardando lui stesso il bambino ne deduce che no.. Mio figlio non e autistico. Ma permane un grosso problema nel.linguaggio e nel motorio. Plausibile una disprassia ma a suo dire troppo presto per parlarne. Rientro oggi a terapia e capisco che la neuropsichiatra e la terapista del centro non sono totalmente d accordo con lui , che mio figlio ha un evoluzione talmente positiva da far ben sperare ma che in pratica non se la sentono ancora di sbilanciarsi a dire che non sia nello spettro autistico. OK. A prescindere dal fatto che un'etichetta diagnostica non cambia la situazione, perche mio figlio è comunque in difficoltà ed è comunque il mio campione essendo migliorato cosi tanto con sole due ore di psicomotricità a settimana... Beh ecco.. La confusione in casa mia regna sovrana. Non sappiamo più che pensare! Credevo che avviarci per una diagnosi precoce sarebbe stato favorevole per mio figlio. Mi rendo conto che stiamo invece creando una gran confusione. Mi sa che prima dei tre anni tre anni e mezzo davvero non ci capiremo niente!
claluiTerra_di_Mezzomammarosannaarabafenice83Cyrano

Commenti

  • Gioia, stai serena.
    La diagnosi precoce è servita a fargli fare questi progressi magnifici.
    Pensa a quelli e al fatto che sei stata bravissima ad individuare le problematiche così presto.
    gioiamammaconfusa80
  • SophiaSophia Post: 5,904
    modificato agosto 2018
    @gioia il bimbo è ancora molto piccolo.
    Le diagnosi provvisorie sono diffuse a questa età.

    La cosa importante è essere intervenuti precocemente ed aver individuato le aree deficitarie.

    Considera che la vostra attenzione vi permetterà di accorgervi dei suoi progressi come anche dei suoi eventuali disagi.
    Comunque il fatto che molte caratteristiche siano sfumate ed altre assenti, o quasi, è una cosa positiva; vuol dire che il bimbo ha ottime risorse, compensa bene e non ha molti tratti marcati.



    gioiamammarosanna
    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
  • carla_75carla_75 Post: 194
    @gioia sono contenta che per il tuo bimbo ci siano stati dei miglioramenti. Anche io credo che è stato un bene accorgersi delle difficoltà così presto meno male, così siete intervenuti precocemente e il bambino progredisce. Tuttavia mi sento di rincuorarti perché è ancora piccolo, io con mio figlio ho cominciato le valutazioni a 3 anni, le cose possono ancora migliorare e tanto e magari non rientra nello spettro. Lo so che non avere certezze è brutto, ti capisco benissimo, però devi pensare che non siete stati con le mani in mano, avete fatto tanto.
    mammaconfusa80gioiamammarosannagiu
  • giugiu Post: 95
    @gioia io credo che il tuo bimbo grazie alla tua accortezza abbia fatto passi da gigante, proprio perché a 18 mesi ti sei accorta che c’era qualcosa su cui indagagare. Molte di noi sul forum non possono dire altrettanto, io pur notandole certe stranezze a quell’età non ho indagato e non mi daró mai pace per questo. Il tuo bimbo a parer mio grazie alla terapia e a quello che hai fatto tu stimolandolo nel gioco e nella condivisione ha smesso di essere nel suo mondo. Per quanto riguarda il linguaggio ha ancora molto tempo per recuperare inoltre il consiglio che posso darti è quello di valutare l’asilo più adatto perché qualsiasi sia la diagnosi i nostri bimbi hanno bisogno di essere sereni. Un abbraccio
    damy
  • gioiagioia Post: 649
    giu ha detto:

    @gioia io credo che il tuo bimbo grazie alla tua accortezza abbia fatto passi da gigante, proprio perché a 18 mesi ti sei accorta che c’era qualcosa su cui indagagare. Molte di noi sul forum non possono dire altrettanto, io pur notandole certe stranezze a quell’età non ho indagato e non mi daró mai pace per questo. Il tuo bimbo a parer mio grazie alla terapia e a quello che hai fatto tu stimolandolo nel gioco e nella condivisione ha smesso di essere nel suo mondo. Per quanto riguarda il linguaggio ha ancora molto tempo per recuperare inoltre il consiglio che posso darti è quello di valutare l’asilo più adatto perché qualsiasi sia la diagnosi i nostri bimbi hanno bisogno di essere sereni. Un abbraccio

    Grazie per i suggerimenti. E non crucciarti perche a18 mesi è davvero difficile muoversi credimi.. Ti ostacolano ovunque e ti rispondono sempre... È troppo piccolo. Quindi davvero non farti il cattivo pensiero di non esseri mossa prima. Per quanto riguarda l asilo.. Mio figlio potrebbe essere un anticipatario ma complice il fatto che l asilo comunale era FIA pieno per il prossimo anno di bimbi nati nel 2015.. I 2016 anticipatario SN andati fuori graduatoria. Inoltre vendendolo troppo indietro rispetto ai pari con mio marito abbiamo deciso di tenerlo al nido un altro anno. Un nido molto carino, con pichi bambini dove ogni educatrice riesce a seguire meglio i bambini. Poi x l anno prossimo devo valutare diverse scuole materne della zona di cui due comunali .. Credo che sceglierò quello adiacente al nido , meno numeroso e con alcuni compafnetti che conosce già.
    mammaconfusa80mammarosannadamygiu
  • giugiu Post: 95
    Grazie Gioia, positivo il fatto che abbia frequentato il nido e che continui a farlo....se penso a quando ha iniziato la materna mio figlio ho ancora gli incubi e credo li abbia anche lui. Il tuo bimbo è già abituato agli altri bambini alle regole ai giochi e alle canzoncine agli ambienti rumorosi , quando entrerà alla materna sarà già molto più avanti di come era mio figlio a 3 anni e questo Gioia è solo merito tuo
    gioiamammaconfusa80damy
  • gioiagioia Post: 649
    Grazie davvero @giu per queste tue parole, davvero incoraggianti.
    mammaconfusa80giu
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!

Libro Gratuito "Lo Spettro Autistico risposte semplici" Scarica il libro: Lo Spettro Autistico, Risposte Semplici