Salta il contenuto

Pane nostrum

Nel mio paese di origine (un paese del est Europa) il pane è un alimento base (80% dei carboidrati) ed è anche molto radicato nella tradizione popolare. A me piace moltissimo. Ho la fortuna di abitare a Roma dove il pane è molto di qualità.
Giorni fa ho comprato una macchina del pane e la prima pagnotta da me preparata è venuta buonissima per l’invidia della mia ragazza (comunque è stata lei a darmi le dritte).
Il miglior pane, pizza oppure altri prodotti dolci e salati vengono preparati con l’aiuto della pasta madre.
Qui c’è un link che ho scelto per provare;
https://www.greenme.it/lievito-madre/17167-pasta-madre-come-prepararla-acqua-farina
Per i prossimi trenta giorni scriverò la mia avventura culinaria passo per passo (è il tempo necessario per la preparazione e anche un limite della vostra pazienza)

Primo giorno;
Ho pesato 200gr di farina di tipo 0 biologica (è importante che sia biologica perché in teoria priva di conservanti, pesticidi e altre schifezze dell'era tecnologica). Si mette la farina in un recipiente e poi si aggiungono 100ml di acqua tiepida naturale (è importante che sia naturale perché priva di cloro, fluoro ed arsenico). Mentre si aggiunge l’acqua nella farina si mescola con un cucchiaio. Poi si impasta con le mani fino ad ottenere un impasto abbastanza morbido. Di sicuro servirà un altro po' di acqua che si può aggiungere tranquillamente se l’impasto è troppo asciutto. Se siete dei maschi usate i guanti di gomma ben lavati in precedenza per eliminare il talco. Lo dico perché io ho dei peli sulle mani. Oppure se c’è una donna nelle vicinanze fatelo fare a lei.
:D
L'impasto si mette in un barattolo trasparente in grado di contenerlo (alla fine del processo dovrà contenere quasi un chilogrammo di pasta madre). Il barattolo dev’essere trasparente per poter tenere sotto controllo il processo e dev’essere coperto con un panno umido.
Si lascia riposare per ventiquattro ore a temperatura ambiente.
A domani ed al prossimo episodio.

P.S. mi appello alla vostra eventuale esperienza.
Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale
ValentaFenice2016Piu82mammarosannaBlackCrowOrsoX2DomitillanebelriotNewtone 1 altri.

Commenti

  • carla_75carla_75 Post: 194
    Che bellissima cosa hai fatto!! Anni fa ho panificato anche io partendo da pasta madre fatta da me, una cosa fantastica. Dovrai aspettare un po' prima che la PM diventi matura ma credo che questo tu lo sappia già. Non hai messo uno starter tipo miele o pezzetti di mela?

    WBorgriot
  • WBorgWBorg Post: 4,497
    @carla_75 preferisco il processo di 30 giorni, grazie per il tuo intervento.
    Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale
  • Sniper_OpsSniper_Ops Post: 1,197
    @WBorg , ti consiglio di tenere sott'occhio i barattoli pieni di pasta madre, perché c'è rischio che si gonfi talmente tanto da straripare (nonostante i barattoli siano chiusi, te lo dico per esperienza) e finire attaccati dappertutto.

    Io ti consiglio di provare a fare il pane Carasau (tipico sardo) :D .

    Perché non posti anche delle foto sui tuoi risultati?
    WBorgBlackCrowPiu82
  • WBorgWBorg Post: 4,497
    Ci proverò anche a mettere delle foto.
    Sniper_OpsBlackCrowPiu82DomitillaOrsoX2
    Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale
  • OrsoX2OrsoX2 Post: 971

    @WBorg , ci devi assolutamente aggiornare sui trucchi usati per la cottura del pane, quella che permette di ottenere, anziché un asettico pane a cassetta, un pane come quello che si trova dal fornaio! ;) 

    WBorgSophiaPiu82
    ("Caducità delle umane cose!" - considerazione indifferentemente attribuibile a Umani e Non)
  • riotriot Post: 6,395
    io ho usato per lungo tempo una macchina, con farine mischiate:
    - 50% manitoba
    - 50% farina nera con mix di cereali (entrambe bio)
    - lievito di birra
    - olio extra vergine d'oliva
    - sale

    all'inizio ero scettico, ma in realtà il risultato è stato sempre soddisfacente, con una crosta esterna solida e l'interno soffice.
    la lavorazione lenta (per 500gr = 3 ore) e il riposo di 1 ora al caldo, potrebbe soddisfare @OrsoX2

    mai usato il lievito madre quindi adesso sono curioso di seguire i tuoi esperimenti :)


    WBorgOrsoX2
  • WBorgWBorg Post: 4,497
    modificato agosto 2018
    2. Secondo giorno,

    Dopo ventiquattro ore dal primo impasto si aggiungono 100gr di farina e 50 ml d’acqua e si impasta tutto di nuovo.
    Nota bene, alla fine del impasto traccio con il coltello una croce sul composto per facilitare la reazione e l’espansione del impasto. Si copre tutto con un asciugamano umido per altre ventiquattro ore.

    Da domani metterò anche le foto con i dati di riferimento. Non posso giorno per giorno perché dal mio tablet con il sistema OS, non si riesce a caricare.
    Piu82riot
    Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale
  • WBorgWBorg Post: 4,497
    3. Terzo giorno,

    Dopo ventiquattro ore dal secondo impasto si aggiungono 50 gr di farina e 30ml di acqua, si impasta tutto quanto e si lascia di nuovo al riposo nel baratolo coperto con il panno umido. Il baratolo dev’essere lavato di ogni volta che viene riposto l’impasto dentro.
    Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale
  • riotriot Post: 6,395
    piccolo o.t.
    i tagli a croce: un tempo si facevano sul pane per scacciare il diavolo dalla casa :) 
    da un'altra parte avevo letto che devono essere dispari ma non ne ricordo il motivo. poi lo cerco. 
    WBorgPiu82Fenice2016
Accedi oppure Registrati per commentare.