Salta il contenuto

Sapete capire cosa la gente pensa di voi?

ElementoAcquaElementoAcqua Post: 63
modificato gennaio 2019 in Sensi, percezioni, attenzione
Io mi ritrovo spesso col crearmi inimicizie, gruppi che finiscono col tendere a coalizzarsi contro di me, persone che a un certo punto diventano ostili, ecc.

Riesco a capire che molto probabilmente si fanno delle idee sbagliate e si impressionano su qualcosa..........ma se devo dirvi cosa non ve lo saprei dire. Brancolo nel buio.

Io sono chiusa e non so per niente socializzare, si nota, anche se poi sono molto disponibile verso gli altri se hanno bisogno di qualcosa. Non mi comporto male. A volte me la cavo pure a socializzare un pò, ma penso che si percepisce che sto prima elaborando e non sono spontanea al 100%.



Avete le mie stesse esperienze? Quali possono essere i motivi per cui si finisce col diventare malpensanti e ostili nei nostri confronti?
Post edited by Sophia on
Shiki_Tima_Ryougi

Commenti

  • DomenicoDomenico Post: 3,935
    E' possibile che continui a fare qualcosa che ti rende antipatica e non te ne accorgi, come se fosse un punto cieco? Hai provato a chiedere a qualcuno di fiducia, magari un amico o un familiare?
    ElementoAcqua
    Piuttosto che maledire il buio è meglio accendere una candela - Lao Tze
  • CharadeCharade Post: 1,378
    Per esperienza personale, molto può dipendere dal tuo non verbale. Ti faccio un esempio: se mi sento abbastanza libera in una situazione sociale, io sto in disparte e osservo. A volte mi sposto proprio fisicamente ai margini di una stanza e mi godo lo spettacolo. Per me è un momento di inestimabile valore. Mi procura quasi un piacere fisico. Ovviamente però, se qualcuno se ne accorge, cosa pensa? "Quella ci guarda e non interagisce. Ci sta squadrando, si sente superiore". Quindi ci sta antipatica. 

    Io sto solo studiando il loro comportamento, come si muovono fluidamente, il botta e risposta rapido e instancabile, l'allegria che procura loro conversare. 

    In generale, il mondo NT tende a prendere in antipatia chi guarda e non si espone. È visto come un atteggiamento giudicante, pensano che tu stia esprimendo un parere negativo su di loro, mentre non c'è nulla di più lontano dalla verità. Semmai è vero l'opposto, e cioè che li ammiri e sei stregata dal gioco delle parti sociale. 

    Inoltre, può essere che pensando di mantenere un normale contatto visivo - come ci è stato insegnato da bambine - tu tenda invece a fissare il tuo interlocutore durante una conversazione. E questo è un altro grande bollino rosso della socialità. Il NT in questione pensa "Questa mi fissa, cos'ho che non va?", invece, ancora una volta, tu sei solo affascinata dalla sua incredibile espressività facciale. E magari ti sei imbambolata a guardarlo. 

    Terzo aspetto: i NT hanno un radar per individuare chi è diverso da loro, mentre noi l'abbiamo per individuare chi è uguale a noi. Tu scrivi che si percepisce che stai elaborando la conversazione e che non sei spontanea, quindi ti immagino rallentata, in difficoltà a seguire il botta e risposta, magari sorridi anche a scoppio ritardo come faccio io o lo fai al momento non opportuno, quando il gruppetto sta già parlando d'altro. Percepiscono quindi che sei diversa, nel senso - non offenderti, sto parlando in prima battuta di cose che capitano a me - di poco sveglia. Anche un po' stupida, diciamolo dai. Quindi ti privano della loro attenzione, non vali la pena. 

    Spero di essere riuscita a rispondere alle tue domande
    DomenicoSirAlphaexaqwert179ElementoAcquaLisaLaufeysonkaraSniper_Opsleila
    Devo vivere guardando il fiume che scorre.
  • qwert179qwert179 Post: 94
    modificato gennaio 2019
    Può succedermi facilmente , molto facilmente una situazione  simile alla tua , infatti dato che per la sindrome sono (naturalmente )molto sfavorita in termini di relazioni sociali non posso far altro che relazionarmi con persone molto simili a me , in cui riesco a riconoscermi e capire anche senza avere empatia di tipo cognitiva ...  

    Comunque ti capisco ... e   se fossi in te cercherei altro ...
    ElementoAcqua
  • RonnyRonny Post: 1,420
    Non lo so, ho altro a cui pensare e non socializzo quasi mai
  • Questo ad esempio è uno dei miei più grandi deficit, non capisco ad esempio quando una persona è stanca di me, se mi disprezza, se prova fastidio quando la tocco ad esempio (leggere pacche sulle spalle o comunque tocchi delicati), e tante altre cose, tipo, in linea di massima cosa pensa di me. Questo, insieme ad altre cose è un mio motivo di disagio ed ansia. Le uniche persone che riesco a capire sono quelle simili a me. Per esempio anche in un contesto sociale sto sempre in disparte, sono un osservatore ed un pensatore e difficilmente sto in mezzo a gli altri, ma sempre agli angoli di uno spazio ad elaborare cose, pensieri che riecheggiano nella mia mente.
    ElementoAcqua
  • ElementoAcquaElementoAcqua Post: 63
    modificato gennaio 2019
    @Chung4745 , stessi problemi per quanto riguarda il non capire sempre se una persona è stanca di me, ecc.

    anche se c'è pure da dire che spesso sono anche le persone a inviare messaggi contrastanti, spesso magari hanno quella vergogna di dirtelo o fartelo capire in maniera almeno un pò più diretta........io mi sono fatta un pò anche quest'idea, poi non so
    Chung4745
  • Nel mio caso sono spesso stata vista come egoista, snob, saccente, insensibile o semplicemente troppo enigmatica.

    Penso di dare queste impressioni a causa del mio atteggiamento non verbale poco espressivo che però a volte diventa troppo espressivo (quando sono arrabbiata, per esempio) dal mio non modulare bene la voce, spesso monotona e a volte troppo forte e dalla incapacità di manifestare sentimenti. Ne provo fin troppi, sono molto sensibile, ma sono poco empatica oppure lo sono ma non riesco a fare nulla.

    WBorg
    How wonderful it is that nobody need wait a single moment before starting to improve the world. - Anne Frank

    La paura uccide la mente. La paura è la piccola morte che porta con sé l'annullamento totale. Guarderò in faccia la mia paura. Permetterò che mi calpesti e mi attraversi, e quando sarà passata non ci sarà più nulla, soltanto io ci sarò. - Frank Herbert, libro Dune
  • @ElementoAcqua sono pienamente d'accordo con te, infatti, quando trovo il coraggio(cosa difficile) lo chiedo direttamente, perché ho molta difficoltà a capirlo da solo, se non mi viene esplicitamente detto.
  • CyranoCyrano Post: 1,041
    Trovo più semplice un libro in latino o sulla cosmologia. Ma a dire la verità non è neppure una cosa di cui mi importi molto.
    I portoni del mio isolamento cingono parchi di infinito… (Pessoa)
  • KuramaKurama Post: 282
    Guarda a me dicevano che perché stavo sulle mie sembravo una che se la tirava o snob ...poi però una volta conosciuta tutti bene o male si sono ricreduti...quindi forse nel tuo caso il magari stare più isolata parlare poco ( presumo ) ti fa apparire forse fredda o una cosa simile ... in ogni caso secondo me prima di giudicare una persona è meglio conoscerla per questo io non mi faccio mai idee prima del tempo ...magari una ragazza che sembra snob è solo timida basta però avvicinarsi un po per capirlo , spero di esserti stata un pochino utile @ElementoAcqua
    ElementoAcqua
Accedi oppure Registrati per commentare.


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!