Salta il contenuto

Piangere in pubblico

CharadeCharade Post: 1,378
modificato febbraio 2020 in Sensi, percezioni, attenzione
A volte mi capita di mettermi a piangere in pubblico, in metro o per strada, ovunque mi trovi in quel momento. Mi viene un magone irrefrenabile in seguito a eventi di scarsa importanza e non riesco a trattenere le lacrime. Piango con tanta foga che in genere qualcuno mi si avvicina, impietosito, per chiedermi se va tutto bene. A qualcun altro capita? Secondo voi sono semplici sovraccarichi emotivi o si tratta di una sorta di meltdown?

EDIT: niente cuori per favore
Devo vivere guardando il fiume che scorre.
Post edited by Charade on
LisaLaufeysonNemorondinella61amigdala

Miglior Risposta

  • vera68vera68 Post: 3,042
    modificato febbraio 2020 Risposta ✓
    Presente!
    Io sono una fontana. I miei mi prendono anche bonariamente in giro.
    Per me di tratta di una abnorme risposta emotiva. Piango per commozione.
    Credo si chiami disregolazione emotiva
    Dipende moltissimo dallo stress a cui sono sottoposta, magari dovuto ad un particolare periodo, e un gesto banale può diventare la
    classica goccia che fa traboccare il vaso
    Ci sono argomenti, soprattutto prima della psicoterapia, di cui non potevo minimamente accennare in pubblico perché sentivo che dentro di me si sarebbe rotto qualcosa: il muro che conteneva emozioni intime, talmente intime che nessuna parola sarebbe stata sufficiente adeguata a esprimerle e avrei perso il controllo di me stessa
    Con la psicoterapia va molto meglio, ma credo che non mi passerà mai, ma, a parte il fatto che mi sembra di essere "trapassata" da un treno emotivo, poiché che non si gira in collera, va bene cosi
    CharadeBlunotte

Risposte

  • CharadeCharade Post: 1,378
    modificato febbraio 2020
    Nota spostata nell’edit del thread
    Sniper_Ops
    Devo vivere guardando il fiume che scorre.
  • Per fortuna in pubblico mi è capitato poco. Per fortuna, perché anch'io se comincio non mi fermo più. Ci sono pianti "positivi" (per esempio l'altro giorno, a casa, ho pianto per sfogo di emozioni belle, perché mi sono improvvisamente resa conto di alcune cose del passato) e ci sono pianti "negativi" (quest'inverno mi era capitato una volta che qualche lacrimuccia scendesse mentro ero sul bus, anche se ho cercato di trattenermi); entrambi possono innescarsi per una serie di collegamenti e ricordi vari, suscitati da dettagli banali.

    Lo chiedi in generale, @Charade, o perché ultimamente ti sta capitando più spesso? [Se ti va di dirlo.]
    A volte ci sono periodi particolari che ci rendono più emotivi (stanchezza accumulata, cambiamenti in arrivo, ecc.).
     
    vera68Charade
    ---- Per vari motivi, preferisco usare poco/per nulla la funzione messaggi privati. ----
  • HoneyHoney Post: 264
    Capita anche a me se qualcuno mi tratta male, mi risponde male o roba simile. In questi casi non riesco a trattenermi. Se c'è un bagno nelle vicinanze mi rinchiudo la dentro....altrimenti piango a ruota libera. Si ....secondo me potrebbe essere una forma di meltdown
    Charade
  • Mi è capitato per tanti motivi differenti: la frase di libro, la scena di un film, un ricordo, pensieri momentanei, dettagli colti intorno a me, e anche esperienze che vivo dentro la mia mente, ho sempre avuto una immaginazione enorme, e ciò che vivevo dentro di me non era meno reale o meno intenso di ciò che potevo vivere nella realtà circostante.

    Ho sempre cercato di non farlo in pubblico perché gli sguardi delle altre persone mi causano una forte ansia o addirittura possono rendermi aggressivo, e lo stare al centro dell'attenzione è qualcosa che mi fa stare ancora peggio. Quindi di solito mi nascondo, ho pianto tantissimo in bagno. Tuttavia è capitato di non riuscire a controllarmi e quindi iniziare a piangere mentre camminavo per la strada o mentre mi trovavo in un vagone della metropolitana.

    Piangere, se la fa un uomo poi ancora peggio, spesso viene considerato come un segno di debolezza, qualcosa che turba le altre persone, qualcosa che è meglio evitare in pubblico. 
    Ricordo che una volta dei poliziotti che mi volevano arrestare mi dissero: ma fai l'uomo, ma che piangi. E quando ho risposto: perché un uomo non piange? Sono rimasti zitti.
    CharadeFelipeValenta

    1,0 e √-1


  • PercipioPercipio Post: 1,213
    Spessamente io mi emoziono. Soprattutto ascoltando musica o visionando una pellicola. Anche quando abbraccio una persona a me molto cara. Non credo che questo sia un segnale di debolezza. Massimamente mi convinco di questa ultima cosa perchè ho un carattere molto forte, e mi faccio persuaso che tanto più uno sia forte tanto più è in grado di scoprirsi emotivamente.
    CharadeSniper_OpsBlunotte
  • LupaLupa Post: 656
    Salvo situazioni davvero strazianti a me non capita mai in pubblico, anche quando sarebbe più che comprensibile, nè per emozioni belle nè per emozioni brutte. E' come se vivessi un blocco che in quel momento mi impedisce di connettermi alle emozioni. In compenso mi capita a volte quando sono da sola per cose minime (sia belle che brutte). Nel mio caso credo c'entri la difficoltà nel percepire/vivere le emozioni nel momento in cui accadono. Dal punto di vista emotivo mi sembra di essere sempre fuori fase.
    Charadeamigdala
  • CharadeCharade Post: 1,378
    @Blunotte Mi ero dimenticata di rispondere. Considerando che oggi è successo per la seconda volta in 3 giorni, e pure in ufficio (è stato tremendamente imbarazzante) direi che sono decisamente un po’ esaurita.

    Sempre niente cuori per favore, che magari mi fanno piangere pure quelli
    BlunotteAJDaisyMononokeHime
    Devo vivere guardando il fiume che scorre.
  • Mi é successo parecchie volte. Succede in quei giorni in cui vago a caso nei vicoli pensando ai fatti miei assolutamente assente dal mondo esterno, in uno stato quasi dissociato da tutto il resto. Mi accorgo di piangere ma la gente mai si é interessata a me, mai nessuno mi ha chiesto se avessi bisogno di qualcosa, mai.
    Eppure sono una donna giovane, la gente é mostruosa ormai [scusate il commento off topic]
    Una volta, tra l'altro, non avevo fazzoletti in borsa, mi colava il naso e quindi ho dovuto soffiarmi il naso in un assorbente in pieno centro cittá. Credo che sia stato uno dei momenti piú imbarazzanti della mia vita =))
    CharadeBlunotteFelipeamigdalaAntaresValenta
Accedi oppure Registrati per commentare.