Salta il contenuto

Fine improvvisa di una relazione con un ND

Ciao a tutti,

sono un NT (credo si dica così) che recentemente ha conosciuto una donna Aspie (ND).
Lei 40 anni ha scoperto della sua diversità solo recentemente (pochi mesi) a seguito della diagnosi di uno dei suoi figli.
Abbiamo avuto una storia di soli 2 mesi, molto intensa e molto bella che si è interrotta dalla sera alla mattina senza un'apparente escalation, come dire.....il giovedì parliamo fino alla sera, pianifichiamo anche qualche piccolo progetto, il giorno successivo alle 8.30  del mattino al messaggio " pranziamo insieme così mi organizzo" mi risponde "no oggi non riesco", e da lì non mi risponde più hai messaggi. Ho chiesto certamente delle spiegazioni e poi me ne ha date, che cosa ha provato quella mattina per prendere la decisione di non volermi più né vedere né sentire?
Premessa fondamentale (siamo entrambi sposati).
  • la nostra relazione per lei è troppo forte
  • prova un senso di rabbia e dolore
  • ha paura di non essere più in grado di gestire i sentimenti (non voglio innamorarmi)
  • ha paura che a un certo punto i sentimenti decidano per lei con conseguenze gravi
  • si rivede a piangere nel letto come quando aveva 17 anni (prima delusione) e a 25 anni (seconda delusione) no0n vuole più soffrire
E' ovvio che stia cercando di capire un qualcosa solo per trovare la speranza di un ritorno che non credo avverrà, ho la sensazione che questa ND sia in grado di anestetizzare i sentimenti positivi e trasformarli in qualcosa di diverso (rabbia e dolore). 
Ma mi chiedo se sia possibile che anche lei non soffra il distacco in questo momento e come sia possibile essere così forti dal non farsi carico emotivamente di una decisione così drastica.
Ho la sensazione per come l'ho conosciuta che un Aspie non torni mai sui suoi passi quando ha a che fare con i sentimenti, ma sono entrato in questo mondo da poco e potrei davvero non averne capito nulla.
Rimane il fatto che questa donna mi ha stregato proprio per la sua diversità......


Grazie per qualsiasi commento e consiglio privo di giudizi.
Alex







rondinella61

Miglior Risposta

  • LupaLupa Post: 655
    Risposta ✓
    Essere Aspie in questo caso mi sembra c'entri ben poco. O meglio, per lei è sicuramente una consapevolezza in più da affrontare (vista la diagnosi recente) e forse, molto forse, potrebbe avere avuto un peso nella sua decisione, ma non è che gli Aspie si distaccano a comando e i NT no. Ognuno è fatto a modo suo, troverai sia persone Aspie che persone NT granitiche nelle loro decisioni e altre no.
    riotMartian

Risposte

  • MartianMartian Post: 52
    modificato novembre 2020
    Ho capito bene, siete sposati, quindi relazione extra-coniugale?
    Se così fosse: forse sta tutto nella "premessa fondamentale" e non nell'essere aspie.
    E forse ha preso una decisione in merito a questa situazione di partenza.
    D'altro canto è una relazione di due mesi, e mi permetto di aggiungere "solo", mi dispiace.
    Probabilmente si è data un aut aut e ha deciso, ripeto, considerate le premesse: Siete sposati.
    Quello che vorrei dire è non cercare motivazioni "neurodiverse" in un affare assolutamente tipico.



    ---

    Volevo aggiungere una cosa...
    Riflettevo ed aggiungo una cosa: Ti porto la mia esperienza, io ero sposata, ma in crisi, ne parlai con lui sempre molto chiaramente, conobbi poi un uomo di cui mi innamorai e dopo alcuni mesi presi la decisione di stare con lui. Io terminai definitivamente un matrimonio in evidente crisi perché innamorata, sono stata tranchant perché con lui era finita e dell'altro ero innamorata.
    Nel mio caso la decisione assoluta l'hanno data i sentimenti, e mi domandavo, riflettendo, se io taglio i rapporti per decisione mia/ giustizia o per quello che provo.
    Nel mio caso sono perentoria, ma partendo da ciò che sento oppure NON sento.
    Sono anche stata innamorata di un uomo, in passato, e nonostante finita ho continuato ad amarlo e sarei tornata con lui, nonostante tutto e tutti... Quindi anche qui regnano i sentimenti.

    Non so se questo è il caso della tua lei-aspie, ma non siamo tutte uguali, non in quanto donne, non in quanto neurodiverse.
    Post edited by Sniper_Ops on
    vera68
Accedi oppure Registrati per commentare.