Salta il contenuto

Il mio ragazzo è asperger?

Oggi il mio ragazzo mi ha lasciato un messaggio lunghissimo... Io non so che fare e che pensare... Litighiamo da tantissimo tempo ormai, non andiamo piu d'accordo, la relazione è instabile e ci sono praticamente sempre e solo divergenze tra di noi, anche per le questioni più banali. Dice di credere / essere asperger... Non so piu cosa fare...
Questo è un estratto del messaggio... Voi che ne pensate? Potrebbe esserlo? Io soffro di disturbo affettivo e di DOC. Sto malissimo da mesi per la situazione che si è creata.. Esattamente come lui....

Mi ha lasciato questo messaggio lunghissimo, un sentito ringraziamento a coloro che lo leggeranno fino alla fine, so che non è una cosa da tutti, ma non so più dove sbattere la testa.... Questo è un estratto.....

Insomma... Ci sono tantissimi fattori che mi accomunano al mondo neurodiverso, proprio perche sono neurodiverso.
La consistenza dei cibi ad esempio. Io ci sono fissato. Non mangio le verdure perchè la loro consistenza fibrosa mi disgusta, esattamente come la consistenza del grasso animale o dei nervi/tendini, la consistenza delle bucce di un alimento, la consistenza del grasso o della parte scura, piu dura, del salmone, la consistenza delle uova di pesce, quella di mangiare piu di 3 maltagliati alla volta ( ci hai mai fatto caso che i maltagliati li mangio a 2 a 2 o a 3 al massimo? Non di piu? Mi da fastidio avere in bocca piu di 3 maltagliati, idem per gli spaghetti. Non piu di 4-5 spaghetti alla volta arrotolati, se no mi disgusta.
Idem per i funghi se sono troppo fibrosi, idem per le cose troppo oliose, idem ad'esempio per i semini nella frutta ( fragole, uva, kiwi ). E miliardi di altre cose che non possono venirmi tutte in mente ora.
Lo stesso vale per alcuni tessuti oltre che al cibo... Odio alcuni tipi di cotone, di lana, di tessuto. A contatto con la pelle mi danno stra fastidio. Idem per consistenza di letti, cuscini, coperte, sedie.
Poi ci sono i rumori. Odio qualunque tipo di rumore, dai passi o dallo strusciare dei piedi ( cosa che odio tantissimo ) a vari e tantissimi altri rumori ( allarmi, scarico, rumori acuti tipo pentole e piatti, voci di bambini, quanto non sopporto il pianto dei bambini madonna, motociclette, voci delle persone )
E mi fermo qui. Mi fermo qui perchè ci sono troppe cose. Alcune di esse di sicuro nemmeno le potresti capire purtroppo.

Non credo tu riesca a realizzare, sinceramente, che il mio modo di pensiero, vita, emozioni, sia completamente diverso dal tuo, ed io non so nemmeno come farti capire come funzioni tutto cio, poichè nemmeno io ne sono al corrente. 
Per dirti, è da quando sono piccolo che tendo ad imitare, a applicare cio che vedo attuare dagli altri, o nei film, il comportamento, la mimica, le personalità degli altri esseri umani. Questa cosa mi ha aiutato a prendere sicurezza di me stesso, mi ha aiutato a mimetizzarmi con gli altri... Una delle mie piu grandi sofferenze durante l'adolescenza e l'infazia era il fatto di non sentirmi uguale agli altri, mi sono sempre sentito diverso... Un alieno. Non ho mai trovato un posto per me con gli altri, ergo per evitare di essere escluso o preso in giro, ho imparato a imitare i comportamenti di chi guardavo, in questo modo potevo far parte di un mondo anche se la mia anima non ne faceva parte. Potevo fingere di essere come loro e sentirmi in parte, solo in parte purtroppo, accettato.
Mi sono sempre chiesto perchè gli umani reagiscono in certi modi che io non comprendo. Perchè siano cosi irascibili ed emotivi, perchè siano cosi cattivi ed ingiusti, perchè siano cosi voltafaccia... Sai benissimo che non mi sento parte di tutto questo.

Stesso discorso per le relazioni.
Sono asessuale, lo sai. A me il sesso non piace, ne interessa. Non lo vedo come un atto d'amore, ma solo come un atto fisico che non trasmette nulla se non eccitazione. E se il sesso normale non mi garba molto, beh quello orale sinceramente mi disgusta. Mea culpa. Io non posso decidere quello che dovrei provare durante quei momenti....Per tutta la vita mi sono chiesto perchè non provassi attrazione ''sessuale'' verso le ragazze, ma solo romantica... Solo negli ultimi anni ho capito il perchè... Mi hai accusato innumerevoli volte di non amarti perchè non mi andava di fare sesso... Ma ti sei mai chiesta cosa io provassi durante quelle situazioni? E' una colpa questo? E' una colpa il fatto che a me il sesso non piaccia? Me lo hai rinfacciato cosi tante volte facendomi stare malissimo... Facendomi sentire cosi diverso dal mondo... Senza un posto, senza qualcuno che potesse anche solo capire ciò che io provassi... Hai solo saputo incolparmi... E farmi stare male. 

E ancora, lo stesso per la mia disforia... Ho notato che un tema ricorrente tra i gruppi asperger che frequento è proprio la disforia, e ne sono rimasto colpito. Tanti neurodiversi non si sentono a proprio agio con il loro genere o corpo. Chi non binary, chi mtf o ftm, chi asessuale, chi invece fin troppo aperto e cosi via... Una sessualità ''diversa'' non è una cosa rara nel mondo asperger.

Ancora, continuo... Il fatto di avere degli interessi assorbenti, sei mai rimasta ad informarti, a studiare, infognarti in qualcosa per 8-9 ore di fila? A me capita spesso. Mi capita con l'informatica, con i videogiochi, musica, film, filosofia,esoterismo, temi sociali... Io mi ci fisso... Mi ci fisso come non ho mai visto nessuno fissarsi. E quando qualcosa mi prende del tutto io non penso ad altro, il mondo esterno non esiste piu. Vado a dormire con quel pensiero e mi risveglio con quel pensiero. Fino a prima di conoscerti la mia vita era fatta cosi. Vivevo per cio che reputavo interessante, e continua ad essere cosi. Questa cosa non cambierà mai. Uno dei motivi per cui non reputo fondamentale le persone nella mia vita, io vivo dei miei interessi che assorbono ogni mia energia mentale e non riesco a farne a meno, anzi... Se sono totalmente assorbito e qualcuno me lo impedisce, sto di merda...E solitamente gli altri me lo impediscono, facendomi stare una merda.

Potrei continuare con questi esempi all'infinito... Quando litighiamo ho il vizio di strofinarmi le mani, o gli occhi, o persino coprirmi la testa con le mani e restare in quel mood tipo catatonia, idem per quando sono in stato di nervosismo o ansia... Quando sono in sovraccarico mi isolo, quando sono scarico mi isolo... Non mi piace quando qualcosa cambia la mia routine che come sai è sempre la stessa tutti i giorni, non cambia mai di una virgola... 
Gli schemi poi. Cazzo...
Io penso sinceramente sia uno dei pochi doni e pregi che ho, da quando sono piccolo mi hanno sempre premiato ed elogiato per la mia incredibile intelligenza ( non emotiva a quanto pare ), sono sempre stato elogiato da professori, genitori, amici per il mio spiccato senso di capire una cosa al volo, una cosa che vedo che gli altri si sognano purtroppo, persino tu... Il fatto di capire un concetto, una situazione, un discorso senza che vi siano troppe spiegazioni... Forse è l'unico mio pregio... Io dietro moltissime cose vedo uno schema ben preciso che mi fa capire l'effettivo funzionamento di quella cosa. Non so da cosa sia dovuto, non so perche succede, ma è l'unica cosa di cui posso andare fiero... Forse...

Ma a che serve precisare tutto questo?
Alla fine non serve a nulla, tu non vorrai mai capirmi...Penserai sempre siano scuse che invento per ''non amarti''... Cosa che ripeti allo stremo.
Ma io non posso farci nulla. Posso migliorare alcune cose, ma non posso cambiare. E cio che a me da fastidio, da fastidio punto. Non posso farci niente. Se mi da fastidio il tuo comportamento autoritario, violento quando ti incazzi con me, ossessivo e impulsivo, io non posso farci nulla. Questo atteggiamento che hai nei miei confronti mi manda in pezzi. Tutte le botte che mi hai dato sulla testa, gli oggetti lanciati addosso, le litigate per delle cagate assurde... Tutto ciò fa parte di una una violenza che non mi appartiene, un comportamento autoritario che reputo altamente nocivo. Sono situazioni che mi creano ansia, malessere e tanta sofferenza e non credo sia giusto che io debba continuare a viverle nonostante provi comunque forti sentimenti per te. Tu non riesci a capirlo.
Mi dici che se c'è amore c'è tutto.
Beh, per me non è cosi. Assieme all'amore deve esserci serenità, pace, divertimento, connessione...Non odio e litigi. Di certo non per delle cagate tra l'altro. Può esserci tutto l'amore del mondo ma se non c'è un effettiva tranquillità in una relazione, io sono obbligato a metterla in discussione se questa mi fa stare di merda.
Vivo perennemente sotto le tue accuse, sotto le tue decisioni che mi imponi... Ma adesso basta. Te l'ho detto. Se devo scegliere tra me e te... Io scelgo me. Me e la mia salute. Non sopporto piu gli attacchi di panico, l'ansia e la tachicardia che provo quando litighiamo, o, durante le nostre tipiche discussioni ''aggressive''. E pensare che fino a qualche anno fa queste erano sensazioni a me sconosciute...

Non sto dando la colpa ai miei disturbi, sia chiaro... Volevo rendertene partecipe, tutto qui... So che comunque non capirai, e nemmeno mi crederai, illudendoti che sia una cagata creata dalla mia mente tutto questo. Ma... Beh, mi dispiace per te se pensi questo.

Questo è il motivo per cui io sento il bisogno di staccare da questa relazione per un po. E se mi conoscessi bene sapresti che non è una scusa per lasciarci senza darci spiegazioni, anzi. Ho cercato di spiegarti con tutto l'amore possibile che dopo tutto questo periodo di merda che abbiamo passato, che hai e che ho passato, io abbia bisogno di... Vivere.
Ho vissuto come un Hikikomori per gli ultimi 6-7 anni, precludendomi tutto cio che la vita puo offrire, tutto cio per cui le persone vivono normalmente... Non ho mai fatto alcun tipo di esperienza in niente.
Non ho basi per il futuro, non ho basi su cui sviluppare la mia vita, nessun amico, niente di tutto quello che le persone normali hanno. E a 27 anni, posso affermare con sicurezza assoluta che questo è un deficit enorme. 
A differenza mia tu in adolescenza hai fatto almeno qualcosa, io nemmeno in quel periodo. Sempre solo ad affrontare il mondo. Sempre.
Ecco perchè ora mi ritrovo a volere, piu della mia stessa vita, delle esperienze. 
Sento il fortissimo bisogno di mettermi in gioco, di ampliare e realizzare tutti quegli innumerevoli progetti che ho nella testa da anni e che la sociofobia e la depressione mi hanno impedito di realizzare. Sento il fortissimo bisogno dopo il mio esaurimento nervoso di cambiare vita, del tutto. Di trasferirmi, imporni un altra routine, andare da uno psicologo e fare una terapia, lavorare alla mia musica, ai miei film, vorrei con tutto me stesso dare una realtà a tutti i progetti che ho in testa da anni... Per troppo tempo ho rimandato a causa dei miei problemi, ma adesso sento questo forte senso di riscatto che non puo dileguarsi nel nulla, in nessun modo. Voglio realizzare qualcosa per cui sentirmi normale... Come gli altri, qualcosa che mi faccia sentire realizzato, felice, soddisfatto.... Qualcosa per cui gli altri possano persino invidiare, al posto di catalogare come sfigato tutto cio che faccio e che mi piace...
Per questo ti ho detto che sarebbe meglio prenderci un periodo di pausa, un periodo per lavorare su noi stessi. Io avrò anche tanti problemi, sarò anche estremamente diverso, ma tu forse sei persino messa peggio di me con tutti i disturbi che hai... Mi chiedo come tu possa pensare di avere una relazione sana, se come me sei piena, piena, piena di problemi? Non pensi che prima di tutto bisognerebbe lavorare su noi stessi e cambiare cio che ci fa stare cosi tanto male? Se non stai bene con te stessa come pretendi di stare bene con gli altri? 
E' questo che cercavo di spiegarti... Io credo che lavorando su noi stessi, mettendo la nostra relazione da parte per un po, e riprendendola piu avanti, possa essere utile ad entrambi. Sia a noi stessi come persone singole, sia a noi stessi come coppia. Ma tu non la pensi cosi e... La relazione ora come ora a me non va bene, è troppo tossica. Non solo per me, per entrambi, solo che tu proprio non vuoi rendertene conto... Però mi dispiace... Se devo scegliere tra l'amore che ho per te e la mia salute, il mio benessere fisico e mentale... Io scelgo quest'ultimo. Gli ultimi 2 anni mi hanno veramente distrutto.
rondinella61

Commenti

  • anxietyanxiety Post: 153
    modificato 2 gennaio
    @Springtime
    Springtime ha detto:

    Oggi il mio ragazzo mi ha lasciato un messaggio lunghissimo... Io non so che fare e che pensare... Litighiamo da tantissimo tempo ormai, non andiamo piu d'accordo, la relazione è instabile e ci sono praticamente sempre e solo divergenze tra di noi, anche per le questioni più banali. Dice di credere / essere asperger... Non so piu cosa fare...

    Questo è un estratto del messaggio... Voi che ne pensate? Potrebbe esserlo? Io soffro di disturbo affettivo e di DOC. Sto malissimo da mesi per la situazione che si è creata.. Esattamente come lui....

    Mi ha lasciato questo messaggio lunghissimo, un sentito ringraziamento a coloro che lo leggeranno fino alla fine, so che non è una cosa da tutti, ma non so più dove sbattere la testa.... Questo è un estratto.....

    Insomma... Ci sono tantissimi fattori che mi accomunano al mondo neurodiverso, proprio perche sono neurodiverso.
    La consistenza dei cibi ad esempio. Io ci sono fissato. Non mangio le verdure perchè la loro consistenza fibrosa mi disgusta, esattamente come la consistenza del grasso animale o dei nervi/tendini, la consistenza delle bucce di un alimento, la consistenza del grasso o della parte scura, piu dura, del salmone, la consistenza delle uova di pesce, quella di mangiare piu di 3 maltagliati alla volta ( ci hai mai fatto caso che i maltagliati li mangio a 2 a 2 o a 3 al massimo? Non di piu? Mi da fastidio avere in bocca piu di 3 maltagliati, idem per gli spaghetti. Non piu di 4-5 spaghetti alla volta arrotolati, se no mi disgusta.
    Idem per i funghi se sono troppo fibrosi, idem per le cose troppo oliose, idem ad'esempio per i semini nella frutta ( fragole, uva, kiwi ). E miliardi di altre cose che non possono venirmi tutte in mente ora.
    Lo stesso vale per alcuni tessuti oltre che al cibo... Odio alcuni tipi di cotone, di lana, di tessuto. A contatto con la pelle mi danno stra fastidio. Idem per consistenza di letti, cuscini, coperte, sedie.
    Poi ci sono i rumori. Odio qualunque tipo di rumore, dai passi o dallo strusciare dei piedi ( cosa che odio tantissimo ) a vari e tantissimi altri rumori ( allarmi, scarico, rumori acuti tipo pentole e piatti, voci di bambini, quanto non sopporto il pianto dei bambini madonna, motociclette, voci delle persone )
    E mi fermo qui. Mi fermo qui perchè ci sono troppe cose. Alcune di esse di sicuro nemmeno le potresti capire purtroppo.

    Non credo tu riesca a realizzare, sinceramente, che il mio modo di pensiero, vita, emozioni, sia completamente diverso dal tuo, ed io non so nemmeno come farti capire come funzioni tutto cio, poichè nemmeno io ne sono al corrente. 
    Per dirti, è da quando sono piccolo che tendo ad imitare, a applicare cio che vedo attuare dagli altri, o nei film, il comportamento, la mimica, le personalità degli altri esseri umani. Questa cosa mi ha aiutato a prendere sicurezza di me stesso, mi ha aiutato a mimetizzarmi con gli altri... Una delle mie piu grandi sofferenze durante l'adolescenza e l'infazia era il fatto di non sentirmi uguale agli altri, mi sono sempre sentito diverso... Un alieno. Non ho mai trovato un posto per me con gli altri, ergo per evitare di essere escluso o preso in giro, ho imparato a imitare i comportamenti di chi guardavo, in questo modo potevo far parte di un mondo anche se la mia anima non ne faceva parte. Potevo fingere di essere come loro e sentirmi in parte, solo in parte purtroppo, accettato.
    Mi sono sempre chiesto perchè gli umani reagiscono in certi modi che io non comprendo. Perchè siano cosi irascibili ed emotivi, perchè siano cosi cattivi ed ingiusti, perchè siano cosi voltafaccia... Sai benissimo che non mi sento parte di tutto questo.

    Si, sono sentimenti comuni a tanti qui nel forum,ma non è detto che ciò sia motivo di grave impedimento per una relazione affettiva; Dipende da Te accettare questo o essere una cosa che proprio non tolleri anche perchè molte ipersensonsorialità non influenzano l'altro.
    Per gli aspetti della comunicazione con gli altri una volta che lo conosci meglio sarai tu stessa a capirlo e aiutarlo ad adattarsi.
    Post edited by Sniper_Ops on
  • vera68vera68 Post: 3,042
    modificato 3 gennaio
    Che lavorate su voi stessi prendendovi una pausa mi sembra una buona idea.
    Potreste mettere da parte aspettative e frequentarvi come amici, eventualmente, nel frattempo fare un lavoro psicoterapeutico per trovare il bandolo della matassa. Il suo e il tuo... Lanciargli addosso cose non aiuta nessuno dei due ed è un comportamento che devi imparare a gestire e controllare, anzi meglio.. È un comportamento che va sciolto come un grumo.
    Sissolina92Daniellucy84
  • Credo che lui sia stato chiarissimo. Cosa importa se è o non è Asperger, scusa? Ti ha aperto il suo cuore, ti ha raccontato le sue cose più intime e mi sembra sia stato chiaro in merito alla vostra relazione. Ti ha detto cose che probabilmente non ha mai detto a nessuno, a prescindere da cosa accadrà alla vostra relazione, ti ha fatto un regalo enorme, il suo cuore, i suoi sentimenti. 
    Poi abbi pazienza ma lanciargli oggetti addosso o picchiarlo sulla testa (se è vero o no lo sapete solo voi due)...ma ti sembra?!? 
    Io non tollererei nemmeno uno schiaffo o una minaccia di schiaffo.


    vera68Sissolina92lucy84
  • riotriot Post: 6,395
    Ciao e benvenuta!

    nessuno qui è in grado di darti la certezza. Se gliserve, cioè se ha difficoltà sociali diun elevato grado, potrebbe chiedere la diagnosi.

    in ogni caso, la sua lettera è un compendio molto preciso, quindi è molto informato. Tu le cose che ti ha scitto le avevi già notate in lui?

Accedi oppure Registrati per commentare.