Salta il contenuto

Balbuzie

VirussViruss Post: 258
modificato marzo 2015 in Apprendimento e linguaggio
Mio marito riferisce che da bambino ha sofferto per almeno tre anni di balbuzie. La cura e' stata quella pedagogico-sperimentale della nonna: lo schiaffone.
Anche oggi il suo linguaggio non è fluente, fa lunghe pause e sbaglia molte parole, in particolare i nomi delle cose e delle persone.
La cosa stride con la componente sintattica e grammaticale del discorso che invece è accurata e sopra la media.
A qualcuno di voi e' capitato di soffrire di balbuzie? Se si per quanto tempo? Si può considerare un disturbo del linguaggio frequente in autismo? Da adulti come e' il vostro linguaggio?
Post edited by yugen on
Taggata:

Commenti

  • wolfgangwolfgang Post: 10,787
    Nell'autismo in genere non lo so, nell'Asperger stiamo intorno al 10%, quindi abbastanza frequente.
    chiocciolina
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • AdalgisaAdalgisa Post: 1,793
    i nomi di cose come li sbaglia? puoi fare un esempio?
    E' vero se è vero che è vero che.. che mi fa impazzire se penso che le cose che ho toccato insieme a te debbano svanire...dimmi che non è, dimmi che non è tutta un'illusione...un'illusione"
  • VirussViruss Post: 258
    Ieri sera voleva chiedermi una polo e mi ha chiesto una felpa.
  • wolfgangwolfgang Post: 10,787
    @Viruss quello capita anche a me, di più quando sono stressato.
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • KrigerinneKrigerinne Post: 3,163
    Anche io sbaglio i nomi delle cose e non me ne rendo conto. Ad esempio in edicola (ecco, errore! Ero in cartolibreria, non in edicola, ma lo tengo questo errore perché è esplicativo) per chiedere un album di disegno una volta ho chiesto un "raccoglitore di fogli". Al che il cartolibraio mi voleva dare un raccoglitore ad anelli o uno di quelli con l'elastico, e io dicevo "no no! quello con i fogli!". A questo punto la mia amica mi ha detto che dovevo chiedere un album, non un raccoglitore. Ma per me era evidente cosa volessi e non sentivo necessario usare le parole esatte per definirlo. Cioè logicamente lo so, ma quando si parla non si può riflettere attentamente all'uso e all'esatto significato di ogni singola parola ed è facile che mi sbagli.
    Anche io balbetto ma raramente, ho iniziato a farlo verso i 16 anni. Però non è un balbettio nervoso, è più riflessivo.
    Backend developer ~ Asperger ~ ex tutor ABA
    You split the sea so I could walk right through it
  • VirussViruss Post: 258
    Wolfgang a lui non capita per stress, capita di più come dice krigerinne, cioè da per scontato che tanto si capisce cosa vuole. Io ormai afferro al volo ma certe persone rimangono alquanto perplesse.
    Un'altra cosa che fa e' cambiare discorso senza avvisare. Se si sta parlando di "A" e si esaurisce il discorso, poi di parla di "B" dopo un po' ritorna su "A" senza avvisare, alche' devo fare uno sforzo enorme per capire cosa c'entra quello che sta dicendo con "B"...solo molto dopo capisco che si riferisce al discorso precedente.
  • damydamy Post: 1,196
    Wolfgang a lui non capita per stress, capita di più come dice krigerinne, cioè da per scontato che tanto si capisce cosa vuole. Io ormai afferro al volo ma certe persone rimangono alquanto perplesse.
    Un'altra cosa che fa e' cambiare discorso senza avvisare. Se si sta parlando di "A" e si esaurisce il discorso, poi di parla di "B" dopo un po' ritorna su "A" senza avvisare, alche' devo fare uno sforzo enorme per capire cosa c'entra quello che sta dicendo con "B"...solo molto dopo capisco che si riferisce al discorso precedente.

    cavolo questo succede sempre anche a me! Balbuzie no, ma spesso non scandisco bene le parole.
  • Anche mio figlio ha avuto un periodo di balbuzie e, attorno ai 4 anni, di linguaggio non fluido, semplificava la parole. Con l'inizio delle elementari la cosa 
    si è risolta, anche se spesso parlando faceva delle pause piuttosto lunghe. Ora direi che parla normalmente, anche se a volte  utilizza lessico non del tutto appropriato! In effetti uno dei motivi per cui ci siamo rivolti al consultorio intorno ai 4 anni, è perchè pure io che sono la mamma, facevo molta fatica a capirlo.
  • KrigerinneKrigerinne Post: 3,163
    Io: oggi ho cercato di riposare ma sentivo le coperte bruciare sotto la mia pancia.
    papà: perché, dormi con le coperte??
    io: certo, mica dormo sul materasso nudo.
    mamma: Denise chiama "coperte" le lenzuola! Da quando è nata!

    Proprio non ci faccio caso, dico "coperte" ma intendo "lenzuola". E anche se ci rifletto per imparare a distinguere le due cose, mi sembrano sempre la stessa cosa. Proprio come per "edicola" e "cartolibreria". Boh, non so perché.
    Backend developer ~ Asperger ~ ex tutor ABA
    You split the sea so I could walk right through it
  • VirussViruss Post: 258
    Anche mio figlio dice coperta per lenzuolo e per qualsiasi cosa sia atto a coprirlo.

    Ieri eravamo al supermercato e ad un certo punto mio marito mi dice " dobbiamo comprare quella cosa nera per Francesca". L'ho guardato, ci siamo guardati. Io sapevo a cosa si riferiva perché poco prima avevo detto che dovevo ricordarmi di comprare un bicchiere di plastica dura per Francesca che sta iniziando a bere da sola.

    Si è messo a ridere senza riuscire a capire quale fosse il nesso tra "la cosa nera" e un bicchiere di plastica. E non l'ho capito nemmeno io.
  • KrigerinneKrigerinne Post: 3,163
    Cioè, tuo marito non ha capito il nesso tra quello che ha detto e quello che intendeva? Ho capito bene?
    Comunque spessissimo, almeno per me, parlare è difficile. Sia perché non recupero i nomi degli oggetti, sia perché risulterei logorroica anche nelle risposte brevi. Non so cosa dire e cosa non dire, cosa è importante e cosa no, e mi viene tutto in mente contemporaneamente e non so adoperare una scissione tra il prioritario e il facoltativo.
    Backend developer ~ Asperger ~ ex tutor ABA
    You split the sea so I could walk right through it
  • .. infatti un nesso non c'era.... era una immagine (di una cosa nello scaffale di fronte) che si è sovrapposta ad una frase che avevo iniziato.
    Un incrocio, tutto qui.
    Ciao
    If there's one thing you can say about Mankind... There's nothing kind about man....
  • KrigerinneKrigerinne Post: 3,163
    Ah, ho capito! Pensavo che il "bicchiere duro" fosse anche nero, di qui il "quella cosa nera".
    Backend developer ~ Asperger ~ ex tutor ABA
    You split the sea so I could walk right through it
Accedi oppure Registrati per commentare.


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!