Salta il contenuto

Parla come un "troglodita", ma CANTA!

Salve a tutti carissimi genitori, sono nuovamente qui per esporvi un altro quesito. Mio figlio, (Ritardo dello sviluppo psicomotorio e linguistico), ha oggi 35 mesi esatti. Sta maturando molto solo andando al nido, non segue terapie da Gennaio. La comprensione, che fino a Dicembre era pari a zero, è esplosa: comprende tutto ed esegue ogni "comando", anche se nel mentre sta facendo altro, tipo guardare la tv, mangiare, usare il cellulare...il linguaggio è molto, ma molto elementare, immaturo, incompleto e comprensibile solo a metà, (cioè noi genitori capiamo tutto ciò che dice, gli altri no). Però quando canta lo fa perfettamente, sia per "tempi musicali" che per correttezza delle parole usate. Ieri sd esempio mi tira giù dal divano e mi dice MAMMA, GIO GIO OOO, poi però quando iniziamo a girare, lui comincia a cantare e dice perfettamente GIRO GIRO TONDO, QUANTO È BELLO IL MONDO...cioè, bho, non capisco come interpretare questa cosa. Oppure...se gli.mostro i pupazzetti dei Pjmasks e gli chiedo COME SI CHIAMA QUELLO VERDE? Lui risponde GECIO, se gli chiedo COME SI CHIAMA LA FEMMINA? Lui risponde SUETTA, però poi canta la sigla e dice GUFETTA, GECO, GATTOBOY! Avete esperienze analoghe? Io non credo che un Ritardo dello sviluppo psico motorio c'entri molto con questa cosa. Grazie.
Sniper_OpsSperanza
«1

Commenti

  • Sniper_OpsSniper_Ops Post: 1,261
    Azzardo una risposta, ma non ne sono affatto sicuro: è possibile che quando deve comporre una frase ha le difficoltà, mentre col canto no, perché vede il Lyrics delle canzoni come dei suoni e non delle parole?
    AliceinWSperanzaNemowolfgang
  • CorocottasCorocottas Post: 1,322
    modificato maggio 2018
    Ciao @AliceinW ,ti rispondo non da genitore ma da "ex bambino simile al tuo", come ho già fatto una volta... se il tuo piccolo "canta", nel senso che ripete frasi di canzoni con tutti i fonemi al posto giusto, in modo corretto e apparentemente comprendendone il significato, allora non si può dire che parli come un troglodita.

    Semmai, a me sembra (da quel poco che intuisco dal tuo racconto) che lui trovi innaturale la prosodia della lingua parlata e si concentri pertanto su quella cantata, probabilmente perché trova la scala utilizzata nella musica occidentale, che sente alla radio, alla TV eccetera, "più consona all'espressione della sua organizzazione mentale" che non la prosodia dell'italiano.

    Da quel che ho capito dalle mie osservazioni (per cui non ti sto parlando di una legge universale ma solo di una teoria personale) la mente autistica, come ho scritto su altri topic, non "elabora" e non "salva" affatto "meno dati" di quella neurotipica, come si potrebbe superficialmente credere... semplicemente li "salva" organizzandoli in "cartelle" diverse da quelle in cui le salverebbe una mente neurotipica, che invece si organizza per "imitazione delle cartelle dati degli altri" e quindi risulta facile da gestire, perché lo schema che apprende è trasmesso da generazioni, senza sostanziali modifiche.

    E il concetto stesso di "canto" è molto neurotipico, come lo è la sua distinzione dal linguaggio parlato come se fossero due cose diverse. Anche quando parliamo noi cantiamo, in realtà, e i toni di una conversazione si possono riprodurre tutti sulla tastiera di una chitarra o di uno strumento a corda, meglio ancora un violoncello, che non avendo tasti consente di "legare" fluidamente una nota all'altra senza che si percepisca il salto tra un semitono e l'altro.

    Le menti autistiche non sono tutte uguali e non tutte, nell'apprendimento del linguaggio, si focalizzano sull'aspetto musicale invece che sui fonemi; alcuni li sviluppano entrambi in eguale grado, però la mente autistica percepirà sempre "innaturale" la prosodia, perché di fatto, se si ragiona in termini autistici, la prosodia di una lingua parlata (ovvero la sua intonazione, l'"accento" e il tono caratteristico della conversazione) non è altro che "una serie di musiche scelte tra tutte le possibili", alla quale, per ragioni che la mente autistica non comprende (perché tende a privilegiare l'apprendimento per sperimentazione a quello per imitazione), i neurotipici danno il nome di "linguaggio parlato".

    Perciò la sua mente, che non imita immediatamente "la canzone degli altri", ovvero la prosodia del luogo di origine e dei genitori, distinguendo tutto il resto come "musica", ma sperimenta combinazioni di toni essa stessa, trova difficile concentrarsi su "quella musica strana" che una mente neurotipica riconosce immediatamente come "parlato, che è una cosa diversa dal canto".

    Ma quelle cose si possono suonare tutte. Si può "suonare" in italiano e in inglese, in irlandese e in napoletano; si può suonare una domanda, una risposta, un alterco, una conversazione tranquilla. Se una mente neurotipica impara subito a distinguere i fonemi come più importanti dei toni nella comprensione di una lingua come l'italiano (ma non vale per tutte le lingue), la mente autistica non dà questo per scontato e può trovare più facile il contrario, ovvero "assorbire la musica" prima dei fonemi, e potrebbe progredire, forse, se gli si insegnasse "la musica della frase" che gli si vuole dire, suonandola o anche "mugolando" a voce senza emettere i fonemi, e poi aggiungendo i fonemi.

    Secondo me tuo figlio può parlare correttamente, ma bisognerebbe "insegnarglielo" così. E comunque il suo focus e interesse sulla musica non è assolutamente da sottovalutare, perché non nasce da una "volontà di apparire" o di imitare un modello, ma da una precisa esigenza comunicativa. Un bambino con queste premesse a mio avviso potrebbe eccellere nella musica, se gliela si insegna nel modo giusto (ovvero in modo da rispettare il più possibile i suoi schemi di apprendimento).
    Sniper_Opsrondinella61claluiAmeliePiu82AliceinWSophiaSperanzaale82Nilae 4 altri.
  • AliceinWAliceinW Post: 293
    Sniper_Ops ha detto:

    Azzardo una risposta, ma non ne sono affatto sicuro: è possibile che quando deve comporre una frase ha le difficoltà, mentre col canto no, perché vede il Lyrics delle canzoni come dei suoni e non delle parole?

    Non saprei, anche perché non risponde ai miei tentativi di metterlo alla prova in tal senso. Certo ammetto che è un enorme emozione sentirlo cantare.

    Sniper_Ops
  • AliceinWAliceinW Post: 293
    Corocottas ha detto:

    Ciao @AliceinW ,ti rispondo non da genitore ma da "ex bambino simile al tuo", come ho già fatto una volta... se il tuo piccolo "canta", nel senso che ripete frasi di canzoni con tutti i fonemi al posto giusto, in modo corretto e apparentemente comprendendone il significato, allora non si può dire che parli come un troglodita.

    Semmai, a me sembra (da quel poco che intuisco dal tuo racconto) che lui trovi innaturale la prosodia della lingua parlata e si concentri pertanto su quella cantata, probabilmente perché trova la scala utilizzata nella musica occidentale, che sente alla radio, alla TV eccetera, "più consona all'espressione della sua organizzazione mentale" che non la prosodia dell'italiano.

    Da quel che ho capito dalle mie osservazioni (per cui non ti sto parlando di una legge universale ma solo di una teoria personale) la mente autistica, come ho scritto su altri topic, non "elabora" e non "salva" affatto "meno dati" di quella neurotipica, come si potrebbe superficialmente credere... semplicemente li "salva" organizzandoli in "cartelle" diverse da quelle in cui le salverebbe una mente neurotipica, che invece si organizza per "imitazione delle cartelle dati degli altri" e quindi risulta facile da gestire, perché lo schema che apprende è trasmesso da generazioni, senza sostanziali modifiche.

    E il concetto stesso di "canto" è molto neurotipico, come lo è la sua distinzione dal linguaggio parlato come se fossero due cose diverse. Anche quando parliamo noi cantiamo, in realtà, e i toni di una conversazione si possono riprodurre tutti sulla tastiera di una chitarra o di uno strumento a corda, meglio ancora un violoncello, che non avendo tasti consente di "legare" fluidamente una nota all'altra senza che si percepisca il salto tra un semitono e l'altro.

    Le menti autistiche non sono tutte uguali e non tutte, nell'apprendimento del linguaggio, si focalizzano sull'aspetto musicale invece che sui fonemi; alcuni li sviluppano entrambi in eguale grado, però la mente autistica percepirà sempre "innaturale" la prosodia, perché di fatto, se si ragiona in termini autistici, la prosodia di una lingua parlata (ovvero la sua intonazione, l'"accento" e il tono caratteristico della conversazione) non è altro che "una serie di musiche scelte tra tutte le possibili", alla quale, per ragioni che la mente autistica non comprende (perché tende a privilegiare l'apprendimento per sperimentazione a quello per imitazione), i neurotipici danno il nome di "linguaggio parlato".

    Perciò la sua mente, che non imita immediatamente "la canzone degli altri", ovvero la prosodia del luogo di origine e dei genitori, distinguendo tutto il resto come "musica", ma sperimenta combinazioni di toni essa stessa, trova difficile concentrarsi su "quella musica strana" che una mente neurotipica riconosce immediatamente come "parlato, che è una cosa diversa dal canto".

    Ma quelle cose si possono suonare tutte. Si può "suonare" in italiano e in inglese, in irlandese e in napoletano; si può suonare una domanda, una risposta, un alterco, una conversazione tranquilla. Se una mente neurotipica impara subito a distinguere i fonemi come più importanti dei toni nella comprensione di una lingua come l'italiano (ma non vale per tutte le lingue), la mente autistica non dà questo per scontato e può trovare più facile il contrario, ovvero "assorbire la musica" prima dei fonemi, e potrebbe progredire, forse, se gli si insegnasse "la musica della frase" che gli si vuole dire, suonandola o anche "mugolando" a voce senza emettere i fonemi, e poi aggiungendo i fonemi.

    Secondo me tuo figlio può parlare correttamente, ma bisognerebbe "insegnarglielo" così. E comunque il suo focus e interesse sulla musica non è assolutamente da sottovalutare, perché non nasce da una "volontà di apparire" o di imitare un modello, ma da una precisa esigenza comunicativa. Un bambino con queste premesse a mio avviso potrebbe eccellere nella musica, se gliela si insegna nel modo giusto (ovvero in modo da rispettare il più possibile i suoi schemi di apprendimento).
    Bhe...magari mio figlio lo si potrà uun giorno considerare come un ex bimbo simile a te, perché tu sei geniale. Lui a Settembre non diceva nemmeno una parola, però cantava perfettamente una canzoncina fatta di parole incomprensibili, la riproduceva in modo identico, difatti lui canta in inglese, per cui credo che tu abbia c'entrato il punto. E poi "legge" i titoli delle canzoni che conosce, non solo da logo, ma anche se glieli scrivo io a penna, sia in stampatello che in corsivo. Spero di essermi spiegata bene. Cioè...lui conosce Californication dei Red Hot, e se lo legge sul cd, (logo), o se gli scrivo a penna Californication, lui lo "legge", vale anche per i testi in italiano. Glielo scrivo e gli chiedo: CHE C'È SCRITTO QUI? E lui sicuro e con una pronuncia perfetta: CALIFORNICATION!
    Ti spiacerebbe farmi un esempio più concreto di come potrei "insegnargli a parlare mugolando e poi aggiungendo i fonemi"? Grazie mille.
    Sniper_OpsNilarondinella61
  • Quella che hai descritto si chiama “lettura globale”, ce l’ha anche mio figlio.
    AliceinWgufomatto79
  • AliceinWAliceinW Post: 293
    mammaconfusa80 ha detto:

    Quella che hai descritto si chiama “lettura globale”, ce l’ha anche mio figlio.

    In che consiste?
  • Significa leggere associando la parola all’immagine. È meno faticosa di quella sillabica che è la vera lettura, quella in cui il bambino impara ad associare i vari fonemi.
    AliceinWNewtonrondinella61
  • AliceinWAliceinW Post: 293
    mammaconfusa80 ha detto:

    Significa leggere associando la parola all’immagine. È meno faticosa di quella sillabica che è la vera lettura, quella in cui il bambino impara ad associare i vari fonemi.

    E come mai "funziona" anche se glielo scrivo in corsivo, oppure in qualsiasi colore e/o grandezza? Grazie.

  • Che legga il corsivo a tre anni è una superabilita’. Forse tuo figlio è un piccolo genio
    AliceinW
  • CorocottasCorocottas Post: 1,322
    @AliceinW intendo una cosa simile a quella che io faccio in questo breve file audio (tratto dal topic delle Voci del forum, dove l'avevo pubblicato qualche mese fa).


    Qui io "converso" con il mio bouzouki (lo strumento che suono, superficialmente simile a un mandolino). Per questo video chiaramente la cosa era fatta in modo "comico", come se io parlassi e conversassi davvero con le corde... ma il principio è quello: "suonare" la musica che si fa parlando.

    Io suggerivo di mugolare a voce invece che con uno strumento perché chiaramente con la voce è più facile.

    Comunque mi ritrovo pienamente anche nel suo fatto di cantare perfettamente in inglese. Vedrai che succederà la stessa cosa con lo spagnolo, il portoghese eccetera.

    Sono convinto che tuo figlio possa potenzialmente imparare anche un sacco di lingue, in quel modo lì, ovvero a partire dalla lingua parlata/cantata invece che da quella scritta, dalle "lettere".

    Io così ho imparato non solo l'inglese (che è la prima che si impara perché si "assorbe" dappertutto) ma anche il portoghese, lo spagnolo, il greco, il francese; e da piccolo io "parlavo cantando".

    Secondo me lui da grande può diventare anche un poliglotta (ed essere avvantaggiato nei viaggi, perché non partendo dalla lingua scritta, capirà molto più facilmente gli accenti locali e in generale "la lingua straniera parlata). A patto però che gli si insegni ogni lingua così: con canzoni e suoni, e non sui libri (io per esempio finché ho studiato inglese a scuola ho avuto voti bassi, perché l'insegnamento dell'inglese in Italia è basato per lo più sulla lingua scritta).
    Sniper_OpsAliceinWgufomatto79Sophiarondinella61
  • AliceinWAliceinW Post: 293
    @Corocottas mi hai aperto una finestra enorme sul mondo di mio figlio. Eppure non mi spiego come mai, alla luce di tutti questi particolari, ancora i medici siano straconvinti che abbia solo un ritardo del linguaggio. Ti disturbo ancora chiedendoti secondo te come sia possibile.
  • AliceinWAliceinW Post: 293
    mammaconfusa80 ha detto:

    Che legga il corsivo a tre anni è una superabilita’. Forse tuo figlio è un piccolo genio


    Un piccolo genio per me lo è di certo, se penso ai progressi che ha fatto del tutto da solo.
  • Sarò sincera, hai girato quante npi? In quante ti hanno detto che nn si tratta di spettro autistico? Se sei così preoccupata perché hai interrotto le terapie? Sei andata da un esperto in autismo? Se si ma ti ha detto che nn è nello spettro perché continui ad intestardirti?
  • AliceinWAliceinW Post: 293
    modificato maggio 2018
    Lo hanno visto in 8, l'ultima volta a Dicembre. Tutti hanno escluso lo spettro. Le terapie purtroppo ho dovuto interromperle perché il bimbo ha dei seri problemi di salute che lo costringono spesso al ricovero, praticamente andava a fare terapia un'ora ogni 15 giorni, quando gli andava bene. Uno di questi NPI era esperto in autismo, quello che ha diagnosticato il ritardo dello sviluppo psico motorio. Non mi "intestardisco", vedo delle particolarità in.mio figlio che, com'è palese, non c'entrano nulla col ritardo dello sviluppo psico motorio. Sarò sincera anche io: crea problemi a qualcuno se faccio delle domande in merito su questo forum? Nel caso me ne scuso, non è proprio mia intenzione.
  • Ma nn è che è un problema, chiunque può scrivere in questo forum che comunque si chiama spazio asperger. 8 npi sono tantissime, rasserenati o inizia un percorso tu personale.
    AliceinWSniper_Ops
  • gioiagioia Post: 649
    AliceinW ha detto:

    Lo hanno visto in 8, l'ultima volta a Dicembre. Tutti hanno escluso lo spettro. Le terapie purtroppo ho dovuto interromperle perché il bimbo ha dei seri problemi di salute che lo costringono spesso al ricovero, praticamente andava a fare terapia un'ora ogni 15 giorni, quando gli andava bene. Uno di questi NPI era esperto in autismo, quello che ha diagnosticato il ritardo dello sviluppo psico motorio. Non mi "intestardisco", vedo delle particolarità in.mio figlio che, com'è palese, non c'entrano nulla col ritardo dello sviluppo psico motorio. Sarò sincera anche io: crea problemi a qualcuno se faccio delle domande in merito su questo forum? Nel caso me ne scuso, non è proprio mia intenzione.

    @aliceinw credo che @mammaconfusa80 intendesse semplicemente tranwyillizzarti sul fatto che se ben 8 Npi ti dicono che il bimbo non è nello spettro autistico forse hanno ragione. Non credo affatto intendesse dirti che dai fastidio a qualcuno scrivendo qua . mi spia e per i suoi problemi di salute .. Mi viene da pensare che se è spesso ricoverato forse il bimbo vive un po male la cosa ed è solo per questo che ti pare assuma atteggiamenti strani o oppositivi. Ci hai mai pensato?
    AliceinWdamy
  • AliceinWAliceinW Post: 293
    gioia ha detto:

    AliceinW ha detto:

    Lo hanno visto in 8, l'ultima volta a Dicembre. Tutti hanno escluso lo spettro. Le terapie purtroppo ho dovuto interromperle perché il bimbo ha dei seri problemi di salute che lo costringono spesso al ricovero, praticamente andava a fare terapia un'ora ogni 15 giorni, quando gli andava bene. Uno di questi NPI era esperto in autismo, quello che ha diagnosticato il ritardo dello sviluppo psico motorio. Non mi "intestardisco", vedo delle particolarità in.mio figlio che, com'è palese, non c'entrano nulla col ritardo dello sviluppo psico motorio. Sarò sincera anche io: crea problemi a qualcuno se faccio delle domande in merito su questo forum? Nel caso me ne scuso, non è proprio mia intenzione.

    @aliceinw credo che @mammaconfusa80 intendesse semplicemente tranwyillizzarti sul fatto che se ben 8 Npi ti dicono che il bimbo non è nello spettro autistico forse hanno ragione. Non credo affatto intendesse dirti che dai fastidio a qualcuno scrivendo qua . mi spia e per i suoi problemi di salute .. Mi viene da pensare che se è spesso ricoverato forse il bimbo vive un po male la cosa ed è solo per questo che ti pare assuma atteggiamenti strani o oppositivi. Ci hai mai pensato?

    Sì, ci ho pensato spesso. Però ecco...la lettura globale che mi ha spiegato @mammaconfusa80...il fatto che non sappia parlare, ma che sappia cantare bene...l'altalenanza, (2 giorni sembra migliorare e progredire, altri 3 peggiorare e regredire)...non riesco a spiegarmeli. Lo so che il forum si chiama Spazio Asperger, solo parlando con voi mi sento capita, a casa insomma. Ti ringrazio, mi scuso ancora.
  • LifelsLifels Post: 1,852
    Io non percepisco “preoccupazione” nei messaggi che @AliceinW ha scritto “ultimamente”.

    Ho invece percepito un suo bisogno di “comprendere”, indotto da una sua percezione di “illogicità” fra le “vecchie” valutazioni dei “neuropsichiatri infantili” e ciò che lei sta osservando.
    Ascoltando questa sua percezione, e scrivendo qua, AliceinW sta acquisendo nuove informazioni che potrebbero aiutarla a comprendere meglio il “suo bambino”, a vedere la “logicità” in ciò che osserva.

    Penso che laddove non si riesca a individuare una logica sia importante approfondire, viceversa si rimarrebbe in balìa delle “superficiali” osservazioni e giudizi svolti da altre persone (l’osservazione di un NPI, per esempio, è “inevitabilmente” superficiale, se paragonata a quella che possono fare genitori e altre persone che vedono spesso il “bambino”).
    Ai genitori invece manca spesso (più che ai “NPI”) la “conoscenza” necessaria a comprendere i comportamenti dei bambini con “sviluppo atipico”.
    Attraverso il dialogo “fra genitori e medici”, se da entrambe le parti ci fosse “ascolto”, si potrebbe arrivare molto più vicini alla “verità”. AliceinW, alla prossima osservazione “del bambino” (da parte di un NPI) potresti portare anche quanto scritto da @Corocottas.

    Penso che sarebbe anche meglio evitare di mostrarsi “ansiosi”, ho notato che solitamente le persone “non riescono” a recepire le utili informazioni che spesso si possono celare dietro atteggiamenti e toni che dimostrano “ansia”. Quando io temo che l'ansia possa impedirmi di comunicare in modo “efficace”, solitamente preparo qualcosa di scritto (in generale la scrittura mi sembra un metodo comunicativo “migliore” se l’obbiettivo è la comprensione di qualcosa tramite l'uso della “logica”).

    AliceinW, a me la tua presenza sul forum non da alcun fastidio, e penso che possa essere “utile” a “voi”, così come “arricchente” per “questo spazio”, quindi per le persone che lo frequentano.

    Percepisco e forse un po’ “comprendo” anche il tuo “amore” per “questo spazio”, dove hai trovato ascolto e accettazione in momenti di grande “vulnerabilità”.
    AliceinWSperanza
    Tutto “tra virgolette”

  • @Lifels certamente un npi può anche essere superficiale ma 8 credo che bastino per rasserenarsi.
  • LifelsLifels Post: 1,852
    @mammaconfusa80

    Non comprendo, in questo contesto, l’utilizzo del termine “rasserenarsi” (ciò non significa che io pensi che esso non sia “corretto”).

    Io non sto parlando di cercare una diagnosi di spettro autistico, ma di perseguire la comprensione, per agire in modo più “consapevole”, anche “ottimizzando” lo sviluppo. 
    A “tale scopo” per me il numero di opinioni (pur se di NPI) è “quasi irrilevante”; quando capita a me (di avere un pensiero che si discosta da quello degli altri), solitamente ciò che faccio è cercare di approfondire, di pormi domande, cercando “di comprendere”.

    Ciò di cui parlo non è “intestardirsi”, ma restare aperti ad innumerevoli possibilità, non pensare di sapere o che altri sappiano.
    AliceinWrondinella61
    Tutto “tra virgolette”

  • @Lifels per “rasserenarsi” intendo non agire per trovare una soluzione. Se mio figlio ha uno sviluppo atipico cerco di trovare la terapia che possa portarlo verso uno sviluppo più tipico. Ma se 8/8 dei professionisti che ho consultato mi dicono che lo sviluppo di mio figlio è solo un po’ lento ma che sta arrivando a raggiungere le tappe tipiche dell'età evolutiva credo che bisognerebbe andare oltre e godersi i suoi progressi.
    Sole
  • gioiagioia Post: 649
    modificato maggio 2018
    AliceinW ha detto:

    gioia ha detto:

    AliceinW ha detto:

    Lo hanno visto in 8, l'ultima volta a Dicembre. Tutti hanno escluso lo spettro. Le terapie purtroppo ho dovuto interromperle perché il bimbo ha dei seri problemi di salute che lo costringono spesso al ricovero, praticamente andava a fare terapia un'ora ogni 15 giorni, quando gli andava bene. Uno di questi NPI era esperto in autismo, quello che ha diagnosticato il ritardo dello sviluppo psico motorio. Non mi "intestardisco", vedo delle particolarità in.mio figlio che, com'è palese, non c'entrano nulla col ritardo dello sviluppo psico motorio. Sarò sincera anche io: crea problemi a qualcuno se faccio delle domande in merito su questo forum? Nel caso me ne scuso, non è proprio mia intenzione.

    @aliceinw credo che @mammaconfusa80 intendesse semplicemente tranwyillizzarti sul fatto che se ben 8 Npi ti dicono che il bimbo non è nello spettro autistico forse hanno ragione. Non credo affatto intendesse dirti che dai fastidio a qualcuno scrivendo qua . mi spia e per i suoi problemi di salute .. Mi viene da pensare che se è spesso ricoverato forse il bimbo vive un po male la cosa ed è solo per questo che ti pare assuma atteggiamenti strani o oppositivi. Ci hai mai pensato?

    Sì, ci ho pensato spesso. Però ecco...la lettura globale che mi ha spiegato @mammaconfusa80...il fatto che non sappia parlare, ma che sappia cantare bene...l'altalenanza, (2 giorni sembra migliorare e progredire, altri 3 peggiorare e regredire)...non riesco a spiegarmeli. Lo so che il forum si chiama Spazio Asperger, solo parlando con voi mi sento capita, a casa insomma. Ti ringrazio, mi scuso ancora.
    Sul fatto che parli ancora un pi male ma sappia cantare bene a me sembra una cosa abbastanza normale.per un bbino che non ha ancora una buona padronanza del.linguaggio.. Su una canzone che lui conosce a memoria probabilmente si sente sicuro e le parole.gli escono spontanee. Io ho un amico con una lieve balbuzie che è stato curato negli anni e oggi non si sente quasi più. Quando eravamo piccoli balbettava tantissimo.. Ma quando ci facevano fare le recite a scuola ricordo che nel cantare andava alla grande. Il canto è un qualcosa di fluido evidentemente aiuta liddove ci sono delle piccole difficoltà di linguaggio. Se il.tuo bambino ha unnritardo del.linguaggio è chiaro che ora come.ora non ha una padronanza di esso pari a quello dei bambini della sua età. Riguardo alla lettura globale non so rispondenti. Ma a parte il.dettaglio della lettura globale che potrebbe non significare assolutamente nulla, cos è che ancora ti preoccupa nel bambino? Quali sono gli atteggiamenti che ancora ti fanno dubitare?/ sai spiegarceli? A me un bimbo che risponde a domanda "/come ti chiami"/e risponde e fioca con altri bambini sembra perfettamente nella norma. Poi che abbia un linguaggio un po incomprensibile è una cosa che può essere normale sempre considerando che sembra avere un ritardo appunto del linguaggio. Il fatto che abbia iniziato ad indicare un po più tardi rientrerebbe pure nella ambito di quel " disturbo"... Quindi non riesco a capire davvero cos è che ti preoccupa. Non te lo dico per critica, ma vorrei capire .. Perche da quello che dici il bimbo a parte aver raggiunto tutte le tappe evolutive solo leggermente in ritardo.. Non mi sembra avere nulla di strano.
    AliceinWwolfgang
  • LifelsLifels Post: 1,852
    Mi sembra che @AliceinW si stia “godendo” i progressi di suo figlio; noto nella sua scrittura un’enorme differenza, confrontandola con quella di quando era da poco iscritta a questo forum. Noto molta “positività” in lei, e “gratitudine”.

    Il “raggiungimento” della “tipicità” è lontano dalla mia idea di “ottimizzazione” dello sviluppo. Preferirei che si potessero “esaltare” e “coltivare” le “atipicità” di ognuno (che si cercasse di favorire un più “naturale” sviluppo di ogni “individuo”, nel senso di seguire le “inclinazioni naturali”).
    AliceinWsara79rondinella61
    Tutto “tra virgolette”

  • AliceinWAliceinW Post: 293
    modificato maggio 2018
    Dunque @mammaconfusa80 , i suoi progressi me li sto godendo eccome, qualche commento fa ho risposto proprio a te che per me mio figlio è già un genio perché sta facendo enormi passi avanti tutto da solo. Ciò che io voglio l'ha perfettamente intuito @Lifels : desidero FAVORIRE questo suo svilupparsi, col mio aiuto. Fare domande, cercare di acquisire altre informazioni per sostenere mio figlio, per me non vuol dire NON ESSERE SERENA, ma non fermarmi se il mio istinto, il mio cuore e la mia mente mi dicono di farlo, e me lo dicono. Non esiste solo lo spettro autistico. La mia ostinazione non vuol dire ch'io voglia PER FORZA asserire che mio figlio sia autistico, ma che non credo sia solo in ritardo "rispetto alla media".
  • AliceinWAliceinW Post: 293
    Lifels ha detto:

    Mi sembra che @AliceinW si stia “godendo” i progressi di suo figlio; noto nella sua scrittura un’enorme differenza, confrontandola con quella di quando era da poco iscritta a questo forum. Noto molta “positività” in lei, e “gratitudine”.


    Il “raggiungimento” della “tipicità” è lontano dalla mia idea di “ottimizzazione” dello sviluppo. Preferirei che si potessero “esaltare” e “coltivare” le “atipicità” di ognuno (che si cercasse di favorire un più “naturale” sviluppo di ogni “individuo”, nel senso di seguire le “inclinazioni naturali”).
    Hai spiegato il mio pensiero molto meglio di me. Anche per quanto riguarda la gratitudine che provo nei vostri confronti, sia per l'Amore che sento per questo forum. Piango quando leggo le vostre storie, di commozione, di dispiacere...a seconda dei casi. "Sento" con voi, assieme a voi. E quando la vita si fa dura più del solito e sento dentro quella che io chiamo "la voglia del nulla", rileggere i miei vecchi post mi rida' forza, rendermi conto di come stessi allora e di come invece sto adesso, non ha prezzo. Ritornare su alcune vostre risposte alle mie domande di allora, è una manna. Non voglio infiltrarmi nel vostro mondo, solo affacciarmici ogni tanto, per aiutare mio figlio, non me stessa. Vi ringrazio tanto.

    Sophiarondinella61
  • arabafenice83arabafenice83 Post: 182
    modificato maggio 2018
    Quando facevo doposcuola ad una ragazza delle superiori mi ricordo che questa aveva delle difficoltà ad esprimersi.(sembrava bloccata)..e con la parte orale delle materie...non era balbuziente ma sembrava che le parole dalla sua bocca uscissero lentamente, piano piano, una per volta..allo stesso tempo era molto brava a cantare.. tanto che cantava nei musical spesso interpretando anche parti soliste..nel canto era molto fluida..di una cosa sono certa ...da piccola mi disse che aveva fatto logopedia...
    AliceinW
  • LifelsLifels Post: 1,852
    Sento di dover comunicare una cosa che considero “importante”.

    Spero che possiate non considerare i miei messaggi in questo “topic” come risposte a @mammaconfusa80, in quanto questo accostamento potrebbe portare qualcuno a fraintendere le sue parole.
    Per comprendere la logica nelle sue parole, consiglio di leggere i suoi messaggi, non i miei.
    AliceinW
    Tutto “tra virgolette”

  • AliceinWAliceinW Post: 293
    gioia ha detto:

    AliceinW ha detto:

    gioia ha detto:

    AliceinW ha detto:

    Lo hanno visto in 8, l'ultima volta a Dicembre. Tutti hanno escluso lo spettro. Le terapie purtroppo ho dovuto interromperle perché il bimbo ha dei seri problemi di salute che lo costringono spesso al ricovero, praticamente andava a fare terapia un'ora ogni 15 giorni, quando gli andava bene. Uno di questi NPI era esperto in autismo, quello che ha diagnosticato il ritardo dello sviluppo psico motorio. Non mi "intestardisco", vedo delle particolarità in.mio figlio che, com'è palese, non c'entrano nulla col ritardo dello sviluppo psico motorio. Sarò sincera anche io: crea problemi a qualcuno se faccio delle domande in merito su questo forum? Nel caso me ne scuso, non è proprio mia intenzione.

    @aliceinw credo che @mammaconfusa80 intendesse semplicemente tranwyillizzarti sul fatto che se ben 8 Npi ti dicono che il bimbo non è nello spettro autistico forse hanno ragione. Non credo affatto intendesse dirti che dai fastidio a qualcuno scrivendo qua . mi spia e per i suoi problemi di salute .. Mi viene da pensare che se è spesso ricoverato forse il bimbo vive un po male la cosa ed è solo per questo che ti pare assuma atteggiamenti strani o oppositivi. Ci hai mai pensato?

    Sì, ci ho pensato spesso. Però ecco...la lettura globale che mi ha spiegato @mammaconfusa80...il fatto che non sappia parlare, ma che sappia cantare bene...l'altalenanza, (2 giorni sembra migliorare e progredire, altri 3 peggiorare e regredire)...non riesco a spiegarmeli. Lo so che il forum si chiama Spazio Asperger, solo parlando con voi mi sento capita, a casa insomma. Ti ringrazio, mi scuso ancora.
    Sul fatto che parli ancora un pi male ma sappia cantare bene a me sembra una cosa abbastanza normale.per un bbino che non ha ancora una buona padronanza del.linguaggio.. Su una canzone che lui conosce a memoria probabilmente si sente sicuro e le parole.gli escono spontanee. Io ho un amico con una lieve balbuzie che è stato curato negli anni e oggi non si sente quasi più. Quando eravamo piccoli balbettava tantissimo.. Ma quando ci facevano fare le recite a scuola ricordo che nel cantare andava alla grande. Il canto è un qualcosa di fluido evidentemente aiuta liddove ci sono delle piccole difficoltà di linguaggio. Se il.tuo bambino ha unnritardo del.linguaggio è chiaro che ora come.ora non ha una padronanza di esso pari a quello dei bambini della sua età. Riguardo alla lettura globale non so rispondenti. Ma a parte il.dettaglio della lettura globale che potrebbe non significare assolutamente nulla, cos è che ancora ti preoccupa nel bambino? Quali sono gli atteggiamenti che ancora ti fanno dubitare?/ sai spiegarceli? A me un bimbo che risponde a domanda "/come ti chiami"/e risponde e fioca con altri bambini sembra perfettamente nella norma. Poi che abbia un linguaggio un po incomprensibile è una cosa che può essere normale sempre considerando che sembra avere un ritardo appunto del linguaggio. Il fatto che abbia iniziato ad indicare un po più tardi rientrerebbe pure nella ambito di quel " disturbo"... Quindi non riesco a capire davvero cos è che ti preoccupa. Non te lo dico per critica, ma vorrei capire .. Perche da quello che dici il bimbo a parte aver raggiunto tutte le tappe evolutive solo leggermente in ritardo.. Non mi sembra avere nulla di strano.
    Non sono preoccupata, e se è questa l'idea che do, allora non so esprimermi bene in questo contesto. Gli atteggiamenti che non mi convincono sono diversi. In primis lo sguardo e non intendo la triangolazione o la direzione, ma la "luce", come se fosse "opaco", triste, trapassato da non so cosa. E poi...un bimbo di nemmeno 3 anni, torna a casa dall'asilo ogni santo giorno e non si avvicina nemmeno lontanamente alla mamma che non vede dalla mattina presto. Non racconta nulla, non risponde che alle solite 3 o 4 domande...il suo tono di voce non è argenteo, come quello di un bimbo, è rauco, cupo, gracchiante se vogliamo. Oggi impara a dire, ad esempio, perfettamente PATATINE, domani le chiama di nuovo PATI, sembra "non fissare" nella mente ciò che impara. Non abbraccia nessuno, non si lascia abbracciare se non dopo esser stato punito per qualcosa...

    rondinella61
  • sara79sara79 Post: 445
    AlicienW la musica e’ uno strumento potentissimo nelle tue mani.
    Ho insegnato tantissime cose a mio figlio con piccoli motivetti inventati di sana pianta da me, spesso abbinati a gesti per favorire la coordinazione motoria, ancora adesso li uso per molte cose: alfabeto, giorni della settimana, ecc.
    Ha imparato a contare scrivendo il numero e battendo sul tamburo, ora sto preparando dei motivetti per aiutarlo, nella scrittura, a distinguere i suoni più difficili.
    AliceinWgioiaSperanza
  • AliceinWAliceinW Post: 293
    Un'altra cosa...non lo vedo mai SORPRESO, da un cagnolino in strada, da un gioco nuovo nella sua stanza, dai palloncini rosa appesi in soggiorno per la nascita della sorellina...
    mammaconfusa80rondinella61
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!

Libro Gratuito "Lo Spettro Autistico risposte semplici" Scarica il libro: Lo Spettro Autistico, Risposte Semplici