Salta il contenuto

Disconnessione mente-corpo

Ho spesso l'impressione che la mia mente e il mio corpo viaggino su due binari paralleli. Se ascolto la mia mente sono solo nella mia mente, se ascolto le sensazioni del mio corpo sono nel mio corpo e non posso concentrarmi sugli stimoli esterni (persone che mi parlano ecc.). Ho imparato che per calmarmi in situazioni stressanti, in particolare quelle sociali, devo concentrarmi sui segnali di disagio che il mio corpo mi manda (respiro alterato, tachicardia, tensione muscolare in particolare nella zona collo-spalle). Quando sento i segnali del corpo posso tenerli sotto controllo, quindi cominciare a respirare più piano, rilassare la muscolatura eccetera. La cosa assurda è che nella maggior parte dei casi non metto in atto queste strategie di coping perché non sento arrivare i disturbi. Sono talmente nella mia testa che non sento il mio corpo. O meglio, lo sento quando è troppo tardi, quando l'ansia ha raggiunto livelli talmente esplosivi che devo lasciare una situazione sociale perché non ne posso più o fuggire a gambe levate da un centro commerciale. Com'è possibile che io mi dimentichi completamente che ho un corpo che mi avvisa in continuazione quando una situazione mi sta causando disagio e che io la maggior parte delle volte semplicemente non lo senta? Ho letto da qualche parte che la disconnessione mente-corpo è tipica della neurodiversità, ma non smette di sembrarmi un fatto assurdo. Voi come la vivete? Che disagi vi causa? 
Devo vivere guardando il fiume che scorre.

Commenti

  • Shiki_Tima_RyougiShiki_Tima_Ryougi Post: 3,865
    modificato febbraio 2019
    Non è presente in tutti i nd situazioni di questo tipo. E ovviamente è presente anche nei nt.
    Sono spesso una risposta ad una forte ansia o comunque stato emotivo di questo tipo che noi non riusciamo a gestire e quindi per non venirne sovraccaricati la mente e il corpo si "dividono". Cerca depersonalizzazione e vedi se ti ci rivedi.
    Io vivo per lo più lo stato di derealizzazione, cioè disconnetto me stessa dal resto del mondo.
    Charade
    How wonderful it is that nobody need wait a single moment before starting to improve the world. - Anne Frank

    La paura uccide la mente. La paura è la piccola morte che porta con sé l'annullamento totale. Guarderò in faccia la mia paura. Permetterò che mi calpesti e mi attraversi, e quando sarà passata non ci sarà più nulla, soltanto io ci sarò. - Frank Herbert, libro Dune
  • CharadeCharade Post: 1,378
    @Shiki Ho avuto episodi di depersonalizzazione ma non credo si tratti di questo... è come se non riuscissi a riconoscere i segnali che il corpo mi manda rispetto al mio stato emotivo, ma con la testa ci sono, non ho sentimenti di depersonalizzazione/derealizzazione
    Devo vivere guardando il fiume che scorre.
  • Non sò se la mia sia depersonalizzazione ma di solito quando sono soggetta ad una situazione  che mi provoca forti emozioni , stacco dal mio corpo e non sento più niente ,mentalmente rimango lucida ,
     in quel momento una parte di mè  non prova niente , mentre l'altra può essere completamente sottosopra  .
    Non mi accorgo di niente a patto che le emozioni non siano troppo forti , e non prendano il sopravvento , in quel caso si manifestano sotto forma di attacco di panico .
    Charade
  • qwert179qwert179 Post: 94
    modificato febbraio 2019
    Anzi non è che non mi accorgo proprio di niente solo che non riesco a descrivere in che portata e a volte anche cosa provo...
  • Mi sembrano comunque forme dissociative per compensare la presenza di forti emozioni che non si riescono a gestire normalmente.
    Vivo spesso situazioni del genere.
    Per quanto riguarda, nello specifico, i segnali dati dal corpo... non saprei, potrebbe anche essere una scarsa capacità nel riconoscere certi input.
    How wonderful it is that nobody need wait a single moment before starting to improve the world. - Anne Frank

    La paura uccide la mente. La paura è la piccola morte che porta con sé l'annullamento totale. Guarderò in faccia la mia paura. Permetterò che mi calpesti e mi attraversi, e quando sarà passata non ci sarà più nulla, soltanto io ci sarò. - Frank Herbert, libro Dune
  • CharadeCharade Post: 1,378
    Sì, in effetti ho pensato che potrebbe avere a che fare con l'alessitimia...
    Shiki_Tima_Ryougi
    Devo vivere guardando il fiume che scorre.
Accedi oppure Registrati per commentare.


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!