Salta il contenuto

valori nt e nd

TsukimiTsukimi Post: 3,827
modificato marzo 2015 in Advocacy e Neurodiversità
Esistono secondo voi dei "valori nt" cui si contrappongono dei "valori nd"?
"The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
Post edited by yugen on
ct87
«1

Commenti

  • wolfgangwolfgang Post: 10,788
    Io aspetto un po' di risposte prima di rispondere ;)
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • Standby14Standby14 Post: 171
    in realtà temo di non aver compreso cosa intendi per "valori"
  • Andato34Andato34 Post: 4,027
    No, secondo me più che essere diversi i valori è diversa l'intensità con cui vengono sentiti e perseguiti. Un nt tende ad avere un livellamento più uniformemente distribuito su molti valori, un nd-autistico avrà valori che porta all'estremo e valori che ignora. Ma su *quali* siano secondo me non c'è una distinzione.
    ct87
    La Sindrome di Asperger è solo uno spunto per conoscere meglio se stessi e gli altri.
  • TsukimiTsukimi Post: 3,827
    in realtà temo di non aver compreso cosa intendi per "valori"
    Non mi viene una definizione soddisfacente, provo con degli esempi. Si dice che la famiglia è un valore caro agli italiani, la competitività è un valore della società occidentale etc. Si capisce cosí? Ovviamente non voglio parlare degli esempi che ho fatto ma di quelli che ritenete i valori di nd e nt, se pensate ve ne siano.
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • Standby14Standby14 Post: 171
    Ok allora forse ho capito. Secondo me è possibile che esistano dei valori percepiti come normali da nd e nt, magari diversi fra loro ed esclusivi di uno piuttosto che dell'altro, ma dubito fortemente che possano contrastare apertamente, intendo che a determinati valori non se ne contrappongono altri.
  • Andato46Andato46 Post: 5,160
    No, secondo me più che essere diversi i valori è diversa l'intensità con cui vengono sentiti e perseguiti. Un nt tende ad avere un livellamento più uniformemente distribuito su molti valori, un nd-autistico avrà valori che porta all'estremo e valori che ignora. Ma su *quali* siano secondo me non c'è una distinzione.
    Pienamente d'accordo :)
  • LunaLuna Post: 525

    Penso anche io che i valori siano i medesimi, però, parlando per esperienza personale, credo sia possibile che le persone ND o comunque che si sentono diverse, vivano tutto con maggiore passione...lo affermo pensando alle parole di mia madre, che mi dice spesso che sono idealista come quando ero alle superiori...ma per me, è assolutamente naturale essere così. Con questo non voglio assolutamente affermare che tutti i NT siano superficiali...forse però quell'aspetto che viene a volte definito "ingenuità" che spesso si attribuisce a noi diversi, concorre a renderci più legati ai valori in cui crediamo.

    ct87
  • Francy71Francy71 Post: 201
    Se posso dire la mia , sono d'accordo con Alessio . Ha detto bene. E comunque ci sono parecchi NT che io definirei ' superficiali', almeno dal mio punto di vista.
  • DingDing Post: 36
    Come molti altri hanno detto, non credo che gli ND abbiano dei valori particolari e specifici che possano essere contrapposti a dei valori NT. Si potrebbe parlare di una tendenza maggiore nell'adozione di certe idee o valori, ma non individuare dei valori comuni a tutti i neurodiversi, come non lo si potrebbe fare con i neurotipici.
  • HjoralHjoral Post: 119
    No, secondo me più che essere diversi i valori è diversa l'intensità con cui vengono sentiti e perseguiti. Un nt tende ad avere un livellamento più uniformemente distribuito su molti valori, un nd-autistico avrà valori che porta all'estremo e valori che ignora. Ma su *quali* siano secondo me non c'è una distinzione.
    Quoto. Per me, per esempio, sono valori il non fumare e il non bere, perché significa che sei giunto a una consapevolezza tale da saper interpretare e applicare il sussurro di Emily Dickinson: "Non si riempie un vuoto con l'aria". Molti nt invece si ubriacano "perché fa figo, perché è divertente", o peggio che mai: PERCHE' LO FANNO TUTTI. 
    Un'altra cosa che mi viene in mente: per me è un valore non battezzare tuo figlio (o battezzarlo solo dopo attenta riflessione), perché significa che non sei - anche qui - al livello "lo fanno tutti, lo farò anch'io senza chiedermi il significato intrinseco di ciò che sto facendo".
    In generale, i miei valori si basano sulla consapevolezza e sulla profondità di riflessione che hai raggiunto. Per me un altro valore imprescindibile è quello dell'amore verso gli animali (che va dall'averne uno al fare volontariato). Un altro è quello di scrivere sempre in maniera grammaticalmente corretta. La cultura: se non hai interesse a costruirti una cultura di alcun genere (anche arare i campi e imparare da autodidatta tutto ciò che c'è da sapere sui fiori e gli animali va benissimo, anzi, è molto apprezzabile) e non hai la curiosità (ecco, questo per me è il valore più importante, la curiosità) allora non ci sono sufficienti biezioni fra noi affinché si possa stare insieme e avere stima l'uno dell'altra. Come si fa a non avere interesse verso tutto ciò che c'è da scoprire nel mondo, e anche oltre il mondo? Come si fa a non andare oltre il tragitto fra casa-discoteca-pub-bagno per vomitare-sessione obbligatoria di sesso con sconosciuto-casa (magari facendo anche qualche bell'incidente)?
    Comunque, sono tutti valori che può avere tranquillamente anche un nt, anzi, in molti li hanno e la cosa mi rende felice e sollevata. Ma secondo me è una minoranza.
    In definitiva penso anch'io che alla fine i valori possano assomigliarsi e talvolta essere anche gli stessi. Tutto sta in quanta importanza gli si attribuisce, al "valore che si dà a quel valore".e soprattutto al fatto che, se le persone intorno a me non possiedono i più importanti fra quei valori, magari agisco in maniera selettiva e non riesco a fidarmi o ad avere stima di loro. E' una questione di intensità e passione.

    "Per me i matti erano loro, per loro il matto ero io; ma loro - maledetti - erano molti di più."
  • JimJim Post: 787
    Scusate se dico una cosa off topic, ma perchè usate gli acronimi, AS, NT, ND?
    Io, come direbbe un famoso puffo, Io ODIO gli acronimi! Ti fanno dimenticare il senso delle parole in essi contenute...
    E poi, cosa significa ND? NT = Neuro-tipico, giusto?
    Allora chiamiamoci NA = Neuro-Atipico :D
    Scusate se sono andato fuori argomento...
    Pongo un limite alla mia felicità, per porre una fine alla tua sofferenza. Questo è amore, secondo me. Rinunciare a un piccolo "me" per un piu' grande "Noi".
  • ND= neurodiverso che in sostanza è uguale a NA :) a me invece piacciono molto gli acronimi.. a volte mi piace crearne di nuovi! ma per questo post cercherò di non usarli :)

    Tornando in topic uno dei valori che reputo fondamentale è l'impegno, la precisione, la serietà nelle attività che si svolgono.. mi sembra che gran parte dei nt ne siano carenti e facciano troppe cose in modo approssimativo..
  • Andato_87Andato_87 Post: 3,049
    modificato luglio 2013
    Precisione, puntualità, onestà intellettuale e rispetto per qualunque opinione non dannosa.
  • JimJim Post: 787
    @IlViandante: ciao, ho notato che hai messo come immagine Turner, è dalle superiori che mi piace quel dipinto ;)
    Secondo me noi, ragazzi di oggi... no, volevo dire, noi ND non dovremmo considerare ciò che ci differenzia dai NT, invece
    dovremmo cercare le somiglianze. Perchè chi vuole correre i 100 metri in 10 secondi, osserva la postura del corridore,
    la tecnica, il respiro, non quanto è diverso da lui, no?
    Pongo un limite alla mia felicità, per porre una fine alla tua sofferenza. Questo è amore, secondo me. Rinunciare a un piccolo "me" per un piu' grande "Noi".
  • @Jim è Caspar David Friedrich, ma amo anche Turner :)

    Scusami ma non sono d'accordo.. o meglio è appurato che ci siano somiglianze e che siano maggiori sicuramente delle differenze in quanto siamo tutti uomini.. ma secondo me è utile focalizzarsi anche su ciò che distingue ed in particolare a ciò che è proprio di alcuni esseri umani rispetto ad altri..
    Detto ciò non vorrei dire che non esistono NT precisi, seri e che si impegnano costantemente nel loro lavoro però mi sembra che siano qualità molto più presenti negli aspie.. diciamo a livello puramente statistico..

    Riguardo al paragone col corridore scusami se interpreto male.. ma non mi è molto chiaro.. intendi che i ND dovrebbero guardare ai NT come modello?
    In tal caso se volessi correre effettivamente guarderei ad un corridore ma io non voglio essere NT. Anzi nel mio caso penso di essermi mascherato già fin troppo e che spesso non sto bene proprio perchè ho esagerato a sopprimere quello che realmente sono...

    A tal proposito vi rigiro la domanda.. quanto vi siete mascherati da NT? Quanto è utile (dal mio punto di vista è indubbio che un po' di mascheramento di certi tratti sia indispensabile negli adulti)? Quanto vi crea problemi?

  • JimJim Post: 787
    @IlViandante: D'oh! Ecco che salta fuori la mia superbia, potevo almeno controllare su google, non ero sicuro fosse Turner :P

    Non vorrei creare un post troll, ma dico la mia opinione, quello che penso sinceramente e non credo di offendere nessuno:
    si chiama sindrome di Asperger, è una patologia, qui credo che tutti concordino.
    Quindi non vorrei che noi NA creassimo come una specie di setta ariana al contrario: fieri di essere bassi, bruni e con gli occhi castani...
    Anche se l'idea mi solletica :D
    Pongo un limite alla mia felicità, per porre una fine alla tua sofferenza. Questo è amore, secondo me. Rinunciare a un piccolo "me" per un piu' grande "Noi".
  • Mmh sul fatto che sia giusto chiamarla sindrome e che sia una patologia non penso troverai molti d'accordo.. :) ti vorrei far riflettere che se tutto il mondo fosse Asperger non sarebbe affatto una patologia perchè non comporta alcuna disabilità..
    Detto ciò personalmente è irrelevante e non mi sento offeso a parlare di sindrome o di affetto da.. o neanche da patologia.. però ti voglio far riflettere sulla storia dell'omosessualità.. fino agli anni '70 era dato per scontato in molte società considerarla malattia e devianza.. ma per fortuna i tempi cambiano.. :)
    ct87
  • KrigerinneKrigerinne Post: 3,163
    modificato luglio 2013
    si chiama sindrome di Asperger, è una patologia, qui credo che tutti concordino.
    Lol. Per me caschi male qui. XD
    Per me dipende dalla persona. La persona ha una patologia, non è avere una determinata percezione che ti rende una persona portatrice di patologia.
    Inoltre se l'AS fosse una patologia non varrebbe la superiorità razziale, mentre se non lo fosse allora varrebbe la superiorità razziale? XD E' astruso il tuo punto di vista!
    Ma sono d'accordo a grandi linee. Non mi piace quando si sfocia sul razzismo. Però capisco anche che qui ogni tanto vogliamo sfogarci e dire quanto i NT fanno merdate. Non vedo in questo un reale pericolo. Al massimo ci vedo poca oggettività e tanta emotività.

    Per i valori: credo di sì. Io ad esempio voglio bene ai miei genitori, ma non ho mai capito cos'è il valore della famiglia.
    Ad esempio posso stare mesi interi senza vedere i miei genitori e non ne sento la mancanza. A volte le mie amiche rimandano gli appuntamenti perché i loro genitori vogliono passare una cena con loro (cosa molto lontana da me), o mi raccontano che da bambine uscivano con i genitori ad esempio in vacanza o in campagna a fare delle uscite familiari, o ancora molte persone si tatuano le iniziali dei propri genitori. E poi tanti "rituali" che non ho mai capito (ahahah RITUALI NEUROTIPICI XD Ecco come ti rovescio la medaglia). Ad esempio anni fa io e un'amica volevamo stare in macchina sedute entrambe nei sedili di dietro, allorché suo padre si arrabbiò dicendo che lui non era un autista. La mia amica allora si andò a sedere davanti. Cioè, a volte anche i NT hanno comportamenti disfunzionali.
    ct87
    Backend developer ~ Asperger ~ ex tutor ABA
    You split the sea so I could walk right through it
  • BlindBlind Post: 2,575
    Tralasciando il discorso 'sindrome-patologia' (omg! come si è arrivati a farne un problema di razza?!) credo ci sia un po' di confusione sul significato di "valore": un sistema di valori rappresenta un insieme di cose o comportamenti desiderabili da ciascun individuo in funzione del contesto storico/geografico in cui egli si trova. 
    In quest'ottica, sono d'accordo con alessiodx e Luna: non sono i valori in sé ad essere differenti ma il modo in cui vengono percepiti e perseguiti poiché, quando sono interiorizzati, il non rispettarli o anche solo la paura di tradirli produce un senso di colpa maggiore nei ND che non nei NT (a meno che in questi ultimi il 'valore' non sia fortemente radicato - es. l'onore per certe donne del sud, in tempi passati).

    Il padre che non vuol fare da autista alle ragazze sedute dietro non pretende il rispetto di un valore (quello del... rispetto per chi non fa l'autista? per chi si è preso il disturbo di accompagnarvi? ...?) ma esprime la preferenza di avere una delle due ragazze accanto.
    (per capirsi: un conto è *preferire* averti a fianco, un altro pensare che *devi* stare lì! ...sicuramente ci saranno state occasioni in cui ha guidato con la moglie seduta dietro ad accudire la figlia piccola e non si sarà lamentato affatto ;) ). 
  • TsukimiTsukimi Post: 3,827
    mi rendo conto che non saprei facilmente dire quali sono i miei valori.
    ct87
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • wolfgangwolfgang Post: 10,788
    Non confondete i valori con i comportamenti
    ct87
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • Andato47Andato47 Post: 603
    modificato luglio 2013
    I valori non vanno confusi nemmeno con gli obiettivi... l'ho letto recentemente in un libro, ne riporto una frase: "i valori sono i desideri più profondi del tuo cuore riguardo a come vuoi comportarti nella vita, a come vuoi interagire e rapportarti con il mondo con le altre persone e con te stesso. I valori descrivo cosa vuoi fare e come lo vuoi fare". Non vanno confusi con gli obiettivi (ad esempio smettere di fumare) perchè un obiettivo una volta raggiunto lo si può cancellare dalla "lista", mentre un valore rimane per sempre, non diventa mai una "cosa fatta" non si raggiunge mai, non è un punto d'arrivo ma una direzione... io tutte le volte che mi sono chiesta quali sono i miei valori sono riuscita a darmi come risposta solo degli obiettivi e dei comportamenti.. :(
    ct87
    A.A.D. (Asperger Auto Diagnosticata) Tutto ciò che vuoi sta al di là della tua paura...
  • wolfgangwolfgang Post: 10,788
    @mikikii esattamente. Penso tu abbia letto un libro di stampo "terza onda cognitivo-comportamentale"? Come si chiama?
    ct87
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • BlindBlind Post: 2,575
    modificato luglio 2013
    Non confondete i valori con i comportamenti
    Provo a dirlo meglio: i valori esprimono ciò che è desiderabile, le preferenze ciò che è desiderato, gli obiettivi ciò che si desidera.

    Il 'desiderabile' è qualcosa che si vorrebbe fosse realizzato a prescindere da tutto e tutti: l'onestà, il rispetto per gli altri e per le loro opinioni, ad esempio, sono valori (miei).
    Il comportamento è indipendente dai valori ma non incorrelato: ci si comporta sempre in uno stesso modo perché si hanno determinati valori (ma non è vero il viceversa).

    Il 'desiderato' è qualcosa che si preferisce che venga realizzato in un dato momento ma del quale si può anche fare a meno in determinate circostanze: preferisco che qualcuno si sieda accanto a me quando siamo in macchina per non farmi apparire come un autista estraneo al gruppo o alla famiglia ma posso fregarmene delle apparenze in caso di necessità urgenti (ehm... non è un mio desiderio, l'ho ripreso dall'esempio di Krigerinne perché non mi veniva in mente nient'altro).
    Quindi il comportamento può essere non correlato alla preferenza.

    Nel caso degli obiettivi, il comportamento è (o dovrebbe essere) rivolto al conseguimento dell'obiettivo stesso (ciò che si desidera "qui", "ora") e cambia quando questo viene raggiunto ed eliminato dalla lista.



    Ps. IMHO!

  • Andato47Andato47 Post: 603
    modificato luglio 2013
    @blind
    ho letto alcune volte il tuo post ma non so se ho capito bene... il "desiderato" è quindi un valore (il desiderabile) che puoi attuare o no?

    Cioè:
    - il desiderabile è un valore
    - il desiderato, che chiami "preferenza", si puo riferire ad un valore, un obiettivo, un comportamento 

    @wolfgang
    No, il libro non è quello. ma forse qualcosa di simile. Posso scrivere il titolo qui?

    Ritornando alla discussione iniziale di @tsukimi ho pensato a dei valori che possono differire tra Nd e Nt: sono l'onestà e la trasparenza (intesa come dire sempre le cose come stanno) che fanno parte quasi geneticamente degli ND ma posso mancare negli NT e il rispetto delle regole sociali che possono essere un valore per un NT ma ad un ND, spesso, non gliene puo fregare di meno... quindi non le considera tra i suoi valori.
    PS e riflettendo bene ho trovato come mio valore principale il rispetto per
    la vita (che sia degli uomini, degli animali o delle piante)
    A.A.D. (Asperger Auto Diagnosticata) Tutto ciò che vuoi sta al di là della tua paura...
  • Andato47Andato47 Post: 603
    Non avevo capito nulla...  ho cercato su internet "terza onda"... non è un libro, è il concetto :)
    Sì, parla di mindfulness ed acceptance (che sto scoprendo adesso) si intitola "la trappola della felicità".
    Scusate l'OT.
    ct87
    A.A.D. (Asperger Auto Diagnosticata) Tutto ciò che vuoi sta al di là della tua paura...
  • TsukimiTsukimi Post: 3,827
    Ma non essere bravi a mentire significa avere l'onestà come valore? O i valori sono magari una sovrastruttura per elevare a morale i nostri talenti e/o le nostre mancanze?
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • Andato47Andato47 Post: 603
    modificato luglio 2013
    Ma non essere bravi a mentire significa avere l'onestà come valore? O i valori sono magari una sovrastruttura per elevare a morale i nostri talenti e/o le nostre mancanze?
    Se non sei brava a mentire significa che non sei brava a fare una cosa, non che non desideri farla. I valori sono ciò che dentro desideriamo fare ed essere, al di là delle nostre capacità di riuscirci bene o no.  Se tu non vuoi mentire (al di là del fatto che tu sia brava o meno a farlo) perchè pensi che mentire sia da disonesto e l'onestà è un tuo valore, allora desideri essere onesta ed il non mentire diventa un comportamento legato ai tuoi valori, a ciò che senti giusto o meno. Se tu non vuoi mentire perchè tanto non ci riusciresti, certo puoi dire a te stessa come giustificazione che dire la verità è un valore (elevare una tua mancanza?) ma è una bugia se dentro di te non lo senti come qualcosa di fondamentale per vivere e relazionarti con gli altri. Perchè nel momento che tu imparassi a dire bugie l'onestà non sarebbe più un tuo valore.  Fare una cosa (o non farla) perchè perchè non hai alternative (o perchè ti conviene o perchè pensi sia giusto per gli altri) non perchè la senti veramente nel tuo cuore non è avere un valore è solo "applicarlo" cioè, come dici tu, farlo diventare una sovrastruttura per elevare a morale talenti o mancanze.
    A.A.D. (Asperger Auto Diagnosticata) Tutto ciò che vuoi sta al di là della tua paura...
  • TsukimiTsukimi Post: 3,827
    Concordo :).
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • wolfgangwolfgang Post: 10,788
    @Mikikii infatti "la trappola della felicità" è un libro della terza onda comportamentale :)
    Apprezzo molto l'autore, abbiamo anche pubblicato una cosa sua:

    Sui valori c'è un bel test act: http://www.eric.ed.gov/PDFS/EJ801192.pdf

    I valori sono direzioni globali e desiderate che guidano l'azione. 
    ct87
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
Accedi oppure Registrati per commentare.


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!