Salta il contenuto

Incontri fra adulti con elementi asperger a Roma

aspie32aspie32 Post: 48
modificato giugno 2013 in Regioni e territorio
Ho saputo che a Milano hanno aperto un asperger café anche se non ho idea di come venga gestito e quanto possa essere utile ad adulti più o meno asperger.

Penso che sarebbe interessante avere possibilità di incontrarsi a Roma. Può sembrare una contraddizione se consideriamo che i tratti asperger spesso sono proprio il non volersi relazionare con altre persone specialmente se sconosciute.

In realtà come molti di noi comprendono c'è un altro lato di noi che interiormente lotta per voler socializzare. Poterlo fare con persone che non siano invadenti, che possano comunicare con noi su tanti argomenti e non ultimo scambiare opinioni su questo "asperger" puo essere interessante e magari far nascere delle frequentazioni utili.

Mi riferisco agli adulti perché il problema viene sentito in modo particolare: cosa eravamo, cosa pensavamo fino a poco tempo fa finché è saltata fuori questa teoria, grazie alla rete?

E quanti non ne sanno nulla?

Infine più si è avanti con l'età più sarà difficile dichiararsi.

Auspico incontri anonimi per salvuaguardare la privacy.

Credo che il problema possa essere sentito in tutta Italia.

Che ne pensate?

Commenti

  • ezrealezreal Post: 279
    Contatemi io ci sono! Dovunque a qualsiasi ora!
    If i go crazy then will you still call me superman?
  • anankeananke Post: 1,585
    Francamente mi stupisco non vi sia venuto in mente prima:) Ottima idea:)
  • BlindBlind Post: 2,575
    Iniziativa interessante :)
    sul sito ufficiale, che non riporto perché non so se posso citare (... @wolfgang?) ma che trovate tra i primissimi risultati di google cercando "aspie cafè", con una sola 'f') si dice che "L'iniziativa sarà attuata in parallelo anche a Roma, a cominciare dal mese di aprile". Ora aprile è passato e il sito non è stato più aggiornato (alcune sezioni sono "under construction", altre sembrano del tutto trascurate...).
    Ci sono i contatti dell'associazione che ha curato gli incontri di Milano: forse varrebbe sentire prima loro, per sapere che ne è stato di quelli romani...


    Questa invece non l'ho capita:
    Auspico incontri anonimi per salvuaguardare la privacy.
    anche se, vedendoti, dovessi scoprire che sei il mio capo, il mio relatore all'università o il mio barbiere, non credo mi creerei troppi problemi né ti giudicherei in alcun modo :)



  • aspie32aspie32 Post: 48
    X Blind
    L'Aspie Café a Roma non so se aprirà, e se sarà interessante. Me lo auguro.
    Il mio interesse è creare la possibilità di comunicare fra chi lo desidera anche privatamente, in forma o meno anonima. I motivi sono tanti.
    Ogni persona con tratti asperger è diversa. Ciascuno ha una sua consapevolezza, una sua immagine.
    Ho notato che fra gli elementi che possono essere un punto in comune c'è il desiderio di non fare outing.
    Chi frequenta il forum dopotutto, lo fa in forma anonima, per la maggior parte, ma avrebbe difficoltà ad incontrare altri per una serie di timori.

    Anche comunicare privatamente via mail sarebbe d'aiuto.

    Non so se mi sbaglio ma credo che il problema fondamentale sia la comunicazione. E i canali che ciascuno vorrebbe poter usare.

    Molti inoltre vorrebbero "imparare" a comunicare. Non credo che tutti siano felicemente soli, solitari. Persino un hikkomori nel suo intimo vorrebbe poter passare del tempo in allegria o parlando di cose serie con qualcuno, stando a certi patti, rispettando i paletti che ha messo intorno a se e non se la sente di abbattere.

    Io ho esperienze di vario tipo e con varie forme di asperger. Sono molto disponibile a dialogare rispettando la sensibilità di altri aspie. Ho conosciuti anche persone incomunicabili, ma molto sofferenti. Sono persone che non scriverebbero mai in forum.

  • TsukimiTsukimi Post: 3,827
    Per anonimato intendi senza presentarsi, anche dal vivo, con il proprio nome?
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • aspie32aspie32 Post: 48
    L'anonimato non è il centro del mio post ma vedo che riscuote curiosità ...o perplessità.
    La parola anonimato fa sempre brutta impressione.

    Comunque mi riferivo all'esperienza degli alcoolisti anonimi che ho conosciuto tramite un mio amico. Li frequentò insieme al padre e in poco tempo ne ottenne grandi risultati. Il padre non era un alcoolista.

    Comunque non conosco nei dettagli come funzionava. Ho solo posto il quesito.

    Approfitto per chiedere a chi è nello spettro asperger se sente importante fare outing con tutti o se ritiene sia meglio non farlo sapere ai 4 venti.

    I minori non hanno questo problema che è gestito dai genitori. Forse alcuni genitori se lo pongono: dirlo con leggerezza agli amici e parenti o no?

  • zisczisc Post: 1,603
    penso che convenga dirlo qualora non dirlo crei problemi, o quando ci sono gia dei problemi e l'ultima soluzione probabile e' parlarne.

    oppure quando una persona ti interessa, se viene fuori perche' non dirlo?


  • TsukimiTsukimi Post: 3,827
    Dipende dalla situazione. Se ci si conosce molto bene ok, ma in altri casi avrei paura fra le altre cose di creare solo più equivoci (es che si pensi che sia meglio non parlarmi perché mi si fa dispiacere o simili).
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • wolfgangwolfgang Post: 10,799
    @Blind i siti li puoi sempre citare, non siamo in concorrenza :)
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!

Libro Gratuito "Lo Spettro Autistico risposte semplici" Scarica il libro: Lo Spettro Autistico, Risposte Semplici