Salta il contenuto

noia

amnesiiaamnesiia Post: 108
modificato 9 settembre in La Piazza (discussioni generali)
Avvolte scrivo le mie riflessioni, avvolte le mie paure.
Avvolte mi sembra di stare dando notizie di me a delle persone lontane.
Avvolte mi lascio libera di sfogarmi e questa è una di quelle.
Una persona seccante, un'idiota, mi contatta in chat.
Vuole parlare a tutti i costi perchè sente il bisogno di scrivermi tra le righe che lei è migliore di me.
Che adesso lei è migliore di me. Che lo era persino prima che ci conoscessimo e che ha dovuto scavare per poterselo dimostrare.
Che lei sì che sa stare in mezzo alle persone. Che lei sì che fa quello che fanno tutti, finalmente.
Aveva persino il fidanzatino a tre anni, come me che avevo l'amico nt d'infanzia.
Lei sì che sa come si parla con le persone, se ti costruisci bene e recuperi la socialità persa tutti ti accettano.
Devi essere ben predisposta però. Non ci si vanta davanti agli altri, pena ricevere odio.
Non si dicono certe cose, pena il giudizio. Dove ci si confessa per i propri peccati?
"Nessuno ti vuole, nessuno ti vorrà mai perchè qualunque cosa fai è sbagliata". Ancora a sentirmi dire le fesserie che persino mia madre ha smesso di dirmi, ancora a farmi dare lezioni di socialità che non mi servono.
Vuole parlare a tutti i costi perchè crede di aver capito qualcosa di me e della mia vita privata.
Anni di preparativi per comparire nelle foto di altri, anni e anni passati a cercare di farsi notare a tutti i costi.
Prima o poi ce la si fa, un modo lo si trova per avere questi benedetti amici.
Ma come è possibile che una che dà lezioni di perbenismo e di socialità non ne abbia di amici?
Amiche sì, ma non quelle che piacciono a lei.
Dopo tutti questi anni, perchè neanche una comparsa nelle foto di quelli più raggiungibili, almeno di quelli nelle vicinanze?
Forse perchè le persone sono in generale esseri umani con la loro vita privata e i loro problemi e fanno amicizia con chi sentono loro vicini?
Cosa pensi, che la gente sia stupida e che non si capisce quando la stai prendendo per i fondelli?
Le amicizie nascono spontanee, nessuno si fa leggere a tutti i costi aspettando di essere notato.
A maggior ragione, se passano gli anni e chi ti ha ascoltato non ha sentito vicinanza nei tuoi confronti qualche domanda me la farei.
Se quello che dici non suscita interesse, non suscita comunanza, non suscita senso di appartenenza nell'altro o negli altri significa che è difficile che ci si possa trovare bene insieme.
Se non ti rendi conto nemmeno che quello che scrivi manca di sensibilità, che può dare fastidio o noia nell'altro, allora siamo totalmente incompatibili.
Anche se a me e a te piace lo stesso argomento, non lo vediamo e non lo viviamo allo stesso modo.
Più le persone si fanno complicate, più è difficile sentire altri vicini.
Non puoi capire come si svolge la vita personale delle persone da qualche foto e un paio di scritte, in generale, che siano persone riservate o esibizionisti delle loro esperienze.
Ciò che lega le persone non sono le foto che vedi sui social. Non si passa semplicemente del tempo insieme per farsi le foto. Le chiamano stories ma non sono i fumetti delle giornate della gente. La vita delle persone, i legami, ciò che si dice in privato, le esperienze che non puoi sapere, non sono cose inscrivibili in quattro fotografie e un paio di scritte.
È imbarazzante sapere che ci sono persone che la vedono così, che vivono la vita degli altri o credono di poterlo fare da qualche accenno messo sui social.
È imbarazzante per chi sa di essere visto così, per chi se ne accorge da sè e da tempo, sapere di essere oggetto continuo di giudizio.
È imbarazzante cercare di essere continuamente approcciato sapendo che è l'ipocrisia a muovere gli intenti di chi lo fa.
È imbarazzante e tedioso quando dici che non stai bene e la vita che vivi è già problematica di per sè e ti contattano in chat per dirti che fai schifo e che nessuno ti vorrebbe mai per come sei.
Sapere che da qualche frase personale che avevo scritto qualcuno si è fatto un viaggio mentale spropositato senza sapere nulla della mia vita personale, dei miei rapporti con le persone e di come li vivo e da quanto li vivo.
Mi dispiace, non ho litigato con nessuno e nessuno litiga con me.
Mai giudicata neanche in questo caso.

Uno di quei post inutili che avrei preferito non scrivere.
Accedi oppure Registrati per commentare.