Salta il contenuto

Quella persistente angoscia che logora

Non riesco a capacitarmi di come più cerchi di risollevarmi e più finisca per compromettermi. L'ennesimo attentato contro me stesso risale a due settimane fa quando in preda allo sconforto mi sono colpito alla testa con violenza, dopo aver assunto alcol e psicofarmaci. Ne è seguito un climax discendente costituito da vertigini, vomito, visita al pronto soccorso, esami, convalescenza e guarigione. Permane però l'angoscia, accresciuta dalla sconsideratezza dell'atto: non tanto per l'esplosione quanto per la scelleratezza della sede colpita. Nel mentre ho riflettuto sul rapporto conflittuale con me stesso e sulle sue derivazioni pericolose che può determinare. Per quanto sia frustrato per l'accaduto, ritengo si sia trattata di un'esigenza impellente. Però a differenza di altri episodi, in questo caso il malessere è stato impulsivo e dettato da un turbinio interiore puntuale e distruttivo; le altre volte, la collera sopraggiungeva dopo un crescendo di emozioni negative ma veniva spenta attraverso modalità meno compromettenti, per quanto sempre autodirette. Oggi stesso ancora ripenso all'episodio e alle possibili conseguenze che possa avere comportato; sono rimasto paralizzato e inerte, non intenzionato ad andare oltre e ancorato al fatto ormai irrevocabile che comunque non mi perdono. Ho dormito la maggior parte del tempo, ma ora difficilmente riesco a prendere sonno. Mi ritrovo così qui ad esternare il mio consueto disagio, raccontando dell'ennesimo epilogo della guerra contro me stesso. Mi sono promesso si sarebbe trattato dell'ultima battaglia. La percezione è che possa garantire, ma non giurare. 
vera68ClaraDiLunaStarMumShiki_Tima_Ryougi

Commenti

  • vera68vera68 Post: 3,035
    Non perdere mai la speranza @Inner_entropy.
    Per quanto sia a volte difficile, troverai un modo per sbrogliare la matassa, affinché le emozioni scorrano e non sbattano contro un muro interno e si ritorcano contro te stesso.

    Abbracciati... 
    Inner_entropy
  • TW abuso farmaci e autolesionismo








    A volte abuso di psicofarmaci e mi taglio, quindi posso capirti. L'ansia, la depressione, il senso di vuoto. A me capita così.
    Inner_entropy
    How wonderful it is that nobody need wait a single moment before starting to improve the world. - Anne Frank

    La paura uccide la mente. La paura è la piccola morte che porta con sé l'annullamento totale. Guarderò in faccia la mia paura. Permetterò che mi calpesti e mi attraversi, e quando sarà passata non ci sarà più nulla, soltanto io ci sarò. - Frank Herbert, libro Dune
  • vera68 ha detto:
    Non perdere mai la speranza @Inner_entropy.
    Per quanto sia a volte difficile, troverai un modo per sbrogliare la matassa, affinché le emozioni scorrano e non sbattano contro un muro interno e si ritorcano contro te stesso.

    Abbracciati... 

    Già, dovrei abbracciarmi più spesso. Alterno salite a brusche discese che quando si concretizzano sembrano vanificare tutti i progressi recenti. Forse serviva un evento così drastico, perché rivalutassi il valore della salute che per fortuna non mi è mai mancato. Spero solo che gli accertamenti che desidero fare per rassicurarmi definitivamente siano tali da escludere qualsiasi tipo di compromissione. Se l'esito dovesse essere rincuorante, difficilmente dimenticherei un episodio simile. In senso positivo, è come se con le cattive mi avesse fatto comprendere quanto sciocco sia stato agire in quel modo: spero di farne tesoro.
    vera68
  • TW abuso farmaci e autolesionismo








    A volte abuso di psicofarmaci e mi taglio, quindi posso capirti. L'ansia, la depressione, il senso di vuoto. A me capita così.

    Cambiano le modalità, ma non posso che comprendere l'esigenza di dover spegnere il malessere psichico controbilanciandolo a quello fisico. Forse non ne vale la pena e ai più può apparire inconcepibile, ma in certi istanti di picco negativo diviene purtroppo necessità.
    Shiki_Tima_Ryougi
  • Anche a me è capitato di farmi male in questo modo, in passato e di recente, anche se non così tanto da finire al pronto soccorso.
    Quando mi capita adesso riesco a fermarmi poco prima di farmi del male grave per aver perso il controllo, penso alla persona a cui voglio bene e che mi facessi così male da scomparire lo condannerei ad un'esistenza senza di me, lo lascerei da solo per il resto dei suoi giorni. E questa è una cosa che già non riesco a perdonarmi.
    Per favore, non lo fare più.
    Inner_entropyShiki_Tima_Ryougi
Accedi oppure Registrati per commentare.