Salta il contenuto
Evento online per i 10 anni di Spazio Asperger

Riflettendo

DreamLoopDreamLoop Post: 215
modificato 11 novembre in La Piazza (discussioni generali)
Ciao, 
vorrei avere la presunzione di chiedervi un parere in merito alla mia persona,
chiunque mi abbia letto, {da} poco o tanto,
chiunque non fatevi problemi,

e mi scuso se magari non mi esprimo bene e/o non rendo i concetti come vorrei ma ciò che sto facendo qui e ora davanti a voi, non l'ho mai fatto con nessuno in tutta la mia vita, è come se ultimamente qualcosa dentro di me avesse come attuato una sintesi totale dopo un'intera vita con un improvviso balzo in avanti...sta accadendo qualcosa dentro di me, qualcosa di grande mi sembra di capire o solo percepire...

Allora vi chiedo, e vi pregherei di essere sinceri, credetemi ho le spalle larghe, nessuno potrebbe farmi più male, sul piano mentale o fisico, di quanto io abbia già fatto contro me stesso nel corso della mia vita.

Così volevo chiedervi:

quando parlo con voi, quando mi relaziono qui dentro, come mi percepite?

Duro e quasi dittatoriale nel modo di esporre le proprie idee, come se parlassi per una continua sequenza di assoluti e non lasciassi spazio all'interlocutore, nessuno spiraglio, come volessi esprimere una logica "perfetta" ma assolutamente chiusa/impermeabile/autarchica/autoreferenziale, come se volessi affermare dei principi senza imporli direttamente ma comunque con una certa "forza" che richiami una comune appartenenza, che l'altro lo voglia o meno?

Ecco, io ho pensato questo.

Grazie per i vostri pareri.


p.s. come già dissi a chi lo ha letto, prima di questo nick usavo @ilsensodellombra
LinnaAmOnly

Commenti

  • LinnaLinna Post: 351
    Io non penso proprio che tu sei un dittatore.
    Anzi.Esprimere il suo punto di vista a volte comporta a questo.E se non qui ,dove? E ci vuole coraggio .Ma bisogna saper capire una persona anche oltre di quello che  scrive.Percepire .



    bet
  • Linna, ho sentito la tua bontà e la tua comprensione nei miei confronti dalla prima volta che ho letto le tue parole qui dentro, tuo figlio è fortunato ad avere una madre come te.
    LinnaAntaresbet
  • AmOnlyAmOnly Post: 91
    modificato 18 novembre
    @DreamLoop per me sei un mentore, mi sono sempre trovato d'accordo con quello che dicevi, anzi a volte mi hai aperto nuovi orizzonti di pensiero e realtà. Mi piace leggerti, e penso che tu abbia abbastanza cultura per dire la tua e dissentire sui vari argomenti. Non ho mai notato in te burbanza, ti ho sempre visto come una persona che mette in dubbio qualsiasi pensiero (tuo o di qualcun altro). Non sei una persona che segue una ragione o una verità assoluta, hai abbastanza autocoscienza per capire i tuoi sbagli, e per questo non ti femi all'immediato e al superficiale. Per me questo post conferma la tua persona intelligente ed erudita, che vuole sperimentare e assumere nuovi stimoli ed esperienze per il proprio bagaglio culturale. Probabilmente sarai annoiato e scocciato dalla vita, sappi però che hai contribuito tanto con le tue parole, soprattutto il mio pensiero. 

    Ultimamente sto seguendo poco il forum, anche perché mi sto isolando sempre di più dalle persone, questo mi succede quando la mia vitalità cala. In questo periodo sto sognando molto ad occhi aperti, è sempre tutto così reale nella mia mente, e quando prendo coscienza della realtà mi deprimo tantissimo, capisco che quest'agonia che è dentro di me dovrò sopportarla per tutta la vita. Da piccolo volevo tanto essere grande, e da grande molte persone rimpiangono la vita da bambino, io invece da grande vorrei essere già un anziano in modo da accorciare il mio dolore. 

    Per strada vedo tante persone spensierate vivere la loro vita, e mi chiedo sempre in mente se queste persone sanno di essere in vita o sono semplicemente schiavi degli automatismi. Penso che la vera consapevolezza della vita e di sé stessi si abbia solo in solitudine tra i pensieri, tutto il resto sono automatismi che ci fanno perdere la consapevolezza di noi stessi, ed è questo che ci porta ad avere un pensiero immediato e superficiale. 

    Penso che socializzare faccia perdere la consapevolezza di sé stessi, e pensandoci per me sarebbe una cosa positiva, se solo riuscissi a farlo potrei smettere con i miei problemi esistenziali, purtroppo ho queste difficoltà interfacciali che mi portano ad isolarmi ed a pensare molto.
    Post edited by AmOnly on
    betLinna
  • AmOnly, grazie per le tue parole. Leggerti è un piacere.

    Ciò che mi ha spinto a scrivere dentro questo forum è questo: per tutta la mia vita io non mi sono mai posto il problema che mi sono posto qui: ovvero le altre persone come mi percepiscono quando interagisco con loro?

    Mai, nemmeno con mia madre o il mio migliore amico o la mia ex ragazza. Solo ultimamente, negli ultimi mesi, ho iniziato a pormi un tale dilemma e credo sia un cambiamento enorme all'interno della mia mente.

    È come se una parte del mio autismo fosse uscito da se stesso per tentare di conoscere, oltre se stesso e quindi la mente che indaga se stessa, gli altri.

    E per me è qualcosa di grande, ho inoltre notato una migliore connessione nei pensieri e quindi non solo una migliore formulazione a livello interno ma anche una migliore formulazione espressiva nella scrittura.

    Immaginavo una scarsa partecipazione, un po' perché ho pubblicato in Piazza e non in luoghi riservati ai "fedeli" del forum (brrrr, non mi piacciono certi branchi) un po' perché ho scritto quello che ho scritto dentro spazioasperger.
    AmOnly
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!

Scarica il libro: Lo Spettro Autistico, Risposte Semplici