Salta il contenuto

Come si fa a sopravvivere alle umiliazioni?

Ho bisogno di sfogarmi e non so dove farlo. Ho un bambino autistico lieve che ha problemi in ambito scolastico dal nido. Nel gruppo non riesce a stare. A casa tutto sommato non ha problemi. Ip comunque da che ho avuto segnalazione della maestra ho fatto di tutto, portato a centri privati per la diagnosi (per la quale ci sono voluti due anni!!) Pagatori tasca mia un sacco di terapie, cercato le scuole ecc ecc...ora nessuno mi ha mai detto che il mio bambino avrebbe avuto bisogno del sostegno, ip non so nemmeno come funziona la richiesta di sostegno e alla fine della materna più o meno al 20 giugno mi hanno detto che forse ce ne sarebbe stato bisogno..Moggi al colloquio con maestra preside e terapista che lo segue alla fine il risultato è stato che noi genitori non abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare, sono stata umiliata tacciata di superficialità, sto piangendo da un'ora perché io non sono una educatrice una psicologa o una neuropsichiatra. Sono una mamma che ha fatto tutto quello che credenza giusto. Si può fare i più? Ci provo ma perché sono stata colpevolizzata? Sarà sempre così? Ho bisogno di una pacca sulla spalla....

alexandra89Linnamammarosanna

Commenti

  • Ciao, non ti dare queste colpe, il sostegno all'asilo o scuola (scusa non so quanti anni abbia tuo figlio) avrebbero dovuto darlo loro a inizio anno ,se ritenuto necessario, penso che tu abbia fatto tutto ciò che hai ritenuto giusto, le informazioni corrette te le deve dare chi è competente nel campo.


    mammarosanna
  • Grazie. Ha 6 anni, la scuola materno (stesso istituto paritario) a giugno mi ha parlato del sostegno, troppo tardi....prima nessuno me ne aveva parlato. Inoltre la Uonpia di zona ha impiegato 9 mesi a darmi appuntamento.....
    mammarosanna
  • Sono dei tempi interminabili..:(
    Purtroppo ho visto che,per questi percorsi e centri convenzionati asl (parlo per mia esperienza personale) ne devi sapere quasi più di loro perché non ti dicono nulla ,non si sprecano...ma non è il mio di lavoro, è il loro! 
    Non ti dico la pratica all'Asl per avere i documenti della maternità anticipata, quindi a rischio,mi hanno fatto andare al piano sbagliato, non sapevano darmi indicazioni adeguate, ho dovuto chiedere ai pazienti in giro...


  • adiadi Post: 201
    Stai tranquilla @paopao....tu hai fatto tutto quello che noi genitori possiamo. Semplicemente hanno voluto farti sentire colpevole a te per la loro incapacità....
    Odio questo tipo di professionisti ( i nostri fanno uguale ) che non dicano mai cosa bisogna fare ma passano dal dirti " Ma no signori il bambino non ha bisogno ....." a " Eh però se magari si faceva anche questo ....perche così non va bene ...." 
    E tu genitore vivi con il continuo dubbio se stai facendo poco o troppo ...sappiamo bene che i due estremi non vanno mai bene . 
    Io sono arrivata alla conclusione che lo spettro lieve o subclinico deve essere preso più seriamente e studiato di più dai professionisti ed educatori perche si capisce che qui ad oggi si va a tentativi. Vedi anche le diagnosi arrivano molto tardi ma non perché noi genitori non portiamo i figli nelle valutazioni ma perché i professionisti non sono capaci .
    Una curiosità: ma la terapista che segue tuo figlio non ha mai fatto una valutazione a scuola ? Le maestre perche si sono ricordate solo a giugno a fine anno scolastico ? 

  • adi ha detto:
    Stai tranquilla @paopao....tu hai fatto tutto quello che noi genitori possiamo. Semplicemente hanno voluto farti sentire colpevole a te per la loro incapacità....
    Odio questo tipo di professionisti ( i nostri fanno uguale ) che non dicano mai cosa bisogna fare ma passano dal dirti " Ma no signori il bambino non ha bisogno ....." a " Eh però se magari si faceva anche questo ....perche così non va bene ...." 
    E tu genitore vivi con il continuo dubbio se stai facendo poco o troppo ...sappiamo bene che i due estremi non vanno mai bene . 
    Io sono arrivata alla conclusione che lo spettro lieve o subclinico deve essere preso più seriamente e studiato di più dai professionisti ed educatori perche si capisce che qui ad oggi si va a tentativi. Vedi anche le diagnosi arrivano molto tardi ma non perché noi genitori non portiamo i figli nelle valutazioni ma perché i professionisti non sono capaci .
    Una curiosità: ma la terapista che segue tuo figlio non ha mai fatto una valutazione a scuola ? Le maestre perche si sono ricordate solo a giugno a fine anno scolastico ? 

    Ho ricevuto la diagnosi a dicembre 2020. A domanda diretta: secondo voi avrà bisogno del sostegno? La NPI (dottoressa Olivari) mi ha testualmente detto 'secondo me no'. E per fortuna abito a Milano e mi sono potuta mettere in coda con una professionista perchè probabilmente qualcun altro non avrebbe diagnoticato, lei stessa ha impiegato molto tempo: dopo test QI Ados 2 e ADR non ho avuto la diagnosi, ho aspettato un anno (causa covid) e fatto un ulteriore incontro. Sul referto c'era comunque scritto di verificare con personale scolastico se era necessario, e di contattare la uonpia di zona. Io ho seguito l'iter, e ho comunicato a scuola e co la diagnosi. Le maestre mi hanno segnalato alcuni comportamenti peggiorati dopo il rientro dalla zona rossa. Si sono conforntate con la Psicoterapeuta che seguiva la psicomotricità e solo a giugno mi hanno detto c'era bisogno del sostegno in modo esplicito. Ma no uonpia no party, io ho fatto domanda a febbraio e mi hanno ricevuto a dicembre. Ho scoperto a settembre che il centro della diagnosi era abilitato anche alla certificazione del sostegno, anche se chiamando la uonpia mi erano state date tutt'altre informazioni. 
    Tra l'altro come dici tu si va per tentativi. Dove abitate? Oggi ho chiamato un centro specializzato consigliato dalla Uonpia e mi hanno parlato di Case Management della regione Lombardia, lo conoscete?
  • vera68vera68 Post: 3,285
    modificato dicembre 2021
    Esiste un virus che ti inoculano tutte le volte che ti guardano dall'alto in basso perché non hai fatto questo quello o quell'altro.
    Il compagno di classe di tuo figlio  fa questo e il tuo no!
    "dovrebbe conoscere già i nomi dei colori,   signora ", "signora....non sta seduto" "signora... Signora... Signora" 

    C'era (fortunatamente c'era...) un problema oggettivo. Ma non solo. Io ho fatto i miei errori. 
    A me hanno detto senza mezzi termini che era colpa mia perché non sapevo dare un'educazione
    Nel mio caso, molto molto vero.
    Poche scuse. 
    Poi c'è il rovescio della medaglia.
    Che dire della mia educazione ricevuta....
    Sì , perfetta... Sembro una bella statuina...unica risposta possibile:  Tecnica di sopravvivenza.
    Un guscio vuoto. 
    Che empatia può avere e trasmettere un guscio vuoto il cui unico spazio di sopravvivenza è far finta di non esistere. 

    Ho fatto moti errori come figlia, come adulto, come madre, ho pianto su di essi.  mi sono colpevolizzata molto... 
    Ho pianto sulla bambina che sono stata, tanto quanto sulla madre che sono stata... 

    Se volevo mettere una pezza a questa storia, dovevo stendere una pezza su tutti i suoi componenti. 

    Poi chi ti giudica, chi dice che non hai pensato a questo, quello o quell'altro dovrebbe pensare di camminare un po' nelle scarpe di un'altro prima di parlare


    Post edited by vera68 on
    Linnamammarosanna
  • Vera68, già. ....
    vera68
  • paopaopaopao Post: 58
    @vera68 ti rispondo anche qui: al nido quando cui andava mio figlio grande mi facevano notare mille cose che secondo loro erano campanelli di allarme, io avevo una risposta per tutto e comunque continuavo a far notare che era un bambino sereno. 'non ti accorgi, lo giustifichi'. A natale ho colloquio, stesso nido stessa educatrice, per parlare del figlio piccolo: 'è un bambino completo solare gioca con gli altri....complimenti a voi genitori'....ho fatto notare che non abbiamo fatto nulla, è fatto così...'ma complimenti perchè è un bambino sereno'....e l'altro non lo era? 
    bet
  • Mio figlio ha sostegno dall'asilo, ma non smetterò mai di chiedermi se lasciato solo se la sarebbe cavata lo stesso...

    Non so se il sostegno in sé faccia la differenza, perché in molti casi trovi gente "improvvisata" che si limita a "sorvegliare" e dinanzi a problemi caratteriali manca di strategie...

    Mio figlio imparò subito a leggere senza aiuto di nessuno.
    Adesso a 9 anni legge peggio dei suoi compagni e la sua grafia è notevolmente peggiorata.

    Posso dire perciò che il sostegno non è servito a molto nel mio caso.

    Bisogna pregare di incontrare le persone giuste lungo il cammino. 
    La persona giusta potrebbe anche essere un amico sincero, o la famiglia con figli che abita nel tuo palazzo che accetta che il tuo bambino frequenti la sua casa.
    betvera68
  • paopaopaopao Post: 58
    mo figlio se le è sempre cavata da solo in prima elementare è senza sostegno. In realtà i compagni gli vogliono bene. Per un pochino la scuola gli ha affiancato una maestra che aveva disposizione, lui si è 'innamorato' e con lei faceva cose incredibili. Ora lei nonn è più disponibile (serve per le supplenze della scuola) e ogni giorno mi dice che è triste perchè lei non c'era....e fa meno di prima. 
    Boh....
    Linna
  • vera68vera68 Post: 3,285
    Nella relazione c'è tutto... @paopao

    Linna
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!

Libro Gratuito "Lo Spettro Autistico risposte semplici" Scarica il libro: Lo Spettro Autistico, Risposte Semplici