Salta il contenuto

Mi presento

Ciao,  sono Ghìsola, non voglio dire il mio vero nome, questo nome è ispirato al personaggio di un libro.  Ho 34 anni, sono nuova di questo forum. Ho scoperto di avere la Sindrome di Asperger a 23 anni, e quindi sono cresciuta senza sapere di averla.  Scrivo qui perché vorrei  confrontarmi con altre persone con la Sindrome di Asperger.  Dopo tanto tempo in cui ho letto le tante testimonianze in questo forum, ho pensato di scrivere qualcosa anch'io. Ciao a tutti. Ghìsola
 

Commenti

  • OlorinBiancoOlorinBianco Post: 115
    modificato 6 aprile
    Benvenuta, 
    Come hai scoperto di avere la sindrome di Asperger? Quali sono i tratti che ti caratterizzano.

    Quanto a me anche io ho pensato di averla da diverso tempo. Mi ero ritrovato a leggere diverse pagine su Wikipedia riguardo diverse condizioni (per pura curiosità) e casualmente mi ritrovo a leggere di Asperger, e mi ci ero rivisto. Da quel momento in poi l'Asperger, e lo spettro autistico in generale, è diventato un interesse molto forte. Di recente ho cercato e ho ottenuto con successo una diagnosi ufficiale, a 25 anni. 
  • KeziahKeziah Post: 16
    Ciao, non posso dirti propriamente benvenuta visto che leggi da tanto tempo, quindi ti dico che sono contenta per il tuo primo post  :)
  • OrsoX2OrsoX2 Post: 997
    :) Adesso che sei a bordo dell'astronave degli Alieni potresti anche raccontare qualcosa in più di te:
    a) come te ne sei accorta, a 23 anni?
    b) quanto ti è stata utile questa decina d'anni di consapevolezza nelle interazioni con gli altri, in famiglia a al lavoro?
    c) tante altre cose, quello che pare a te.
    Io sono stato diagnosticato quando ero già anziano (se cerchi qui sul forum puoi vedere i dettagli), da pensionato, quando avevo già utilizzato delle "ciambelle di salvataggio" sociali, sufficienti a farmi vivere decentemente anche se inconsapevolmente.
    Dopo la diagnosi (prima della pandemia) mi sono attivato per conoscere altre persone dello spettro, anche in gruppi di supporto cognitivo-comportamentale e nei raduni di questo forum, che ho poi ritrovato, su Facebook, nei gruppi dello spettro. Tra questi ti consiglio vivissimamente  Asperger Adulti Italia (AAI), non come alternativa ma in aggiunta a questo forum.
    ("Caducità delle umane cose!" - considerazione indifferentemente attribuibile a Umani e Non)
  • Ciao, sono Ghìsola,

    scusate per il ritardo con cui vi rispondo ma non ho letto spesso il forum ultimamente. E' difficile rispondere sinteticamente alle vostre domande. Fino da piccola ho avuto delle difficoltà a relazionarmi con gli altri, che però sono diventate molto più forti nell' adolescenza e poi per un periodo verso i 22-23 anni. Nello stesso tempo ho sempre avuto anche alcune capacità e interessi un po' particolari, anche se penso che nella mia vita l'Asperger mi abbia portato molti più problemi che caratteristiche particolari.  Nel periodo delle medie ho avuto dei periodi di forte isolamento, al liceo avevo più amici ma in molti casi erano amicizie superficiali (non sempre) . Tra i ventidue e i ventitré anni ho avuto un periodo di depressione  e la mia vecchia psicologa, che mi aveva seguito nell' adolescenza, sospettò che potessi avere la Sindrome di Asperger. Sono andata da una psicologa esperta che mi ha fatto la diagnosi sia parlando con me e con i miei genitori e mio fratello, che con dei test. 
    La consapevolezza mi è stata molto utile, ho capito la causa di tante mie difficoltà, prima invece mi colpevolizzavo e mi sentivo incapace a causa delle difficoltà che avevo avuto.  All'inizio però ho reagito alla diagnosi con un po' di sospetto e con prudenza. Mi sentivo un po' diffidente verso la psicologia perché mi sentivo come se fossi classificata, racchiusa in una categoria scientifica, mentre tutti noi abbiamo la nostra personalità. All'inizio mi faceva un po' paura, come se ci fosse una parte di me che sfuggiva alla mia consapevolezza. Ora ho accettato di averla e sono molto migliorata in moltissime capacità, ma la considero un disturbo, e non sono contenta di averla, mi ha dato solo problemi.  Ci sono alcune caratteristiche positive ma secondo me, almeno per me, sono di più quelle negative. Poi ovviamente ognuno ha la sua esperienza. 
    Ciao  
    riotrobertoK2
  • Devo aggiungere un' altra cosa importante: la consapevolezza mi è stata utile soprattutto perché ho potuto avere la categoria protetta al lavoro, infatti io non me la sentirei di lavorare senza la categoria protetta.
    Ciao
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!

Libro Gratuito "Lo Spettro Autistico risposte semplici" Scarica il libro: Lo Spettro Autistico, Risposte Semplici