Salta il contenuto

Sondaggio: Nd e la guida

2»

Commenti

  • ShinjiShinji Post: 229
    Ho preso la patente a 19 anni, l'istruttore era giovane e abbastanza paziente, grazie al cielo. Confondevo spesso la destra e la sinistra a lezione e mi agitavo tantissimo. Il giorno dell'esame non capivo niente e averlo passato al primo tentativo è stato un traguardo.
    Guidare non mi fa impazzire ma a volte mi capita di prendere l'auto per andare in giro senza una meta, per rilassarmi.
    Di figuracce ne faccio un po', soprattutto nei parcheggi. A volte premo il clacson per sbaglio, mi perdo a fissare le targhe o altre cose. La mia paura più grande è quella di tamponare qualcuno o di essere tamponato.
    Valenta
    The closer you get to the light, the greater your shadow becomes.
  • Ho preso la patente a 18 anni senza grosse difficoltà, ma ho iniziato a guidare a 25. Da 3 anni ho una macchina mia acquistata più per necessità di movimento (dove vivo i trasporti pubblici sono un miraggio), che per un mio desiderio. Non amo particolarmente guidare soprattutto in situazioni di traffico e di notte. Ciò che mi da maggiori problemi è la mia totale mancanza del senso dell'orientamento. Il problema grosso è che se non conosco la strada o il luogo in cui mi trovo vado immediatamente in tilt e impazzisco. Nel giro di un mese dovrei acquistare un navigatore che spero migliorerà la situazione.

    Valenta
  • PavelyPavely Post: 3,350
    Non ho la patente.
    Non so andare in bicicletta (cado).
    Non so andare in monopattino.
    Non so andare a cavallo (sono terrorizzato dalla cosa e mi sembra di fare uno sgarbo all'animale).
    Ho il sacro terrore di salire su un motorino (capirai non dico guidarlo: ma anche starci dietro).
    Diciamo che mi riesce bene camminare.
    RIpenso ai giochi di automobili sul computer: provato quattro volte e nella mia migliore performance ho resistito credo 35 secondi prima di crashare.

    Perché?
    Perché quando viaggio registro ogni fottutissimo piccolo particolare.
    Se fossi alla guida e, supponiamo, vedessi qualcosa di interessante potrei fermare fregandomene degli altri guidatori. E potrei provocare incidenti serissimi.
    Esempio: due mesi fa, ho accompagnato Daniela alla fermata della corriera. La corriera arriva, lei sale  e io le dico come nella quinta coppia di sedili, partendo dal fronte dell'autobus, linea di destra, ci fosse un bellissimo ombrello. Lei va a vedere, lo trova e lo riporta a casa (qualcuno l'aveva dimenticato).
    Se fossi alla guida uguale. Ho un coefficiente di distrazione enorme. Potrei focalizzarmi su un particolare e d i m e n t i c a r e di guidare.

    Poi, sono proprio scoordinato in senso motorio.

    Ho una manualità fine altissima - sono un calligrafo, metto una refe nella cruna di un ago sempre al primo colpo, cose così... - ma se mi chiedi di g u i d a r e... cioè... sono goofy in questo, si.

    Tantissime volte mi chiedo come un autistico possa guidare.

    (Mai capito).




    ValentaMariAlbeririotWBorgE91camelia
  • riotriot Post: 6,384
    ho imparato ad andare in bicicletta solo a 10 anni e a 14 ho avuto il primo motorino, poi ne hanno seguito altri fino al fatidico patentino.
    a 18 anni ho preso la patente al primo esame.

    per me guidare l'automobile è una sofferenza e mi tira fuori il peggio: sbraito ad ogni minimo automobilista che fa una minima manovra indegna di chiamarlo "guidatore".
    invece, adoro immensamente girare in scooter. ci vado anche in pieno inverno e anche se piove.

    mi piace correre ma sono molto prudente (lo faccio solo se possibile)
    non ho problemi di coordinazione motoria, ho sotto controllo decine di elementi: il mezzo stesso, l'itinerario, gli altri mezzi intorno, i segnali stradali. poi guardo sempre almeno 20 metri avanti per evitare imprevisti e scandisco visivamente e continuamente ogni metro di strada (causa buche romane...)
    mi piace anche ascoltare la musica mentre guido in auto.
    e mi piace anche la guidare le notti d'estate in autostrada.

    ho solo difficoltà se devo interagire con i passeggeri. allora parlo a intervalli (a volte è una cosa buffa).
    se poi mi danno indicazioni di direzione all'ultimo istante (tipo "gira a destra!") vado in confusione.
    ho problemi con gli itenerari: se devo raggiungere un posto lo devo visualizzare mentalmente prima, ma anche così a volte sbaglio percorso. e pensare che sono nato e cresciuto qui a Roma e praticamente la conosco tutta!
    però se non fosse per queste tre cose, posso dire che alla guida sono come una specie di pilota automatico: m'inserisco e...arrivo alla meta! :)

    ValentaWBorg
  • Guido, ma non mi piace particolarmente, infatti mi hanno bocciata la prima volta, all'esame pratico. Di sera/notte, se non c'è nessuno in giro, guido più volentieri, ma rigorosamente per strade che conosco. Se non conosco la strada o la zona, mi perdo facilmente, per cui evito.

    Di giorno, nel traffico, lo trovo insopportabile,  ci sono troppe cose da controllare. Poi, ho l'ansia dei parcheggi, a volte parcheggio lontanissimo rispetto alla mia meta, perché metto l'auto sempre nello stesso posto, in centro, regolare e a pettine. 

    In bicicletta ho imparato tardi rispetto ai miei coetanei, mi sembra avessi già 7 o 8 anni.



    Valenta
    "Siamo tutti in un fosso, ma alcuni di noi guardano le stelle" - Oscar Wilde -
  • SophiaSophia Post: 5,904
    modificato luglio 2016
    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
  • SolitaireSolitaire Post: 1,315
    Ho preso la patente a 19 anni e guido per lavoro, ma il traffico mi stressa a morte.
    Valenta
  • NemoNemo Post: 3,723
    Patente presa a 23 anni, dopo aver fatto scuola guida con mio padre (esperienza dal sapore quasi mistico: se sono sopravvissuto a quello, nulla m i fa più paura).
    Non amo guidare. Preferisco il treno per i viaggi lunghi e medi, però abito i campagna e devo usare il furgone ogni giorno. Mai fatto incidenti per mia colpa, ma una ventina d'anni fa una signora mi distrusse auto e schiena, ad un semaforo.
    La mia vita di ballerino ne uscì distrutta, tuttavia sono tornato a muovermi dignitosamente.
    ValentaAntonius_BlockNewton
    Memento Mori
  • Simone85Simone85 Post: 2,798
    Ho la patente scaduta e preferisco non guidare per la troppa ansia. 
    Alla guida riuscivo a stare bene soltanto in autostrada, ora però preferisco di gran lunga i mezzi urbani.
    A volte mi manca la corsia di destra, era mia amica.
    Valenta
  • amigdalaamigdala Post: 6,361
    modificato agosto 2016
    Io non ho senso dell'orientamento e parcheggio in modo obbrobrioso. Ma guidare è fantastico, distensivo, liberatorio. I problemi sembrano anche meno seri. La mente si svuota. Accelera, cambia marcia, schiva la buca. E intanto l'aria entra del finestrino, i capelli che si spostano e il sole che scalda il braccio. L'odore di macchina un po' vecchia, di ingranaggi e grasso. Il servosterzo che sarà andato a farsi un giro. Prendi le curve e senti che un po' si inclina (perché sei un po' matta e acceleri subito appena presa la curva).
    Mi piace guidare da sola, senza passeggeri, nelle strade di campagna, quelle in mezzo ai campi dove c'è poco traffico. In città come Milano non sopporterei usare l'auto. Troppa gente che spunta dal nulla, troppi semafori, troppe persone agitate. Quando guido voglio divertirmi, voglio rilassarmi.
    Scalare le marce è forse la mia attività preferita, volete farmi un dispetto? Datemi il cambio automatico. Toglie tutto il piacere.
    WBorgValentaSophiaBlindNemo
  • SophiaSophia Post: 5,904
    Mi è venuta in mente una cosa. Quando devo parcheggiare devo spegnere la radio. Mi dà l'idea che veda meglio!

    E speriamo sempre che non sia un parcheggio in salita altrimenti rinuncio. [-X
    ValentavanessaArpia
    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
  • Lo1979Lo1979 Post: 220
    Beh ammeso che io sia veramente AS a me guidare piace, e molto!, mi rilassa, mi piace un po di più guidare se non c'è traffico piuttosot che in città, per lavoro mi capita necessarimanete di guidare molti kilometri molto spesso ed in molti contesti diversi eppure non mi pesa.
    oltre a guidar ein italia ho guidato in Sud America nelle capitali caotiche e anche nelle campagne semidesertiche, di notte con un temporale che versava acqua a catinelle su una strada mai fatta prima per nulla illuminata e con poca segnaletica, e con la consapevolezza che la strada era realizzata su un terrapieno ai lati del quale c'erano campi allagati forse per più di un metro di profondità. penso che chiunque che fosse una perosna normale penso avrebbe desistito, io no dovevo arrivare la e sono arrivato la, stanco e distutto ma sono arrivato.

    Mi piace guidare solo anche se la compagnia non mi infastidisce però non devono fare troppo chiasso, possiamo anche chiacchierare ma se siamo in prossimità di svincoli decisivi o incroci dove occorre capire dove andare nessuno deve fiatare.

    negli anni ho preso anche le patenti per camion pullman e rimorchio ma poi ora non sto facendo l'autista.

    poi come dice @lollina anche epr me quando parcheggio spengo la radio perche mi sembra di vederci meglio.
    SophiaValentaJAA005marco3882
  • giovannagiovanna Post: 3,905
    Io la presi, la patente, a 22 , perche' mio padre non mi riteneva in grado.
    Ma siccome, ho un senso della simmetria formidabile e molto senso della misura, ho portato tanta gente in macchina con me e tutti sono usciti tranquilli.
    Sono prudente, vado piano, valuto tutti i rischi possibili, spesso accelero, certo non ho il senso dell' orientamento.
    Mi perderei facilmente.

    Devo conoscere i percorsi.

    Per prenderla, dovetti dominare l' ansia e ricordare le regole, tipo girarsi quando parti.

    Ma la simmetria e le misure, la distanza, ce l' ho.
    Occorre questo in macchina, devi poter distrarti ma al tempo stesso avere davanti la strada.
    E frenare in anticipo.
    ValentaSophia
    Sono quella che ha creduto sempre che fosse la chioma di un albero al tramonto e invece era un orso
  • ValentaValenta Post: 10,760
    Visto che se ne parla, riporto su.
    Io non ho la patente, non guido, ci provai a 18/19 anni a prenderla ma non passai l esame.

    Poi in seguito non ci ho più pensato e non ne ho mai sentito la mancanza.
    Vale (egli\lui\gli)- feedback e reactions sempre graditi
  • Ho iniziato da imbranato, adesso farei le scarpe a Schumacher
    MarkovJAA005
  • A me descriverebbe non ho la patente ms guido.O almeno accendo il motore e metto le marce ( nei parcheggi o a notte fonda). Mi piace.
    Valentasperanza82Domitilla
  • TatTat Post: 1,151
    Ho la patente, guido male e non mi piace guidare.
    In compenso sono bravissima a parcheggiare (difficile faccia più di due manovre per parcheggiare, qualsiasi sia il tipo di parcheggio che devo fare) con qualsiasi tipo di auto (minivan e furgoni compresi).
    Valenta
    Gabba Gabba Hey!
  • marco3882marco3882 Post: 1,871
    Parcheggiare è come tutte le cose un arte che si impara con la pratica.
    Negli anni all occorrenza trovandomi per lavoro in città caotiche, mi sono chiesto dopo esser sceso dall auto come avessi fatto a parcheggiarla li :))
    NemoValenta
  • Cuore_sanguinanteCuore_sanguinante Post: 1,022
    modificato febbraio 2020
    Guido per necessitá da quando ho preso la patente (obbligata dai miei), raramente mi piace. Odio tutto ciò che implica viaggiare: traffico, code, semafori, pedoni, ciclisti. Attendo con ansia l'invenzione del teletrasporto.
    Tuttavia me la cavo piuttosto bene, guida grintosa per alcuni che ho trasportato fin troppo grintosa, parcheggio in posti improbabili (sempre per necessitá), ma detesto i centri cittá, le strade con piú corsie, peggio ancora se con tanti scooter o bus/camion. Sono tipa da rallie in campagna piuttosto che taxi a Milano.
    Mi piacerebbe guidare un'auto sportiva in posto impervio tutto curve.

    Ps. In ogni caso la mia auto é la mia migliore amica, assurditá lo so.
    ValentaNemomarco3882
  • ArpiaArpia Post: 192
    modificato febbraio 2020
    ho la patente da poco, sto cercando di abituarmi a guidare, ma sono terrorizzata ogni volta. Soprattutto parcheggiare è un mezzo incubo, perché già ho problemi a "Mappare" lo spazio che occupo con il mio corpo, figuriamoci calcolarmi gli angoli e l'ingombro con una grossa scatola bitorzoluta di metallo piena di angoli ciechi...
    per non parlare del rapporto dei romani con il codice della strada. ogni volta mi devo fare un calcolo delle probabilità che il tizio che incontro faccia qualcosa di stupido, a seconda di che macchina guida, se è al telefono, che faccia ha... un panico!
    finora sto andando in giro quasi solo in compagnia, in modo da farmi aiutare a parcheggiare o almeno rassicurare; a volte se sono da sola fermo un vecchietto di passaggio e gli chiedo una mano.
    Mi piacerebbe trovare qualcuno disposto a scambiare passaggi in giro per la città in cambio di supporto morale...
    Valenta
  • LupaLupa Post: 655
    La mia opzione che però nel sondaggio non c'è sarebbe "ho la patente, guido ed è una attività neutra". Guido bene, uso spesso l'auto per lavoro, ma non mi piace né mi dispiace: è solo una attività utile ad altro. Ho serie difficoltà di orientamento ma è una difficoltà a sé stante che non si amplifica con l'ansia "da guida", studiando i percorsi nuovi prima e con l'aiuto del navigatore è una difficoltà che supero facilmente.
    Valenta
  • ValentaValenta Post: 10,760
    @Lupa se non ti causa problemi per approssimazione puoi scrivere che guidi e ti piace.
    Lupa
    Vale (egli\lui\gli)- feedback e reactions sempre graditi
Accedi oppure Registrati per commentare.