Salta il contenuto

L’autismo non è una bolla, l’autismo non è una bolla, #lautismononèunabolla

wolfgangwolfgang Post: 10,787
modificato marzo 2016 in Advocacy e Neurodiversità

#lautismononèunabolla

lautismononèunabolla


No. L'Autismo non è una bolla. Ci sono bambini chiusi e con poco interesse sociale e bambini che si chiudono perché sono quasi "senza pelle" nei confronti del mondo. Ci sono bambini che sono aperti al mondo ma comunicano e interagiscono goffamente. Ci sono bambini che hanno una percezione differente del mondo. Ci sono bambini che lo elaborano in modo differente e bambini che lo elaborano bene ma hanno difficoltà a condividere quello che pensano. Ci sono bambini... ci sono infiniti modi in cui essere autistici e infiniti modi in cui l'autismo si manifesta.

Ma non c'è nessuna bolla e nessun bambino nella bolla.
Certo è vero, a volte una persona autistica (una di quelle che in fondo non stanno veramente nella bolla) può descrivere la sua vita come isolata, come se ci fosse un muro tra lei e il mondo, una bolla. Ma è una sensazione, a volte una speranza per proteggersi da una realtà ostile. Certo, a volte le famiglie delle persone autistiche si sentono in una bolla. Quella è una bolla vera, è la bolla dell'ignoranza e degli stereotipi che circondano questa condizione. Che separa, che divide. Che fa giudicare e relega la persona autistica e la sua famiglia ai margini della società.

Se c'è una bolla è una bolla creata dalla società e dagli stereotipi, come quello della bolla, che si ostinano a non morire.

Non c'è nessuna chiave magica, nessun cuoricino da disegnare. L'affetto aiuta qualsiasi bambino, calore familiare e un'educazione buona ovviamente migliora i comportamenti autistici come migliora qualsiasi bambino, ma non è il sistema per contattare il bambino nella bolla. 

Non c'è nessuna bolla e se ci fosse, bisognerebbe tendere una mano per aiutare il bambino ad uscirne, non scomparirci dentro insieme a lui.

Chiedo alla rai di cogliere il consiglio di Alberto.

Smettiamo di diffondere stereotipi, i bambini autistici sono in primo luogo bambini e dobbiamo ricordarcelo. Promuovere stereotipi vecchi mezzo secolo non aiuta loro e non aiuta le loro famiglie.

Questo il video RAI:



Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
ValentaEuniceEstherDonnellyresetamigdalamillyVitt80PhoeberiotWBorge 3 altri.

Commenti

  • resetreset Post: 2,151
    modificato marzo 2016
    Non ho visto il video, perché lo smartphone non lo supporta, ma sottoscrivo con la mente e col cuore ogni parola.

    Di quello che ha scritto Wolfgang.
    Post edited by reset on
    wolfgangIrania

  • osurosur Post: 750
    Il messaggio che lancia il video ai profani è:
    mamma! È a causa tua se il bimbo è solo nella sua bolla! Perché tu non lo hai amato! Vedi che se lo ami state perlomeno insieme nella bolla???
    La colpa dell'isolamento nell'autismo è il solito mancato amore materno. Sicuramente avrebbero potuto fare uno spot 100 volte migliore.
    wolfgangmillyVitt80rondinella61riotmammachiocciaThemOut
  • millymilly Post: 155
     al termine del video compaiono  i loghi di FIA e  ANGSA. Mi chiedo, come possiamo avere visioni così diverse? perchè ci facciamo del male?

    Vitt80wolfgangamigdalaIrania
  • ciacia Post: 366

    Chi condivide quel tipi di messaggio, come fa allo stesso tempo a chiedere l'inclusione nella società del proprio familiare con autismo?

    Non capisco, sinceramente non capisco.



    wolfgangVitt80riotamigdala
  • PiKappaPiKappa Post: 578
    Schermata 2016-03-03 alle 19.20.54
    wolfgangresetEstherDonnelly
  • wolfgangwolfgang Post: 10,787
    Mia moglie mi ha appena comunicato che:
    l'autismo non è una bolla... ma te con il computer lo sei 
    :))
    EstherDonnellyIraniariotaspirina
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • FrancescoFrancesco Post: 966
    Sono più di due anni che cerco di capire qualcosa sull'autismo, ho ancora tanti dubbi, questo spot sicuramente non aiuta ma non saprei come affrontare l'argomento in pochi secondi. Mia figlia ha 12 anni ed adesso comincia a prendere coscienza dell'autismo per via del fratello, lo spot non lo ha capito.
    :(
    Non vorrei mai far parte di un club che accettasse tra i suoi soci uno come me. (G. Marx)
  • mandragola77mandragola77 Post: 2,262
    Purtroppo non riesco a vederlo
    reset
  • MalinalliMalinalli Post: 587
    modificato marzo 2016
    @mandragola77
    Io sono riuscita a vederlo da qui: http://www.greenme.it/vivere/speciale-bambini/19494-autismo-come-comprenderlo-video
    Se metto solo il link al video, dà di nuovo plug-in non supportato.
    mandragola77
  • Premetto che ho una certa avversione per tutte le "giornate mondiali di qualcosa" e anche per "le partecipazioni di piazza"; oltre a questo non ho visto la pubblicità.

    Detto questo per me la bolla esiste, ma non è data dall'autismo ma dalla società che ha la necessità di catalogare e di giudicare, e di separare chi ritiene "giusto" da chi ritiene "sbagliato". E chi sta li, un po' giusto e un po' sbagliato, ma soprattutto capace di sentirsi il giudizio addosso, che varia tra lo "speciale", il "futuro ing.", il "troppo intelligente" a quello "timido", "stupido", "quello che non ce la fa", soffre parecchio.

    Forse l'immagine giusta non è quella di una bolla silenziosa, ma sarebbe quella delle montagne russe in cui in un secondo passi dall'esprimere una grande potenzialità all'abisso di una crisi, del caos e della confusione di un luna park pieno di luci e rumori fortissimi, di una vita passata al limite dei propri sensi, di emozioni fortissime che ti fanno essere triste solo perchè Masha saluta Orso e va via; altro che quiete e altro che bolla.
    La bolla al massimo potrebbe rappresentare i momenti di "depressione" o quelli in cui uno "si annulla" per ricaricare le proprie batterie, ma sono solo delle fasi di un modo di vivere la realtà diverso.

    Se si crea la "bolla" non è per colpa dell'autismo, ma potrebbe essere l'esigenza di un momento di "riposo": mio figlio ad es. ha imparato a chiedere di poter andare a riposare quando non ce la fa; a scuola va in bagno o nel pomeriggio a riposare sulla brandina, a casa si sdraia nel letto sotto le coperte anche per pochi minuti. Ma in questo caso ha bisogno di stare un po' da solo, e - se questa è la bolla allora è funzionale e utile.

    Forse invece noi genitori stiamo veramente in una bolla di incomprensione, ma da abbattere a picconate e non con i buoni sentimenti.
    wolfgangMalinallireset
Accedi oppure Registrati per commentare.


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!