Salta il contenuto

"Orecchio assoluto"

Capacità di identificare una nota musicale senza nessun ausilio, sia questa suonata da un pianoforte, dal clackson di una macchina, da un orologio. Le note vengono spesso associate a colori, e anche un paesaggio può suggerire una composizione. Ha un incidenza maggiore tra i ciechi, tra popolazioni che usano lingue tonali, e nei casi di autismo

Qualcuno è in possesso di questo meraviglioso dono? Qualcuno può descrivermi cosa si prova?
Fenice2016rondinella61Pachi

Commenti

  • pokepoke Post: 1,721
    Ho solo un'esperienza indiretta.
    Mio figlio, ha avuto l'anno scorso di confessarmi la sua passione per la chitarra elettrica. Non aveva mai suonato strumenti musicali.
    Semplicemente ascoltando la musica che ama, riesce a riprodurre.
    Ma ha molto pudore nel parlarne, e minimizza questa capacità. Lui dice che ascolta la musica e si guarda i video dei vari gruppi, io sento che si esercita ripetendo fino a quando esce la melodia che lo soddisfa, senza stancarsi.
    Credo, da esterna, che ci sia alla base una grande ed intensa passione, pazienza e la capacità di non annoiarsi nel ripetere fino a quando il ricordo della nota non sia esattamente uguale alla nota da riprodurre.
    Ecco, se dovessi dire che al primo ascolto riproduce esattamente, direi un'inesattezza.
    Ma di fatto, suona senza spartito.
    Non so', forse è così che si suona la chitarra elettrica, noi non siamo musicisti.
    Esternamente, credo che provi una sensazione di naturalezza.
    Mi spiace, ma è taciturno e farlo parlare delle sensazioni non è semplice.
    Fenice2016
  • PachiPachi Post: 81
    Nonostante io sia un cantante (sempre stato intonato e a tempo, prendo lezioni da cinque anni) e suoni la chitarra da autodidatta (anche altri strumenti ma per lo più quella), studiare le note mi annoia da morire. Infatti, nonostante ci abbiano provato in tutti i modi, non sono in grado di leggere gli spartiti. Magari le note base, se mi metto a contare, si... Però tutto qua!
    Tuttavia ho sempre avuto un ottimo orecchio! Gli accordi base sulla chitarra (strumento con cui ho più familiarità) riesco ad indovinarli molto spesso, con quelli più complicati diventa già difficile. Se dovessi spiegare il processo, direi che confronto il ricordo che ho di un determinato suono con quello che sento e riesco a decifrare l'accordo. Basandosi sui ricordi, chiaramente, non posso ricordare cose che non conosco o con cui ho davvero poca familiarità.
    Probabilmente è per questo che, sentendo un suono, non riesco a capire la nota: non sono in grado di associare il nome alla singola nota perché non ho mai imparato a farlo, non ho familiarità con il rapporto nome-suono.
    Penso che se mi ci mettessi sarei in grado di farlo, ma mi annoierei. Ma già senza farlo, con un paio di tentativi, riesco a trovare il suono che ricordo su un pianoforte e ne sono sempre stato in grado.
    Ricordo che da bambino, su una tastiera giocattolo, suonavo questa melodia (che saprei ripetere ancora oggi, nonostante siano passati almeno 15 anni) fino alla nausea perché sapevo di averla già sentita ma non mi ricordavo cosa fosse. Finalmente qualcuno la riconobbe e mi diede la risposta.
    La cosa ironica è che oggi mi ricordo la melodia ma non la provenienza :))

    Quindi bo, non lo definirei "orecchio assoluto", magari "orecchio assoluto che non ci ha creduto abbastanza" :))
    Fenice2016Sophia
  • andreaMOandreaMO Post: 75
    Già che sei nel mondo della musica sei un mio fratello  :)>-
    Penso che tu abbia un ottimo orecchio relativo, che è invece la capacità di riconoscere gli intervalli tra le note. 
    Es. se suono un DO su un pianoforte, dopodichè suono un MI, tu capirai che è un MI calcolando quanta distanza c'è da quel suono. E hai anche una grande memoria musicale come me ( l'accordo di DO mi ricorda casa, quello di LA speranza ecc ecc ).
    Se vuoi toglierti questo dubbio basta andare su un qualsiasi strumento, suonare una nota, e saper già che nota è senza ausilio di un altra nota
  • Blue_SoulBlue_Soul Post: 532
    Io ho una consapevolezza musicale pessima, ma conosco un ragazzo un po' particolare con un grande talento musicale; una volta eravamo assieme ad una lezione, un tizio fece strusciare la sedia facendo rumore e lui affermò con sicurezza 'mi bemolle', riferendosi al suono prodotto. Credo abbia questo dono :)
    rondinella61Fenice2016Sophia
  • andreaMOandreaMO Post: 75
    Si! Quello è sicuramente un orecchio assoluto  =((   =((   =((
  • Colgo l'occasione dell l'altro post per chiedervi un aiuto. Leggendo ho notato più di 3-4 persone con qualche sorta di orecchio assoluto
    Da quando sono nato, ho sempre avuto un orecchio assoluto passivo. Ovvero, riconoscevo le note sul pianoforte, tutto qui. Daa qualche anno sto cercando di renderlo presente

    Non ho mai avuto modo di confrontarmi con qualcuno che lo avesse. Quindi vi chiedo, come lo vivete?

    Nel mio caso è una sensazione che si aggiunge al suono che senti, un sensazione che può dirti quale vestito (tra i 12) quel suono sta indossando
    Quando canto una canzone già sentita, non penso alle note ma allo stesso tempo non ne sbaglio una.
    Posso cantare una nota qualsiasi senza riferimento pensando alla sensazione che quella nota dà
    Sentire qualcuno o qualche strumento stonare mi uccide dentro

    Eppure, quando compongo solo con carta e penna, vado a rilento. Conosco le parole, ma non riesco ad argomentare un discorso
    Alcune volte ( per esempio se ho un raffreddore) lo sento spento, quasi del tutto
    Nei passaggi musicali veloci, mi sfuggono tutte le note

    Queste cose mi fanno sentire davvero incompleto. è lo stesso per voi ? Cosa avete voi in più che a manca a me ?





  • Ciao, sono Ghìsola. Mi ha colpito questa discussione. La musica è un argomento affascinante, e i suoni in generale. Io a nove anni ho cantato un anno in un coro di bambini, poi  ho suonato il violino dagli undici ai quindici anni e poi ho studiato canto dai 17 ai 21 anni. Da piccola non avevo molta sensibilità musicale, ma da quando ho cominciato a suonare il violino e a cantare, mi sono accorta che riconoscevo sempre meglio le note, forse in modo particolarmente forte. Ora so riconoscere le note a orecchio (se suonate abbastanza lente) anche se non suono e non canto da tanti anni.
    Una volta, circa cinque anni fa, sono andata a casa di una mia amica che suona il pianoforte. Era da tanto tempo che non suonavo né cantavo più. Ho visto uno spartito sul pianoforte, uno spartito di una musica veloce e difficile,  e immediatamente l'ho cantato, a orecchio, senza aver mai sentito quella musica. La mia amica è rimasta colpita, mi ha detto che ho l'orecchio assoluto, e che lei, anche suonando quel pezzo da tanti giorni, non riusciva a sentire la musica nella testa come facevo io. Io non solo ho cantato le note ma ho capito la melodia, la frase musicale, solo leggendo lo spartito e di colpo. Io ho un'educazione musicale solo di base, quindi credo che sia in gran  parte una capacità innata. In effetti io se vedo uno spartito, anche abbastanza complesso, sento la musica nella testa.  
    Hai ragione, AndreaMo, a dire che ogni nota dà una particolare sensazione. 
    Come mi sembra che  dici tu, anche secondo me  c'è una differenza nel saper riconoscere una nota che si sente, (come fai tu sul pianoforte), nel saper cantare una nota che si sente, e nel saper cantarla se la si vede scritta. Forse sono delle capacità differenti, cioè ci sono vari tipi di orecchio assoluto.
    Io conosco un musicista, un clarinettista molto bravo, ma che di lavoro fa un'altra cosa e suona per sua passione, che riesce a riconoscere le note dei  clacson, per esempio dice: le macchine sono in fa diesis, i camion sono in un'altra nota. Ha cominciato a suonare verso i
    vent'anni e questo significa che l'orecchio assoluto lo possono sviluppare anche quelli che cominciano a suonare da grandi. 
    Fra l' altro, io ho una sensibilità uditiva molto più forte di quella visiva, e anche una memoria uditiva molto più forte di quella visiva. Ricordo le voci, le musiche,le canzoni, i suoni di vario tipo, suoni che mi ricordano un particolare luogo, molto meglio che le immagini. Invece la maggior parte delle persone Asperger dice che ha molta memoria visiva. Io invece ho proprio delle difficoltà con la memoria visiva. 
      
  • inconscioinconscio Post: 204
    Non so dire se ho l'orecchio assoluto, riesco a riprodurre una musica in modo semplice non avendo studiato scale e accordi ma uso tutte e dodici le note e riesco a fare lo stesso brano su varie scale pur non conoscendole.
    Se ascolto un suono non so dire che nota sia perchè non riesco ad associarlo al nome della nota non avendo studiato musica.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!

Libro Gratuito "Lo Spettro Autistico risposte semplici" Scarica il libro: Lo Spettro Autistico, Risposte Semplici