Salta il contenuto
Massa, 18 febbraio 2023, evento gratuito

Pensare a niente

NewtonNewton Post: 5,327
modificato aprile 2017 in Sensi, percezioni, attenzione
Apro questa discussione ispirata da uno scambio con @riot.

È possibile pensare a niente? Quando le persone, alla domanda "a cosa pensi?", rispondono "a nulla", cosa stanno dicendo?

Ho sempre pensato che quella risposta fosse un modo per eludere la domanda, infatti anche io rispondo così, se non voglio dire a cosa penso. Ma esistono davvero persone che possono sospendere il pensiero? Avete mai provato a parlarne con qualcuno, seriamente?

Io quando rispondo in quel modo mi sento vagamente in colpa, perché so che è una bugia. Ma spesso i miei pensieri sono troppo articolati o fuori contesto in quel preciso momento per parlarne. Per spiegare davvero a cosa sto pensando dovrei ricostruire tutto il flusso di pensiero, che spesso è basato su dati molto specifici che andrebbero spiegati e verrebbe fuori un discorso lunghissimo e di scarso interesse per chi mi ascolta. In altre occasioni farei una fatica incredibile per spiegarlo a parole, perché penso per immagini e dovrei "tradurre" tutto verbalmente, cosa che può risultarmi complessa.

Trovo che la domanda " a cosa pensi?" sia molto fastidiosa e invadente, mi sento un po' violata quando me lo chiedono.
Post edited by Sophia on
WBorgEstherDonnellyLandauerMononokeHimeAmelieSophiaCorocottasNemoSirAlphaexaAlniyate 2 altri.

Commenti

  • pokepoke Post: 1,721
    È possibile pensare a niente? Quando le persone, alla domanda "a cosa pensi?", rispondono "a nulla", cosa stanno dicendo?

    No. Non è possibile non pensare, il cervello è un organo atto a pensare, ma è possibile essere fusi o defusi dai propri pensieri spostando l'attenzione sulle proprie percezioni corporee (osservando senza giudizio).

    Accade che si possa avere un'espressione del viso enigmatica e quindi è plausibile che un interlocutore chieda espressamente - cosa pensi? - ed è altrettanto comprensibile che si possa non aver voglia di condividere o spiegare il flusso dei pensieri.

    Raramente faccio questa domanda, più spesso mi.viene fatta, al che rispondo in modo vago o.dettagliato in funzione di vari e variabili fattori.

    NewtonSophiariotLandauerPinkPepper
  • AlniyatAlniyat Post: 411
    Credo che sia praticamente impossibile pensare a niente...Di solito quando rispondo in questa maniera a chi mi chiede a cosa stia pensando, ho in testa una serie di immagini varie che si sovrappongono, brandelli di conversazioni, annotazioni mentali (riesco a visualizzare il contenuto delle innumerevoli liste che faccio) che si succedono a volte senza un apparente nesso logico. Siccome sarebbe troppo lungo e faticoso da esporre e siccome ho paura di essere presa per scema, preferisco rispondere che non penso a niente. Il difficile è tentare di sfuggire all' incalzare dell' interlocutore quando è fortemente persuaso che tu stia pensando a chissà quale argomento filosofico impegnativo mentre magari stai soltanto facendo vagare la testa a briglia sciolta su apparenti inezie
    riotNewtonLandauerWBorgmarco3882PinkPepper
    "Non fingendum, aut excogitandum, sed inveniendum, quid Natura faciat aut ferat"
  • SophiaSophia Post: 5,904
    Pensare a niente per me è impossibile e, come te, non ho contezza di come avvenga negli altri.

    E ogni tanto mi è capitato di chiedere a qualcuno che conosco bene come facesse a "non pensare a niente" o anche "come vivesse una persona con una mente cosi";

    e la semplicità delle risposte che ho ottenuto che, come immeginavo non cercavano e non chiedevano nulla, mi ha lasciato un senso di desolazione, non so se più per la persona che avevo di fronte o più per me e per il mio arrovellio mentale.

    (Comunque quando non voglio parlare dico spesso anche io che non sto pensando a niente).
    NewtonLandauer
    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
  • riotriot Post: 6,858
    per quanto Focus sia solo un giornale divulgativo sui generis, c'è questo articolo interessante:
    http://www.focus.it/cultura/curiosita/si-puo-smettere-di-pensare

    cito in particolre, per chi non ha voglia di leggerlo: "il nostro cervello non riposa mai: a metà degli anni '90, alla Washington University School of Medicine di St. Louis (Usa), è stato scoperto un circuito di regioni cerebrali (chiamato "default mode network", ossia "rete cerebrale di default") che si attiva proprio quando non si fa alcuno sforzo cognitivo e si lascia la mente libera di vagare. Consuma circa 20 volte più energia cerebrale di quella usata per una semplice risposta a uno stimolo esterno, come scacciare una zanzara, e si è ipotizzato che possa essere la sede della coscienza."
    WhoamiNewtonrondinella61LandauerPinkPepper
  • KrigerinneKrigerinne Post: 3,163
    modificato aprile 2017
    Dipende cosa si intende per pensiero. Io identifico il pensiero a cui ci si riferisce nel comune linguaggio parlato col contenuto della mente, quindi effettive parole o immagini o pensieri impliciti (non so come definirli, forse calcoli e analogie).

    Quindi sì, mi capita di non pensare A nulla.
    Quando osservo o ascolto senza contenere nulla, e mi lascio fluire di cose che non trattengo. È una cosa che faccio quando sono serena, stanca, o in shutdown. E che non controllo molto.

    Ma le funzioni cognitive non si arrestano mai, quello no. Resto sempre capace di percepire i suoni o le immagini. I neuroni restano sensibili, le informazioni arrivano al talamo e poi nelle rispettive cortecce sensoriali e nelle aree associative. Ma se una persona chiede "a cosa pensi?" Io non posso di certo dare questa risposta, penso mi stia chiedendo del contenuto della mia mente, DEI pensieri e non DEL pensiero. E allora non posso che rispondere "a nulla. Non penso a nulla" e spesso mi hanno risposto "è impossibile".

    Alcune volte devo isolarmi per capire come la penso su qualcosa. Qualcuno mi parla e io capisco tutto, oppure vedo dei vestiti al supermercato e non so se prenderli o meno, cerco di formulare un mio pensiero in proposito ma la mente è vuota. Mi restituisce il nulla. È come lanciare un sasso in un pozzo senza fondo e aspettarsi il rumore.
    A volte dico alle persone "fa silenzio o non riesco a pensare". Ma non è che ragiono male, proprio non riesco ad avviare un pensiero mio che sia uno, il meccanismo è bloccato.
    WBorgNewtonSirAlphaexarondinella61Landauer
    Backend developer ~ Asperger ~ ex tutor ABA
    You split the sea so I could walk right through it
  • SirAlphaexaSirAlphaexa Post: 3,410
    Questa discussione mi ricorda una piccola annotazione ricevuta in terapia.
    Penso ad immagini, e credo che questo si nota quando aspetto o "libero la mente", perchè a sua volta il cervello sarà attivo per snervare l'attesa, o rendere più piacevole quei brevi momenti di ozio. Ma questo ho notato di recente, dato che da piccolo preferivo camminare e scaricare i miei pensieri muovendomi, mentre ora posso farlo tranquillamente seduto e con le cuffie nelle orecchie. 

    Il problema é all'esterno - sembro troppo pensieroso, distaccato, e questo si nota anche quando devo comprendere qualcosa di piu elaborato. 
    Non riesco ad pensare a niente, se non con molta forza di volontà, perchè al primo scatto di noia e bisogno di informazioni devo subito reprimerlo.
    ...Dalle sedute, sembra che sia un principale motivo di ansia/stress; con pensieri negativi sono predisposto ad essere piu irrequieto. 
    E quando mi tocca rispondere al "cosa pensi", devo in qualche modo "riprendere" il filo del pensiero e trasformarlo in parole, non ho bisogno di mentire se l'argomento non é stupido/inappropriato/troppo privato o profondo per parlarne, specialmente se succede in terapia. 
    Newton

  • nebelnebel Post: 344
    modificato aprile 2017
    riot ha detto:

    per quanto Focus sia solo un giornale divulgativo sui generis, c'è questo articolo interessante:
    http://www.focus.it/cultura/curiosita/si-puo-smettere-di-pensare

    cito in particolre, per chi non ha voglia di leggerlo: "il nostro cervello non riposa mai: a metà degli anni '90, alla Washington University School of Medicine di St. Louis (Usa), è stato scoperto un circuito di regioni cerebrali (chiamato "default mode network", ossia "rete cerebrale di default") che si attiva proprio quando non si fa alcuno sforzo cognitivo e si lascia la mente libera di vagare. Consuma circa 20 volte più energia cerebrale di quella usata per una semplice risposta a uno stimolo esterno, come scacciare una zanzara, e si è ipotizzato che possa essere la sede della coscienza."


    letto l'articolo, il fulcro è proprio quello citato qui sopra. quello
    che mi sono subito chiesta è se questa "rete cerebrale di default" possa
    intromettersi in maniera invasiva anche nel momento in cui si è
    mentalmente impegnati esternamente (conversazioni, svolgimento di
    compiti). rarissime volte mi è capitato di percepire del silenzio
    mentale, assenza di conversazioni ed immagini che si sovrappongono di
    continuo fra loro senza alcuna tregua, è una sensazione del tutto
    peculiare, potrei paragonarla ad una stanza piena di persone che parlano
    e che improvvisamente si ritrovano tutte insieme in silenzio, si
    guardano tra loro come catapultate in un ambiente che non conoscono.
    Newton
  • __Viola____Viola__ Post: 9
    modificato aprile 2017
    Il titolo di questo topic ha attirato molto la mia attenzione.
    In primis non ho capito bene se vi riferiate ad una situazione particolare quando parlate di persone che vi pongono la domanda: " A cosa stai pensando?". Secondo me è una domanda abbastanza gettonata e non sempre va interpretata in senso letterale.
    Dal mio punto di vista il suo vero valore dipende molto dalla persona che la pone, perché da un lato potrebbe essere un modo per entrare empaticamente in contatto con l'interlocutore, dall'altro potrebbe essere quasi assimilabile ad una formalità. E questo suggerisce il tipo di risposta, per cui, di fronte a questa domanda, nel primo caso una persona può approfittarne per esternare un sentimento, un'iDea, un turbamento ecc... che magari non vedeva l'ora di condividere, nel secondo caso potrà rispondere in maniera superficiale Ed evasiva dicendo: " Non sto pensando a niente di particolare", che sostanzialmente, tradotto in soldoni, equivale a " fatti gli affari tuoi". Siccome però, la domanda formalmente è sempre la stessa (" a cosa stai pensando?"), e anche l'intonazione non suggerisce informazioni utili, l'unico discriminante è il rapporto tra le due persone in questione, la loro complicità e confidenza.


    Detto questo, si può non pensare a nulla? Per me personalmente risulta molto difficile, perché già per natura sono una persona molto riflessiva e tendo a rimuginare sulle vicende, creare finti monologhi per prendermi una rivincita immaginaria su persone che mi hanno fatta arrabbiare, organizzare mentalmente i vari impegni eccetera eccetera. In più, soffrendo di disturbi ossessivo compulsivi, anche quando potrei avere la mente libera, in realtà è sempre al lavoro a costruire argomentazioni su argomentazioni nel tentativo di zittire paure che in questo modo non fanno altro che essere alimentate.
    questo l'ho scritto per darvi un'idea di quanto possa essere difficile per me spegnere tutti i circuiti cerebrali. ad ogni modo, credo che il cervello sia perennemente attivo, anche durante il sonno, perché nel momento in cui si reagisce anche passivamente ad impulsi sensoriali si sta "pensando", oppure nella fase REM si tende a pensare per immagini eccetera

    Quindi credo che la possibilità di non pensare sia legata Esclusivamente ad una ben precisa e cosciente volontà. a questo proposito,da qualche tempo mi sono accostata alle discipline orientali, ed ho scoperto il potere della meditazione. Il trucco è sistemarsi in una posizione che risulti comoda, ma che consenta di sentirsi ancorati a terra, ea quel punto concentrarsi sulla respirazione, compiendo una lunga inspirazione e un'altrettanto lunga espirazione, e sforzarsi di lasciar fluire via i pensieri che inevitabilmente compaiono e, come ho letto anche qui, concentrarsi sulle sensazioni corporee. a seguito di un certo periodo di pratica giornaliera, dopo alcuni minuti da che si comincia, ad un certo punto non bisogna più concentrarsi per effettuare una respirazione corretta perché diventa un automatismo, si comincia ad oscillare ( la medicina cinese attribuisce questa oscillazione al flusso dell'energia), e, (ma questa sensazione l'ho avvertita poche volte), si percepisce in maniera quasi tangibile la profonda unità che c'è tra corpo e mente in una condizione di svuotamento mentale, ed è una sensazione bellissima.
    LandauerMononokeHime
  • NewtonNewton Post: 5,327
    Grazie a tutti per le idee molto interessanti che avete scritto. Ci ho pensato su per un po', credo di aver capito alcune cose.

    Ho capito che ho sempre preso la domanda troppo alla lettera e che "pensare" significa tante cose. 
    Il mio "pensare a nulla" probabilmente combacia con la formazione di immagini, colori, sensazioni non specifici e non atti allo sviluppo di riflessioni, idee. Per me è comunque pensare a qualcosa, ma penso che per gli altri sia l'equivalente dell'essere sovrappensiero, o appunto del "pensare a nulla". Qualcosa di simile mi capita con la meditazione, ma la meditazione è un'attività che comporta la volontà di attuarla, la ricerca della situazione per poterla praticare.

    LandauerSirAlphaexa
  • LandauerLandauer Post: 979
    modificato aprile 2017
    @poke
    Definendo "pensiero" in termini molto generali, sia come "linea di riflessione (fatta con la voce interiore)" o formazioni di sensazioni, una persona media dovrebbe pensare un pensiero circa 1 volta ogni 1.23 secondi, ovvero circa 70000 volte in un giorno.
    Credo che non appena comincerai a vedere chiaramente dove vuoi andare, il tuo primo impulso sarà di applicarti allo studio. Per forza.
    Sei uno studioso, che ti piaccia o no. Smani di sapere. [...] comincerai ad andare sempre più vicino, se sai volerlo e se sai cercarlo e aspettarlo,
    a quel genere di conoscenza che sarà cara, molto cara al tuo cuore. Tra l'altro, scoprirai di non essere il primo che il comportamento degli uomini 
    abbia sconcertato, impaurito e perfino nauseato. Non sei affatto solo a questo traguardo, e saperlo ti servirà d'incitamento e di stimolante.                                                                         [J.D.Salinger - Catcher in the Rye]
  • marco3882marco3882 Post: 1,871
    Non ci ho mai fatto più di tanto caso ma credo che non ci siano mai momenti della giornata in cui penso a niente. Anzi di solito approfitto i momenti dove la mente è più libera (mentre non sono concentrato per lavoro per esempio) per pensare a cose piacevoli o che mi interessano.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!

Libro Gratuito "Lo Spettro Autistico risposte semplici" Scarica il libro: Lo Spettro Autistico, Risposte Semplici