Salta il contenuto

Limiti di una parafilia

Blue_SoulBlue_Soul Post: 532
Se avessi la fortuna di ricevere una risposta professionale sarebbe fantastico ma apro questa discussione anche solo per avere la vostra opinione :)
Quali sono i limiti clinici/numerici in cui una predisposizione è inquadrabile come parafilia? Spiego la mia situazione, posto che comunque ho un tale limite nelle relazioni umane che si svolge tutto unicamente in via teorica.

Provo attrazione sessuale in via quasi esclusiva (tranne casi più unici che rari di ragazzini rigorosamente effeminati) per uomini al di sopra dei 40 anni; il limite massimo per ora si è attestato intorno ai 70 ma non escludo possa incontrare uomini più vecchi per me interessanti da quel punto di vista.
Parziale causa è sicuramente l'assenza di una figura paterna consistente (i miei si sono separati quando avevo 3 anni) durante l'età evolutiva: sebbene abbia mantenuto un rapporto decente con mio padre fino ai 10/11 anni tale relazione è stata troncata all'improvviso e con parecchia rabbia da parte mia. Devo dire che però anche da piccolina, alle elementari, guardavo i padri delle mie compagne con un occhio che non manifestava invidia né di tristezza, o affetto, ma un'emozione che avrei compreso solo qualche anno dopo - nonostante già sapessi come nascono i bambini :P -.
Ho riscontrato che il raggio di interesse si era ristretto negli anni del liceo, preferendo in quel periodo uomini al di sopra dei 55, e che le eccezioni efebiche di cui parlavo sopra hanno cominciato a piacermi solo verso i diciotto.
Non ho un canone estetico preciso se non una forma di avversione per quelli che rientrano nel mio spettro di età ambìto ma hanno un modo di vestirsi o atteggiarsi 'giovanile', e questa forma di repulsione, limitata ovviamente all'aspetto erotico, ce l'ho anche per i miei coetanei. La cosa che mi lascia perplessa è proprio che a parte il fantasticare su una figura sessualmente dominante/punitiva (= vedi sopra e chiedi a Freud) non ho nessuna preferenza/standard di maschio attraente, se non il fattore anagrafico. Non potendosi configurare la mia come vera e propria gerontofilia poiché il mio interesse non va a uomini che per sopraggiunto limite d'età perdono potere sessuale (credo che la gerontofilia sia da questo punto di vista affine alla pedofilia ma cerco smentite/conferme), mi chiedo se tuttavia, unitamente al fatto che sono incapace di stabilire una relazione sessuale di qualsiasi tipo con chicchessia, questa disposizione sia una parafilia o meno.
Non ne parlo con il mio terapeuta perché 1) ho più impedienti problemi quotidiani da risolvere, 2) è un uomo sui sessanta per cui provo attrazione :P

Landauerrondinella61Antonius_Blockwoodstock

Commenti

  • wolfgangwolfgang Post: 10,787
    @Blue_Soul la gerontophilia è molto, molto dubbia come diagnosi e non è mai stata inclusa in nessun manuale diagnostico proprio per questo. Proprio il fatto che tu non sia attratta da persone tanto anziane da essere dipendenti dagli altri o incapaci di provare desidero sessuale, fa si che di per sé non ci sia niente di male ma rientra nella "normale variazione".
    Questo ovviamente da un punto di vista psichiatrico e legale.
    Da un punto di vista psicologico reputo lecito invece il tuo desiderio di comprendere da dove venga questa tua tendenza, però appunto, vista la domanda iniziale, la risposta è: di per sé non è considerata "deviata", perché è verso persone che ipoteticamente potrebbero consentire senza problemi e non porta te a comportamenti antisociali.
    Landauerrondinella61Blue_SoulMononokeHimewoodstock
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • Antonius_BlockAntonius_Block Post: 3,524
    modificato luglio 2017
    A me sembra un gusto come un altro.
    Cosa ci sarebbe di diverso rispetto a qualcuno che non ha preferenze/standard oltre a, non so, un fisico scolpito?
    L'unica differenza è che la tua preferenza è con ogni probabilità meno diffusa di altre.

    Per definirla parafilia poi all'atipicità della preferenza deve unirsi una considerevole interferenza con la normale vita di relazione e/o un disagio clinicamente significativo.

    Aggiungo poi che non mi sembra che nessuno si scandalizzi mai quando i punti di vista sono invertiti (uomo ultracinquantenne attratto da donne molto più giovani).
    Post edited by Antonius_Block on
    SirAlphaexaMarco75Blue_SoulWBorgAJDaisymandragola77itmarco3882Newton
  • Marco75Marco75 Post: 2,110
    A me la parafilia pare piu il "fantasticare su una figura sessualmente dominante/punitiva" (riporto le tue testuali parole) piuttosto che la preferenza per una determinata fascia di età, e/o un determinato look personale, in cui non trovo nulla di così insolito.
    Blue_SoulNemo
    "There are those that break and bend. I'm the other kind"

    Cinema, teatro, visioni
  • wolfgang ha detto:

    la risposta è: di per sé non è considerata "deviata", perché è verso persone che ipoteticamente potrebbero consentire senza problemi e non porta te a comportamenti antisociali.
    Dal profondo della mia ignoranza è la stessa cosa che ho pensato pure io: se non fai niente di male e l'altro è consenziente allora perchè ci dovrebbe essere "un limite"? 
    Blue_Soulwolfgang
  • È la differenza d'età eccessiva nonché l'assenza di qualsiasi altro criterio di discrimine che mi lascia riflettere su queste mie tendenze. Però che non ci sia da preoccuparsi sì, questo è vero.
  • Blue_Soul ha detto:

    È la differenza d'età eccessiva nonché l'assenza di qualsiasi altro criterio di discrimine che mi lascia riflettere su queste mie tendenze. Però che non ci sia da preoccuparsi sì, questo è vero.

    Ovvero, non ti attrae la gentilezza, la cultura, ecc...ma solo l'età, rigorosamente "old"?
    WBorgwoodstock
  • WBorgWBorg Post: 4,497
    modificato luglio 2017
    Trovo molto sano questo gusto particolare visto che ho quasi cinquant'anni :))
    Una relazione del genere se è basata sul amore direi che e più che umana.
    Personalmente sono stato valutato da un punto di vista medico, materiale, sociale ed altro.
    Mi sono sentito come messo al asta dei bovini. E quella la parte malata di una relazione.
    Se davanti a me ho una giovane donna che mi guarda per quello che sono, lo trovò un gesto umano, se vengo valutato da un punto di vista biologico e materiale posso pensare che ho davanti una femmina in calore alla ricerca del suo partner ideale per la procreazione.
    Tutte due le scelte sono valide.
    woodstockNemo
    Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale
  • pokepoke Post: 1,721
    Direi che la maggior parte delle femmine presenta attrazione verso l'uomo maturo. Circa 7 su 10.
    Più raro è il contrario, femmina matura attratta verso il giovane, giovane maschio verso femmina matura.
    I motivi sono vari, negli ultimi anni il secondo fenomeno è il aumento, probabilmente perché le relazioni sono libere dall'obbligo procreativo e le femmine meno dipendenti economicamente + altri fattori.

    Personalmente non mi sembra una parafilia, forse l'unico punto in cui indagare è la necessità di sentirti dominata. Ma più per l'evoluzione di una relazione gratificante a lungo termine che per altro.
    Se va' bene a te ed al tuo partner perché farsi problemi?
    Blue_SoulWBorg
  • @rondinella61 più specificamente ci sono tantissime tipologie di uomo che mi attirano ma se e solo se si parte dal presupposto che rientrino in quel dato anagrafico.

    @WBorg 1)Lol 2)Infatti ritengo di non essere molto diversa da quelli che anche in età matura sono attratti dalle ragazzine e spesso mi prodigo in loro difesa perché capisco benissimo come si sentano; so che questa cosa crea disgusto a molti eppure ho sempre accettato il motore biologico/istintuale di questa mia inclinazione senza problemi (anche perché forse un uomo oltre gli anta che provasse attrazione a prima vista per me come io la provo per loro starebbe anche lui agendo d'istinto). Tuttavia mi stupisce come per l'ennesima volta non sono stata capace di crearmi nessuna sovrastruttura mentale che mi rendesse 'simile' agli altri, per esempio simile a quelle che con i miei stessi presupposti familiari/psicologici magari si sentono rassicurate già all'idea di qualcuno che abbia giusto una manciata di anni in più.
    WBorgrondinella61woodstock
  • WBorgWBorg Post: 4,497
    Blue_Soul ha detto:

    @rondinella61 più specificamente ci sono tantissime tipologie di uomo che mi attirano ma se e solo se si parte dal presupposto che rientrino in quel dato anagrafico.

    @WBorg 1)Lol 2)Infatti ritengo di non essere molto diversa da quelli che anche in età matura sono attratti dalle ragazzine e spesso mi prodigo in loro difesa perché capisco benissimo come si sentano; so che questa cosa crea disgusto a molti eppure ho sempre accettato il motore biologico/istintuale di questa mia inclinazione senza problemi (anche perché forse un uomo oltre gli anta che provasse attrazione a prima vista per me come io la provo per loro starebbe anche lui agendo d'istinto). Tuttavia mi stupisce come per l'ennesima volta non sono stata capace di crearmi nessuna sovrastruttura mentale che mi rendesse 'simile' agli altri, per esempio simile a quelle che con i miei stessi presupposti familiari/psicologici magari si sentono rassicurate già all'idea di qualcuno che abbia giusto una manciata di anni in più.




    Per l'amore di cronaca, una trentenne o quasi non è proprio una ragazzina. ;) Nel mio caso.
    Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale
  • poke ha detto:

    Più raro è il contrario, femmina matura attratta verso il giovane, giovane maschio verso femmina matura.
    I motivi sono vari, negli ultimi anni il secondo fenomeno è in aumento

    Esatto, nel caso di giovani ragazzi che cercano donne mature gli è stato proprio dato un nome, si chiamano donne "cougar" ed esistono siti dedicati solo ed esclusivamente ad incontri come quelli, dove una donna "giovane" non verrebbe neanche accettata (a prescindere da quanto è piacevole d'aspetto).

  • NemoNemo Post: 3,727
    Mi associo a @WBorg. Nello scartare a priori un under 40 non ci trovo nulla di strano (la maestra di mia figlia, ad esempio, mi disse che lei aveva bisogno di un uomo con almeno dieci meglio se quindici anni in più, altrimenti non iniziava nemmeno la relazione. Persona equilibratissima e "normale").

    Personalmente trovo attrattive le persone in base a criteri che poco hanno a che vedere con l'età anagrafica, ma non vedo un particolare problema nei tuoi gusti. 

    Mi sembra inoltre che, dal momento che tu hai già un percorso psicoterapico in essere, parlarne con il tuo medico non sia una cattiva cosa: anzi, forse è persino bene che tu lo faccia, così da rendere trasparenti nei suoi confronti le emozioni che provi.
    WBorgBlue_Soulwolfgang
    Memento Mori
  • PavelyPavely Post: 3,350
    Vorrei dire a @Blue_Soul se posso un concetto proprio della Sessuologia.

    Per Parafilia, oggi, si intende un interesse costante e g o s i n t o n i c o verso temi sessuali atipici.

    Egosintonico significa che gli interessi sessuali rari non generano un disagio interiore, la persona non ci vede nulla di male, sono particolari (è vero) e, pure, non testimoniano uno scostamento dall'Umanità ma, anzi, una sua espressione naturalissima.

    In alcuni casi - rarissimi - le Parafilia possono generare una e g o d i s t o n i a, cioè generare una sofferenza interiore per chi vive la parafilia, un senso di colpa persistente, una vergogna grandissima, un rifiuto che si vuole imporre a sé stessi con forza: in questo caso, occorre parlare di Disturbo parafiliaco.

    Nessun sessuologo, oggi, considera una Parafilia come qualcosa di strano. Effettivamente: è r a r i s s i m o trovare esseri umani che abbiano comportamenti "normali" nel sesso. E' vero che si è sempre testimoniato che anticamente tra Moglie e Marito il sesso seguisse Regole di natura religiosa che ne uniformavano l'atto. Ma esistevano luoghi in cui tutti erano sé stessi (i Bordelli, tra i tanti esempi che si possono fare).

    §

    Ciò che descrivi è un "disturbo parafiliaco"? Appari come una ragazza che vive un sentimento "egodistonico"?

    In parte si e in parte no.

    Perché scrivo, "in parte si"?

    Scrivo così perché hai una Costruzione mentale assolutamente errata.

    Provo a spiegarmi: non c'è alcun legame tra Sentimenti famigliari e Comportamenti sessuali.

    Il comportamento dei genitori può generare dei Blocchi, delle grandissime Sofferenze interiori, Rabbia e Frustrazione e - al limite - anche di più.

    Ma non può negare, non può generare, non può governare la Sessualità dei figli. Ti faccio un esempio: anche se può apparire quantomeno strano, per tantissimo tempo è stato scritto che un Figlio poteva diventare Omosessuale quando il Padre è assente dalla sua vita.

    Osserva come l'omosessualità NON è una parafilia ma è stata considerata come tale in passato. L'omosessualità è un normalissimo orientamento sessuale. CIò che vale per esso, vale per ogni declinazione "rara", la Parafilia.

    Dunque: è stato detto che quando c'è un "Papà frigorifero" (sorrido...), un papà inaffettivo, un papà che non porta suo figlio "a vedere la partita dei Dodgers", può accadere che il figlio - in ricerca di affetto - si leghi di più alla mamma. E, a lungo andare, questo comportamento creerà nell'adolescente l'omosessualità.

    Ora: la totale ASSURDITA' di questo ragionamento è venuta su con il tempo. Senza scendere nello specifico, si constatato scientificamente che i genitori r e a g i s c o n o alla sessualità del figlio, non la controllano. Assolutamente. E il ragionamento, osserva, è stato talmente affermato in modo incontrovertibile che in alcuni paesi - ad esempio la Danimarca - ammettono che i cittadini possano vivere liberamente le proprie Parafilie (ad esempio, in Danimarca, una coppia che viva consapevolmente una Parafilia sadomasochistica, vedrà i diritti reciproci letti alla luce della libertà sessuale ed espressiva. Sussiste un Nucleo che non può essere toccato: ma se un Marito è Masochista e si considera "schiavo" della Moglie al momento di un eventuale divorzio dovrà parlare di questo aspetto di sé e i comportamenti della Moglie saranno ANCHE interpretati alla luce dell'identità sessuale di entrambi).

    Non si diventa omosessuali per via dei genitori.

    Ora: IL RAGIONAMENTO CHE VALE PER UN NORMALISSIMO ORIENTAMENTO SESSUALE VALE ANCHE PER OGNI DECLINAZIONE DELLA SESSUALITA' STESSA.

    Se l'Orientamento sessuale è un Canale mainstream che dice cose generalissime sulle persone, scendendo nello specifico si hanno comportamenti diffusi e comportamenti rari.

    I comportamenti r a r i sono chiamati parafilie.

    §

    In sè, la Parafilie non sono atti illegali.

    Diventano atti illegali, se così decide la Comunità in cui abiti: sia a livello legale (ordinamento giuridico), si a livello informale, sociale, paritario.

    Ora: una cosa non va fatta perché è illegale, non perché è una parafilia. Assolutamente. Il che porta ad una contraddizione di fondo tra chi nasce in un certo modo e non potrà mai vivere a pieno la sua sessualità.

    Può accadere, @Blue_Soul che tu possa incontrare un Pedofilo egosintonico: cioè un essere umano la cui sessualità è rivolta ai bambini.

    La prima cosa che tutti proviamo - io compreso - un rifiuto assoluto, drastico, drammatico. Puntiamo il dito e diciamo di questa persona: "Tu sei un mostro".

    Attenta, però, sul punto.

    Occorre distinguere tra il Sentimento di odio che proviamo quando vengono trasgredite le leggi e la morale dal Sentimento di odio che proviamo verso chi ha un comportamento sessuale bizzarro e strano e diverso dal nostro.

    Il Pedofilo egosintonico è un Criminale.

    Ma non malato di mente.

    E quando trasgredisce la legge ha il dovere di andare in prigione per sempre (ma ciò non accade).

    §

    Ciò che osservi è il fatto che la Legge (e anticamente la Religione) regola la nostra condotta sessuale e ne sancisce i limiti.

    La Pedofilia è un crimine oggi ma consideriamo che nell'antichità era quanto meno la norma. Nella Roma antica - per farti un esempio - non erano rari i casi in cui una bambina di 12, 13 anni avesse divorziato già 3, 4 volte. Oggi: fare sesso con un bambina di 12 anni è un reato gravissimo. Anticamente, no,assolutamente.

    §

    Ogni persona adulta deve capire il proprio orientamento sessuale.

    Deve capire se ha gusti "rari" e, quindi, ha una parafilia.

    Se questa contraddice la legge, dovrà vivere in modo casto o educarsi a negare - per sempre - la propria identità sessuale.

    §

    Ora: può accadere che una Parafilia assuma la forma del Disturbo parafiliaco.

    Ma questo non è assolutamente il tuo caso. Credimi: ciò che descrivi non solo non è un Disturbo parafiliaco ma è - anzi - qualcosa di piuttosto diffuso e, soprattutto, legale.

    La società abbonda di 20enni che sposano 50enni di successo e affidabili e belli.

    §

    Ora: una Parafilia può essere la Furnifilia, la Oschillofilia e altre amenità. Parafiliaco è una persona che prova eccitazione quando una donna si mette lo smalto o si passa il phon tra i capelli. Questi sono esempi tra i più comuni. Parafilia è l'eccitazione sessuale che prova una donna quando fa piangere il suo compagno o lo vede devastato dal dolore (no, non è sadismo, ha un altro nome...). Oppure: parafilia è quando si raggiunge l'eccitazione se il proprio partner indossa Costumi da Panda o da Orso.

    Ora: il n u m e r o delle donne che si eccitano quando un uomo ha un costume da Panda è davvero m i n i m o.

    Dunque: la Pandafilia è una Parafilia (Il gioco di parole è involontario).

    Pure: non c'è nulla di male a fare sesso con un Partner vestito da Panda.

    §

    Non fai nulla di male.

    Non trasgredisci nessuna norma giuridica.

    Non vedo, dunque, dove sia il problema...

    §

    Riassumendo: la mancanza di tuo padre non ha avuto alcuna influenza sulla tua sessualità.

    Ricorda che se una Parafilia è illegale, chiunque la viva in modo egosintonico deve fare una scelta di castità. Se trasgredisce a questa regola, diventa un criminale e come tale va punito.

    §

    Capisco il momento delicatissimo che stai attraversando: tieni duro.


    Blue_SoulAmeliebludiprussiaWBorgmarco3882AlexMooreMarco75wolfgangDingo
Accedi oppure Registrati per commentare.


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!