Salta il contenuto

Domande/richieste compulsive

wolfgangwolfgang Post: 10,799
modificato ottobre 2011 in Discussioni tra genitori
Mia figlia ripete le stesse cose in loop in modo compulsivo, non è ecolalia e penso che dipenda dall'ansia. Finché si tratta di domande è abbastanza semplice perché si tratta unicamente di dargli la risposta per lei soddisfacente e in un modo che riesce a comprendere, ma quando si parla di richieste o conferme non si riesce a farla smettere, richiede la stessa cosa decine di volte al giorno portando tutti all'esaurimento, insomma è più simile al "capriccio" che all'ecolalia (per spiegare il concetto). Avete idee? Ignorarla non funziona è molto "determinata". Dargli la regola di non farlo neanche (purtroppo ha ripreso dal padre.. :P ).
Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.

Commenti

  • Tanta pazienza e risposte precise. Mio figlio lo fa ancora adesso che è grande, specie se è in ansia. Come si fa a non rassicurarli? Certo adesso sono episodi circoscritti e sono più facili da gestire, ma quando era piccino era difficile sopportare. Anche la regola non può funzionare, perchè l'ansia non si può imbrigliare. Credo che sia ancora molto piccola e quando riuscirà ad avere una maggiore gestione della propria ansia, andrà sicuramente meglio.

  • [Deleted User][Deleted User] Post: 554
    modificato ottobre 2011
    Ti consiglio di chiedere ai tuoi contatti dove ci siano genitori con figli Asperger.

    Magari loro piu` che applicare delle tecniche precise,ci son arrivati per tentativi e adattandosi di volta in volta in

    base anche all'eta `del bimbo.

    Qui conta l'esperienza pratica e basta mi sa.

    E anche il suo carattere (Forte o meno forte).

    Certo che il post di sottolo mi fa pensare a come fare indirettamente,cioe`agire prima .

    Agire prima,trovando un modo per fargli scaricare le sue ansie.

    Immagino che sia come una sorta di accumulatore umano e che arrivata al massimo della carica,per forza di cose le debba scaricare e sfogarsi,in questo caso con domande/rassicurazioni.
    E`che non so quanto possa valere una tecnica per bimbi neurotipici traslata su chi neurotipico non sia.
    Leggendo un po mi son reso conto che ci possano essere differenze enormi in diversi comportamenti che paiono anche simili.
    Immagino succeda anche per questo,cosi`pure il sistema da applicare per lenire le sue ansie andrebbe studiato Potresti chiedere a Domenico C.Visto che ne ha lecompetenze,o comunque conoscera` persone che ne abbiano.
    Comprendo che sia angustiante,volerla aiutare ,sentir milledomande e non saper/poter arginare la situazione.
    Gia` e`un incubo coi bimbi NT ...
  • wolfgangwolfgang Post: 10,799
    Si penso deriva principalmente dall'ansia e in questi giorni siamo tutti stanche perché i bimbi stanno male a ripetizione (quindi loro stanno male e noi non dormiamo). Le ossessioni/domande il problema è che finché sono quesiti (cioé ossessioni intellettuali) sono facili da risolvere perché basta soddisfarla e anzi, mi rendono orgoglioso ;)  
    Quando sono cose fisiche (tipo paura del contaggio o simili) uso tranquillamente la CBT (esposizione + ristrutturazione cognitiva)
    Quando invece sono conferme (è vero che le mie mani non puzzano? è vero che dopo posso mettere il pigiama rosa? etc..) è un po' più complicato, perché a parte confermare la cosa non si può fare e l'origine ansiosa è evidente, soprattutto essendo entrata alla materna (ha 4 anni ma ha saltato il primo anno), penso siano questioni di conferma sociale (lei sa bene di essere diversa dagli altri). 

    Effettivamente la maggioranza delle mie ossessioni "OCD" è passata con l'adolescenza, momento in cui mi è diminuita autonomamente l'ansia e a quel punto ho potuto lavorare per rimuoverle. Ma ovviamente devo trovar modo di fargliele passare prima. Non perché danno fastidio a me, ma perché mandano in palla lei.
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • Manderebbero in palla chiunque !

    Si,anche a me e`avvenuta una cosa similare: sulle ossessioni DOC ;)

    E`piu carino cosi`: sembra una cosa bella! Un marchio di qualita` manca solo g di garantito e siamo a posto.
    Cosa intendi con :ci holavorato per rimuoverle?
    Interessante!
    Quesiti intellettuali :)
    Si ,immagino sia lamaggior soddisfazione che si possa dare a un genitore Asperger no? :)

  • wolfgangwolfgang Post: 10,799

    Cosa intendi con :ci holavorato per rimuoverle?

    Dunque, credo fossi in prima media, quindi avevo una decina d'anni. Ho iniziato ad applicare (autonomamente) tecniche di CBT/meditazione/esposizione per diminuire la mia ansia, ossessioni, etc.. Anche se gli effetti più rapidi ed immediati li ho ottenuti a partire dai 15/16 anni. Con lo sviluppo tante situazioni si sono "normalizzate" biologicamente ed il resto è stato più facile. A 18 anni non avevo nessun tipo di fobia o qualsiasi altra cosa del genere, a 20 anni sono passati tutta una serie di problemi minori.

    Se uno le prende presto le cose non è così impossibile (ed è tutto merito di tre libri "Il gabbiano Jhonatan Livingston", "Il manuale del guerriero della luce", "Dune") che hanno fatto si che decidessi che l'"awareness" fosse una via percorribile. Però io a differenza di molte persone nello spettro non ero affatto contento della mia situazione. Ma questo è un discorso mio personale. Che si può riassumere così:

    image
    Landauer
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • E gia`!
    Carino il link!
    :)

  • mi potresti dire qualche tecnica di cbt?? se ho ben capito cos'è credo che potrebbe tornarmi utile
    :)
  • wolfgangwolfgang Post: 10,799

    mi potresti dire qualche tecnica di cbt?? se ho ben capito cos'è credo che potrebbe tornarmi utile
    :)
    Dipende cosa ti serve.
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • un metodo x calmarmi un po' quando sto in ansia, in genere non faccio domanda compulsive ma spesso continuo a pensarne oppure se penso di non riuscire a fare una cosa non riesco a smettere di dirlo o chiedo cose strane solo x avere riprova
  • TsukimiTsukimi Post: 3,827
    un metodo x calmarmi un po' quando sto in ansia, in genere non faccio domanda compulsive ma spesso continuo a pensarne oppure se penso di non riuscire a fare una cosa non riesco a smettere di dirlo o chiedo cose strane solo x avere riprova
    Mi sa che serve anche a me.
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • wolfgangwolfgang Post: 10,799
    modificato novembre 2011
    Ci sono vari modi per calmare l'ansia.

    Io trovo ottimale il connubio:

    -sfogo fisico (sport, attività fisica, regolarità alimentare e routine sonno-veglia)
    - sfogo artistico (scrivi, disegna, dipingi, suona, etc..)
    - aumento della consapevolezza (tecniche di meditazione, yoga, zen, etc..)

    - ristrutturazione cognitiva stile CBT/DBT

    - controllo degli antecedenti stile "comportamentale" (metodo ABC)

    Si vi dovrò scrivere dei pezzi su queste cose, troppo lungo da spiegare!


    image


    A proposito mia figlia ha iniziato i corsi di yoga e ceramica, sembra si diverta, speriamo servano anche da calmante!
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • Ciao ! Mio figlio quando vuole qualcosa me la chiede interrottamente! ,,,, e una volta ho provato a rispondergli con il domandargli se voleva quel qualcosa...... e lui  nel rispondermi SI ....si e' calmato e l'attesa e' stata piu' tranquilla!......Continua invece a dirmi sempre che mi vuole tanto bene....come si dovesse giustificare!
    :X
  • wolfgangwolfgang Post: 10,799
    Mia figlia spesso vuole che gli ripeti l'intera frase.
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • AlexCAlexC Post: 73
    Con me funzionava il gioco del "perché", mi piaceva tantissimo; oltre ad avere delle risposte alle mie domande "rompevo le scatole ai miei" per giocare ""capricciosamente""  :P
    I miei frammentavano così tanto le risposte alle mie domande facendomi passare la voglia di chiedere, tutto questo senza che io mi arrabbiassi o entrassi "in loop".
    Esempio.. Una delle prime domande che ricordo, qualche lustro fa :'(
     
    D: Ma il Sole e la Luna non si scontrano?
    R: No.
    ..silenzio..

    D: Perché?
    R: Sono troppo lontani.
    D: Quanto?
    R: Tanto.
    ..silenzio..

    D: Ma sono in cielo, qualche volta sono vicinissimi!
    R: Ti sembra, sono troppo lontani per toccarsi.
    D: Perché mi sembra?
    R: La luna è piccola e vicina, il sole è grandissimo e lontano.
    D: Perché?
    R: Sono due cose diverse.
    D: Cioè?
    R:  Il sole è una stella, la luna è un asteroide.
    D: Cos'è un asteroide?
    (......)

    Dopo 30 minuti per la metà delle volte mi stufavo del "gioco" prima dei miei.
  • AlexCAlexC Post: 73
    Wolf penso che nello schema "Trattamenti per l'ansia" ci manchi una cosa: "Sex" (spero che non sia compreso in "Masturbation"!!!)
    Le coordinate Sex le metterei a...  0.8;0.7 
  • wolfgangwolfgang Post: 10,799
    Il Sex a parte la masturbazione non puoi farlo da solo, a meno di non considerare il sesso a pagamento, ma quello non credo faccia diminuire l'ansia più della masturbazione :P
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • AlexCAlexC Post: 73
    nemmeno il massaggio ... ..  :-)
  • wolfgangwolfgang Post: 10,799
    Il massaggio lo paghi :P
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • AriannaArianna Post: 24
    Mio figlio fa domande ripetitive, portandomi a ripetere milioni di volte la stessa frase che lui vuole sentire quando è in ansia per un argomento di suo interesse (es. a cinque anni veniva nel mio letto alle cinque di mattina e mi chiedeva le capitali di tutti gli stati del mondo, quando non sapevo la risposta gli rigiravo la domanda e diceva lui la città) oppure mi fa mille domande ripetitive in maniera compulsiva quando è turbato per qualcosa che è successo ma non riesce mai a stabilire cosa....se io riesco a capirlo, si affronta l'argomento e, di solito, si calma...a volte sono esasperata e mi arrabbio...ma non è che la cosa, risolva...anzi...
  • wolfgangwolfgang Post: 10,799
    Penso sia normale @Arianna, succede lo stesso con i miei figli. Bisogna cercare di mantenere la calma (anche nel tono di voce), magari dando un limite di domande sulla stessa cosa per poi dare un segnale di basta ed ignorare le proteste. So che tra il dire ed il fare.. fidati!
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • PaolaintPaolaint Post: 198
    Penso sia normale @Arianna, succede lo stesso con i miei figli. Bisogna cercare di mantenere la calma (anche nel tono di voce), magari dando un limite di domande sulla stessa cosa per poi dare un segnale di basta ed ignorare le proteste. So che tra il dire ed il fare.. fidati!

    mentre con gli adulti? che fare...forse funziona anche per le affermazioni ripetitive?



    ci spieghi meglio (in modo più comprensibile ) cos'è questa CBT/DBT e poi ABC?

    grazie mille

    :-)
  • AriannaArianna Post: 24
    grazie mille, sono daccordo, certo, anche se poi, a volte, mi esaurisco...cerco di dare lo stop, con voce calma, dicendo:"non ti rispondo più se mi fai sempre la stessa domanda" e lui si limita, in effetti, ma, Wolfang, faccio bene veramente?! anche io sono frustrata: mi sembra di non riuscire mai a rassicurare mio figlio
  • wolfgangwolfgang Post: 10,799
    CBT sta per terapia cognitivo-comportamentale, DBT sta per terapia dialettico-comportamentale, ABA sta per analisi del comportamento applciata, comunque sono tutte sigle che si rifanno alla scienza del comportamento.

    All'interno della scienza del comportamento si parla di ABC.

    Antecedent = Antecedente
    Behavior = Comportamento
    Consequence = Conseguenza

    Se si sfrutta un approccio più cognitivo è bene considerare uno spettro più ampio legato all'interazione del modello con l'organismo (quindi ad esempio l'antecedente non è tanto l'evento esterno quanto la percezione che hai di esso, etc..).

    Comunque per semplificare, se vuoi modificare un comportamento hai due possibilità:
    - lavori sull'antecedente (es. se mi incavolo e urlo ogni volta che vado al cinema, non vado al cinema così non succede)
    - lavori sulla conseguenza

    Lavorando sulla conseguenza puoi modificare la probabilità di un comportamento aumentandola se dai un rinforzo o diminuendola se dai una punizione.

    Un esempio ad una "classica" discussione con i figli è questo:
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • MeiMei Post: 548
    Uff... anche qua domande a ripetizione... l'ultima è volere un adesivo che è attaccato e non si stacca più. Spiegazioni eccessivamente razionali non è ancora in grado di coglierle appieno (se parlo troppo si isola e non mi segue).





    :(

    E' proprio vero che quando sono malati è durissima
  • @wolfgang

    Potresti proibirle di fare le domande compulsive quando ci sono certe condizioni magari.
    Tipo:
    -finché non passano tot minuti...
    -se ci sono tutte queste condizioni...
    -se provi un certo grado di ansia (sintomi fisici ed emotivi)...
    L'ultimo mi ispira di più, perché potrebbe indurla ad un esame di sé per regolarsi. Che ne pensi?

Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!

Libro Gratuito "Lo Spettro Autistico risposte semplici" Scarica il libro: Lo Spettro Autistico, Risposte Semplici