Salta il contenuto

Il sentire, riconoscersi in se stessi

Se leggete il mio post precedente, ho spiegato molti dei motivi per cui sono approdata all'ipotesi di essere asperger. Premesso che sto aspettando risposta per far valutare mia figlia, rimango immobile per me, non riesco a concepire di cercare uno psicologo (o psichiatra?) e di capitare casualmente con uno che riesca a capirmi (e al quale io non riesca a dire e dare quello che vuole convincendolo di quello che vuole vedere in me... non so se mi spiego?). Ho paura di non essere capita e riconosciuta e temo  di fare il camaleonte come faccio con chiunque (tranne il mio compagno). All'aspie quiz risulto positiva per sospetto di asperger, ma ci sono alcune cose che non mi quadrano. Ad esempio la grande capacità di capire i sentimenti miei e degli altri, il tempo che passo ad analizzarli e la sensazione di riuscire comunque a esser un'ottima attrice nelle situazioni sociali soprattutto superati i 26 anni ( prima il mio imbarazzo e la mia ansia nelle situazioni sociali mi portava più che altro a non prendere mai la parola). Cosa ne pensate? Come si trova uno psicanalista che possa davvero aiutare a sgarbugliarsi?
Ale_Maffe88

Commenti

  • priscaprisca Post: 40
    Spesso ho la sensazione di vedere negli altri più di quello che vorrebbero mostrarmi. Metto in luce ogni debolezza anche con atteggiamenti non verbali, basta la mia premura( col tempo ho capito che non a tutti piace essere essere aiutati soprattutto senza consenso, ci ho rimesso parecchie amicizie ) anche se continuo a pensare che non lo faccio con intento arrogante ma per il puro desiderio di far sentire l'altro capito e ascoltato cosa che a me è sempre mancata e che desidero molto (proietto troppo forse?).

  • DollsDolls Post: 8
    Io stesso sono stato depresso per molti mesi perché era davvero molto difficile per me sentirmi normale dopo essere stato derubato, per me era davvero un problema che non mi sarei mai aspettato di affrontare. In generale, tutti hanno iniziato a parlarmi di ajax e della necessità di installarlo, ma io non capivo affatto che senso avesse. E ho deciso che forse questa è l'unica opzione per evitare che questo accada di nuovo. Per essere onesti, non ho perso! Vi auguro buona fortuna!
  • SinOfHybrisSinOfHybris Post: 12
    modificato 27 maggio
    prisca ha detto:
    Spesso ho la sensazione di vedere negli altri più di quello che vorrebbero mostrarmi. Metto in luce ogni debolezza anche con atteggiamenti non verbali, basta la mia premura( col tempo ho capito che non a tutti piace essere essere aiutati soprattutto senza consenso, ci ho rimesso parecchie amicizie ) anche se continuo a pensare che non lo faccio con intento arrogante ma per il puro desiderio di far sentire l'altro capito e ascoltato cosa che a me è sempre mancata e che desidero molto (proietto troppo forse?).

    Ciao Prisca,

    premetto che io sono NT (anche se sicuramente mi appartengono alcuni tratti “aspie” ma sono nettamente NT) eppure mi ritrovo in pieno nella tua sensazione (e situazione), ne parlavo qualche giorno fa con il mio ex marito.
    Ho condiviso questo mio pensiero anche con un mio caro amico (straniero) che è ND, anche se credo non diagnosticato e non credo se ne renda conto pienamente, pur avendo grandissima auto consapevolezza. 

    Il suo commento (tradotto) è stato questo:
    […] “È un talento notevole, ma può portare a situazioni esplosive di persone che non sono pronte a far scoprire quelle cose (di sé) che tu gli vedi dentro”.

    Perciò io ho risposto che molto spesso taccio per evitare questo tipo di situazione ma mi rendo conto che talvolta è implicito nelle mie azioni o in altre mie parole.
    E lui ha confermato ciò che ho detto.

    Ecco, le situazioni credo siano le stesse in cui ti trovi tu e paradossalmente proprio con le persone che ci sono più care si verifica questa cosa. 

    E non lo faccio apposta, mi viene talmente spontaneo che anche se non lo esplicito ormai emerge comunque e porta con sé le conseguenze che anche tu ben conosci.

    Che sia una proiezione del nostro desiderio di essere capite? Possibile… quantomeno è sicuramente vicino al detto “fai ad altri ciò che vorresti fosse fatto a te”.

    Quindi io non riesco a darti grandi risposte ma quantomeno posso dirti che mi ritrovo pienamente nelle tue parole.

    È come se per loro diventassimo come uno specchio in cui guardarsi ed anche se rimandiamo loro un messaggio positivo di accettazione ed assenza di giudizio, talvolta questo specchio mostra loro qualcosa che non vorrebbero vedere.

    E aggiungo un’osservazione che riguarda il rapporto con la “verità” e la “sincerità”: personalmente le agogno entrambe e, soprattutto se ho a che fare con un Aspie, posso anche restare ferita ma mi sta bene comunque…

    Del resto anche gli aspie (forse non tutti) sono “sensibili” alla verità ed alla sincerità dalle quali possono restare “feriti” o turbati…e in qualche modo, “prendono le distanze dalla causa del loro turbamento”…e questo anche se l’intento è quello di far sentire “capita” (e non giudicata) la persona.

    Ma il punto è che, anche se io la giudico, la persona lo fa, si giudica e talvolta non riesce proprio a perdonarsi, non le piace ciò che vede riflesso nel mio specchio.  

    …spero di essermi fatta capire…

    Post edited by riot on
    prisca
  • priscaprisca Post: 40
    modificato 27 maggio
    SinOfHybris ha detto:
    prisca ha detto:
    Spesso ho la sensazione di vedere negli altri più di quello che vorrebbero mostrarmi. Metto in luce ogni debolezza anche con atteggiamenti non verbali, basta la mia premura( col tempo ho capito che non a tutti piace essere essere aiutati soprattutto senza consenso, ci ho rimesso parecchie amicizie ) anche se continuo a pensare che non lo faccio con intento arrogante ma per il puro desiderio di far sentire l'altro capito e ascoltato cosa che a me è sempre mancata e che desidero molto (proietto troppo forse?).

    Ciao Prisca,

    premetto che io sono NT (anche se sicuramente mi appartengono alcuni tratti “aspie” ma sono nettamente NT) eppure mi ritrovo in pieno nella tua sensazione (e situazione), ne parlavo qualche giorno fa con il mio ex marito.
    Ho condiviso questo mio pensiero anche con un mio caro amico (straniero) che è ND, anche se credo non diagnosticato e non credo se ne renda conto pienamente, pur avendo grandissima auto consapevolezza. 

    Il suo commento (tradotto) è stato questo:
    […] “È un talento notevole, ma può portare a situazioni esplosive di persone che non sono pronte a far scoprire quelle cose (di sé) che tu gli vedi dentro”.

    Perciò io ho risposto che molto spesso taccio per evitare questo tipo di situazione ma mi rendo conto che talvolta è implicito nelle mie azioni o in altre mie parole.
    E lui ha confermato ciò che ho detto.

    Ecco, le situazioni credo siano le stesse in cui ti trovi tu e paradossalmente proprio con le persone che ci sono più care si verifica questa cosa. 

    E non lo faccio apposta, mi viene talmente spontaneo che anche se non lo esplicito ormai emerge comunque e porta con sé le conseguenze che anche tu ben conosci.

    Che sia una proiezione del nostro desiderio di essere capite? Possibile… quantomeno è sicuramente vicino al detto “fai ad altri ciò che vorresti fosse fatto a te”.

    Quindi io non riesco a darti grandi risposte ma quantomeno posso dirti che mi ritrovo pienamente nelle tue parole.

    È come se per loro diventassimo come uno specchio in cui guardarsi ed anche se rimandiamo loro un messaggio positivo di accettazione ed assenza di giudizio, talvolta questo specchio mostra loro qualcosa che non vorrebbero vedere.

    E aggiungo un’osservazione che riguarda il rapporto con la “verità” e la “sincerità”: personalmente le agogno entrambe e, soprattutto se ho a che fare con un Aspie, posso anche restare ferita ma mi sta bene comunque…

    Del resto anche gli aspie (forse non tutti) sono “sensibili” alla verità ed alla sincerità dalle quali possono restare “feriti” o turbati…e in qualche modo, “prendono le distanze dalla causa del loro turbamento”…e questo anche se l’intento è quello di far sentire “capita” (e non giudicata) la persona.

    Ma il punto è che, anche se io la giudico, la persona lo fa, si giudica e talvolta non riesce proprio a perdonarsi, non le piace ciò che vede riflesso nel mio specchio.  

    …spero di essermi fatta capire…


    Hai centrato in pieno il succo! Sto cercando di farmi meno assorbire da tutto, il mio entrare così profondamente in contatto con tutto e tutti mi affatica molto e poi perdo di vista l'essenziale. Così invece ho la sensazione di restare a distanza di sicurezza...mia e degli altri
    Post edited by riot on
    SinOfHybris
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!

Libro Gratuito "Lo Spettro Autistico risposte semplici" Scarica il libro: Lo Spettro Autistico, Risposte Semplici