Salta il contenuto

Memoria a breve termine e concentrazione

Niente da fare... ogni tanto torna. Da qualche giorno, complice forse il cambio di stagione, ho seri problemi con la memoria a breve termine. Non mi ricordo nulla. Zero. Dimentico gli impegni, e persino di fare la spesa, cosicché poi torno a casa e non ho nulla da mangiare, mentre a lavoro trascuro cose anche importanti (credo di essere il peggior addetto di segreteria al mondo) e mi becco pure rimproveri. Posso concentrarmi solo su una cosa per volta e, tanto per aggiungere qualcosa alla situazione, vado spesso in sovraccarico sensoriale (devo persino far entrare nel mio ufficio una persona per volta e, se sento parlare forte o più persone insieme, mi manca l'aria e mi gira la testa). Spesso evito, anche bruscamente, di fare alcune cose che mi vengono richieste, mentre altre le trascuro o rimando. Ho una confusione continua e totale e mi sento frastornato, però potrei dedicarmi per ore ad un'unica attività che mi assorbe, purché priva di distrazioni.
Inutile dire che dovrei cambiare lavoro (ma allo stesso tempo, quello che ho me lo tengo stretto) e che dovrei iniziare un percorso di psicoterapia. Dovrei... perché in realtà poi è tutto troppo complesso e resto inerte dove sono e come sono.

A voi succede di dimenticare le cose a breve termine e di non riuscire a concentrarvi? Come fate a risolvere?
Infine, come avete fatto a trovare uno psicologo nella vostra zona che almeno sapesse cos'è l'asperger?
:)
EunicewolfgangValentasilvia78yugenEowynSophia

Commenti

  • fattore_afattore_a Post: 2,337
    Sentivo dire che si può pensare a una sola cosa per volta. Non mi è capitato di dimenticare di fare la spesa, però mi è capitato di dimenticarmi di svoltare verso il benzinaio perché perso nell'automatismo del quotidiano.

    Forse alla base c'è proprio una mancanza di concentrazione e un pensiero ricorrente che ti impegna. In che cosa ti sorprendi a pensare mentre dovresti fare altro? Prova a fare un esperimento e a risponderti.
    SheldonAJDaisySophia
  • SheldonSheldon Post: 617
    Niente di definito. Confusione. Per fare un parallelismo, è come se cercassi di distinguere una voce (ciò che devo fare) all'interno di un frastuono infernale di tanti suoni che finiscono per coprirla (il mondo che mi circonda).
  • FrancescoFrancesco Post: 966
    modificato giugno 2015
    Non è che il problema è la routine ?
    Fare cose che non ti interessano ma che sei comunque tenuto a fare ?
    La mia memoria a breve fa schifo a prescindere, a volte apro il frigo e non ricordo  perchè l'ho aperto, conoscendo questa mia peculiarità cerco di sbrigare le cose non appena mi vengono in mente, così è anche peggio perchè l'ordine cambia di continuo o poi dimentico le cose che avevo pianificato. Ho paura di dimenticare: le scadenze, gli impegni presi, etc; non scrivo nulla, tanto dimeticherei di leggere gli appunti. :-)  Tutto ciò che non rientra in semplici e ripetitive azioni quotidiane rischia di venir dimenticato. Anch'io riesco a fare una cosa per volta, ma ogni volta ho la sensazione di dimenticare qualcos'altro. Per esempio, sono diversi  giorni che giro con una chiave in tasca, la devo riporre in un cassetto ma poi mi scordo di farlo  e resta in tasca in attesa che mi accorga della sua presenza quando sono in vicinanza di quel cassetto .

    :D
    Sheldon
    Non vorrei mai far parte di un club che accettasse tra i suoi soci uno come me. (G. Marx)
  • SheldonSheldon Post: 617
    Può essere... in effetti alcune le cose le faccio con un'efficienza unica. Esempio: scrutatore in un seggio per le elezioni, quindi attività di precisione e fuori dalla routine, mi sono stupito per la prontezza e la concentrazione che ho avuto.
    Ma che devo fare se "vittima" di tutto questo sono le attività di routine, tipo il lavoro e la vita quotidiana?
  • Andato_87Andato_87 Post: 3,049
    Mi succede sempre, e non solo al cambio di stagione.
    Riesco a controllarlo scrivendo appunti sulla funzione "notepad" del cellulare.
    Il problema è dimenticarsi anche di quella.
    Sheldon
  • SheldonSheldon Post: 617
    Già: come l'agenda. Il problema è dimenticarsi sia di scrivere gli appuntamenti in agenda, sia di guardarla.   :D
    GecoAndato46
  • CyranoCyrano Post: 1,041
    modificato giugno 2015
    Che piacere @Sheldon rileggerti, e immaginare come in un lucido dei vecchi tempi, in trasparenza, il tuo viso placidamente sorridente, spero anche nelle circostanze che descrivi. Io sono nella stessa identica situazione; l'unica differenza è che lo sono anche nei momenti di tensione, o quando un pensiero, un ragionamento, mi monopolizza totalmente la mente per giorni o settimane. La mia fortuna è che sul lavoro regna la routine, ed è difficile sbagliarsi. Purtroppo il rumore, problema costante, diventa insopportabile. Ieri ero così annullato che la coordinatrice, che sa dell'Asperger, vedendo il mio silenzio circondato di disabili, in un momento in cui avrei dovuto tenere una conversazione, si è messa a ridere e mi ha detto: "non c'è la puoi fare, vero? La prenderemo in ridere...", e mi ha sostituito.
    Sheldon
    I portoni del mio isolamento cingono parchi di infinito… (Pessoa)
Accedi oppure Registrati per commentare.


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!