Salta il contenuto

comparsa del linguaggio

124»

Commenti

  • VirussViruss Post: 258
    Bene Damy, sono molto contenta dei progressi di tuo figlio. Non so che dirti in merito al quesito che poni, mio figlio non ha problemi di pronuncia semmai ha problemi di ecolalia, discorso stereotipato e fuori contesto.
    L'altra mia figlia invece a 17 mesi proprio non parla, nemmeno una parolina, solo suoni gutturali e un po di lallazione.
  • ValiVali Post: 6
    Ciao a tutte scusate se mi intrometto ma leggo ora questo forum e non riesco a capire a quando risalga! Comunque anche io sono la mamma di un bimbo disprassico e gravemente disfasico che ha ora 7 anni. Vorrei entrare in contatto con voi. Quanti anni hanno i vostri bambini? Il mio e' del 2006

    Ciao e grazie
  • damydamy Post: 1,196
    ciao Vali, mio figlio ha 4 anni, compiuti da poco, ha come diagnosi di policlinico disturbo dello spettro autistico. Ancora non parla, se non qualche parolina detta malissimo e usando sempre le sillabe ta te da de, a volte diversifica le vocali, ma non sempre, consonanti solo t e d però a volte dice no. Fa logopedia e psicomotricità da un anno, ha fatto dei passi enormi sulla comunicazione ma il linguaggio mi toglie il sonno. Tuo figlio invece? Parla? Raccontaci un po' se ti va.
  • MeiMei Post: 548
    @damy, mi pare ottimo che il linguaggio si stia sbloccando! Sul discorso tetismo mi trovi assolutamente impreparata, ne hai accennato alla logopedista che vi segue? Che dice?
    Ciao Vali, benvenuta. Qua la maggior parte dei genitori hanno figli con diagnosi di Disturbo Generalizzato o Disturbo Pervasivo dello Sviluppo, Non Altrimenti Specificato, dello Spettro Autistico o di Sindrome di Asperger.

    Mio figlio è anche sicuramente disprassico, quindi sono ben lieta di sentire come vi regolate voi!
  • damydamy Post: 1,196
    loro non si vogliono pronunciare, abbiam fatto una riunione martedì scorso ma sono fiduciose, secondo loro e la npi ce la farà. Anch'io ho molta fiducia in lui, ora però voglio fargli fare qualche esame più specifico per capire se esiste in lui la difficoltà oggettiva di imparare a parlare, ovvero se c'è un problema di natura organica, o è solo il suo autismo a non fargli ancora investire le giuste energie x imparare a farlo. Che ti devo dire..la verità mi deve sbattere in faccia altrimenti non ci arrivo col cervello! :-S
  • ValiVali Post: 6
    Ciao ragazze, Che bello poter parlare con qualcuno! Mio Figlio ha una diagnosi precisa: disturbo specifico del linguaggio! E' comunque anche disprassico. Non è autistico e la diagnosi gli è stata fatta all'età di poco piu di due anni da una bravissima np infantile. Il suo problema però è altrettanto grave. Compirà a breve 7 anni e non ha ancora il linguaggio. Cioè, dice tante parole nel senso che nomina quasi tutto e conosce i verbi ecc ma non parla. Dice l'essenzale per soddisfare i suoi bisogni (ho fame, ho sete, andiamo li, voglio questo ecc). Gli manca molta consapevolezza, ha un poverissimo gioco simbolico, ma ama stare con i bambini, essere coccolato, guardare i suoi programmi preferiti. Ha un fratello più grande di 2 anni e mezzo ma insieme litigano solo. Ci ho messo un paio d'anni a credere alla loro diagnosi, nulla mi toglieva dalla testa che fosse autistico; non diceva niente, non guardava negli occhi stava sempre da solo a giocare con macchine e trenini. Soprattutto sembrava non capire. Il suo disturbo lo avevaisolato dal mondo in un momento importantissimo in cui i bambini imparano a parlare e con il linguaggio a scoprire tutto! In più soffre di un forte deficit attentivo che non di sa se sia la conseguenza o la causa. Oggi è comunque un bimbo diverso: ha lavorato duramente sim dal periodo della prima diagnosi. Logopedia, psicomotricità, psicologa. Se non avesse fatto tutto questo sarebbe entrato in uno spettro autistico. Che altro dire? Potrei parlarvi per ore. Oggi il mio bambino ha un ritardo cognitivo ovviamente (e' stato trattenuto all'asilo un anno in più) ma il suo QI non verbale era alto e questo lo sta aiutando. Facciamo piccoli passi tutti i giorni e spero non smetta mai di farli. La strada e' lunga e faticosa ma ogni passetto e' una gioia infinita.
  • damydamy Post: 1,196
    @vali che bella testimonianza. Non smettere mai di credere in lui, se dice questo può dire tutto. Partiamo dai loro punti di forza, le soddisfazioni e le gioie che danno questi bambini sono enormi. Mio figlio mi ha profondamente trasformata, ora sono davvero felice. Ho accettato i suoi limiti, ma ho in grande considerazione le sue potenzialità. Come può tuo figlio avere un ritardo cognitivo se il QI non verbale è alto? Ma ha anche problemi di udito? Parlavi di incomprensione del linguaggio da piccino. È anche disprassico? Come va con la scrittura?
  • MeiMei Post: 548
    @damy, credo che sopra una certa età il QI lo facciano in base alla media delle performance in vari ambiti di sviluppo, quindi inevitabilmente se c'è assenza o forte ritardo a livello di linguaggio il punteggio totale ne sarà inficiato.
  • ValiVali Post: 6
    Damy nel corso di questi anni ho imparato tante cose. Io credevo che il ritardo cognitivo e il QI fossero la stessa cosa ma non è così. Il cognitivo e' il loro "bagaglio culturale"! Senza linguaggio rimane indietro! L'intelligenza verbale non si sviluppa come negli altri bimbi e se non si interviene questi bimbi crescono con un vero e proprio ritardo mentale!! Bisogna farli lavorare in modo quasi spietato, e' per il loro bene. Anche ora la sua comprensione del linguaggio e' limitata. Cioè lui comprende l'immediato, il concreto ma sta aumentando; inizia a capire cos'è il domani, cos'è il compleanno, il prima e il dopo e forse le stagioni. Sa che quando vado via non è per sempre e da un nome alle cose astratte come i sentimenti. È come un bimbo piccolo e fa continuamente progressi ma ad un ritmo lento. Poi ci sono momenti in cui ha delle pause che sono sempre il preludio a salti in avanti. Si è disprassico ma anche li è migliorato tantissimo grazie anche alla psicomotricità e al l'esercizio quotidiano. La scrittura a mano e' un disastro ma col computer va meglio. Inizia a fondere ora le lettere in sillabe e questo gli spalancherà un mondo perché la scrittura ma soprattutto la lettura sono canali fondamentali per imparare poi il linguaggio. Visto che hai un bimbo più piccolo vorrei esserti di aiuto, perché queste tappe le ho già passate!
  • io a 4 anni ancora parlavo da schifo e fino a 3 non ho aperto bocca a sentire mia madre.
    amanita
  • MeiMei Post: 548
    Un ritardo del linguaggio significativo è molto comune nell'autismo, anche in quello AF. Mio figlio continua ad avere un ritardo rispetto ai pari, ma è decisamente verbale ora e sia a livello di comprensione che di espressione riesce bene. @damy, ma la logo che vi segue non ha pensato di fare una valutazione fonoarticolatoria per capire se ci sono delle difficoltà oggettive alla produzione linguistica? A me aveva rassicurato molto quando sono andata a gennaio...
  • wolfgangwolfgang Post: 10,787
    @damy non vorrei mancare di tatto, nel caso scusami, ma la differenza tra un bambino con ritardo nel linguaggio, disprassia e problemi nel gioco di fantasia e un bambino autistico sembra più una questione di definizione che di situazione reale. Comprendo anche i problemi di carattere economico, ma penso che un bambino che abbia delle difficoltà comunque serie, difficilmente può essere recuperato unicamente con la poca logopedia e psicomotricità che passa lo stato, nella tua situazione (ed economia permettendo) mi informerei con qualche terapista comportamentale (ABA-VB, Denver, etc..)
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • damydamy Post: 1,196
    @mei infatti abbiamo già prenotato x una valutazione x la fine di questo mese, attendiamo solo che arrivi tale giorno. @wolfgang mio figlio è autistico, non c'è dubbio, anche se un premio nobel mi dicesse il contrario non gli crederei, figuriamoci se credo al foniatra! Il centro dove lui va fa già il cognitivo comportamentale 5 ore a settimana, i progressi sono stati enormi e insperati, il linguaggio è l'unica cosa dove pecca, per questo faremo indagini più scrupolose. Purtroppo la bacchetta magica non ce l'ha nessuno. Ci stiamo lavorando tantissimo, ora anche all'asilo col sostegno, ci riuniamo periodicamente x avere un'unica linea di lavoro. Io temo che abbia il pane ma non i denti.
  • damydamy Post: 1,196
    ma forse tu parlavi di un terapista che venga a casa?
  • damydamy Post: 1,196
    @vali a che età il tuo bimbo ha detto le prime parole? Ha avuto problemi di pronuncia?
  • MeiMei Post: 548
    Potrei sbagliare @damy, ma credo che @wolf volesse rivolgersi a @vali... 

    @damy, poi facci sapere come andrà il consulto allora!
  • wolfgangwolfgang Post: 10,787
    Si mi rivolgevo a @Vali, ho sbagliato a scrivere il nome!
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • ValiVali Post: 6
    @wolfgang innanzitutto come si fa a rivolgere la risposta ad uno o all'altro? Cosa cliccate? Io ho scritto il tuo nome manualmente... Comunque volevo dire che so perfettamente che mio figlio e' un caso grave. Tant'è che non mi sono mai sognata di affrontare il problema con le terapie che passa lo stato. Fortunatamente posso pagarle e le ho sempre affrontate privatamente. Mio figlio fa logopedia 4 volte la settimana, poi a casa viene una psicologa tre volte a settimana che applica il metodo ABA e gli altri due gg fa psicomotricità. In più va a scuola per cui lavora come un matto. Tra l'altro va a scuola anche il sabato... Ma lui lavora così da almeno 4 anni! Adesso per es mi ha detto: fa male il piede! Pinza. Cioè mi ha detto che aveva qualcosa in un dito e voleva che glielo togliessi con la pinzetta. Dico questo perché fino a sei mesi fa non avrei neanche sperato che potesse formulare un concetto così! È vero, il caso e' grave ma la relazione con gli altri e' compromessa solo perché gli mancano gli strumenti ma lui vuole stare con gli altri bimbi e il giorno che riuscirà ad esprimersi meglio forse riuscirà in queste relazioni.
  • ValiVali Post: 6
    @damy mio figlio ha detto la prima parolina (tata) a due anni e mezzo. Poi ha aumentato la produzione a 10 parole in circa sei mesi! Niente! L'anno successivo il vocabolario e' aumentato con velocità via via maggiore e il suo iter lo tenevo aggiornato inviandomi mail con la lista dettagliata delle parole che produceva. Quindi a posteriori posso dire che una volta che iniziano a produrre devi solo attendere e stare calma. Alla fine verrai ripagata. Poi non sono d'accordo con chi sostiene che non bisogna farli ripetere perché invece può essere un ottimo esercizio specie se ci sono problemi di pronuncia. Infatti quando pronunciano meglio producono di più perché fanno meno fatica! Ma il tuo quante paroline dice?
  • wolfgangwolfgang Post: 10,787
    @vali  come hai fatto ora metti la "@" e poi il nome.
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • damydamy Post: 1,196
    @vali di fatto nessuna parola comprensibile. A marzo ha iniziato a vocalizzare, ora usa il ta te x dire e ripetere tutto. X dire ciao ciao dice ta ta. Tatte x dire grazie, tette x dire sette, tatta x dire acqua..e così via. Se ad esempio stiamo al telefono e gli suggerisco di salutare la nonna e di chiederle magari come sta, lui mi fa 'Ta ta ta ta ta...tipo un discorso' a volte ho il dubbio sia svogliato, però non lo so. Perchè io lo invito a ripetere quattro cinque volte e lui lo fa povero! Poi si fa anche toccare la bocca x farsi aiutare, ma la terapista mi dice di non frustrarlo perchè secondo lei il bambino si sta impegnando. Comunque vedremo cosa ci diranno alla visita.
  • ValiVali Post: 6
    @Damy be' però l'intenzione comunicativa c'è!
  • antinomyantinomy Post: 127
    modificato ottobre 2013
    @Damy: se può esserti d'aiuto, questa è la mia esperienza. Ho cominciato a parlare a quasi quattro anni; prima, il silenzio. Mi riferirono i miei cari che il mio comportamento all'epoca era simile a quello da te descritto riguardo al tuo bambino. Però nel mio caso lo specialista disse che era tutto normale: non ero muto, stavo registrando come su un nastro.
    Oggi quel piccolo ritardo nello sviluppo del linguaggio si manifesta nel fatto che devo impormi forzatamente un discorso verbale interiore per organizzare le idee che per forza di cose sorgono tumultuosamente sotto forma di immagini vivide che alle volte è difficile tenere a bada.
    Non posso essere arrogante a tal punto da rassicurarti, perchè le condizioni sono diverse da soggetto a soggetto, tuttavia se dovesse essere il caso, tuo figlio comincerebbe a parlare dal primo istante come un novello Shakespeare.

    Vales
    E morta Morte piu' non accadra' morire.
  • damydamy Post: 1,196
    @antinomy grazie per la tua testimonianza. Posso chiederti se hai una diagnosi, se l'hai avuta da piccolo..ora quanti anni hai? Cosa ti ha aiutato a sviluppare il linguaggio?
    clalui
  • Ho 26 anni, non sono stato diagnosticato Asperger, vorrei tanto recarmi da uno specialista a tal fine. Tuttavia alle volte credo che non mi cambierebbe molto.
    Non so cosa mi abbia aiutato a sviluppare il linguaggio, mia madre dice che è avvenuto spontaneamente e all'improvviso: riesco ad assimilare involontariamente quantità considerevoli di informazioni, che poi prontamente ricombino all'occorrenza o altrettanto involontariamente, avendo poca coscienza del processo. Sarà stato un processo di imitazione: ad esempio, ancora oggi dopo aver visto un film o letto un libro e aver memorizzato una frase proferita in una situazione particolare, mi ritrovo a ripeterla identica in circostanze affini quando io percepisca cioè la stessa emozione balenata nel momento della visione. Gli amici mi chiamano 'l'uomo delle citazioni' .
    E morta Morte piu' non accadra' morire.
  • wolfgangwolfgang Post: 10,787
    @antinomy e @damy la comparsa "istantanea" del linguaggio è una cosa che avviene spesso in un sottogruppo di bambini HFA che poi diventa Asperger. Purtroppo è una cosa che dipende dalla maturazione naturale/dalla genetica piuttosto che da un metodo preciso di insegnamento. E ovviamente non si può sapere prima, quindi nel frattempo bisogna comunque insegnare, insegnare, insegnare.
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • antinomyantinomy Post: 127
    modificato ottobre 2013
    @wolfgang: concordo in pieno, anche se nel mio caso non ho avuto alcuna certezza medica; pertanto sarei curioso di sapere se potrebbe rientrare nella casistica del normale sviluppo, o se invece costituisca indizio forte per l'ipotesi di autismo lieve. Grazie
    E morta Morte piu' non accadra' morire.
  • damydamy Post: 1,196
    @antinomy anche mio figlio come te memorizza in modo fantastico e veloce. Ti confesso che anch'io ho tantissimi tratti aspie..ma non mi interessa avere una diagnosi, ora come ora sto bene con me stessa e sono molto felice, cosa che non ero fino a pochi anni fa. @wolfgang quanto spero in questa specie di miracolo! Non mollo. Ho un tesoro tra le mani e DEVE venir fuori!
  • @damy: mi spiace se non riesco a spiegarmi ulteriormente, è difficile analizzarsi come dall'esterno.
    Ora ho una fortissima padronanza del linguaggio, sono però il più delle volte prolisso fino allo sfinimento perchè quando parlo sento in me la stessa sensazione che proveresti nel comporre un puzzle: tutti i pezzi devono essere al proprio posto, pena un senso di disagio e prurito interiore che mi porta a rimuginare e fustigarmi psicologicamente.
    Se posso chiedere: tuo figlio è abile nel disegno?
    E morta Morte piu' non accadra' morire.
  • damydamy Post: 1,196
    no, purtroppo zero disegno. Anche nel colorare è poco preciso vuole solo scarabocchiare con tanti colori, infatti li ama molto, coglie le sfumature. Ora usiamo stencil e lo guido con la mano x fargli ricalcare disegni già fatti o parole. Comunque è uno tosto, anche se estremamente obbediente e dolce. @antinomy forse sei troppo severo con te stesso, da come scrivi sembri analitico ma non tedioso.
Accedi oppure Registrati per commentare.


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!