Salta il contenuto

Stupidario psichiatrico

24

Commenti

  • TsukimiTsukimi Post: 3,827
    Ma mi stavo scordando un'altra "perla" dello psichiatra del centro di salute mentale:

    "Lei non è autistica. Il tempo è finito, può andare".
    "Mi può spiegare meglio?"
    "Vede? Se fosse autistica, non le importerebbe di avere spiegazioni, si sarebbe già alzata e andata via".
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • Perche`?Gli autistici non chiedono mai spiegazioni ?

    Su cosa si fondava questo suo concetto?

    Pero` ,gia` da prima ,si era fatto il concetto di una Tsukimi  NON autistica.

    Che gli avevi detto affinche` arrivasse a dire quella frase?

    La sua diagnosi quale risulto ` essere invece?


  • TsukimiTsukimi Post: 3,827
    Perche`?Gli autistici non chiedono mai spiegazioni ?

    Su cosa si fondava questo suo concetto?

    Pero` ,gia` da prima ,si era fatto il concetto di una Tsukimi  NON autistica.

    Che gli avevi detto affinche` arrivasse a dire quella frase?

    La sua diagnosi quale risulto ` essere invece?


    Secondo lui dovevo avere problemi alimentari perché sono magra. Ci ho perso metà colloquio a convincerlo che mangio tanto ma ho il metabolismo veloce come buona parte della mia famiglia. :P

    Poi ha detto che ero insicura e tendente all'OCD (perché mi ero portata i bicchierini per bere l'acqua), ma che siccome non ero tecnicamente malata non mi poteva aiutare e che dovevo pagarmi uno psicologo di tasca mia.

    Il suo concetto di autistico credo fosse: senza emozioni, senza nessun interesse per il mondo umano in alcun modo, incapace di curiosità per la propria condizione.
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • TsukimiTsukimi Post: 3,827
    Nota che quella volta m'ero impegnata a "fare la brava" e spiegargli le mie caratteristiche senza dire di cosa pensavo si trattasse. Lui ascolta un po' e poi, quando gli dico che in quinta elementare mi piaceva passare tutto il tempo a spaccare pietre per osservare i cristalli e per tentare di socializzare avevo praticamente costretto una bambina più piccola a far lo stesso (zitte in un angolo a spaccare pietre, senza nemmeno tentare di farci un gioco sopra) lui ha concluso: "Allora non sei autistica" - perché a 10 anni un autistico non fa nemmeno un goffo tentativo di approcciare un'altra persona, nella sua concezione.
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • Perche`?Gli autistici non chiedono mai spiegazioni ?

    Su cosa si fondava questo suo concetto?

    Pero` ,gia` da prima ,si era fatto il concetto di una Tsukimi  NON autistica.

    Che gli avevi detto affinche` arrivasse a dire quella frase?

    La sua diagnosi quale risulto ` essere invece?


    Secondo lui dovevo avere problemi alimentari perché sono magra. Ci ho perso metà colloquio a convincerlo che mangio tanto ma ho il metabolismo veloce come buona parte della mia famiglia. :P

    Poi ha detto che ero insicura e tendente all'OCD (perché mi ero portata i bicchierini per bere l'acqua), ma che siccome non ero tecnicamente malata non mi poteva aiutare e che dovevo pagarmi uno psicologo di tasca mia.

    Il suo concetto di autistico credo fosse: senza emozioni, senza nessun interesse per il mondo umano in alcun modo, incapace di curiosità per la propria condizione.
    Ma,era la prima visita?
    Ed e`arrivato a delle conclusioni sulla base dell'apparenza.
    Cioe`magra=problemi alimentari
    Bicchierini di carta =OCD
    Autismo no perche`ne aveva dei concetti errati.
    Qualunque cosa tu avessi fatto ,ne avrebbe dedotto un disturbo e negato un altro.
    Son tutte diagnosi su argomenti complessi.
    Lui,si basava solo sull'ossevazione e nemmeno su quello che gli dicevi



  • Nota che quella volta m'ero impegnata a "fare la brava" e spiegargli le mie caratteristiche senza dire di cosa pensavo si trattasse. Lui ascolta un po' e poi, quando gli dico che in quinta elementare mi piaceva passare tutto il tempo a spaccare pietre per osservare i cristalli e per tentare di socializzare avevo praticamente costretto una bambina più piccola a far lo stesso (zitte in un angolo a spaccare pietre, senza nemmeno tentare di farci un gioco sopra) lui ha concluso: "Allora non sei autistica" - perché a 10 anni un autistico non fa nemmeno un goffo tentativo di approcciare un'altra persona, nella sua concezione.
    Sai perche` ti ha detto questo?
    Perche` aveva focalizzato la sua attenzione sulla ossessivita` e tu potevi dirgli qualsiasi altra cosa,che lui non si sarebbe smosso da quella considerazione.
    Tieni conto che il mio psichiatra dopo un mese e qualcosa di terapia farmacologica mi ha detto :
    che dovevo fregarmene deglialtri e non vivere in funzione di quello.
    Tieni conto che ,arrivare ad assumere farmaci per far cose banalissime come uscir di casa ...
    Se non si e` arrivati alla frutta delle proprie speranze ,non li si assumera mai!
    Lui,notando che non ottenevo nessun effetto dal farmaco prescrittomi,in pratica mi colpevolizzava.
    Cioe`tu DEVI far queste cose fregandotene...
    Io son stato calmissimo ad ascoltarlo e non ho replicato.
    Pero` dico: no ha alcun senso quello che mi ha detto.
    Perche` senza un aiuto di nessun tipo ,era illogica lasua considerazione.
    Ero sempre al punto di partenza :della mia situazione non mutava una virgola...
    Mi chiedo :ha idea che lafobia sociale sia un disturbo complesso e invalidante,con schematismi complessissimi costruitisi da quando ero piccolo e io ,dovrei riuscire DA SOLO e senza aiuto (dal farmaco) a sovvertirli ,esclusivamente attenendomi a una sua frase?
    Vai e fai!Cosi` risolvi tutto!
    Comico davvero !Ma non ho riso.
    Secondo lui che ci andavo a fa`?
    Sarebbe come dire a una persona con le gambe fratturate:dai adesso vai e fatti una corsetta qui vicino .
    Io ti aspetto qui :e non far tardi eh!


  • wolfgangwolfgang Post: 10,787
    che poi Tsukumi quella visione dell'autismo è sbagliata anche storicamente. Basta leggere i testi originali di Kanner, i SUOI soggetti, la maggiorparte entro i 6 anni parlavano e a 6-8 anni giocavano con gli altri bambini anche se in modo ripetitivo ed unidirezionale. La cosa assurda è che oggi abbiamo un'idea di autismo più "profonda" non solo di quella di Asperger ma anche di quella di Kanner.. ma come c'è stato questo cambiamento?  Forse dovrei chiedere a Valtellina, magari lui lo sa.
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • TsukimiTsukimi Post: 3,827
    che poi Tsukumi quella visione dell'autismo è sbagliata anche storicamente. Basta leggere i testi originali di Kanner, i SUOI soggetti, la maggiorparte entro i 6 anni parlavano e a 6-8 anni giocavano con gli altri bambini anche se in modo ripetitivo ed unidirezionale. La cosa assurda è che oggi abbiamo un'idea di autismo più "profonda" non solo di quella di Asperger ma anche di quella di Kanner.. ma come c'è stato questo cambiamento?  Forse dovrei chiedere a Valtellina, magari lui lo sa.
    Mi sa che c'è qualche ragione sociologica: visione stereotipata nella *cultura di massa* e psichiatri che ne sanno quanto l'uomo della strada in quell'ambito però non ammettono di essere incompetenti.
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • wolfgangwolfgang Post: 10,787
    modificato ottobre 2011

    Mi sa che c'è qualche ragione sociologica: visione stereotipata nella *cultura di massa* e psichiatri che ne sanno quanto l'uomo della strada in quell'ambito però non ammettono di essere incompetenti.



    E' probabile sia colpa di Bettelheim e i suoi orribili libri "La fortezza vuota" e "Joey: il ragazzo meccanico". Freud deve morire (ah no è già morto, ma molti non se ne sono accorti...)





    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • che poi Tsukumi quella visione dell'autismo è sbagliata anche storicamente. Basta leggere i testi originali di Kanner, i SUOI soggetti, la maggiorparte entro i 6 anni parlavano e a 6-8 anni giocavano con gli altri bambini anche se in modo ripetitivo ed unidirezionale. La cosa assurda è che oggi abbiamo un'idea di autismo più "profonda" non solo di quella di Asperger ma anche di quella di Kanner.. ma come c'è stato questo cambiamento?  Forse dovrei chiedere a Valtellina, magari lui lo sa.
    Mi sa che c'è qualche ragione sociologica: visione stereotipata nella *cultura di massa* e psichiatri che ne sanno quanto l'uomo della strada in quell'ambito però non ammettono di essere incompetenti.
    Uomo della Pioggia
  • wolfgangwolfgang Post: 10,787
    Già anche Rain Man ha fatto un bel casino da quel punto di vista..
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • [Deleted User][Deleted User] Post: 554
    modificato ottobre 2011
    Infatti .Li si cercava di stupire .
    Cioe`era un vedi quello?
    Se quello e`interpretato da Dustin Hoffman!
    Ma Dustin,a me da realmente l'impressione di essere ND e fortemente anche.
    Le movenze anche in altri films.
    Neri Marco Re,nella serie tv di Canale 5:mi piaceva in quel ruolo,moltissimo.
    Li guardavo con grande simpatia quei telefilms.




  • TsukimiTsukimi Post: 3,827
    Neri Marco Re,nella serie tv di Canale 5:mi piaceva in quel ruolo,moltissimo.
    Li guardavo con grande simpatia quei telefilms.
    Non intenderai mica "E poi c'è Filippo"? A me non era dispiaciuto quando l'avevo visto senza sapere cosa fosse l'AS, ma con il senno di poi... NO NO e NO. Come fai a dire che uno ha la SINDROME DI ASPERGER e da adulto vive prima in istituto e poi ha bisogno che il fratello gli faccia da tutore e se lo porti in giro sempre perché lui non ha la benché minima autonomia? Ok che sotto il nome "Asperger" specie da noi viene infilato di tutto, ma non so quanti di noi vorrebbero che passasse l'immagine "Aspie = ritardato cui serve la baby sitter a 30 anni". 
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • TsukimiTsukimi Post: 3,827
    (Sì, con il senno di poi mi sta su ciò che non possiedo).
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • Neri Marco Re,nella serie tv di Canale 5:mi piaceva in quel ruolo,moltissimo.
    Li guardavo con grande simpatia quei telefilms.
    Non intenderai mica "E poi c'è Filippo"? A me non era dispiaciuto quando l'avevo visto senza sapere cosa fosse l'AS, ma con il senno di poi... NO NO e NO. Come fai a dire che uno ha la SINDROME DI ASPERGER e da adulto vive prima in istituto e poi ha bisogno che il fratello gli faccia da tutore e se lo porti in giro sempre perché lui non ha la benché minima autonomia? Ok che sotto il nome "Asperger" specie da noi viene infilato di tutto, ma non so quanti di noi vorrebbero che passasse l'immagine "Aspie = ritardato cui serve la baby sitter a 30 anni". 
    Si ,su quello hai ragione.
    Per me Filippo non era un ritardato.
    Io non l'ho mai guardato pensando che lo fosse.
    Pensavo l'opposto semmai.
    Ma io son strano e ragiono a modo mio.
    A me non comunicava quelle deduzioni .
    Quando guardoun film son abituato a ripulirlo da alcuni schematismi di trama che vengono utilizzati.
    Ad esempio il gay.
    Il gay ,quasi sempre viene rappresentato solo in unamodalita`.
    E diventa una macchietta,un personaggio grottesco.
    Ma questo vale ad esempio  per gli Italiani nei serials USA...
    L'immagine che loro hanno di noi e` quella macchiettistica del gesticolare ,dell'essere fisicamente in un modo,dicomportarsi in modi stereotipati e via dicendo...
    Ecco :io quelle cose  le escludo,come fosse un rumore indesiderato .
    Non glido peso.
    Magari uno spettatore medio ha la sensazionedi veder un handicappato: io no.
    Percepivo dell'altro.
    Sapevo gia` che in unamaniera o nell'altra fosse una sorta di forzatura:
    O in negativo ,oinpositivo.
    Genio/handicappato.
    Ecco : nel'uno ne l'altro.
    Una persona.




  • TsukimiTsukimi Post: 3,827
    Neri Marco Re,nella serie tv di Canale 5:mi piaceva in quel ruolo,moltissimo.
    Li guardavo con grande simpatia quei telefilms.
    Non intenderai mica "E poi c'è Filippo"? A me non era dispiaciuto quando l'avevo visto senza sapere cosa fosse l'AS, ma con il senno di poi... NO NO e NO. Come fai a dire che uno ha la SINDROME DI ASPERGER e da adulto vive prima in istituto e poi ha bisogno che il fratello gli faccia da tutore e se lo porti in giro sempre perché lui non ha la benché minima autonomia? Ok che sotto il nome "Asperger" specie da noi viene infilato di tutto, ma non so quanti di noi vorrebbero che passasse l'immagine "Aspie = ritardato cui serve la baby sitter a 30 anni". 
    Si ,su quello hai ragione.
    Per me Filippo non era un ritardato.
    Io non l'ho mai guardato pensando che lo fosse.
    Pensavo l'opposto semmai.
    Ma io son strano e ragiono a modo mio.
    A me non comunicava quelle deduzioni .
    Quando guardoun film son abituato a ripulirlo da alcuni schematismi di trama che vengono utilizzati.
    Ad esempio il gay.
    Il gay ,quasi sempre viene rappresentato solo in unamodalita`.
    E diventa una macchietta,un personaggio grottesco.
    Ma questo vale ad esempio  per gli Italiani nei serials USA...
    L'immagine che loro hanno di noi e` quella macchiettistica del gesticolare ,dell'essere fisicamente in un modo,dicomportarsi in modi stereotipati e via dicendo...
    Ecco :io quelle cose  le escludo,come fosse un rumore indesiderato .
    Non glido peso.
    Magari uno spettatore medio ha la sensazionedi veder un handicappato: io no.
    Percepivo dell'altro.
    Sapevo gia` che in unamaniera o nell'altra fosse una sorta di forzatura:
    O in negativo ,oinpositivo.
    Genio/handicappato.
    Ecco : nel'uno ne l'altro.
    Una persona.



    Non un ritardato e sicuramente una persona, ma una persona che ha bisogno di sorveglianza continua, il che non credo si applichi a molti di noi (poi io mi faccio sempre il pensiero che qualcuno lo venga a sapere e decida che es. non posso assumermi delle responsabilità anche se non è vero).
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • Che io sono una malata di mente e che i bulli sono giustificati a fare bullismo su di me perche' non si potrebbe fare altro..
    poi bhe si credeva che ero innamorata di lei quindi...anche tutte le altre scenare di quella demente xD
  • PavelyPavely Post: 3,350
    "Lei sta benissimo".

    "Lei è un ragazzo socievolissimo, aperto".

    "Lei è una persona molto intelligente, lo sa?".

    "Ma perchè è qui? Non vedo nulla di strano in lei".

    "Non riesco a spiegarmi i suoi problemi".

    §

    Sorrido.

    Sorrido perchè ieri, a 37 anni, ho fatto il mio primo colloquio di lavoro (non è andata... però sono stato felice di farlo).

    Se a 37 anni, una persona non ha mai fatto un tentativo per trovare lavoro... se non guido... se non ho mai avuto amici prima dei miei 33 anni...

    Se passavo ore a contare carte... se leggevo per ore in modo compulsivo... se studiavo Armeno... se passavo ore a creare mappe concettuali di Sociologia...

    Se non mi sono mai innamorato, non ho mai provato emozioni di amicizia da bambino e da adolescente (l'Amore è arrivato ora... ed è una scoperta devastante)... se stavo sempre solo.

    Se mi fermavo le ore al sole a non fare nulla...

    §

    Mi tocca sentire: "Lei è normale".

    Ecco: certe volte mi chiedo cosa sia questa normalità... ma soprattutto il mistero: racconto la mia vita e la mia vita è vista come "normale".

    Se è normale, semplicemente, non dovrei soffrire.

    Ma pare che questo concetto sia assurdo.

    Non so.
  • cameliacamelia Post: 3,517
    modificato gennaio 2014
    "Lei è tutta testa, dove sn andate a finire le sue emozioni?"
    "Lei ha un'ego grande come una casa"
    "Non ho capito cosa intende quando dice che se è in forte ansia, percepisce come estranea la sua immagine allo specchio (depersonalizzazione)"

    Post edited by camelia on
  • Andato_87Andato_87 Post: 3,049
    > Tu non puoi fare quelle cose, hai una diagnosi, hai una patologia.
    > Ho conosciuto altri Asperger su internet e ho aperto gli occhi, non è una patologia, è una condizione, anche noi autistici possiamo lavorare, avere amici e imparare ad essere indipendenti.
    > Ognuno ha la sua patologia.

    Ecco cosa significa per me essere diagnosticato autistico dall’età di tre anni.
  • BluBlu Post: 639
    Io: "Non riesco a guardare negli occhi e contemporaneamente ascoltare bene le parole".
    La psichiatra: "Tu non hai difficolta a guardare negli occhi, abbassi solo lo sguardo"... Ah ok.... -.- -.- -.-
    Tutti indaffarati a cercare lo spiraglio nel baratro delle maschere divoratrici.
  • BluBlu Post: 639
    La stessa era sempre appiccicosa e cercava di abbracciarmi e mi costringeva a guardarla negli occhi.... Maledetta stronza!!
    Tutti indaffarati a cercare lo spiraglio nel baratro delle maschere divoratrici.
  • cameliacamelia Post: 3,517
    Io: "Non riesco a guardare negli occhi e contemporaneamente ascoltare bene le parole".
    La psichiatra: "Tu non hai difficolta a guardare negli occhi, abbassi solo lo sguardo"... Ah ok.... -.- -.- -.-
    La stessa era sempre appiccicosa e cercava di abbracciarmi e mi costringeva a guardarla negli occhi.... Maledetta stronza!!
    Stupida e pure maniaca....
  • BluBlu Post: 639
    Io: "Non riesco a guardare negli occhi e contemporaneamente ascoltare bene le parole".
    La psichiatra: "Tu non hai difficolta a guardare negli occhi, abbassi solo lo sguardo"... Ah ok.... -.- -.- -.-
    La stessa era sempre appiccicosa e cercava di abbracciarmi e mi costringeva a guardarla negli occhi.... Maledetta stronza!!
    Stupida e pure maniaca....
    e non era nemmeno carina....

    :-L
    Tutti indaffarati a cercare lo spiraglio nel baratro delle maschere divoratrici.
  • yugenyugen Post: 1,888
    modificato gennaio 2014
    primo tentativo di psicanalisi.. eta' 25 circa, vado da una consigliata da amici..dopo aver ascoltato la mia storia mi dice : "fino ad oggi ti sei concentrata sull'esterno, su cose esteriori, dovresti imparare ad essere piu' introspettiva"...a me???????
    piu' di cosi' si affoga
  • cameliacamelia Post: 3,517
    modificato gennaio 2014
    primo tentativo di psicanalisi.. eta' 25 circa, vado da una consigliata da amici..dopo aver ascoltato la mia storia mi dice : "fino ad oggi ti sei concentrata sull'esterno, su cose esteriori, dovresti imparare ad essere piu' introspettiva"...a me???????
    piu' di cosi' si affoga
    no comment

  • yugenyugen Post: 1,888
    primo tentativo di psicanalisi.. eta' 25 circa, vado da una consigliata da amici..dopo aver ascoltato la mia storia mi dice : "fino ad oggi ti sei concentrata sull'esterno, su cose esteriori, dovresti imparare ad essere piu' introspettiva"...a me???????
    piu' di cosi' si affoga
    no comment

    in che senso?
    :-/
  • cameliacamelia Post: 3,517
    No comment rispetto a ciò che ha detto la psichiatra....allibita....sapendo che noi donne aspie siamo campionesse mondiali di pippe mentali
  • matthewStarmatthewStar Post: 415
    modificato gennaio 2014
    "lei ha riposto i suoi sentimenti nel freezer, le servirebbe un pò di analisi". Sulla prima parte non sono sicuro sia al 100% stupida.
  • BohBoh Post: 676
    _ Tuo figlio e' cosi' perche' non lo hai allattato con piacere
    Sisi, capitata anche questa..
    @wolfgang, dubito tu abbia allattato qualcuno.

    E dopo questa siete tutti autorizzati ad insultarmi.

    Colloquio durante un ricovero in ospedale psichiatrico con lo psichiatra del reparto:

    Psich.- Lei sta troppo da sola, affitti una stanza in casa così ha qualcuno

    Io - No, e comunque non ho stanze libere, ho riempito la seconda stanza col pianoforte a coda

    Psich. - E di chi è il pianoforte? ....suo? ....e lo suona? Se ne liberi

    Io - Ma.....mi ha salvato la vita dai 12 anni in poi!!!!

    Psich. - E chi se ne frega, adesso non basta più, se ne liberi e ospiti qualcuno

    Io - Maaaa....eventualmente stavo pensando di prendere un cane....

    Psich. - No, non se ne fa niente, troppo poco

    Io (uscendo e ridendo a quel punto) -  Beh, allora ne prendo due........

    Credo sarebbe stata proprio una cosa triste "liberarsi" del pianoforte.

    Asperger probabile, non diagnosticato.
Accedi oppure Registrati per commentare.