Salta il contenuto
Massa, 18 febbraio 2023, evento gratuito

Ansia/attacchi di panico

13

Commenti

  • rosarosa Post: 452
    Io con le intolleranze mi sono rovinata la vita. Ho provato dei test alternativi quali: le igg sul sangue, i test kinesiologici, il vega test e mi davano intolleranza solo ai carboidrati. Ho eseguito il test sul capello e lì mi davano intolleranza al latte e agli acari della polvere ma non ai carboidrati. A quel punto ero proprio confusa ma intanto stavo sempre male. Ho dovuto essere IO a chiedere al medico di farmi i test genetici per intolleranza su glutine e lattosio (gli unici test riconosciuti dalla medicina allopatica). E i test cutanei per le allergie. Sono risultata intollerante geneticamente al lattosio ma non al glutine e positivi anche gli acari. Il test sul capello è stato quello più veritiero alla fine.
  • biancabianca Post: 1,380

    Ma no, @alessio, l'albergo incideva ben poco, meno di 100 euro al giorno. E' un centro molto serio e ti segue dalla mattina alla sera con terapie mirate, ti posso assicurare che ne vale la pena. Ho capito come fanno certe attrici ad avere la "pelle di pesca", si sottopongono a qs genere di "torture" ;-) Io lo facevo per un problema di salute molto serio, e come dicevo, non mi frega niente di andare alle Maldive per trovare degli italiani, al mare vado in Sardegna che è anche più bello. Quindi penso che quei soldi, alla luce dei problemi che mi hanno evitato (se non curi un lupus sistemico finisci in dialisi e la cura allopatica è il cortisone a vita), siano i meglio spesi della mia vita!
  • ViolettesViolettes Post: 1,300
    Grazie Rosa della tua testimonianza, tutti quei test non l'ho fatti, ma quelli genetici si, io ho scoperto di essere intollerante al latte solo per un puro caso. (il che mi ha risparmiato ulteriori visite ed esami).

    Bianca ma mi puoi dire cosa mangi la mattina , a pranzo e cena?
    A colazione non so mai cosa mangiare dato che contiene quasi tutto glutine e lattosio. Gli unici che per il momento mi creano fastidi.
    Nascere a mani vuote, morire a mani vuote. Ho contemplato la vita nella sua pienezza, a mani vuote. (Marlo Morgan) Solo dopo che l'ultimo albero sarà stato abbattuto. Solo dopo che l'ultimo fiume sarà stato avvelenato. Solo dopo che l'ultimo pesce sarà stato catturato. Soltanto allora scoprirai che il denaro non si mangia. (Profezia degli indiani Cree)
  • biancabianca Post: 1,380
    Eh, viola, se te lo dico, chiami la neuro ;-) Al mattino purtroppo non ho fame, quindi un caffé o un orzo e stop. A mezzogiorno (sul lavoro) se sto in ufficio, un omogeneizzato di manzo (li adoro!!) e un pacchetto di crackers senza glutine. Se invece vado al rist., carne (o pesce) e verdure (o patate). Ogni tanto pecco, vado al bar e mi faccio un bel paninazzo col bicchiere di vino! La sera carne o pesce e verdure cotte (qs ultime in quantità industriale), oppure patate bollite, la mia passione. A volte mangio solo il contorno, senza proteine, tanto ne mangio già abbastanza. La cosa positiva è che - a parte i salumi - io adoro solo i cibi sani, come gusto. Se vuoi farmi un dispetto, fammi un piatto di lasagne e un tiramisù ;-))
  • ViolettesViolettes Post: 1,300
    Ma le verdure cotte non perdono tutti i loro nutrienti una volta bollite? :-?

    Comunque grazie per la spiegazione ;)
    Nascere a mani vuote, morire a mani vuote. Ho contemplato la vita nella sua pienezza, a mani vuote. (Marlo Morgan) Solo dopo che l'ultimo albero sarà stato abbattuto. Solo dopo che l'ultimo fiume sarà stato avvelenato. Solo dopo che l'ultimo pesce sarà stato catturato. Soltanto allora scoprirai che il denaro non si mangia. (Profezia degli indiani Cree)
  • biancabianca Post: 1,380
    @viola. Spesso cuocio al vapore, oppure uso poca acqua e mi bevo anche il brodo.
  • elettraelettra Post: 889
     A colazione non so mai cosa mangiare dato che contiene quasi tutto glutine e lattosio. Gli unici che per il momento mi creano fastidi.
    Potresti prendere un semplice caffè zuccherato e un po' di frutta.
    I thought what I'd do was, I'd pretend I was one of those deaf-mutes. When I've eliminated the impossible, whatever remains, no matter how mad it might seem, must be the truth.
  • Andato34Andato34 Post: 4,027
    modificato ottobre 2012
    Voi che siete esperte in alimentazione: esistono degli alimenti o sostanze contenute negli alimenti per cui è scientificamente dimostrato che aumentano/incentivano l'ansia?
    La Sindrome di Asperger è solo uno spunto per conoscere meglio se stessi e gli altri.
  • elettraelettra Post: 889
    @Alessio, non sono esperta, ma il mio ragazzo che è medico e si occupa di scienze dell'alimentazione mi parla spesso di questi argomenti. Gli studi ci sono, ma purtroppo al momento non ho riferimenti, se li desideri, gli chiederò qualche richiamo.
    Per esempio ci sono degli studi in America riguardo l'aumento dell'aggressività dovuto all'eccessivo consumo di carne rossa. In alcune scuole considerate "a rischio", ovvero dove il bullismo e l'aggressività degli adolescenti imperversavano, hanno provato a somministrare alla mensa una dieta completamente priva di carne rossa e ricca di verdure. Effettivamente, dopo un certo periodo, i livelli di aggressività sono notevolmente scesi. Bisogna anche dire che in paesi come l'America, il consumo di carne rossa tocca punte che noi neanche ci immaginiamo, quindi uno studio simile in Italia, non darebbe risultati apprezzabili.

    E' poi provato che uno stato di intossicazione dovuto, per esempio, ad un eccessivo consumo di alimenti contenente glutine da parte di soggetti ipersensibili (anche non celiaci, ma semplicemente molto sensibili) può condurre ad uno stato depressivo. Tanto che, uno dei primi esami che mi fece fare la mia neuropsichiatra, furono proprio quelli per l'intolleranza al glutine.
    Più in generale, uno stato di intossicazione in seguito all'assunzione costante di un qualunque alimento mal tollerato dall'organismo, può portare ad uno stato di disagio psichico di vario livello e intensità.
    In certi casi (rari), è come se si assumesse una vera e propria tossina, con conseguenze analoghe.
    Generalmente però, se la situazione non è grave, non appena si sospende l'assunzione di quel dato alimento, tutto torna alla normalità.
    I thought what I'd do was, I'd pretend I was one of those deaf-mutes. When I've eliminated the impossible, whatever remains, no matter how mad it might seem, must be the truth.
  • Andato34Andato34 Post: 4,027
    Recepito il messaggio, grazie mille @elettra.
    La Sindrome di Asperger è solo uno spunto per conoscere meglio se stessi e gli altri.
  • ViolettesViolettes Post: 1,300
    Curiosità Bianca, che pesce consumi? A me non ha mai fatto male, intendo sia surgelato che fresco, quale prediligi?

    Elettra infatti di solito prendo il caffè e mangio frutta come melograni ,uva, eccetera, ma sento che le calorie sono troppo poche.
    Nascere a mani vuote, morire a mani vuote. Ho contemplato la vita nella sua pienezza, a mani vuote. (Marlo Morgan) Solo dopo che l'ultimo albero sarà stato abbattuto. Solo dopo che l'ultimo fiume sarà stato avvelenato. Solo dopo che l'ultimo pesce sarà stato catturato. Soltanto allora scoprirai che il denaro non si mangia. (Profezia degli indiani Cree)
  • elettraelettra Post: 889
    @violanotturna, hai provato con mele e banane? Soprattutto le banane sono ricche di carboidrati, infatti è il frutto comune più calorico. Altrimenti prova con qualcosa a base di riso.
    I thought what I'd do was, I'd pretend I was one of those deaf-mutes. When I've eliminated the impossible, whatever remains, no matter how mad it might seem, must be the truth.
  • biancabianca Post: 1,380
    @viola In Austria mi facevano mangiare patate bollite anche a colazione, ma quando è troppo è troppo ;-)
    Riguardo al pesce, se vado al rist. orate o branzini (non so di quale parte d'Italia sei, nel caso... spigole!). Se invece sono a casa, siccome in cucina non sono un genio, perlopiù tranci di salmone surgelato. Il salmone mi piace anche crudo (purchè non sia affumicato), a mezzogiorno mangio spesso sashimi.
  • io ne ho sofferto e ne soffro, solo che quando ho iniziato a soffrirne non sapevo come gestirli (gli attacchi di panico) e finivo al pronto soccorso. La sensazione era quella di una morte imminente, derealizzazione, depersonalizzazione. Ma c'erano anche sintomi fisici, come tachicardia moderata, molto fastidiosa, e altre cose. Poi ho imparato a capire di cosa si trattava e quando mi capita cerco di non farmi prendere, appunto, dal panico. In particolare mi ha aiutata a prendere in mano la situazione il fatto che volessero darmi dei blandi ansiolitici, ma io evito di prendere medicine, soprattutto quelle che in qualche modo hanno l'intento di "controllarti" la psiche. Per cui ho cercato di essere più forte del mio problema. 
    Andando a ritroso nel tempo ho visto che periodi di forte ansia li ho passati negli anni, sono stata anche ipocondriaca. Però ho sempre cercato di non far pesare queste cose su me e sugli altri, per quanto possibile...ovviamente se vai in pronto soccorso un po' di fastidio lo dai :) Ma non voglio sentirmi "malata" a causa della mia...ipersensibilità...o chissà, neurodiversità.
    Adesso collegando i puntini, mi sembra di trovare una risposta anche a questo proprio nella neurodiversità. L'impossibilità di adattarsi a una serie di cose scatena delle ansie (anche se secondo me non dovrebbe avvenire a questi livelli, quanto meno in una persona "tipica". Poi certo, ognuno è fatto a suo modo e ognuno ha le sue fragilità), che sommate portano a episodi del genere. 
  • @arcobaleno, guarda che gli ansiolitici, soprattutto se blandi, non controllanno la psiche, ma aiutano la persona che li assume a controllarsi da sola, cosa che quando ci sono forti stati ansiosi, non si riesce a fare (come tu ben sai).
    Svolgono l'azione di lasciarti, in un certo senso, scivolare via il grosso dell'ansia, evitando così gli accumuli che scatenano attacchi di panico e crisi simili.
    Io in passato ne ho presi di particolarmente forti, ma stavo anche parecchio male. Adesso non ne prendo più da parecchi anni però capitano quei giorni in cui accumulo troppo stress e inizio ad avere tachicardia e pensieri un po' ossessivi, allora prendo qualche goccia di un ansiolitico omeopatico che funziona molto bene. Tra l'effetto placebo e quello effettivo, riesco a rimettermi in sesto in un'oretta.
    Dovresti provare per vedere la differenza. Ti accorgerai che con molto poco, la qualità della tua vita potrebbe migliorare moltissimo!
    Prova anche a prendere ogni giorno una tisana di tiglio, è miracoloso! Io ne ho visto gli effetti su mia sorella! Nel giro di due settimane si è tramutata! (in senso positivo ovviamente)
    I thought what I'd do was, I'd pretend I was one of those deaf-mutes. When I've eliminated the impossible, whatever remains, no matter how mad it might seem, must be the truth.
  • anankeananke Post: 1,585
    @elettra per curiosità, di che ansiolitico omeopatico parli?
    Quando parli delle proprietà del tiglio ti riferisci al fatto che riduce l'ansia o anche altro?
  • elettraelettra Post: 889
    modificato novembre 2012
    Si chiama dynamis se non erro...e dovrebbe essere a base di aconitum napellus. Non ne sono sicura perchè l'ho sgraffignato a mio fratello...Ma se vuoi vado a verificare! XD
    E' ottimo anche per ridurre i problemi psicosomatici. Mio fratello aveva delle piaghe terribili nelle mani (una specie di psoriasi, era ridotto davvero malissimo) e gli sono passate completamente.

    Sisi! Il tiglio ha proprietà rilassanti e ansiolitiche eccezionali! Nel caso di mia sorella le ha praticamente spento la sua costante irritabilità. Non le si poteva dire niente, litigavamo in continuazione, era intollerante e dispettosa. Nel giro di due settimane si è tramutata! Adesso è gentile, comprensiva e molto più tollerante...sono sbalordita io stessa! Se 22 anni fa avessimo saputo che era così semplice, avremmo avuto tutti una vita migliore! XD
    Inutile dire che avendo notato anche lei gli effetti benefici, ogni sera non va a letto senza averlo preso (anche perchè la fa riposare meglio). :)
    Funziona benissimo anche nel caso di gastrite. Un annetto fa c'è stato un periodo in cui avevo una gastrite terribile. Il mio ragazzo allora mi ha suggerito di prendere ogni giorno almeno una tazza di tiglio, meglio se due (metà mattina e metà pomeriggio). Alleviava immediatamente i dolori che nel giro di una settimana sono nettamente diminuiti e in tre settimane non avevo più nulla.

    Il tiglio ha inoltre proprietà drenanti che a noi donne, non fanno mai male. :)
    I thought what I'd do was, I'd pretend I was one of those deaf-mutes. When I've eliminated the impossible, whatever remains, no matter how mad it might seem, must be the truth.
  • ViolettesViolettes Post: 1,300
    ma questo tiglio è uguale o vi è uno specifico, dato che interessa anche a me, in erboristeria? come è la preparazione? Dynamis e' proprio la marca giusto?quante volte bisogna berlo etc 

    Nascere a mani vuote, morire a mani vuote. Ho contemplato la vita nella sua pienezza, a mani vuote. (Marlo Morgan) Solo dopo che l'ultimo albero sarà stato abbattuto. Solo dopo che l'ultimo fiume sarà stato avvelenato. Solo dopo che l'ultimo pesce sarà stato catturato. Soltanto allora scoprirai che il denaro non si mangia. (Profezia degli indiani Cree)
  • Dynamis e tiglio sono due cose diverse.

    Il Dynamis è un ansiolitico omeopatico in gocce. La frequenza con cui prenderlo e la quantità dipendono da come stai tu. Puoi chiedere qualche consiglio anche all'omeopata o al farmacista. Io di solito, se non mi sento bene ne prendo una decina di gocce al momento (se per esempio ho avuto una botta di nervosismo e non riesco a calmarmi).
    Se invece voglio un effetto più a lungo termine (perchè magari ho un'ansia persistente e continua e non la singola botta) ne prendo 5 gocce ogni sera due o tre ore prima di andare a dormire. In una settimana sto già meglio e lo posso sospendere.

    Invece il tiglio è una tisana, lo trovi sia della twinings che di altre case che producono the e infusi, si trova comunque anche in erboristeria. Lo puoi prendere quante volte vuoi perchè appunto, è un semplice infuso.
    I thought what I'd do was, I'd pretend I was one of those deaf-mutes. When I've eliminated the impossible, whatever remains, no matter how mad it might seem, must be the truth.
  • ViolettesViolettes Post: 1,300
    modificato novembre 2012
    Elettra, grazie della delucidazione la tisana di tiglio m'ispira, della marca twinings non l'ho mai vista, provo in erboristeria o guarderò meglio; per quanto riguarda le gocce omeopatiche non m'ispirano, perché se ho l'ansia deve essere calmata subito.
    Nascere a mani vuote, morire a mani vuote. Ho contemplato la vita nella sua pienezza, a mani vuote. (Marlo Morgan) Solo dopo che l'ultimo albero sarà stato abbattuto. Solo dopo che l'ultimo fiume sarà stato avvelenato. Solo dopo che l'ultimo pesce sarà stato catturato. Soltanto allora scoprirai che il denaro non si mangia. (Profezia degli indiani Cree)
  • per quanto riguarda le gocce omeopatiche non m'ispirano, perché se ho l'ansia deve essere calmata subito.
    Allora potresti provare a prenderne un po' di più. E' una soluzione omeopatica e non dà alcuna dipendenza.
    I thought what I'd do was, I'd pretend I was one of those deaf-mutes. When I've eliminated the impossible, whatever remains, no matter how mad it might seem, must be the truth.
  • In un periodo avevo attacchi di panico fortissimi: nella pratica mi mancava il fiato e dovevo andare spesso al pronto soccorso perche mi sentivo soffocare.
    Il tutto era condito di attacchi di tachicardia che mi portava quasi allo svenimento dato che in quello stato il cuore pompava meno sangue. Quindi sempre al pronto soccorso.

    Per risolvere la cosa ho dovuto innanzitutto capirne la causa o le cause e dato che potevo adoperarmi per cambiarle l'ho fatto, guarendo.

    Le cause erano la convivenza con una donna che non amavo e comunque anche se le volevo bene non posso convivere con nessuno perche la mia forte aspietuggine di 162/200 mi impedisce di sopportare persone al mio fianco

    La seconda cosa era la mia ex moglie (non è la donna di cui sopra) che, arrabbiata con me, non mi voleva portare le figlie e dopo aver fatto i passi gousti per trovare un comromesso ho ritrovaro una certa serenità perche potevo vedere la mia prole.

    Se invece il problema non si puo risolvere allora si deve passare agli psicofarmaci, con tutti i problemi che ne derivano.
    Siamo un rimasuglio di una vecchia razza, o l'inizio di una nuova? Sinceramente non me ne frega niente. Ma di sicuro non diventero' mai NT
  • In un periodo avevo attacchi di panico fortissimi: nella pratica mi mancava il fiato e dovevo andare spesso al pronto soccorso perche mi sentivo soffocare.
    Il tutto era condito di attacchi di tachicardia che mi portava quasi allo svenimento dato che in quello stato il cuore pompava meno sangue. Quindi sempre al pronto soccorso...

    Le cause erano la convivenza con una donna che non amavo...
    Hai avuto attacchi molto simili ai miei, però io ai tempi capii subito che era "solo uno sfogo" (per modo di dire date le condizioni in cui mi riducevo) quindi non sono mai andata al pronto soccorso, anche grazie all'esperienza di mia madre che comprese immediatamente di cosa si trattava.

    Anche la causa è molto simile alla mia...non convivevo, ma avevo sicuramente una storia che non mi rendevo conto di quanto mi stesse distruggendo.
    Io penso che potrei convivere solo con il mio ragazzo. In viaggio mi sono ritrovata a condividere la stanza con altre persone oltre a lui e la cosa mi ha dato parecchio fastidio.
    E da quando sono più indipendente, ho serie difficoltà di convivenza con la mia famiglia...motivo per cui non vedo l'ora di fuggire.
    I thought what I'd do was, I'd pretend I was one of those deaf-mutes. When I've eliminated the impossible, whatever remains, no matter how mad it might seem, must be the truth.
  • anankeananke Post: 1,585
    @someday ho paura a farti una domanda, ma dal momento che la tua vita emotivo/sentimentale mi sembra saltar quasi fuori da un romanzo o un film, mi viene naturale chiederti. Ma di tua moglie almeno, oltre che della donna di cui sei innamorato da decenni, eri innamorato?
  • Ho confuso l'amore con l'empatia.
    Quindi no... Sorry
    Siamo un rimasuglio di una vecchia razza, o l'inizio di una nuova? Sinceramente non me ne frega niente. Ma di sicuro non diventero' mai NT
  • anankeananke Post: 1,585
    ok:)
  • ma l'amore non è solo un "sentimento"...è più che altro una "pratica"...qualcosa che cresce giorno dopo giorno...
    scusate OT.
    Elettra il solo pensiero di prendere qualcosa di chimico per l'ansia mi fa venire l'ansia. Buffo, no?
    Sui rimedi naturali invece mi trovi d'accordo. Tanto tempo fa provai la valeriana.
    Il tiglio l'ho provato...la tisana...ma...non mi ha aiutata molto.
    Adesso controllo tutto...
    ma percepisco che, sul fondo, è tutto molto agitato.
    Diciamo che la mia ansia nasce da una forte inadeguatezza sociale che più cresco, più sento forte.
    Non so se per aspietudine però, non sono diagnosticata. So solo che il continuo adattarmi a situazioni che non riesco a decifrare (non per presunzione, anzi...spesso mi sono detta che dovevo "scendere dal mio piedistallo" pur se a me non sembra di starci sopra) mi sta causando non pochi problemi che però non posso esprimere con nessuno perché non vengono capiti. E non saprei nemmeno come spiegarli, d'altronde. Non li riesco a decifrare io stessa.
    Soprattutto ultimamente, a ogni parola che dico corrisponde una reazione opposta a quella che mi aspettavo. Boh...non mi va di prendere ansiolitici se il problema è altrove. Io lo so che non è un problema psicologico o psichiatrico...è più...come dire...una questione di cuore. Di "funzionamento" della persona. Vorrei, se fosse possibile, risolvere il problema in altro modo :)
    Grazie dei suggerimenti però...
    ci penserò su :)
  • biancabianca Post: 1,380
    @arcobaleno. Mi riconosco completamente nel tuo post. Anch'io niente chimica e anch'io nessun effetto da valeriana, tiglio & Co. E il problema, come dici tu, non è psicologico, ma di funzionamento. L'ansia nasce dal fatto di "non capire".
    Ti dico cosa sto provando a fare da poco, vivendo una situazione oggettivamente ansiogena. Chiedo. Certe domande fanno sorridere i miei soci? Bene, di qs tempi sorridere è una gran cosa! E poi ti dirò, sono arrivata ad una conclusione: se chiamo qualcuno e quello mi dice: "Mi chiami più tardi, sono in riunione" (oppure il medico che ti dice che sta visitando), prima cadevo nello sconforto. Più tardi QUANTO? 10 minuti? 6 ore? Poi ho realizzato, non è che gli NT abbiano il dono di sapere a che ora finirà la riunione, e quando ne inizierà un'altra, è che spesso se ne fregano di rompere le palle 70 volte. Ma siccome io non amo disturbare, CHIEDO. A che ora non la disturbo? È solo un esempio, ma da quando chiedo tutto, va molto meglio. E il mondo sorride... :-)
  • anankeananke Post: 1,585
    ma l'amore non è solo un "sentimento"...è più che altro una "pratica"...qualcosa che cresce giorno dopo giorno...


    Bravissimo!:)
  • ViolettesViolettes Post: 1,300
    La tisana di tiglio funziona. L'ho provata ed e' ottima, anche se non copre tutto il nervosismo neurologico.
    Sto infatti puntando su altre tisane, tipo Melissa ed altro.
    Nascere a mani vuote, morire a mani vuote. Ho contemplato la vita nella sua pienezza, a mani vuote. (Marlo Morgan) Solo dopo che l'ultimo albero sarà stato abbattuto. Solo dopo che l'ultimo fiume sarà stato avvelenato. Solo dopo che l'ultimo pesce sarà stato catturato. Soltanto allora scoprirai che il denaro non si mangia. (Profezia degli indiani Cree)
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!

Libro Gratuito "Lo Spettro Autistico risposte semplici" Scarica il libro: Lo Spettro Autistico, Risposte Semplici