Salta il contenuto

Cervello maschile, come e quando.

2

Commenti

  • VanilleCreamVanilleCream Post: 85
    modificato aprile 2016
    Viandante ha detto:

    riot ha detto:


  • Secondo me non esistono differenze tra maschi e femmina, tranne per quelle fisiche. Tutto il resto, sono stereotipi della società.
    La transessualità non ha nulla a che vedere con questo.
    Una persona nata donna può sentirsi maschio anche volendo mettersi gonne e truccarsi. Si sentirà sempre un maschio, indipendentemente dai suoi gusti.
    Semplicemente per il fatto che, in questa società, maschi e femmine sono troppo divisi tra loro, e per questo cambia anche il punto di vista.
    E' difficilissimo da spiegare se non lo si prova.

    Credetemi, vi parla un transgender (sono nata femmina ma vorrei tanto essere uomo, eppure mi piacciono i trucchi e alcune cose considerate per donne, ma compro sempre vestiti maschili e sclero se mi chiamano donna)


    ho sbagliato per il commento di sopra, come si fa a cancellarlo?
  • ViandanteViandante Post: 137
    modificato aprile 2016
    Mi chiedo, queste differenze esistono anche nei feti?
    Perché il cervello può cambiare. Le connessioni si creano, a seconda delle aree che utilizziamo e delle nostre esperienze. Le statistiche non dicono nulla, poiché vengono basate su persone già nate, molto probabilmente adulte, che hanno un cervello che è cresciuto in base a determinate esperienze.

    Inoltre, a cosa portano queste differenze? Cosa comporta avere più neuroni o avere più connessioni?
    Insomma, se parliamo di anatomia, gli uomini e le donne sono diversi. Ma ciò non significa che entrambi possano non avere lo stesso infinito potenziale. Spesso le differenze sono talmente inutili da non avere nessun impatto.

    Per questo continuo a ripetere che uomini e donne non sono differenti ma che è la società a renderci tali.
    Inoltre, visto che il cervello è capace di mutare, non possono esistere solo due generi e mi permetto di dire che ogni individuo è un genere a sé, poiché per quanto il nostro cervello condivida le stesse aree del cervello degli altri, le connessioni, i neuroni, le aree in questione, possono essersi sviluppati in maniera diversa, rendendoci quindi predisposti a compiere determinate azioni rispetto ad altre.
    MariAlberimandragola77alexander_popereset
  • Per "tranne quelle fisiche" intendevo anche quelle del cervello.
    Se non sbaglio, ci sono piccolissime differenze, ma ciò non vuol dire che un uomo con un cervello considerato "femminile" sia transgender o che gli piacciano i trucchi, i tacchi e cose così.
  • Viandante ha detto:

    Mi chiedo, queste differenze esistono anche nei feti?

    Perché il cervello può cambiare. Le connessioni si creano, a seconda delle aree che utilizziamo e delle nostre esperienze. Le statistiche non dicono nulla, poiché vengono basate su persone già nate, molto probabilmente adulte, che hanno un cervello che è cresciuto in base a determinate esperienze.

    Inoltre, a cosa portano queste differenze? Cosa comporta avere più neuroni o avere più connessioni?
    Insomma, se parliamo di anatomia, gli uomini e le donne sono diversi. Ma ciò non significa che entrambi possano non avere lo stesso infinito potenziale. Spesso le differenze sono talmente inutili da non avere nessun impatto.

    Per questo continuo a ripetere che uomini e donne non sono differenti ma che è la società a renderci tali.
    Inoltre, visto che il cervello è capace di mutare, non possono esistere solo due generi e mi permetto di dire che ogni individuo è un genere a sé, poiché per quanto il nostro cervello condivida le stesse aree del cervello degli altri, le connessioni, i neuroni, le aree in questione, possono essersi sviluppati in maniera diversa, rendendoci quindi predisposti a compiere determinate azioni rispetto ad altre.


    Sì la penso allo stesso modo, soprattutto sul fatto che non esistano solo due generi.

    Io spesso mi definisco transgender ftm, cioè mi sento uomo, però in realtà sono agender.. Non mi sento benissimo nemmeno ad essere considerata totalmente uomo, ecco perché uso il femminile. E' difficile da spiegare.

    Molti insultano questi gender perché dicono che con la moda di Tumblr un sacco di persone si definiscono "genderfluid" e "agender" solo per moda o per sembrare diversi, ma secondo me non è così.

    Non so se siano affidabili quegli studi, dicono che ci siano delle differenze, io personalmente non ci credo tanto ma comunque non mi interessa.

    Rimango dell'opinione che i generi sono solo costruiti dalla società, poiché donna non vuol dire trucco, vestiti e rosa, e uomo non vuol dire sport, pantaloni e blu.
    Andato_52Roxana
  • OssitocinaOssitocina Post: 2,725
    @VanilleCream ti rispondo anche in base al post del test sul cervello femminile e maschile. Un conto sono gli stereotipi: donne rosa, vestiti e trucchi; uomini blu, pantaloni e sport. Come dici tu. Altro conto sono le differenze reali, psicologiche e mentali, fra un uomo ed una donna. Quelle, secondo me, esistono eccome. E sono preziose.
    amigdalaValentarondinella61alexander_popesilvia78Antonius_BlockMononokeHime
  • Ossitocina ha detto:

    @VanilleCream ti rispondo anche in base al post del test sul cervello femminile e maschile. Un conto sono gli stereotipi: donne rosa, vestiti e trucchi; uomini blu, pantaloni e sport. Come dici tu. Altro conto sono le differenze reali, psicologiche e mentali, fra un uomo ed una donna. Quelle, secondo me, esistono eccome. E sono preziose.

    Dici? Io sinceramente non so più se fidarmi o no di questi "esperimenti" sulle differenze tra uomo e donna. Dicono che hanno fatto degli studi, ma non so quanto siano attendibili, per questo non so dare una risposta certa.
    L'importante è non avere stereotipi, perché sono una cosa stupida.. per il resto, cosa conta? Che ci siano differenze o no, abbiamo tutti gli stessi diritti e l'identità di qualcuno va rispettata. Per questo, se un o una trans vi chiede di cambiare pronome con cui vi riferite a lui o a lei, vi consiglio di farlo, prima di tutto per rispetto.
    Nemo
  • OssitocinaOssitocina Post: 2,725
    modificato aprile 2016
    @VanilleCream ma al di là degli studi, basta l'osservazione secondo me.
    Sul fatto che gli stereotipi (non tutti, ce ne sono alcuni innocui) siano una cosa stupida mi trovi d'accordo. Più che stupida direi superata e nociva. In ogni caso, anche tentare di combatterli negando la diversità (che, è una cosa bellissima!) non è una gran mossa, secondo me.
    Per quel che riguarda i pronomi e i transgender... Mi sembra naturale. Certo.
    amigdalaNemosilvia78
  • amigdalaamigdala Post: 6,362
    modificato gennaio 2017
    Beh, l'azione degli ormoni sessuali c'è già a livello fetale, e incide anche a livello cerebrale.
    "Esistono differenze sessuali consolidate nella struttura e nella funzione del cervello, in particolare in regioni che supportano la percezione sociale e la cognizione. I livelli di testosterone ed estrogeni nel grembo materno influenzano la differenziazione sessuale cerebrale, che comincia precocemente nell´embriogenesi". (http://www.spazioasperger.it/index.php?q=archivio-news&f=355-come-gli-ormoni-sessuali-plasmano-il-cervello-etichettando-chimicamente-i-geni)
    Quello che dico è che differenze anatomiche esistono. E ciò non c'entra assolutamente niente con il potenziale di una persona. E mai dirò una cosa del genere.
    Cosa cambia il fatto che ci siano più connessioni e neuroni in alcune aree? Ad es che nella corteccia temporale femminile ci sono maggiori connessioni che garantiscono migliori funzioni linguistiche ed emozionali. Ossia le donne sono più abili nel comunicare le emozioni. In linea di massima, ovviamente. Dovete considerare che sono studi statistici, va da sé che ognuno è diverso, che ci sono differenze interindividuali. Siam mica tutti uguali. Ma l'azione ormonale e genetica c'è.
    Post edited by amigdala on
    OssitocinaNemoalexander_popeDoorresetrondinella61
  • amigdala ha detto:

    Beh, l'azione degli ormoni sessuali c'è già a livello fetale, e dovrebbe incidere anche a livello cerebrale.
    Quello che dico è che differenze anatomiche esistono. E ciò non c'entra assolutamente niente con il potenziale di una persona. E mai dirò una cosa del genere.
    Cosa cambia il fatto che ci siano più connessioni e neuroni in alcune aree? Ad es che nella corteccia temporale femminile ci sono maggiori connessioni che garantiscono migliori funzioni linguistiche ed emozionali. Ossia le donne sono più abili nel comunicare le emozioni. In linea di massima, ovviamente. Dovete considerare che sono studi statistici, va da sé che ognuno è diverso, che ci sono differenze interindividuali. Siam mica tutti uguali. Ma l'azione ormonale e genetica c'è.

    Per esempio io sono nata donna ma faccio letteralmente schifo a comunicare le mie emozioni xD
    alexander_popeamigdala
  • amigdalaamigdala Post: 6,362
    modificato aprile 2016
    Consiglio questo articolo, breve breve, in cui si spiega che nelle ragazze autistiche si ha un'esaltazione dei tratti maschili
    https://mondoaspie.com/2013/08/10/ricerca-lautismo-colpisce-il-cervello-femminile-e-maschile-in-modo-diverso/

    Vanille pure io faccio schifo nel comunicare le emozioni :D ma ho tratti aspie e nelle donne aspie si ha appunto un'esaltazione del tratti maschili ;)
    rondinella61
  • @amigdala cosa intendi per amigdala ancestrale (degli uomini)?
  • amigdalaamigdala Post: 6,362
    alexander_pope ha detto:

    @amigdala cosa intendi per amigdala ancestrale (degli uomini)?

    Avevo letto che negli uomini l'amigdala preserva le sue funzioni più primitive, e quando percepisce la paura fa scatenare l'aggressività.
    Ciò dovrebbe spiegare perchè i maschi quando si arrabbiano o hanno paura tendono ad aggredire e cercare lo scontro. (Non sempre, ovviamente e per fortuna :) )
    MariAlberialexander_popeWBorgrondinella61
  • resetreset Post: 2,151
    Coincidenza vuole ( @viandante ) che questa mattina riflettevo e mi interrogavo su questo, in merito alla differenza strutturale, tra cervello maschile e femminile, ci sono studi sui neonati?

    Forse il cervello di un neonato, non.ha subito ancora condizionamenti di genere, e forse è più facilmente analizzabile di un feto.
    MariAlberi

  • resetreset Post: 2,151
    http://www.cirobasilefasolo.it/sviluppo-sessuale-embrionale.asp

    Questo articolo, un po' lungo, implementa gli interventi di amigdala, ed offre una conclusione interessante.
    amigdalarondinella61

  • amigdalaamigdala Post: 6,362
    reset ha detto:

    http://www.cirobasilefasolo.it/sviluppo-sessuale-embrionale.asp

    Questo articolo, un po' lungo, implementa gli interventi di amigdala, ed offre una conclusione interessante.

    Spiega alcune cose avevo dato per scontate, ma che scontate effettivamente non lo sono :)

    Mi permetto di riportare le conclusioni, per chi non ha tempo/voglia di leggerlo (anche se per capirlo meglio, sarebbe opportuno leggerlo tutto):
    “Una donna imprigionata nel corpo di un uomo” oppure “un uomo nel corpo sbagliato di una donna”: così si definiscono i transessuali, persone che non hanno alcuna ambiguità genitale, ma che soffrono invece di un disturbo dell’identità per cui si sentono di sesso opposto rispetto a quello biologico. “Per questo, la persona transessuale cerca di adeguare il suo aspetto esteriore, l’abbigliamento e il comportamento a quelli del sesso desiderato e in genere prova attrazione sessuale verso persone del proprio sesso anatomico, anche se vive questa attrazione come se fosse eterosessuale e non omosessuale”.

    Sull’origine di questo disturbo si sa ancora poco: è l’eterno dibattito tra natura o condizioni di allevamento (in inglese nature or nurture) che riguarda anche l’omosessualità.

    In entrambi i casi, per molto tempo l’indice è stato puntato contro le condizioni di allevamento ed educazione. “Negli ultimi anni, però, diversi studi hanno cominciato a suggerire che potrebbero essere coinvolte differenze nella struttura fisica del cervello, forse riconducibili a differenze nell’azione degli ormoni durante lo sviluppo fetale”. Gli studi non sono definitivi, ma sembrano suggerire che esista un fondo biologico su cui particolari condizioni ambientali si innestano per promuovere lo sviluppo di transessualismo o omosessualità. “Se questo fosse vero, però, non sarebbe più corretto parlare di soli due sessi (maschile e femminile), ma bisognerebbe aggiungerne almeno altri due"
    rondinella61resetDoorWBorg
  • luckyduckluckyduck Post: 512
    modificato ottobre 2016
    amigdala ha detto:

    “Se questo fosse vero, però, non sarebbe più corretto parlare di soli due sessi (maschile e femminile), ma bisognerebbe aggiungerne almeno altri due"

    Se in Chimica ogni cosa che non rientrava perfettamente in una categoria binaria avesse comportato l'annullamento della categoria noi oggi non avremmo tutta quella scienza tanto sistematizzata da permettere (in una vita di studi) di orientarcisi. Perciò penso che sia meglio che i sessi siano solo i due che sono.

    E guardate che il "maschile" viene storicamente prima del testosterone. Anche se il testosterone è fenomenologicamente "prima" del maschile.
  • Antonius_BlockAntonius_Block Post: 3,524
    modificato ottobre 2016
    Forse come commento è un po' provocatore ma personalmente passo tanto tempo a leggere commenti e discussioni su internet e credo di aver capito pressoché sempre il sesso di chi scriveva (ovviamente dopo un'attenta lettura dell'utente in questione) anche quando era camuffato. Non so come spiegarlo, è come una specie di sesto senso.

    Mi piacerebbe tantissimo fare una specie di test di Turing dove dall'altra parte c'è un uomo che sostiene di avere un cervello femminile o viceversa e io devo indovinare se l'interlocutore è maschio o femmina.
    Valentamandragola77rondinella61Nemo
  • ValentaValenta Post: 10,759
    @Antonius_Block ma parli del sesso o Dell identità di genere di una persona?
    Anche a me comunque capita spesso di percepire la mascolinità o femminilità di una persona da come scrive.
    Vale (egli\lui\gli)- feedback e reactions sempre graditi
  • NewtonNewton Post: 5,326
    Ma quando si parla di "cervello maschile" in campo Asperger, non si intende che la persona appartiene al modello maschile comunemente riconosciuto nell'AS?
  • pokepoke Post: 1,721
    Semplicementr si rientra nel condizionamento sociale, maschi e femmine sono condizionati in modo - barbaro - ad utilizzare dei termini. Pena per la femmina di non sembrare abbastanza femminile (ovvero debole e bisognosa di cure/attenzioni)
    Pene per i maschi che hanno lo spauracchio perenne di esser etichettati come femminucce.

    La nostra società è ed è stata ipersessuata in modo ossessivo.
    Assistendo a paradossi in cui un " Papa " deve avere accessori maschili (pur non utilizzandoli in senso biblico), o ad affermazioni sessiste di un esponente di sinistra... non pettiniamo mica le bambole. .. come se giocare a soldatini fosse più "valido".

    In ogni caso, il cervello è un organo atto a pensare, ora mi interrogherei più se esiste un pensiero libero, piuttosto che un cervello ansioso di dimostrare sempre e comunque al proprio genere sessuale.
    Se un cervello definito maschile è posseduto da una femmina fecondabile, automaticamente perde la connotazione di cervello maschile.
    Anche perché, bisognerebbe dimostrare che il 99% dei maschi ha un cervello in un modo e similmente le femmine, per definirlo in modo così drastici.
    Arriverà il giorno in cui le persone saranno individui senza etichette di genere? Che a me sembrano tanto assurde quanto suddividere le donne per misura di seno e gli uomini misura di dotazione genitale.
    rondinella61Eliagio
  • Valenta ha detto:

    @Antonius_Block ma parli del sesso o Dell identità di genere di una persona?
    Anche a me comunque capita spesso di percepire la mascolinità o femminilità di una persona da come scrive.

    Se ho scritto sesso è perché intendo sesso, non identità di genere.
    Non escludo però che un ftm di lunga data possa "fregare" questo sesto senso.
    ValentaOssitocina
  • SophiaSophia Post: 5,904
    modificato ottobre 2016
    riot ha detto:



    e chiedo: sentire di avere un cervello maschile vi comporta anche una certa differenza su questo piano rispetto alle altre femmine che conoscete come un maggiore stimolo all'attività fisica, maggiore competizione, maggiore forza?

    @riot non so se esistano differenze reali. Anzi mi piacerebbe che un giorno si arrivasse ad avere una conoscenza più approfondita in tal senso.

    Ma ti rispondo anche se la domanda ė un po' vecchia perché mi stimola.

    Per quanto riguarda la forza soprattutto d'animo (ma anche fisica), la competizione (ma con me stessa e con gli obiettivi che mi prefiggo ogni volta più elevati), la volontà e la dererminazione ritengo che costituiscano i miei punti di forza da che mi ricordo di esistere.

    Non posso cadere!
    Mai!
    Non posso farlo... ė come se fossi progettata per non cadere mai...
    e di fatto mi impegno al massimo perché non succeda; e questo vuol dire che magari muoio ma non lo do a vedere, soprattutto davanti agli altri, e se posso anche davanti a me stessa.

    Ho detto punti di forza, ma anche la mia prigione!

    Se nella vita sono riuscita nonostante le debolezze è stato grazie a queste caratteristiche.
    Tuttavia se nella vita ho fatto tanta tanta fatica ė stato a causa di queste caratteristiche.

    Ho trascorso periodi difficili, sola, senza aiuto..riuscendo in tutto.

    La gente che mi conosce ancora mi guarda allibita.

    Non credo sia una questione maschile/femminile anche se pur essendo estremamente femmina adoro alcuni aspetti maschili che mi affascinano e che ritengo in qualche modo siano molto presenti in me.

    rondinella61friedenriotMononokeHime
    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
  • manu_asocialemanu_asociale Post: 777
    modificato ottobre 2016
    Devo dire che come forza fisica ne ho molta di più di molte altre donne e non mi tiro indietro quando ci sono da fare lavori manuali.

    In casa sono sempre stata io il maschiaccio, e con mio padre facevamo tutti i lavori che di solito sono di "competenza" di uomini. Ricordo che una volta si era rotto un tubo in giardino e c'era da fare un buco profondo per arrivare alla perdita. Con mio padre abbiamo usato il motopicco e facevamo a turno.

    Oppure caricare i sacchi di crocchette sulle spalle: 2 sacchi da 10 kg su una e 2 da 10 kg sull'altra. Costruire muri coi mattoni, quindi impastare cemento e trasportare mattoni e carriole.....

    Insomma.... molto maschiaccio per questo.

    Mentalmente ho sempre pensato di avere una mente maschile e mi è stato confermato.

    Sono molto precisa, organizzata, schematica, molto decisa nelle mie scelte..... per me tutto o quasi, è riconducibile a schemi matematici

    Devo anche dire che fno ai 15/20 anni vestivo anche in modo molto maschile....jeans, cinto/camicie/scarpe da uomo, capelli corti (quelli li ho tenuti).

    Adesso sono molto più femminile in apparenza... nel senso che indosso anche abbigliamento femminile, ma per me indossare un vestito o una gonna, non impedisce ad esempio di cambiare una gomma se foro.
    rondinella61friedenriotMononokeHime
  • SophiaSophia Post: 5,904
    @manu_asociale mi spieghi per favore le caratteristiche della tua mente maschile. Vorrei confrontarmi ma ho un po' di dubbi in proposito.
    (Sono contenta di leggerti di nuovo).
    manu_asociale
    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
  • manu_asocialemanu_asociale Post: 777
    modificato ottobre 2016
    @lollina sono stata un po' impegnata in questi giorni... ma cercherò di essere un po' più presente :-)     :-)

    Allora mi è stato confermato quando sono andata a Roma, ma mi sono state dette talmente tante cose durante quelle ore che non ricordo effettivamente le frasi usate ma i concetti. In più hanno confermato quello che pensavo io... Spero di riuscire a spiegarlo in maniera abbastanza comprensibile.

    Allora, il succo principale dovrebbe essere che un cervello femminile è più emotivo ed empatico, mentre quello maschile è più razionale e calcolatore.

    Le attitudini sono diverse, ed anche l'utilizzo della fantasia. Fin da bambina ho sempre preferito giochi manuali più tipici di un "bambino", tipo costruzioni, meccano, dove la mia fantasia era più volta a costruire qualcosa o con giochi comunque più maschili tipo la pista delle macchinine o bigliette.

    I giochi da "bambina" non li ho mai compresi, tipo giocare con le bambole (per me il gioco finiva quando la vestivo e la pettinavo.... poi non sapevo che farci, e quando altre bambine mi chiedevano di giocare con loro mi annoiavo e le trovavo stupide). Oppure fare il classico gioco "mamma e figlia"... trovavo tutto senza significato e senza una logica.

    Crescendo i miei interessi, ed il mio modo di pensare è sempre rimasto lo stesso
    Sophiarondinella61MononokeHimeRemiNore
  • pokepoke Post: 1,721
    @lollina
    Qui sul forum ci sono due test EQ ed SQ, sembrerebbe che mediamente i maschi abbiano un punteggio SQ maggiore mentre le femmine EQ maggiore, ma gli asperger anche in questo rivoluzionano il cliché. Maschi e femmine Asperger m/f riporterebbero differenze in punteggio meno significativi rispetto ai nt m/f.
    Ci sono discussioni in merito, ma devi cercarle tra quelle vecchie.

    Poi un altro dettaglio, ma questo è un po' pittoresco, se osservando le mani il dito indice è piu corto del dito anulare, significherebbe esposizione del feto a testosterone.
    Ma stamattina pensavo se valesse anche per le dita dei piedi.
    Sophiarondinella61MononokeHimeRemiNore
  • manu_asocialemanu_asociale Post: 777
    modificato ottobre 2016
    @lollina per quel che mi riguarda un'altra differenza potrebbe essere anche il fatto che la mente femminile è anche più riflessiva, mentre quella maschile e più impulsiva e portata all'azione.

    Se c'è da fare una cosa non mi fermo a ragionarci molto, la faccio e basta, qualunque essa sia, e non mi faccio coinvolgere da sentimentalismi. Riesco a tenere un certo distacco dalle cose e dalle persone
    Post edited by manu_asociale on
    Sophiarondinella61
  • @poke @lollina i miei ultimi risultati (ne ho fatti tanti sperando che i risultati fossero diversi) sono EQ= 11, SQ= 65.

    Penso che confermi proprio quello scritto poco fa
Accedi oppure Registrati per commentare.