Salta il contenuto
Evento online per i 10 anni di Spazio Asperger

Personaggi DI FANTASIA (letterari o televisivi) con la sindrome di Asperger (non diagnosticati)

11415161719

Commenti

  • ValentaValenta Post: 10,759
    modificato settembre 2020
    Martha Masters di dottor House mi pare proprio un tipo Asperger..
    LisaLaufeyson
    Vale (egli\lui\gli)- feedback e reactions sempre graditi
  • Peter Benton di ER

    imageimage
  • Non so se sia stato detto ma sicuro Mr Stevens di "Quel che resta del giorno" (e pure il personaggio del vecchio padre di lui).
    Bellissimo film che, guarda caso, ha interpretato Anthony Hopkins.
    “ I'm pretty good at running human in emulation mode.”

    " Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi....."
  • Il padre di Lara Croft nel reboot del videogioco lo è sicuramente.
  • Io citerei tra i "presunti aspie", anche la protagonista di "Cold case" (chi lo ricorda?) Lily Rush, che ha molte caratteristiche dell'"aspie".
    Blunottevera68Running_Free
  • Tra gli altri personaggi "aspie", io aggiungerei anche il personaggio di Alessia di "Lo chiamavano Jeeg Robot" e anche tre personaggi felliniani:

    -Gelsomina del film "La strada"
    -Guido Anselmi di "8 1/2"
    -Toby Dammit, dall'omonimo episodio di "Tre passi nel delirio"
  • Io non guardo la televisione da 20 anni, l'ultima serie che guardai era ER medici in prima linea, la seconda serie credo.

    C'era il medico che credo avesse caratteristiche un po asp, ampia conoscenza e termini tecnici molto preparato sembra abbia fatto solo quelle nella vita, ed in un episodio aveva fatto un errore e non se lo riusciva a perdonare.

    Poi ho sentito su internet che Hermione fosse asp, ma non ho mai guardato la serie.
  • BlunotteBlunotte Post: 753
    modificato novembre 2020
    Riporto qui i nomi di due personaggi menzionati in vecchie discussioni (la funzione ricerca mi rimanda a cose di 6 anni fa): Brick di "The Middle" e Dewey di "Malcolm".

    Per quanto riguarda "The middle", però, ho il dubbio che in realtà Brick possa anche essere diagnosticato, perché mi ricordo una puntata in cui si scambia con qualcuno (la ragazzina che gli piace?) un elenco di codici di diagnosi varie (potrebbe esserci incluso anche qualcosa di esplicitamente ricondicibile all'autismo).
    Anche tutti gli altri membri della famiglia sono alquanto bizzarri, ma direi che i geni Aspie derivano eventualmente più dalla parte paterna (padre burbero di poche parole che bada ai fatti; ha un fratello anche lui non molto neurotipico), e che in particolare la figlia di mezzo Sue ha le sue belle particolarità (ragazza non canonica, che si sforza tantissimo e dà il 1000% per fare qualsiasi cosa, molto sensibile).
    Stanno ridando in tv la serie proprio in questo periodo, e mi è capitato di rivedere qualche mezza puntata.
    Mi piace che, nonostante i difetti di ciascuno e i casini che combinano a turno tutti quanti, alla fine si vogliono bene e vivono felicemente la loro vita incasinata e imperfetta. La percepisco come una serie molto positiva (forse aiutano anche i colori brillanti e luminosi di abiti e arredi).

    Ho purtroppo scoperto la serie tardi e ho visto solo pochi episodi.
    Ma ho adorato la puntata in cui Brick viene "riscoperto" dalla madre come appassionato di "The bachelor" (tutte le volte in cui la madre guardava la tv, lui era lì e anche se sembrava interessato solo al suo libro poi era in grado di fare un'analisi approfondita dello show) e la puntata in cui sempre Brick sottopone i familiari a un quiz su se stesso, i suoi gusti, le sue abitudini stravaganti... nessuno sa rispondere, eccetto il fratello maggiore che pure sarebbe il figo di turno disinteressato agli altri e "più fisico che cuore e cervello" (all'apparenza).

    OT. Sono contenta che la ricerca di cui sopra mi abbia riportato alla memoria Malcolm... Ricordo che mi piacevano la madre, il figlio di mezzo (bulletto che nascondeva qualche hobby poco virile - non ricordo cosa), Dewey, e Francis (un personaggio che si è evoluto in modo incredibile; le sue avventure nell'esercito; e poi c'era quel simpaticissimo signore con i baffi da cui è andato a lavorare). Malcolm e il padre mi piacevano poco. C'erano cose molto divertenti, ma altre volte le puntate mi lasciavano con un senso di fastidio (passatemi il termine ma trovavo "viscide" alcune cose: ricordo la sensazione, non ciò che la innescava). 
    ---- Per vari motivi, preferisco usare poco/per nulla la funzione messaggi privati. ----
  • Martha di "Ricette d'amore" (un film che credo di aver visto solo io tipo): è rigidissima, maniacale, perfezionista e ossessiva nel suo unico campo di interesse -il suo lavoro-, al di fuori del quale conduce un'esistenza grigia e atona, non tollera che le sue abitudini vengano mutate o di lasciare spazio ai bisogni altrui, non esprime sentimenti e non è a suo agio con la gente, diventando invece espansiva e diretta quando le interessa.
    mariadimagda
  • Nel romanzo di Fedor Dostoevskij che s'intitola l'Idiota, il principe Miskyn, il protagonista, ha numerosi tratti che potrebbero considerarsi Aspie. Un aspie russo e ottocentesco: il suo modo di parlare è ritenuto dai suoi interlocutori di una franchezza genuina all'eccesso, tanto che una signorina beneducata, pur apprezzando molto il suo animo sincero come quello d'un bambino, lo definirà "un po' sempliciotto, quasi ridicolo". Molti lo amano, però sulle prime si trovano interdetti di fronte a lui, lo considerano un po' strano, un po' sciocco, ma al contempo estremamente acuto. Un tratto simil-aspie lo si rileva nel suo stile di conversazione, ama molto parlare delle cose che lo hanno colpito, ma in un modo un po' ossessivo e si sofferma su particolari o argomenti che gli altri giudicano un po' fuori luogo: ad esempio, quando conversa con le delicate figlie del generale e discute profusamente delle impressioni ricevute dalla vista di una decapitazione in piazza, argomento che riprenderà sovente. È a volte oggetto di scherno e non troppo consapevole di esserlo.
    MinolloBlunotte
  • StarMumStarMum Post: 20
    Beth in La regina degli scacchi?
    mariadimagda
  • MinolloMinollo Post: 535
    Non so se è già stato detto, ma il protagonista di "Oltre il giardino" (film del 1979 con Peter Sellers) ha molte caratteristiche dell'aspie.
    Valenta
  • Ciao, che ne pensate di Remus Lupin, il lupo mannaro della saga di Harry Potter? Molti autistici stranieri sui social lo nominano come probabile autistico ma meno palese di Luna o Neville.
  • MinolloMinollo Post: 535
    Ritornando su questo topic, stavo pensando al film "L'enigma di Kaspar Hauser" (1974) di Werner Herzog (tratto da una storia vera) e il protagonista sembrava avere tratti "aspie" (se non proprio autistici).
  • ArtemideR ha detto:

    Ciao, che ne pensate di Remus Lupin, il lupo mannaro della saga di Harry Potter? Molti autistici stranieri sui social lo nominano come probabile autistico ma meno palese di Luna o Neville.

    Lupin non mi sembra...però non avevo mai riflettuto su Luna né Neville. Loro lo sono?
  • Hans Voralberg dall'avventura grafica "Syberia"? le sue particolarità vengono fatte risalire a un incidente nel periodo infantile, ma diverse caratteristiche mi hanno sempre fatto pensare allo spettro autistico
  • ArtemideR ha detto:

    Ciao, che ne pensate di Remus Lupin, il lupo mannaro della saga di Harry Potter? Molti autistici stranieri sui social lo nominano come probabile autistico ma meno palese di Luna o Neville.

    Lupin non mi sembra...però non avevo mai riflettuto su Luna né Neville. Loro lo sono?
    Nessuno di loro lo è pubblicamente ma di Luna si dice da tempo e Neville sembra tra i più papabili insieme a Lupin che appunto viene definito autistico da molti autistici stranieri.

  • Cath, la protagonista del romanzo "Fangirl".
  • aang91aang91 Post: 147
    ClaraDiLuna ha detto:
    Cath, la protagonista del romanzo "Fangirl".
    Da che cosa é dovuta questa tua convinzione?
  • aang91 ha detto:
    ClaraDiLuna ha detto:
    Cath, la protagonista del romanzo "Fangirl".
    Da che cosa é dovuta questa tua convinzione?
    Più che una convinzione è un'ipotesi 🙂
    Vive dentro la sua routine e non se ne discosta senza interventi esterni, sta bene solo con persone a lei intime, ha un interesse assorbente al quale dedica più tempo possibile, non comprende bene la socialità e non socializza con estranei di sua volontà, si sente a disagio con rumori e odori per lei sgradevoli, ha uno stile di pensiero rigido e categorizzante...
  • Gin2Gin2 Post: 1
    Non mi fa più accedere al vecchio account ma sono sempre lo stesso, posto nuovamente i miei personaggi sospetti da spettro autistico a schizo visto che il vecchio link non va più, non ne ho aggiunti più di tanti nuovi perché da qualche tempo sto guardando pochi anime ed è li che spesso ne trovo https://i.imgur.com/Z8CXqsg.png

  • amnesiiaamnesiia Post: 305
    Moeka di Steins Gate, ma come personalità.
  • MI piaceva molto Cold Case: è stato citato.
    Per la protagonista.
    Non so poi : non ci ho mai pensato a lei come Aspie, magari è attinente.
    Non saprei.

    Le musiche erano stupende poi i rallenties eccezionali.
    Mi piacevano i dialoghi anche se tradotti .
    L'efficacia della lentezza talvolta era come affascinante.

    Mi viene in  mente Roy Batty Rutger Hauer The Blade Runner



    Oltre il Giardino non l'ho ancora visto !
     *Chiedi perché compro riso e fiori? Compro il riso per vivere e i fiori per avere una ragione per cui vivere.*

    Confucio.

  • Minollo ha detto:
    Io citerei tra i "presunti aspie", anche la protagonista di "Cold case" (chi lo ricorda?) Lily Rush, che ha molte caratteristiche dell'"aspie".
    Interessante: ma quali?
    A me piaceva moltissimo il suo personaggio e l'attrice in quel   ruolo.
    Raro mi piaccia una serie tv.
    Non ho nemmeno più la tv.
    Però ricordo e quegli episodi erano veramente ben congegnati, seppure la fotografia fosse di medio valore, le tecniche di ripresa e il rallentato e le musiche nel loro insieme erano ideazioni davvero interessanti.
    Anche l'attenzione per il dettaglio mancante.

     
     *Chiedi perché compro riso e fiori? Compro il riso per vivere e i fiori per avere una ragione per cui vivere.*

    Confucio.

  • Patrick Mc Goohan

    Il suo rimanere fuori dagli schemi

    The Prisoner


     *Chiedi perché compro riso e fiori? Compro il riso per vivere e i fiori per avere una ragione per cui vivere.*

    Confucio.

  • amnesiiaamnesiia Post: 305
    Moeka di Steins Gate ha un'altra cosa, peccato.
  • Io ne cito tre:
    Mary Adler, la bambina di "Gifted-il dono del talento". È un film che ho visto un paio di volte. La bambina non solo ha un altissimo potenziale cognitivo e il dono di essere molto precoce con la matematica, ma ha dei comportamenti che chiaramente vedo asperger. Preferisce la compagnia degli adulti e del suo animale domestico piuttosto che quella dei bambini, e ha un modo unico di vedere la socialità e i confini sociali, e ama coltivare il suo interesse speciale e intenso per la matematica universitaria. Il tema mi sta a cuore anche per una questione autobiografica, perché anche io mi ritengo asperger con alto potenziale cognitivo, anche se ovviamente (proprio perché rarissimo) non ho avuto un dono così speciale ad un'età molto precoce.

    Louis Tully del film Gostbusters, in una versione tuttavia buffa: timido, ingenuo, impacciatto.

    Il protagonista del film "Baby Driver- il genio della fuga". A dire il vero il film non sono riuscito a vederlo tutto, ma soltanto una parte. Tuttavia il protagonista non sembra essere soltanto affetto da un'acufene che lo porta ad isolarsi nella musica, ma dalla sua personalità pare proprio asperger. Pare non ascolti gli altri ch gli parlano ma ha ottime capacità di leggere il labiale, nonché un'attenzione perfetta (anche se non dimostrata dal suo linguaggio del corpo) nell'ascoltare e ricordare i piani che il gruppo con cui "lavora" per una rapina stanno organizzando, e ha un dono speciale nel fuggire dalla polizia (da non imitarlo ovviamente).

    Io tuttavia non ritengo di essere molto bravo a descriverli, bisogna guardare i film per capirli.

    riotbetRunning_Free
    Riflettendo su di me e sul mi passato credo di essere Asperger ma al momento non ho ancora una diagnosi.
  • mikired100mikired100 Post: 156
    modificato 17 novembre
     Anna Sasaki del film di studio ghibli ("Quando c'era Marnie") viene descritta dalla genitrice adottiva come una ragazzina che ha sempre una faccia "normale"(nel senso non espressiva),ha problemi a capire le persone(un po' allo stesso modo mio che scambio le intenzioni delle persone..e persino i familiari... con altre) e si sente separata da loro,non riesce a fare amici e ha una grossa fobia degli eventi ed affollamenti sociali .
    Viene descritta nel film come anche una ragazza che prima era normale e si potrebbe anche dire che parte di queste cose sono dovute alla sua mancanza di genitori.. però non so..nel suo comportamento mi sembrava ci fosse qualcosa di innato.. specie all'inizio del film.
    Post edited by mikired100 on
  • Sempre di studio ghibli nel film "la città incantata" , Chihiro ha praticamente una famiglia presso a poco normale ma si ritrova a crescere nel giro di poche ore da bambina a adulta mentalmente quando si ritrova in un mondo completamente diverso(dei kami) e i suoi genitori vengono trasformati in maiali.
    È costretta a lavorare per sopravvivere ma si adatta non troppo difficilmente all'ambiente che scorre in modo molto ripetitivo(la cosa strana è che mi ricorda sogni che facevo ogni tanto da piccola dove venivo trattata da adulta)  ... non penso comunque  che una nt avrebbe reagito al modo di Chihiro in quell'ambiente.. probabilmente la maggior parte dei bambini in una situazione del genere sarebbe sopraffatta dalla paura.
  • amnesiia ha detto:
    Moeka di Steins Gate ha un'altra cosa, peccato.
    La proponi due volte.
    Come ci fosse sfuggito il post.
    No.
    Solo che credo in pochi ne conoscano il personaggio .

    Ho dato un veloce sguardo, ma so che per te sia un mondo ipercomplesso .
    Un mio contatto avrebbe saputo risponderti.

    Non scrivo nella sua pagina in quanto non abbia competenza minima per poterlo fare (solo raramente quando conosco un qualcosa di cui scriva,solo allora)

    Qui mi viene da pensare alla possibilità di cancellare il passato a ritroso nel tempo(?)
    (prima volta che rispondo non conoscendo nulla del personaggio citato, non si deve fare, scusa perchè per te è importante)

    Tempo fa in radio RAI c'era un programma nel quale proseguivamo racconti sia fantastici che assurdi con S.M.S.
    nessuno tra noi conosceva nulla sino al narrato da chi  lo conducesse.

    Era un ricordo che avevo cancellato dai miei ricordi.
    Scrivevo per molte trasmissioni Radio non solo RAI.

    *Mi viene in mente Dr. Spencer Reid (citato già se non erro)
    Non capisce la TOM 

    The Doctor Who Tom Baker dalla stagione 12 in poi (credo 3)

    Forse coincide di più con le caratteristiche fantastiche e Algide del pensare fuori dagli schemi

    Sherlock Holmes 
    Anche se pur restando nei canoni NT ,si immedesima per ragionare, ma ragiona di continuo. e l'ho sempre trovato un pensare per immagini il suo pensare incessantemente 


     *Chiedi perché compro riso e fiori? Compro il riso per vivere e i fiori per avere una ragione per cui vivere.*

    Confucio.

Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!

Scarica il libro: Lo Spettro Autistico, Risposte Semplici