Salta il contenuto

La sessualità vista da un asperger qualunque.

1246710

Commenti

  • HjoralHjoral Post: 119
    modificato marzo 2013
    TSUKIMI

    (un giorno imparerò a quotare)

    Trovo le relazioni sentimentali molto faticose, trovare una persona da zero e raccontargli tutto quello che deve sapere su di me comporterebbe una sostanziosa perdita di tempo (per lui) e un sostanzioso impiego di tempo che potrei invece utilizzare per scrivere i miei romanzi (per me). Però immagino di doverci provare, e poi in fondo può anche essere che tutto sarà molto più semplice del previsto. Non come entrare in una stanza piena di gente nuova, ma come entrare in una stanza dove conosci almeno una decina di invitati. E' già qualcosa.
    Trovo il sesso molto noioso e poco utile. Mi dà fastidio immaginare di essere tutta sudata appiccicata al corpo nudo di un'altra persona, L'unica forma di contatto fisico che amo davvero è il solletico sulla schiena e sulle braccia, è l'unica cosa che mi rilassi quando sto davvero male. Poi magari se decido io di volere un contatto, allora faccio di tutto per ottenerlo. Ma in genere non sopporto che mi si abbracci troppo a lungo, tollero con fatica gli sbaciucchiamenti e odio che mi si tocchi in faccia. E' una cosa che mi fa proprio saltare.
    Il sesso... mah. Utile? Non utile? Non saprei. Non mi dà emozioni (leggi emozioni, non orgasmi; sono due cose differenti) né mi interessa molto. Sono in grado di farlo se voglio, ma davvero non capisco perché non dovrei impiegare il tempo diversamente, magari con cose più interessanti e coinvolgenti. Leggere un libro, giocare alla play, fare un viaggio perfino... e non per forza da sola. Davvero, so che dovrei essere mortificata perciò scriverò che la sono, ma non riesco a capire. Vorrei cambiare, ma non so come fare.
    "Per me i matti erano loro, per loro il matto ero io; ma loro - maledetti - erano molti di più."
  • HjoralHjoral Post: 119
    modificato marzo 2013
    @Coreute

    Gliel'ho detto! PIU' VOLTE! Invece lui continua. Continua a usare queste frasi poco chiare e a dire queste cose poco carine. Mamma ride e dice che io non sono normale. Papà uguale. Non sono normale? Lo so. E' inutile che continuino a sottolineare un'ovvietà. Ma non capisco come possano davvero pensare ciò che dicono. Questo atteggiamento da parte di questo ragazzo sarebbe normale? Non capisco. 
    Comunque mi ha chiesto di uscire. Già il fatto che sopporti il mio modo di rispondere "strano" è un buon segno. Ci uscirò se non mi proporrà una cosa compromettente. Tipo, ha detto che vuole passeggiare sul lungomare. In un posto isolato, quindi, data la stagione. Non mi va. Non ti conosco e non capisco perché dovrei farlo. Non sei mio marito o comunque non è il nostro terzo appuntamento, per dire. E' rischioso andare in un posto del genere, non so cosa può succedere. Non voglio che qualcuno abusi di me un'altra volta. Vorrei solo andare a mangiare al ristorante giapponese, dove prenderei ravioli alla griglia, riso alla piastra con pollo, tempura mista e spiedini di gamberoni come sempre e sarei molto felice. Oppure al cinema, o anche a fare una passeggiata (anche se non capisco: passeggiare per andare dove? Qual è lo scopo?) ma magari in un luogo meno strano. Dio, non so che dire. Mi rendo conto che ogni cosa che scrivo è strana. Ma la scrivo perché è la verità, è ciò che sento e penso. Vi prego, non ditemi anche voi che non mi capite o che... che dico cose assurde. Non sono normale. Lo so, ma... uff. Stressante.

    Simpatico? Questo atteggiamento è il modo di un uomo NT di rendersi simpatico? Per quel che mi riguarda è il modo più veloce per salire sul diretto per Quel Paese.
    Corocottas
    "Per me i matti erano loro, per loro il matto ero io; ma loro - maledetti - erano molti di più."
  • CoreuteCoreute Post: 403
    modificato marzo 2013
    @Hjoral, non è vero che non sei normale, non dirlo neanche per scherzo, è solo che non provi attrazione per il sesso, ma sei interessata lo stesso al ragazzo che ti corteggia, si capisce da come ne parli: lo so che alla vostra età la spinta al 'conformismo' è forte, ma, fossi in te, costi quel che costi, io gli parlerei chiaramente, raccontandogli di questa tua particolarità, mettendo in conto che potrebbe lasciarti e questo per te potrebbe essere doloroso sul momento, ma poi, se non altro, riacquisteresti un maggior autocontrollo sulla tua vita; se invece decidessi di restare implicita col tuo amico, potresti soffrirne di più nel momento di un eventuale futuro distacco, se davvero tu provi poco interesse per il sesso e lui, invece, non ne può fare a meno (ma se così fosse, ti interesserebbe ancora lui per come sei fatta tu?!?): non so davvero cosa consigliarti se non la massima chiarezza nella riservatezza, e non importarti di quello che potrebbero pensare gli altri: tu sei tu e devi affermare i tuoi desideri e la tua volontà....costi quel che costi: devi essere tu la padrona della tua vita! E nel caso non pensare alla buona occasione persa, chissà quante te ne capiteranno ancora visto anche che sei così giovane...!
  • HjoralHjoral Post: 119
    @Coreute
    Non avresti potuto dirlo meglio. Intanto ti ringrazio perché è la prima volta in 26 anni che posso scrivere e dire esattamente ciò che sento e penso, ciò che mi passa per la testa istintivamente senza venire 

    A) emarginata
    B) non compresa
    C) derisa.

    Tornando all'inizio, non avresti potuto spiegare meglio la situazione che intercorre con questo ragazzo: sono interessata a lui, ma non sono interessata al sesso, che purtroppo è una delle componenti fondamentali in una coppia. Mai che me ne vada bene una. Comunque, proverò a uscire con lui perché di persona ci si parla bene e poi gli piacciono i vecchi film. Magari conosce Metropolis. O Luci della città. Vi farò sapere come si sviluppa la vicenda... è che non volevo subito dirgli che sono Aspie, perché poi forse non vorrebbe più uscire con me. A 20 anni hai ancora la possibilità di scegliere. E io non sono la prima scelta. E' molto strano che lui abbia scelto me. Che mi abbia chiesto di uscire è impensabile. Però è anche emozionante, nel senso che sento i miei nervi reagire né positivamente né negativamente all'idea di uscirci. Questo vuol dire che non ne sono terrorizzata e la cosa è estremamente positiva. Però dovrebbe parlare meglio. Hai proprio ragione, devo essere io la padrona della mia vita. Non la sono stata in occasione della mia prima volta, ho lasciato che lui facesse e basta. Ora ci voglio riprovare. Speriamo. Chissà. Grazie! :)
    "Per me i matti erano loro, per loro il matto ero io; ma loro - maledetti - erano molti di più."
  • zisczisc Post: 1,603
    Hjoral
    di dico quello che penso ed e' un opinione personale.

    vai bene, cerca solo di farti rispettare, se qualcosa la trovi noiosa a lui insiste gle lo dici chiaramente, se lui adduce interessi particolari e interessanti bisogna vedere come lo fa, magari e' per reiterare il compotramento scimmiesco di cui hai dato il sintomo di disagio.

    funziona piu' o meno cosi' lui ipotesi cerchera' di sintonizzarsi, ma la distanza e' enorme e non ci riuscira'  quindi e' inutile continuare.

    oppure e' in grado di stati dietro e puo' esserci dialogo.

    gli nt sono strani. hanno un concetto di rispetto strano.

    per un nt questo compotramento tende ad essere normale ed e' smontato da una difesa di tipo nt che tu ignori, le tue difese per un nt non sono sufficenti, cerca quindi di rendere chiaro il concetto, se esagera denuncia.
    eleonoa
  • CoreuteCoreute Post: 403
    modificato marzo 2013
    @Hjoral, non è necessario che tu gli dica di essere aspie, se non vuoi, cerca piuttosto una scusa per far passare l'informazione che attualmente l'aspetto sessuale della vostra relazione vuoi che passi in secondo piano: può darsi che frequentandovi il tuo atteggiamento cambi, mai dire mai. E non aver paura del suo eventuale rifiuto: se si comporta così, non ti merita. In bocca al lupo, tienici informati, se vuoi, e prendila con filosofia che sei ancora giovanissima.
  • ezrealezreal Post: 279
    Hjoral dico qualcosa che magari non ti piacerà leggere ma è la mia opinione sincera

    Dal suo comportamento mi sembra uno che vuole solo una cosa.. Non dico che non dovresti uscirci, ma una passeggiata sulla spiaggia proprio no!!
    Se continua a fare allusioni per messaggi dopo che gli hai detto esplicitamente che ti da fastidio, è probabile che continuerà anche da vivo. Al primo commento comincia storto fagli capire chi comanda. E come dice coreute digli che il sesso non ti interessa, né ora,né a breve. 
    Se si spaventa e scappa.. hai la risposta alla domanda 'cosa vuole veramente'?
    If i go crazy then will you still call me superman?
  • AleenaAleena Post: 1,050
    Secondo me fai molto bene ad essere prudente, fossi in te eviterei il lungomare e anche il cinema (perché visto quel che ti dice è sicuro che ci proverà)... il ristorante è molto meglio, vi da modo di parlare e in più lo capisci subito quanto ci tiene perché lì deve tirar fuori i soldi... e uno che vuole solo portarti a letto non ha voglia di spendere soldi solo per stare a chiacchierare con te... al massimo ti offrirebbe da bere nella speranza che l'alcool gli renda più facile giungere all'obiettivo. 
    Detto ciò spero che le sue intenzioni siano più nobili di così e che tu possa passare una bella serata... poi facci sapere!


    I exist as I am, that is enough, If no other in the world be aware I sit content,
    And if each and all be aware I sit content.
    ---Walt Whitman
  • HjoralHjoral Post: 119
    @zisc

    Hai centrato il punto. So che le ragazze nt saprebbero come reagire e rispondere in maniera spiritosa, ma io non lo so. Posso solo subire. Ma farò di tutto per invertire questa tendenza e diventare padrona della mia vita.

    Per tutti gli altri... grazie. Davvero. Mi fa bene al cuore sentire che ciò che scrivo non viene giudicato come passibile di derisione. Sarebbe bellissimo andare a cena fuori. Anche una pizza va bene. Prenderei la Contadina, come sempre. E sarebbe buonissima. Unirei qualcosa di familiare e piacevole a una cosa nuova e preoccupante. Vedremo come andrà. Grazie davvero.
    "Per me i matti erano loro, per loro il matto ero io; ma loro - maledetti - erano molti di più."
  • zisczisc Post: 1,603

     geordie shore o jersey shore....
     da un idea delgli nt piu' fighi e cool (in gergo)
  • ezrealezreal Post: 279
    VAI HJORAL E SPACCA TUTTO!! FAJE VEDE CHI SEI!
     



    (traduzione nd: spero che tu possa passare del tempo piacevole)
    If i go crazy then will you still call me superman?
  • zisczisc Post: 1,603
    anche le ragazze as, ci sono alcune che hanno imparato molto bene a interfacciarsi e se la cavano alla grande (a prezzo di una spossatezza successiva), noi maschi invece tendiamo a isolarci (forse perche' siamo meno tollerati)
    hai un punto di vantaggio ricordatelo.

    come ragazza puoi esser tollerata meglio e passare come una stravagante, una che se la tira... ma comunque hai relativamente un margine maggiore di errore.

    ppersonalmente (non so se e' valido per tutti) ma i compromessi dove una parte non sta bene non funzionano, ed e' meglio farsi le proprie ragioni che minimizzare i danni e subire.
    se hai paura di aggressione scegli i luoghi affollati.

    puoi controllare le sue mosse trovando il punto debole e facendoci leva scherzando, questo tipo sembra il figo rimorchiatore gran trombatore emozionale empatico, quindi se colpisci sul sesso e sul l'incapacita' di non saperci fare con persone "acculturate" dovrebbe cedere.
    scusa gli errori sono disgrafico
  • TsukimiTsukimi Post: 3,827
    modificato marzo 2013
    Tu hai perfettamente diritto di non voler fare sesso. Ma tieni conto che uno che lo desidera, e pure molto, magari può rimandare ma difficilmente accetterebbe una relazione del tutto senza sesso.
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • HjoralHjoral Post: 119
    modificato marzo 2013
    Tsukimi

    Sei molto gentile. E' incredibile che tu capisca, che qualcuno capisca. E che lo ritenga perfettamente normale. E'... è meraviglioso. Continuo a credere che siamo noi i "normali". O forse che l'Asperger sia chiamata sindrome solo per mancanza di reali informazioni in merito, quando in realtà potrebbe essere definitiva una sorta di evoluzione. Hai mai visto X-Men? Una cosa del genere. Non ci sarebbe niente di strano, anche se storicamente sarebbe sorprendente in quanto in genere ci vogliono migliaia di anni perché una specie si evolva, anche solo parzialmente. Comunque potrei anche accettare una saltuaria presenza di sesso nella mia vita, ma sarebbe molto difficile e comunque dipende da come si comporterà questo ragazzo. Il sesso per me è una cosa molto privata oltre che un sacrificio, quindi lo farò solo per una persona molto speciale.

    Ezrael

    Eheh... grazie, sei simpatico :)

    Zisc

    Non hai sbagliato niente, non preoccuparti. Anzi, mi piace leggere ciò che scrivi. Capisco ciò che vuoi dire, probabilmente tante persone mi reputano davvero una che se la tira. So per certo che molti mi ritengono spaventosa, gli faccio paura. Perché se apro bocca zittisco sempre tutti con le mie argomentazioni. Occhi bassi, però. Occhi Aspie. Ma posso migliorare. Posso provarci. Proverò a seguire i tuoi consigli. Cercherò di guardarlo negli occhi, ma sarebbe più semplice al ristorante. Comunque spero proprio che vada tutto bene. Vi terrò aggiornati. Grazie, questa sera siete stati la mia salvezza. Mi avete evitato un pesante meltdown. Sapete cosa significa quindi capite quanto siete stati preziosi. Grazie. Buona serata a tutti. Fate strani sogni.
    Post edited by Hjoral on
    eleonoaCorocottas
    "Per me i matti erano loro, per loro il matto ero io; ma loro - maledetti - erano molti di più."
  • zisczisc Post: 1,603
    condivido la tesi sugli x men, anche se in realta' io sono piu come il sergente smith del film di matrix, o come il personaggio principale del film il tagliaerbe o come skynet di terminator.....
    non a caso il mio nik rappresenta la sigla: Zero instruction set computer....


     
  • HjoralHjoral Post: 119
    Zisc, è molto interessante! Ci aggiungo anche Vicky di Io, robot, anche se naturalmente non è certo bello come film quanto quelli da te citati. Anch'io mi ritrovo molto nell'agente Smith. E anch'io penso che l'essere umano abbia molto in comune con il virus. Il primo Matrix è l'unico, i sequel sono davvero tremendi, secondo me. Invece non ho mai visto il tagliaerbe.
    Io oscillo tra Mol di Inception, Jake del telefilm Touch e Terminator.
    Improvvisamente capisco perché per un nt la mia presenza non è comprensibile né auspicabile.
    "Per me i matti erano loro, per loro il matto ero io; ma loro - maledetti - erano molti di più."
  • zisczisc Post: 1,603
    il tagliaerbe e' bellissimo, devi assolutamente vederlo!

    i sequel sono emotivo-religiosi-empatici....

    grazie non conosco  Mol di Inception, Jake del telefilm Touch, al piu presto cerchero' di vederli...

    penso che siamo un altra specie.....

    ora mi viene una domanda? percher' hai interessi "umanistici"?
  • zisczisc Post: 1,603
    modificato marzo 2013
    pensa agli exo os e alle lib os (per la questione di interfacciarsi con gli nt), alle vm, o al cross compiling, e in generale all'ingegneria inversa, ai programmi multipiattaforma, o se preferisci alle biezioni, cambiamenti di base ecc ecc
  • zisczisc Post: 1,603
    per vichy mi viene in mente incompletezza di godel ma il problema comunque e' malposto
  • HjoralHjoral Post: 119
    modificato marzo 2013
    Touch è un telefilm fatto apposta per noi Aspie, o almeno è quello che percepisco io. Lo trovo illuminante e rasserenante perché parla degli schemi ricorrenti nel mondo visti attraverso un bambino autistico.
    Purtroppo non conosco l'ingegneria inversa. I miei interessi scientifici sono tutti spinti verso l'astrofisica e gli altri mondi oltre al nostro. Invece amo molto lettura, scrittura, l'arte in generale. Forse perché anch'io scrivo romanzi e spero di riuscire a pubblicarli presto (sto per terminare il primo). Forse perché mi piace vedere cosa può creare un cervello nt e verificare cosa può creare anche un cervello Aspie (una marea di artisti lo erano; forse i migliori). Non saprei. Ma come lavoro mi occupo di meccanica ed elettricità, come un uomo, quindi credo di poter essere predisposta all'apprendimento anche di materie più ingegneristiche. Devo però dire che se devo citare gli argomenti di cui parlerei continuamente, sono quelli che ti ho menzionato sopra. E in particolare delle mie teorie post-mortem, degli altri mondi, dei buchi nel mondo, delle porte che conducono in altri Dove e in altri Quando e tutta la letteratura che tratta l'argomento. Siamo di due mondi diversi, è vero. Ma vicini. Forse della porta accanto. Se hai voglia di spiegarmi cosa intendi con la terminologia da te citata, ascolto e imparo volentieri.
    Post edited by Hjoral on
    "Per me i matti erano loro, per loro il matto ero io; ma loro - maledetti - erano molti di più."
  • HjoralHjoral Post: 119
    Non conosco profondamente l'argomento dei teoremi di incompletezza e per questo mi scuso. Sono portata per la pura logica matematica (ero nella squadra nazionale della coppa Fermat nel 2004, se non ricordo male l'anno) ma le regole e i calcoli in sé non sono mai stati il mio forte. Però trovo tutto ciò molto interessante e vorrei saperne di più. Credo che comunque il filo logico di Vicky si sviluppasse volutamente intorno alle tre leggi della robotica e alla loro applicazione a un contesto molto più ampio come quello dell'intera umanità.  
    "Per me i matti erano loro, per loro il matto ero io; ma loro - maledetti - erano molti di più."
  • zisczisc Post: 1,603
    ok allora pensiamo ai multimondi....  (mi sa che sei piu' avanti di me.... mi devo scusare io)
    saro molto impreciso e intuitivo, la trattazione formale e' lungi da essere chiara in me ma sono a buon punto
    diciamo che noi e gli nt siamo su due universi "vicini" e che abbiamo due strutture assiomatiche distinte, chiamate api

    la questione degli exokernel e' semplice sono kernel piccolissimi  di sistemi operativi che tramite le lib os sono in grado di far girare qualsiasi  applicazione scritta per divesi sistemi operativi, perche hanno una struttura che e' fatta apposta per riconoscere le api di  vari tipi di programmi e di sistemi tra loro incompatibili, quindi in caso di due applicazioni di due programmi diversi il kernel carica quello che gli serve per far girare l'applicazione di uno e dell'altro e questo rappresenterebbe un tipo di  approccio.

    mentre le vm creano un sistema virtuale su cui emulare un alro sistema....

    il cross compiling invece tratta di compilare un applicazione di un sistema operativo su un altro

    l'ingegneria inversa cerca di capire come funziona un programma ricavandone il codice dal funzionamento, mentre i programmi multipiattaforma sono programmi che possono girare con piu' api..

    ritornando ai multimondi se si crea una biezione tra essi o tra parti di essi si puo considerarli lo stesso tipo di mondo o di parte di mondo, nelle parti in cui non si puo' fare si cerca di capire cosa succede, puo darsi che questi mondi un intersezione non vuota dei sottomondi.....

    l'idea dell'ingegneria e del cross compiling e' lidea per cui si cerca di capire come funziona   una cosa di un altro mondo ricavandone il codice e come esportare del nostro codice una cosa compilandola  per un altro mondo 
     l'idea dei programmi multipiattaforma invece e' quella che puo esser riferita al sottomondo intersezione tra i due.

    mentre le vm o l exo kernel e' il modo con cui si usano queste informazioni, ovvero emulando un sistema o richiamando elementi per funzionare nell'altro sistema ( con le altre api)....

    naturalmente biezioni permettendo...

    non so se sono stato comprensibile....

    per godel in sintesi si dice che un sistema non puo essere dimostrato a partire dai suoi assiomi, l'unica cosa che si puo' fare e' assumere il sistema valido fino a che non e' incoerente.
    il punto e' che viky "ha esteso la teoria" ( detto male perche' ci sarebbe da vedere precisamente cosa intendono quelle leggi)...

    anche io sono portato per la matematica pura ma non ho potuto coltivarla e ora mi ritrovo a 31 anni con la voglia di farla e un sacco di difficolta'...

    ma c'e una patre di me che la sviluppa e ogni tanto mi manda roba alla corteccia...

    mi scuso per eventuali errori ed imprecisioni


  • zisczisc Post: 1,603
    modificato marzo 2013
    dimenticavo io l'ho scoperto con tbbt sheldon  sembra la mia caricatura....
  • Andato34Andato34 Post: 4,027
    Concordo con @ezreal, il ragazzo che ci sta provando con te @Hjoral vuole solo una cosa, mi sembra palese, se avesse intenzioni serie non ti direbbe di continuo quelle cose, questo è poco ma sicuro.

    E credo anche che i siano i tuoi genitori @Hjoral ad essere dei bigotti, perché se in questo momento della tua vita non hai ancora voglia di fare sesso non puoi avere alcuna colpa per questo, neanche nel caso in cui la voglia non ti venga mai, sarebbe assolutamente legittimo e nessuno può farti sentire sbagliata per questo. Gli unici sbagliati sono quelli che non capiscono che non siamo tutti uguali e che abbiamo volontà diverse e modi e tempi diversi di volere le cose. 

    Anch'io durante l'adolescenza non provavo il desiderio di fare sesso e si può dire che la prima volta che l'ho fatto è stato solo per la pressione sociale di non essere vergine. E mi chiedevo perché gli altri desiderassero così tanto toccare le donne o farci qualcosa insieme diverso dal baciarsi o stringersi la mano. E mi sono sentito per molti anni *sbagliato* per questa cosa, pensavo che fosse in qualche modo *colpa* mia, avevo perfino "paura" di essere gay e credo che alcune persone abbiano anche sospettato che lo fossi a causa del mio disinteresse (oltre che timidezza) verso le ragazze. 

    Io credo che per le caratteristiche cognitive di un aspie-nd sia normalissimo che possa capitare che l'interesse verso il sesso nasca con molto ritardo o anche mai, e credo che la cosa vada vissuta senza avere fretta, rivendicando il diritto di avere dei desideri e delle volontà molto diverse dagli altri ma legittime, però credo che possa essere conveniente per se stessi sperimentare a piccolissimi passi alcune cose in modo da darsi la vera possibilità di valutare effettivamente quanto ogni piccola cosa ti possa piacere, perché provando tutto insieme tutto in un colpo con una persona che non rispetta i tuoi tempi e non ti lascia la possibilità di capire e renderti conto se una cosa è bella, va a finire che oltre ad essere il tutto traumatico non ti renderai mai neanche conto di quanto la cosa ti piace. Quindi penso che dovresti essere tu @Hjoral a dettare i tempi, e invece di farti usare dagli uomini dovresti essere tu ad usarli per poter conoscere meglio te stessa e capire che probabilmente è solo una questione di sviluppare molto più lentamente un interesse (l'appetito vien mangiando..).
    La Sindrome di Asperger è solo uno spunto per conoscere meglio se stessi e gli altri.
  • wolfgangwolfgang Post: 10,787
    @Hjoral
    penso ti abbiano già risposto a lungo gli altri, volevo solo dirti un paio di cose:
    a) non tutti abbiamo lo stesso istinto "sessuale", io soprattutto da ragazzo ce l'avevo molto forte ed è stata forse la cosa che mi ha spinto di più fuori dal guscio, ma non per tutti è così ed è giusto che sia così. Non siamo tutti uguali ed è giusto che non sia così.
    b) da quel che dici hai avuto delle esperienze traumatiche, questo è possibile che abbia influenzato la cosa. Ne hai parlato con qualcuno? Con il tuo ragazzo?

    Forse un "ho avuto dei problemi in passato vacci piano" viene recepito meglio di un "non mi va". Comunque sia se lui ci tiene molto potrà aspettare ma non per sempre e al momento pare che ci tenga forse anche troppo, quindi fatti i tuoi conti sulla cosa, meglio evitare di aggiungere altre esperienze spiacevoli.
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • HjoralHjoral Post: 119
    modificato marzo 2013
    Intanto, a tutti e tre dico che mi sento serena come non mai parlando con voi. Persone normali (o meglio, nt) mi avrebbero insultata e derisa fino allo sfinimento. Per la società nt è impensabile che non si provi forte attrazione per il sesso, anzi, è assurdo che non sia il motore di tutto, insieme all'alcol, alle discoteche e via discorrendo. Probabilmente "I'm so much older than I can take", come dicono i The Killers. O forse mi piacciono semplicemente altre cose. Per me è meraviglioso parlare finalmente di cose normali, argomenti interessanti e semplici, che possono essere smontati e rimontati e quindi risultare comprensibili: matematica, astrofisica, elettronica. Il sesso è imperfetto e sinceramente porta via anche un sacco di tempo. Ma sicuramente @wolfgang le esperienze traumatiche che ho avuto hanno ulteriormente peggiorato la mia affinità con il sesso. La prima volta lo feci perché quel ragazzo aveva fatto tanta strada solo per venirmi a trovare (l'avevo conosciuto in chat) e mi dispiaceva per lui. Aveva una faccia delusa e... non lo so, sembrava che si aspettasse da me qualcosa di più di un abbraccio e/o un bacio (che già è uno sforzo). Tutti si aspettano da sempre da me qualcosa di diverso da ciò che posso dare, e così quella volta ho fatto quello che lui avrebbe voluto. Solo che non era ciò che volevo io. E lui non è stato carino con me. Mi ha detto tante Cose Cattive che non ha molto senso ripetere qui. In ogni caso, non m'interessa. Ormai è irrilevante.
    @alessiodx Mi piace il tuo spirito :) L'appetito vien mangiando... credo di sì. Credo che tu possa avere ragione. Se questo ragazzo mi portasse al ristorante, un ristorante che conosco io, e mi permettesse di prendere il mio menu fisso, mi sentirei meglio. Magari riuscirei anche a non guardare costantemente a destra e a sinistra invece che dritto davanti a me e invece della bella stanza intorno a noi potrei provare a guardare lui, almeno per qualche secondo di fila e non solo di sfuggita. Già questo è difficile. Ma se glielo dicessi, mi prenderebbe per pazza o non capirebbe. Escogiterò qualcosa.
    @zisc Non scusarti per la tua disgrafia, io la trovo affascinante. Aggiunge una tua anima a tutto ciò che dici, e penso che saresti un ottimo matematico. Colmeresti i buchi freddi della teoria. Già ho imparato più in venti righe insieme a te che in anni con la mia docente. Sono veramente colpita dalle fantastiche corrispondenze e implicazioni che intercorrono fra i concetti matematici e informatici da te espressi e l'argomento di cui stavamo discutendo. Credo che fra i vari concetti che mi hai illustrato, quello più vicino a me sia quello di exokernel. Sono molto camaleontica e posso apparire diversa a seconda della situazione, anche se i tratti standard sono quelli. Chiamiamomi Mistique, per tornare agli X-Men (anche se non sono così magra, e nemmeno blu, nonostante io abbia un sottotono freddo di pelle). Nonostante spesso non sia minimamente in grado di comprendere altro se non il senso letterale di ciò che mi viene detto, riesco comunque ad avere una percezione atipica di ciò che rimane implicito e riesco a comprendere stati d'animo o pensieri di un'altra persona anche se non li ho mai esperiti in prima persona. Perciò sì, studio, registro informazioni, le faccio girare sul mio sistema operativo Aspie e cerco di rendermi più o meno accettabile agli occhi di un nt. Purtroppo non ci riesco sempre, anzi, per ora non ci sono ancora riuscita. E' molto difficile, perché mi scoprono sempre. Ma migliorerò. Può un cane a righe bianche e nere sembrare una zebra? Mi accontenterei di sembrare un volto di vecchia e uno di bambina allo stesso tempo, come quelle immagini che ne nascondono un'altra. Ma in fondo non m'interessa. Sono fiera di ciò che sono e anche se inciampo spesso in problemi senza soluzione come quello del sesso e del rapporto relazionale con gli altri, sono serena lo stesso della mia Natura. Va bene così. Accidenti, quanto parlo.
    "Per me i matti erano loro, per loro il matto ero io; ma loro - maledetti - erano molti di più."
  • zisczisc Post: 1,603
    ok allora basta implementare le giuste api... per tornare all'informatica, in questo modo avresti  hai una biezione.

    domanda:
    supponendo vera la tua ipotesi:
    Già questo è difficile. Ma se glielo dicessi, mi prenderebbe per pazza o non capirebbe.

    si ma dove e' il problema?

    se ci sono dei bug il sistema salta quando li trovi.... e se usi un app per evitarli consumi energia e non e' detto che tutto funzioni...

    scusa se mi intrometto, ma cerca di adattarti un po' tu e vedi se si adatta anche lui.... (non solo tu che ti adatti)

    magari va bene ed imparate qualcosa l'uno dall'altra
  • HjoralHjoral Post: 119
    Cercherò di adattarmi... ma è quello che ho sempre cercato di fare con gli uomini e non ha mai funzionato un granché bene. Mi piacciono i tuoi consigli e applicherò le nozioni che mi hai impartito. Speriamo di trovare una decente biezione tra le nostre caratteristiche principali. Sono fiduciosa! Grazie!
    "Per me i matti erano loro, per loro il matto ero io; ma loro - maledetti - erano molti di più."
  • NurgleNurgle Post: 31

    Salve..ho letto tutti i post e mi sono fatto un'idea della discussione..ma andiamo con ordine!

    Hjoral, non esiste una regola matematica per l' amore o la sessualità..siamo poco più che scimmie depilate con un' alta concezione delle capacità del nostro pollice opponibile.

    A conti fatti, nell' amore si trova il compromesso! sono un N.D. al 100% e la mia "lei" è N.T. al 100%...nulla di più incompatibile! siamo troppo diversi e viviamo la cosa in maniera davvero diversa...ma siamo disposti al compromesso è il che comporta sacrifici!

    Adesso, dopo 7 anni mi ritrovo nella situazione di doverla lasciare...perché per me certe cose come il parlare, l'ascoltare musica o essere distratto..o l'essere non empatico la porta in una situazione disagiata dove non capisce realmente quello che penso, e quando lo dico fraintende e finisce sempre male..!

    Ma parlando del rovescio della medaglia, il sesso per me ( e per quello che leggo un po' tutti) è sempre stato un motivo di divisione... non concependo mai il concetto " più ne scopi, più sei figo" ho sempre vissuto questa cosa a tratti conflittuale fino a rifiutarlo del tutto..poi ho conosciuto questa ragazza che dopo i primi tre anni mi ha capito, mi ha saputo prendere e mi ha fatto conoscere il sesso non conflittuale....scoprendo anche lati di me stesso che non conoscevo ( sadismo)!

    non cercare di adattarti! cerca di vivere la cosa serenamente e in pace con te stessa...anche a costo di mandare a quel paese un mondo intero:)  

  • Non mi interessa. Per me il sesso è una cosa futile, un di più, una cosa di cui si può fare tranquillamente a meno (per la procreazione ovviamente serve, ma per il resto, se ti piace lo fai, altrimenti non ce n'è alcun bisogno).
    Da adolescente, ho provato anche a forzarmi a farmi piacere qualcuno verso i 14 anni, a disegnare fumetti porno a 18. Ma ciò non mi ha fatto cambiare idea. Per questa ragione ora mi ritengo asessuale, con una lievissima tendenza etero (ma solo perchè mi diverto di più disegnare gli uomini piuttoisto che le donne e li trovo più interessanti a livello psicologico)
    Quando ho raccontato di essere assesuale su un forum (era un forum sul videogioco 'The Sims'), una utente aspirante psicologa, NT e lesbica (dal momento che era lesbica mi aspettavo fosse più comprensiva, ed invece...), ha detto che può essere asessuale solo una lesbica repressa o una persona che da piccola è stata violentata. Mi aspettavo più comprensione da una omosessuale perchè so che gli omosessuali possono esser discriminati per il loro orientamento, e so che ci sono persone che non credono nell'esistenza dell'omosessualità. Invece ancche gli omosessuali faticano a credere che possono esserci orientamenti che vanno fuori dall'ambito 'etero/bi/homo'.

    @alessiodx - Anche a me al liceo a volte mi chiamavano 'lesbica' perchè a 17 anni non avevo ancora il fidanzato.

    i NT danno mille significati ad una singola frase, non so come fanno. Secondo loro chi in una frase ci vede un solo significato o è ingenuo o è superficiale.

    Le NT (le donne giovani) spesso adorano il romanticismo in tutti i suoi aspetti.
    Che il sultano mantenga le tradizioni nella propria terra, ma non tenti di imporle ad altri regnanti. (Vlad Țepeș) - Non potrai aiutare nessuno se prima non impari ad aiutare te stesso - ANTI-JANTELOVEN Du skal ikke tro at du er noe. Du skal ikke tro at du er like så meget som oss. Du skal ikke tro du er klokere enn oss. Du skal ikke innbille deg du er bedre enn oss. Du skal ikke tro du vet mere enn oss. Du skal ikke tro du er mere enn oss. Du skal ikke tro at du duger til noe. Du skal ikke le av oss. Du skal ikke tro at noen bryr seg om deg. Du skal ikke tro at du kan lære oss noe.
Accedi oppure Registrati per commentare.


Ehi, straniero!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare accedi con le tue credenziali oppure utilizza il modulo di registrazione!